Recensione del farmaco Thrombo ACC: istruzioni per l'uso, prezzo, recensioni

Il tromboASS viene utilizzato a scopo profilattico, nonché per il trattamento di malattie associate alla comparsa di coaguli di sangue nei vasi. Le compresse sono coperte con un rivestimento speciale necessario per proteggere la mucosa gastrica dagli effetti negativi dell'acido acetilsalicilico.

Tale farmaco viene prodotto in Austria e il suo nome internazionale senza licenza è l'acido acetilsalicilico. Il tromboass è correlato a farmaci anti-infiammatori non steroidei.

struttura

In una compressa può essere 100 mg o 50 mg di acido acetilsalicilico. Vengono inoltre utilizzati componenti aggiuntivi:

  • lattosio monoidrato;
  • cellulosa microcristallina;
  • fecola di patate;
  • diossido di silicio.

Modulo di rilascio

Tale medicina è fatta nella forma di targhe. Hanno un rivestimento speciale, è sottoposto a dissoluzione nell'intestino. La loro superficie è relativamente liscia (potrebbe esserci una rugosità appena percettibile). Il rivestimento di questo farmaco è lucido.

In un pacchetto sono 28 compresse da 50 mg o 30 compresse da 100 mg. Inoltre, vi sono istruzioni per l'uso in russo, una ricetta in latino, se necessario, può essere trovata su Internet.

Proprietà farmacologiche

Questo farmaco è il suo metodo di esposizione al corpo è direttamente correlato ai farmaci antipiastrinici. Il principale principio attivo di queste compresse è l'acido acetilsalicilico, che è un mezzo di FANS e ha un effetto antinfiammatorio. Questo componente contribuisce al fatto che riduce la produzione di prostaglandine e altre sostanze attive.

Puoi sbarazzarti delle vene varicose a casa! Solo 1 volta al giorno da sfregare durante la notte.

Il tromboASS è un farmaco antinfiammatorio non steroideo. Contribuisce al blocco degli enzimi ciclo-ossigenasi COX-1 e COX-2. Di conseguenza, esiste una catena di reazioni che contribuiscono a ridurre l'aspetto dei coaguli di sangue.

E questo farmaco è in grado di:

  • alleviare il dolore;
  • combattere l'infiammazione;
  • temperatura corporea più bassa.

Inoltre è usato per assottigliare il sangue. Una dose del farmaco nel dosaggio minimo contribuisce allo sviluppo della reazione dell'effetto antipiastrinico, mentre questa azione può persistere per 7 giorni.

A causa del fatto che un tale farmaco ha queste proprietà, è usato per scopi medicinali, nonché per la prevenzione di malattie in cui vi è il rischio di coaguli di sangue e restringimento del lume nei vasi.

Indicazioni per l'uso

Molti potrebbero essere interessati alla domanda sul perché questo farmaco è prescritto. Come accennato in precedenza, si consiglia di bere questo strumento per ridurre il rischio di coaguli di sangue. È prescritto per l'angina instabile e stabile. Si consiglia anche a queste pillole di prendere per prevenire le malattie:

  • trombosi venosa;
  • disturbi circolatori transitori del cervello;
  • ictus;
  • tromboembolia vascolare (si applica all'arteria polmonare);
  • infarto del miocardio, se ci sono fattori di rischio, ad esempio: iperlipidemia, diabete, età avanzata, obesità, fumo;
  • infarto miocardico dell'ordine secondario.

Istruzioni per l'uso

Affinché il trattamento del tromboass sia efficace, è necessario assumere questo farmaco correttamente. Per prima cosa devi sapere quando prendere questo medicinale. Molti non sanno a che ora del giorno si trucca il tromboass, e dubitano che si debba fare al mattino o alla sera.

Il fatto è che TromboAss si consiglia di bere 1 volta al giorno. Dosaggio - 1 compressa da 50 a 100 mg. È necessario provare a bere una pillola all'incirca nello stesso momento, e la sera sarà una mattina, devi decidere per te stesso. Il fatto è che non ha molta importanza.

Molti altri sono preoccupati di come bere questo farmaco prima o dopo un pasto? Gli esperti consigliano di assumere una pillola durante il pasto o dopo di essa, in questo caso diminuiscono gli effetti negativi dell'acido acetilsalicilico sugli organi dell'apparato digerente.

Un altro grande numero di donne che portano un bambino, è interessato a come prendere Thromboass? Il fatto è che durante la gravidanza l'uso di questo farmaco non è raccomandato. Tuttavia, durante la gravidanza 1 trimestre, i medici prescrivono questo medicinale se una donna ha sangue troppo viscoso.

Quando assumono contraccettivi, i medici consigliano spesso ai loro pazienti di assumere mezzi che possono rendere il sangue più sottile, con cui ha a che fare ThromboASS.

Con la fecondazione in vitro nella fase iniziale, questo farmaco non è prescritto. Tuttavia, quando l'embrione viene trasferito, il medico prescrive più spesso di assumere 1 compressa di ACS trombotico al giorno.

Bere questo medicinale con una pressione elevata (oltre 140/90) è proibito. Il fatto è che in questo caso aumenta il rischio di sviluppare un ictus.

Controindicazioni

Questo farmaco, come molti altri, ha controindicazioni. Non può essere usato con:

  • la presenza di ulcere nel tratto gastrointestinale;
  • sanguinamento gastrointestinale;
  • idiosincrasia per qualsiasi componente che fa parte dei fondi;
  • grave insufficienza renale o epatica;
  • insufficienza cardiaca 3-4 gradi;
  • gravidanza 2 trimestre o 3 trimestre;
  • asma bronchiale;
  • poliposi nasale;
  • diatesi emorragica.

overdose

Overdose Thromboass è molto raro. Se questo è accaduto, allora la persona può sentire:

  • vertigini;
  • dolore alla testa;
  • tinnito;
  • nausea (vomito in alcuni casi);
  • annebbiamento della coscienza.

In caso di sovradosaggio, la persona ha bisogno di lavanda gastrica in condizioni stazionarie. Producilo usando medicine speciali.

Scopri di più su altri preparati efficaci di vene varicose, può essere da singoli materiali:

Effetti collaterali

Recensioni dei medici suggeriscono che quando si assumono effetti collaterali indesiderati di ThromboASS sono estremamente rari. Questi includono:

  • sviluppo di anemia;
  • eruzione cutanea sulla superficie della pelle;
  • prurito;
  • orticaria;
  • nausea;
  • bruciori di stomaco;
  • tinnito;
  • aumento della tendenza a sanguinare;
  • angioedema;
  • broncospasmo;
  • shock anafilattico;
  • dolore allo stomaco o all'intestino;
  • sviluppo di ulcere gastriche;
  • aumento della produzione di enzimi epatici;
  • dolore alla testa.

Recensioni reali per le vene varicose

Sto usando Thromboass da molto tempo e ne sono completamente soddisfatto. Su consiglio del dottore, prendo Venarus e Tromboass insieme. Tutto mi sta bene in questo strumento, ma piuttosto la sua efficacia, e soprattutto il suo prezzo.

Sono stato trovato per avere vene varicose e TromboAss è stato scaricato. Ma dubito se berlo. Chi conosce TromboASS o Aspirin Cardio, che è meglio scegliere?

Svetlana, 52 anni

Ho sofferto a lungo di vene varicose, ma oltre a lui ho altre malattie. Conosco già Tromboass un po 'di tempo fa e lo accetto periodicamente. Mi ha recentemente nominato Nootropil. Chissà se è possibile assumere Nootropil insieme a Tromboass?

Posso prendere Detralex e Thrombone ACC contemporaneamente?

Spesso le persone hanno una domanda sul fatto che Thromboass e Detralex siano compatibili. Puoi bere questi due farmaci insieme, ma solo dopo aver consultato il tuo medico. Il fatto è che se si abusa questi farmaci può apparire sanguinamento.

Qual è la differenza tra trombotico e aspirina?

Molte persone sono tormentate dalla domanda: Tromboass e Aspirina sono uguali o no? Questi fondi sono simili solo in quanto l'acido acetilsalicilico è considerato il loro principale ingrediente attivo. Ci sono esperti che credono che l'Aspirina sia un analogo a buon mercato di Tromboass. Ma è davvero?

La principale differenza di Aspirina è che contiene in 1 compressa una sostanza attiva 10 volte più potente di Tromboass. A questo proposito, al fine di sostituire completamente ThromboASS con loro, sarà necessario dividere 1 compressa in 10 parti uguali, ma senza dispositivi speciali questo sarà molto difficile.

Anche il Thrombone ACC ha un rivestimento speciale che può essere sciolto solo dopo essere entrato nell'intestino. L'aspirina si dissolve direttamente nello stomaco. Pertanto, il suo uso prolungato può causare lo sviluppo di ulcere gastriche. Il fatto è che l'acido acetilsalicilico è irritante per la mucosa gastrica.

Per quanto tempo puoi prendere Trombos ACC senza una pausa?

La durata del corso del trattamento con tromboASS è determinata direttamente dal medico curante. In alcuni casi, è preso continuamente, senza pause significative tra i ricevimenti.

Quanto e dove acquistare?

Quanto costa una farmacia TromboASS? In media, nel territorio della Federazione Russa il prezzo di questo farmaco è di 45 rubli per confezione (28 compresse).

Puoi comprare questo farmaco in qualsiasi farmacia. Se necessario, puoi ordinarlo online.

Analoghi del farmaco

Thrombos ACC ha vari analoghi in Russia e all'estero. Se stai cercando cosa sostituire ThromboASS, allora dovresti prestare attenzione ai seguenti farmaci:

  • ASC Cardio;
  • Aspikor;
  • Aspirina Cardio;
  • Magnikor;
  • HSBC e-Payne;
  • Trombopol;
  • Anopirin;
  • Atsekardol e altri.

Inoltre, molti dubitano che sia meglio scegliere Thromboass o il suo equivalente. Ad esempio:

  1. Atsekardol o TromboASS? Nel farmaco Atsekardol ha un gran numero di componenti, a causa di ciò che spesso appaiono effetti collaterali indesiderati. A questo proposito, i medici prescrivono TromboASS molto più spesso. Il prezzo di questi farmaci è quasi lo stesso.
  2. Culo tromboso di Curantilly? Queste due medicine possono sostituirsi a vicenda. Tuttavia, il curantile è prescritto più spesso alle donne in gravidanza, in quanto è più sicuro.
  3. Warfarinili Thromboass? Per dire quale di questi farmaci è meglio per un particolare paziente, può solo il suo medico curante. Questi due farmaci diluiscono efficacemente il sangue, ma differiscono nelle controindicazioni.
  4. Clopidogrel o Thrombone ACC? Spesso, questi due farmaci in determinate malattie sono prescritti da prendere insieme.
  5. Xarelto o Tromboass? In Xarelto, il rivaroxaban è il principale ingrediente attivo. Questo è un analogo dell'aspirina, mentre questa sostanza è più efficace. A questo proposito, vale la pena scegliere Xarelto. Tuttavia, il costo nelle farmacie di questo farmaco è molto più alto di Thromboass.

L'alcol è compatibile con il tromboass?

Al momento del trattamento con questo farmaco si raccomanda di abbandonare completamente le bevande alcoliche. Se si combinano il tromboASS e l'alcol, questo può portare al fatto che la coagulazione sanguigna peggiora significativamente.

In alcuni casi, queste bevande contribuiscono al fatto che il trattamento del tromboassaggio diventa a basso impatto, poiché l'alcol blocca l'azione dell'aspirina. C'è anche un'alta probabilità di eruzione cutanea, oltre a vari disturbi del tratto digestivo.

Thrombo ACC® (75 mg) Acido acetilsalicilico

istruzione

  • russo
  • kazako russo

Nome commerciale

Thrombo ACC ®

Nome internazionale non proprietario

Forma di dosaggio

Compresse, film con rivestimento enterico 75 mg

struttura

Una compressa contiene

principio attivo - acido acetilsalicilico 75 mg,

eccipienti: lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, biossido di silicio colloidale anidro, fecola di patate,

composizione del guscio: talco, triacetina, copolimero acido metacrilico - etil acrilato (1: 1) 30% di dispersione (25,463 mg di sospensione corrisponde a 7,639 mg di sostanza secca)

descrizione

Le compresse sono di forma rotonda, con una superficie biconvessa, ricoperte da un guscio di colore bianco, senza rischi di linea, praticamente inodore.

Gruppo farmacoterapeutico

Analgesici. Acido salicilico e suoi derivati Acido acetilsalicilico

Codice ATX N02BA01

Proprietà farmacologiche

farmacocinetica

Quando si utilizza il farmaco viene assorbito nell'intestino tenue, in quanto ha una membrana resistente all'azione del succo gastrico. I livelli massimi del farmaco nel plasma si osservano 3 ore dopo l'uso.

Sotto l'azione degli enzimi l'acido acetilsalicilico (ASA) viene idrolizzato in acido salicilico nel fegato e in parte nella mucosa dell'intestino tenue. Inoltre, l'acido salicilico è glucoronizzato nel fegato. A causa dell'attività dell'enzima esterasi, la concentrazione di acido acetilsalicilico nel plasma diminuisce rapidamente, mentre la concentrazione del principale metabolita, l'acido salicilico, aumenta e raggiunge un massimo di 4 ore dopo l'assunzione del farmaco.

La distribuzione dell'acido acetilsalicilico e dell'acido salicilico nei tessuti e nei fluidi corporei viene effettuata principalmente attraverso la diffusione passiva, che dipende dal livello e dalla concentrazione del pH. Pertanto, i salicilati si accumulano nei tessuti con bassi valori di pH.

Il volume di distribuzione dei salicilati dipende dalla dose. Quando si usano dosi basse (antitrombotiche), si tratta di circa 0,2 l / kg, che indica una distribuzione prevalentemente extracellulare dovuta all'elevato legame alle proteine ​​plasmatiche - dall'89 al 90%.

L'emivita dell'acido acetilsalicilico nel sangue è compresa tra 15 e 20 minuti. L'acido acetilsalicilico subisce una completa trasformazione ed è quindi escreto dal corpo solo sotto forma di metaboliti nelle urine. Quando si usano dosi terapeutiche di acido acetilsalicilico, il suo metabolita primario, l'acido salicilico, si trova nelle urine, principalmente sotto forma di coniugato di glicina (acido urico salicilico - 75%), e anche sotto forma di etere ed etere glucuronide (dal 5 al 10% e acido salicilico libero ( 10%).

Aumentando il pH delle urine, ad esempio, con l'infusione di bicarbonato, aumenta significativamente l'escrezione dei salicilati (5-10 volte).

farmacodinamica

L'acido acetilsalicilico è un agente antinfiammatorio non steroideo. Con la nomina di basse dosi (30-300 mg), il principale meccanismo d'azione dell'acido acetilsalicilico è l'inattivazione dell'enzima cicloossigenasi, con conseguente interruzione della sintesi di prostaglandine, prostacicline e trombossano dall'acido arachidonico. La violazione irreversibile della sintesi del trombossano A2 nelle piastrine provoca l'effetto antiaggregante dell'acido acetilsalicilico. Inoltre, l'acido acetilsalicilico blocca la reazione di rilascio piastrinico, che provoca un gran numero di sostanze che possono anche causare aggregazione piastrinica come ADP (adenosina difosfato), serotonina, fattore attivante piastrinico, ecc. A dosi di 30-300 mg di ASK inibisce efficacemente la formazione di trombi.

endotelio della parete vascolare, impedendo la crescita del trombo piastrinico. Quindi, si manifesta l'azione antipiastrinica.

acido acetilsalicilico, finalizzato alla prevenzione e al trattamento di malattie associate ad un aumento dell'aggregazione piastrinica. Il farmaco migliora la funzione piastrinica in pazienti con malattia cerebrovascolare, malattia delle arterie periferiche, malattia coronarica (incluso infarto miocardico) e altre malattie vascolari. Inoltre, l'acido acetilsalicilico riduce gli effetti del tromboembolismo e riduce il numero di restenosi nei pazienti dopo un intervento chirurgico al cuore.

Indicazioni per l'uso

- ridurre il rischio di infarto miocardico in pazienti con malattia coronarica

- prevenzione delle riacutizzazioni dopo infarto miocardico

- prevenzione della trombosi dopo interventi vascolari, ad esempio dopo un intervento chirurgico di bypass delle arterie coronariche

- prevenzione secondaria dei disturbi transitori della circolazione cerebrale

- prevenzione dei disturbi cardiovascolari nei pazienti con diabete mellito e rischio aumentato di malattie cardiovascolari

Dosaggio e somministrazione

Le compresse di trombone ACC, coperte con un rivestimento di film enterico, devono essere assunte per via orale, senza masticazione, con una piccola quantità di liquido. La dose raccomandata per le indicazioni sopra indicate è di 75 mg una volta al giorno. Nei pazienti anziani non è richiesto un aggiustamento della dose. Bambini sopra i 16 anni al tasso di 1 mg / kg di peso corporeo. Il corso del trattamento prescritto dal medico.

Effetti collaterali

reazioni di ipersensibilità (orticaria, lacrimazione, broncospasmo, rinite, angioedema, shock anafilattico)

disturbi del tratto gastrointestinale (nausea, vomito, bruciore di stomaco, diarrea, dolore addominale)

infiammazione del tratto gastrointestinale, ulcere della mucosa dello stomaco e del duodeno, raramente potenzialmente causa di sanguinamento gastrointestinale e perforazioni con sintomi clinici e di laboratorio appropriati

emolisi e anemia emolitica in pazienti con grave carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi

sanguinamento gastrointestinale latente che può portare ad anemia sideropenica

tinnito, visione offuscata

allungamento del ciclo mestruale

provocazione di attacchi d'asma

leucopenia, anemia aplastica, agranulocitosi, eosinopenia, trombocitopenia, DIC

- albuminuria, leucocituria, ematuria, nefropatia

Con una terapia prolungata con alte dosi del farmaco, possono esserci disturbi dei reni, vertigini, tinnito, ulcere gastrointestinali, sanguinamento e aumento dell'attività delle transaminasi epatiche.

Controindicazioni

ipersensibilità all'acido salicilico e ai suoi derivati

lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale nella fase acuta

sanguinamento, disturbi emorragici, emofilia, malattia di Willebrand, telangiectasia, trombocitopenia

asma bronchiale (compresa l'asma dell'aspirina)

nefrolitiasi, insufficienza epatica e insufficienza renale grave

terzo trimestre di gravidanza

bambini fino a 16 anni

insufficienza cardiaca grave

uso combinato con metotrexato alla dose di 15 mg per settimana o più

Interazioni farmacologiche

Aumenti dell'acido acetilsalicilico

-effetto terapeutico degli anticoagulanti (derivati ​​cumarinici ed eparina)

-rischio di sanguinamento gastrointestinale con uso simultaneo di corticosteroidi o alcool

-concentrazione di digossina, barbiturici di litio nel plasma

-effetto terapeutico degli agenti ipoglicemici orali, classe sulfonilurea

-effetti terapeutici e indesiderati di farmaci antireumatici non steroidei, metotrexato e fenitoina

-azione delle sulfonamidi antimicrobiche, incluso il co-trimoxazolo

L'acido acetilsalicilico inibisce l'azione

-antagonisti di aldosterone (spironolattone)

-diuretici dell'ansa (furosemide)

-farmaci anti-gotta e ipouricidi (probenecid, sulfinpirazon)

Se necessario, l'uso complesso di Thrombone ACC e dei farmaci di cui sopra, l'intervallo tra loro dovrebbe essere di almeno 1-3 ore.

L'uso simultaneo di acido acetilsalicilico e inibitori dell'anidrasi carbonica (acetazolamide) può aumentare la concentrazione di inibitori dell'anidrasi carbonica sierica come risultato della soppressione computerizzata della loro escrezione attraverso i tubuli renali (i sintomi di effetti collaterali possono aumentare, ad esempio, acidosi metabolica). Gli inibitori di carboanidrasi possono anche aumentare la tossicità dei salicilati.

Istruzioni speciali

La trombosi dell'ACC deve essere prescritta con cautela nei seguenti casi:

Dati anamnestici sulle reazioni di ipersensibilità all'uso dei FANS

malattie erosivo-ulcerative e infiammatorie del tratto gastrointestinale senza esacerbazione

disturbi funzionali del fegato o dei reni

uso concomitante di farmaci antitrombotici

una storia di ipoprotrombinemia

mancanza di vitamina K

se usato insieme agli anticoagulanti

L'ASK può provocare broncospasmo e causare attacchi di asma e altre reazioni di ipersensibilità. È necessario interrompere l'assunzione di Thrombone ACC 5-7 giorni prima dell'intervento programmato, a causa di un cambiamento nella coagulazione del sangue e di un aumentato rischio di sanguinamento.

In caso di sanguinamento mestruale pesante, uso di contraccettivi intrauterini.

L'ACC trombotico riduce l'escrezione di acido urico, che può causare un attacco di gotta in pazienti con predisposizione a questa malattia.

I pazienti con intolleranza al lattosio congenita non devono usare ASS trombotico.

Nel trattamento con ACC trombotico, non è consigliabile bere alcolici, poiché aumenta il rischio di aumentare gli effetti collaterali del tratto gastrointestinale.

Uso pediatrico

Esiste una relazione tra l'assunzione del farmaco e lo sviluppo della sindrome di Reye quando usato nei bambini con determinate malattie virali. Il rischio può essere aumentato dall'uso combinato di farmaci contenenti ASA, ma non è stata identificata una relazione causale. Lo sviluppo di vomito persistente in tali malattie può essere un segno della sindrome di Reye.

La sindrome di Reye è una malattia molto rara che provoca danni al cervello e al fegato e può essere fatale.

L'inibizione della sintesi delle prostaglandine può avere un effetto negativo sulla gravidanza e sullo sviluppo dell'embrione o del feto.

I dati degli studi epidemiologici indicano un aumento del rischio di malformazioni e malformazioni quando si usano inibitori della sintesi delle prostaglandine all'inizio della gravidanza. Si ritiene che il rischio aumenti con l'aumentare della dose e la durata del trattamento. I dati disponibili non confermano alcuna relazione tra l'uso dell'acido acetilsalicilico e l'aumentato rischio di aborto prematuro. I dati epidemiologici disponibili sullo sviluppo di malformazioni sono contraddittori, tuttavia non si può escludere un aumento del rischio di gastroschisi.

L'uso futuro di ASA in gravidanza (1-4 mesi) in 14.800 donne / bambini non ha rivelato alcuna associazione con un'aumentata incidenza di malformazioni.

Studi su animali hanno mostrato tossicità riproduttiva. La prescrizione di farmaci contenenti acido acetilsalicilico nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza non è indicata fino a quando non è dettata da una chiara necessità.

Con questo in mente, nel primo e secondo trimestre di gravidanza, il farmaco può essere utilizzato solo dopo una valutazione approfondita del rapporto rischio / beneficio da parte del medico.

Quando si usano farmaci contenenti acido acetilsalicilico da una donna durante il periodo di concepimento, o nel primo e nel secondo trimestre di gravidanza, è necessario applicare la dose più bassa possibile del farmaco e condurre un breve ciclo di trattamento.

Nel terzo trimestre di gravidanza, tutti gli inibitori della sintesi delle prostaglandine possono causare il feto:

Tossicità cardiopolmonare (con chiusura prematura del condotto canalare e ipertensione polmonare);

Disfunzione renale, che può progredire fino all'insufficienza renale con acqua bassa;

in madre e feto alla fine della gravidanza:

Possibile aumento del tempo di sanguinamento, effetto anti-aggregativo, che può verificarsi anche con piccole dosi

Inibizione dell'attività contrattile uterina, che può portare a reimpianto o a un travaglio prolungato

A questo proposito, l'ASC è controindicato per l'uso nel terzo trimestre di gravidanza.

Caratteristiche dell'influenza del farmaco sulla capacità di guidare un veicolo o un macchinario potenzialmente pericoloso.

Nessun effetto è notato.

overdose

Praticamente improbabile a causa del basso contenuto di principio attivo nel tablet.

Sintomi: nausea, vomito, tinnito, malessere generale.

Trattamento: provocazione di vomito, carbone attivo, lassativi, con acidosi, bicarbonato di sodio deve essere iniettato per via endovenosa.

Rilasciare forma e imballaggio

Su 10 o 20 targhe in cella planimetric che fa i bagagli da un film di colore bianco opaco polyvinyl chloride e lacca di alluminio stampata in lacca.

Ogni 3 blister (10 compresse ciascuno) o 5 blister (20 compresse ciascuno) insieme con le istruzioni per l'uso medico nelle lingue statali e russe sono messi in un pacchetto di cartone.

Condizioni di conservazione

Conservare a una temperatura non superiore a 25С, in un luogo asciutto e buio.

Tenere fuori dalla portata dei bambini!

Periodo di validità

Non usare il farmaco dopo la data di scadenza.

Condizioni di vacanza

fabbricante

«G.L. Pharma GmbH Industriestraße 1, A-8502 Lannach, Austria

Titolare del certificato di registrazione

OOO Valeant, Russia

Indirizzo dell'organizzazione che riceve richieste dai consumatori sulla qualità del prodotto nella Repubblica del Kazakhstan

Ufficio di rappresentanza di OOO Valeant nella Repubblica del Kazakistan

Kazakistan, 050059, Almaty, Al-Farabi Avenue,

Thromboth ACC

Forme di rilascio

Istruzioni trombotico ACC

Il farmaco trombotico ACC della società farmaceutica austriaca Lannaher Heilmittel non assomiglia al ben noto acido acetilsalicilico. L'effetto antipiastrinico (acido antipiastrinico) dell'acido acetilsalicilico è stato scoperto nel 1950, cioè, in realtà, è il primissimo agente antipiastrinico. L'uso di basse dosi di acido acetilsalicilico per la profilassi cardiovascolare primaria e secondaria ha una solida base di dati raccolti dai medici negli ultimi decenni. Allo stesso tempo, la maggior parte delle raccomandazioni prevedono un consumo lungo e spesso costante del farmaco. L'ACC trombotico è acido acetilsalicilico in una dose adattata per la prevenzione e il trattamento delle malattie cardiovascolari. Il meccanismo d'azione del farmaco è associato alla soppressione dell'attività della cicloossigenasi legata alle piastrine, inibendo così la sintesi di endopericidi ciclici con un successivo blocco della formazione di trombossano A2 e una diminuzione della capacità delle piastrine di aggregarsi (incollatura insieme). Ulteriori effetti dell'ACC trombotico sono la soppressione della sintesi della prostaciclina, la riduzione del potenziale trombogenico della parete vascolare, l'attivazione della sintesi delle lipossine. L'ACC trombotico viene assorbito nell'intestino tenue. La concentrazione massima della sostanza attiva viene raggiunta tre ore dopo l'assunzione di una singola dose.

Le piastrine sono uno dei componenti principali del danno endoteliale e della nucleazione della placca aterosclerotica. Si sistemano al posto del danno vascolare, che porta a una violazione della conduttività della nave, ischemia e necrosi dei tessuti. Le piastrine sono in grado di secernere mediatori infiammatori, approfondire le disfunzioni vascolari e attivare i processi aterosclerotici in pazienti con patologia cardiovascolare. A questo proposito, la necessità di bloccare l'aggregazione piastrinica in questo gruppo di pazienti è in aumento.

Ciò si ottiene attraverso una terapia complessa con l'uso di agenti antipiastrinici. È stato confermato sperimentalmente che la riduzione della dose di acido acetilsalicilico non influenza le sue proprietà antipiastriniche, tuttavia, questo riduce significativamente il rischio di effetti collaterali, in particolare la gastropatia da FANS, che è particolarmente importante con l'uso a lungo termine. Secondo le statistiche, l'uso dell'ACC trombotico rende possibile prevenire fino a 20 infarti del miocardio su mille pazienti. I dati più completi sull'uso dell'acido acetilsalicilico nella prevenzione di infarti e ictus, che sono il risultato di cinque grandi studi clinici, sono stati pubblicati nel 2002. È stato riscontrato che l'inclusione nella complessa terapia cardiovascolare dell'acido acetilsalicilico del 35% riduceva il rischio di sviluppare il primo infarto miocardico. L'evidenza di base per la prevenzione secondaria delle malattie cardiovascolari con acido acetilsalicilico non è meno estesa. Sempre nel 2002, sono stati pubblicati i risultati di uno studio sui benefici dell'uso dell'acido acetilsalicilico nella prevenzione secondaria di eventi cardiovascolari, secondo il quale l'uso del farmaco ha ridotto il tasso di mortalità globale del 18%, l'incidenza di infarti - del 30%, ictus - del 20%. Il rischio di sanguinamento nel tratto gastrointestinale era maggiore rispetto al gruppo di controllo, ma l'analisi dei dati ha mostrato che l'uso del farmaco nella prevenzione di eventi cardiovascolari fatali ha superato in modo significativo il danno derivante dal possibile sviluppo di sanguinamento gastrointestinale non critico. A questo è necessario aggiungere che l'ACC trombotico è prodotto in una speciale membrana enterica che minimizza gli effetti dannosi dell'acido acetilsalicilico sulla mucosa gastrica.

TromboASS

L'ACC trombotico è un agente antinfiammatorio non steroideo, antiaggregante.

acido acetilsalicilico, il principio attivo del farmaco, riduce l'aggregazione piastrinica e prevenire trombosi, aumentata attività fibrinolitica del plasma sanguigno e riduce la concentrazione di fattori di vitamina K-dipendente. Ha anche effetti anti-infiammatori, analgesici e antipiretici.

In questo articolo, vedremo perché i medici prescrivono l'ACC di Tromboth, comprese le istruzioni per l'uso, gli analoghi ei prezzi di questo farmaco nelle farmacie. Le testimonianze reali di persone che hanno già approfittato dell'ACC di Thrombos possono essere lette nei commenti.

Composizione e forma di rilascio

Rivestimento di film con rivestimento enterico per compresse, 50 o 100 mg -28 o 30 pz.

  • Il preparato contiene acido acetilsalicilico come principio attivo, nonché componenti ausiliari come il biossido di silicio colloidale, il lattosio monoidrato, il MCC, l'amido di patate.

Gruppo clinico-farmacologico: FANS. antiaggreganti piastrinici.

Indicazioni per l'uso

L'ACC trombotico è prescritto, in 1 compressa di cui 50 o 75 mg del principio attivo è contenuta, in questi casi:

  • misure preventive per prevenire le recidive dopo infarto miocardico;
  • minimizzare la probabilità di infarto miocardico in pazienti con diagnosi di angina pectoris;
  • dopo aver subito un intervento chirurgico sulle navi, come parte della prevenzione della trombosi;
  • prevenzione di attacchi ricorrenti di natura ischemica e apoplessia.

Inoltre prescritto per la prevenzione di pazienti che sono a rischio di esacerbazioni di malattie del sistema cardiovascolare e hanno il diabete.

Azione farmacologica

L'ACC trombotico è un farmaco antiaggregante contenente il principio attivo - acido acetilsalicilico - un farmaco del gruppo di farmaci antinfiammatori non steroidei. Il farmaco ha effetti antipiastrinici, antinfiammatori, antipiretici e analgesici.

L'uso di ACC trombotico riduce l'incollatura delle piastrine del sangue l'una dall'altra sopprimendo la formazione di trombossano A2 in esse. Questo farmaco aiuta a ridurre i livelli ematici di alcuni fattori della coagulazione e ad aumentare l'attività fibrinolitica nel plasma.

Istruzioni per l'uso

In conformità con le istruzioni di Trombot ACC, questo farmaco è destinato alla somministrazione orale. Si consiglia di assumere le pillole prima dei pasti, non a stomaco vuoto. Al fine di ridurre il rischio di reazioni avverse, le compresse devono essere assunte con sufficiente acqua.

  • Prevenzione della trombosi venosa profonda e del tromboembolismo polmonare e dei suoi rami: 100-200 mg (2 tab.) / Giorno.
  • Prevenzione dell'ictus e circolazione cerebrale transitoria: 50-100 mg / die.
  • Prevenzione del tromboembolismo dopo l'intervento chirurgico e interventi invasivi sui vasi: 50-100 mg / die.
  • Prevenzione primaria di infarto miocardico acuto in presenza di fattori di rischio: 50-100 mg / die.
  • Prevenzione secondaria dell'infarto del miocardio, angina: 50-100 mg / die.

Di norma, il farmaco è destinato all'uso a lungo termine. La durata della terapia è determinata dal medico.

Trovato un nemico MUSHROOM nemico giurato! Le unghie saranno pulite in 3 giorni! Prendilo

Come normalizzare rapidamente la pressione arteriosa dopo 40 anni? La ricetta è semplice, scriverla.

Stanco di emorroidi? C'è un modo! Può essere curato a casa in pochi giorni, è necessario.

A proposito della presenza di vermi dice un profumo dalla bocca! Una volta al giorno, bevi acqua con una goccia..

Controindicazioni

Non usare il farmaco in questi casi:

  • "Triade di aspirina";
  • Carenza di glucosio-6-fosfatididrogenasi;
  • periodo di allattamento al seno;
  • nefrolitiasi;
  • gipotrombinemiya;
  • І e ІІ trimestre di gravidanza;
  • bambini sotto i 18 anni;
  • erosioni e ulcere del tratto gastrointestinale nella fase acuta;
  • scarsa coagulazione del sangue, alta emorragia, emofilia;
  • alta sensibilità ai derivati ​​e acido acetilsalicilico stesso.

In caso di grave insufficienza renale, l'uso di ASC trombotico è controindicato (CC inferiore a 30 ml al minuto). Con estrema cautela è necessario utilizzare il farmaco in presenza di un malfunzionamento dei reni.

Effetti collaterali

Di norma, il farmaco è ben tollerato e non causa effetti collaterali. Tuttavia, ci sono rari casi in cui sono possibili le seguenti manifestazioni:

  1. Nausea, vomito, dolore addominale, bruciore di stomaco.
  2. Vertigini, perdita dell'udito, acufene.
  3. Allergia, eruzione cutanea, rinite, shock anafilattico.
  4. Emorragia frequente, ematoma postoperatorio, che provoca anemia acuta o cronica.
  5. Molto raramente, l'abuso o la violazione del regime porta a ulcere gastriche.

Un sovradosaggio del farmaco Thrombone ACC può avere gravi conseguenze, soprattutto nei pazienti anziani e nei bambini. La sindrome salicilica si sviluppa assumendo acido acetilsalicilico in una dose superiore a 100 mg / kg / die per più di 2 giorni a causa dell'uso di dosi tossiche del farmaco nell'ambito di un uso terapeutico improprio (intossicazione cronica) o di un singolo accidentale o intenzionale ricevimento di una dose tossica del farmaco da parte di un adulto o bambino (intossicazione acuta ).

Analoghi di Thrombos ACC

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

  • Anopirin;
  • ASC cardio;
  • Aspikor;
  • aspinate;
  • Aspinate 300;
  • Aspinate Cardio;
  • aspirina;
  • Aspirina Cardio;
  • Atsekardol;
  • Atsenterin;
  • Acido acetilsalicilico;
  • Acido cardio acetilsalicilico;
  • Atsilpirin;
  • Atssbirin;
  • Bufferin;
  • Zorex Morning;
  • Cardi ack;
  • Kolfarit;
  • Mikristin;
  • Plydol 100;
  • Plydol 300;
  • Taspir;
  • Trombogard 100;
  • Trombopol;
  • Walsh Asalgin;
  • Upsarin UPSA;
  • HSBC e-Payne.

Attenzione: l'uso di analoghi deve essere concordato con il medico curante.

Il prezzo medio di THROMBO ACC, compresse in farmacia (Mosca) è di 145 rubli.

Condizioni di vendita

Il farmaco può essere venduto senza prescrizione medica. Tuttavia, prima di utilizzarlo, è consigliabile consultare un medico.

Thromboth ACC - istruzioni ufficiali per l'uso

Numero di registrazione:

Nome commerciale:

Nome o nome di raggruppamento internazionale non proprietario:

Forma di dosaggio:

compresse rivestite con film enterico

ingredienti:

Una compressa rivestita con un rivestimento di pellicola enterica contiene il principio attivo: acido acetilsalicilico 50 mg o 100 mg,
eccipienti: lattosio monoidrato, cellulosa microcristallina, biossido di silicio colloidale, fecola di patate; guaina: talco, triacetina, acido metacrilico e copolimero di etile acrilato (1: 1) (Eudragit L).

descrizione

Compresse rotonde biconvesse, di colore bianco, rivestite con film. La superficie del tablet è liscia o leggermente ruvida, lucida.

Categoria farmacoterapeutica -

Codice ATX: B01AC06

Azione farmacologica

farmacodinamica
L'acido acetilsalicilico (ASA) è un estere dell'acido salicilico, appartiene al gruppo dei farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS). Il meccanismo d'azione si basa sull'inattivazione irreversibile dell'enzima cicloossigenasi (COX-1), a seguito della quale viene bloccata la sintesi di prostaglandine, prostacicline e trombossano. Riduce l'aggregazione, l'adesione piastrinica e la formazione di trombi sopprimendo la sintesi del trombossano A2 nelle piastrine.
Aumenta l'attività fibrinolitica plasmatica e riduce la concentrazione di fattori di coagulazione dipendenti dalla vitamina K (II, VII, IX, X). L'effetto antipiastrinico è più pronunciato nelle piastrine, in quanto non sono in grado di ri-sintetizzare la cicloossigenasi. L'effetto antipiastrinico si sviluppa dopo l'uso di piccole dosi del farmaco e persiste per 7 giorni dopo una singola dose. Queste proprietà di ASA sono utilizzate nella prevenzione e nel trattamento dell'infarto del miocardio, malattia coronarica, complicanze delle vene varicose.
ASA ha anche effetti anti-infiammatori, antipiretici e analgesici.

farmacocinetica
Quando ingerito, l'ASA viene assorbito rapidamente e completamente dal tratto gastrointestinale. Le compresse trombotiche ACC sono coperte con un rivestimento enterico, che riduce l'effetto irritante diretto dell'ASA sulla mucosa gastrica. L'ASK è parzialmente metabolizzata durante l'assorbimento. Durante e dopo l'assorbimento, l'ASK viene convertito nel metabolita principale - acido salicilico, che viene metabolizzato principalmente nel fegato sotto l'influenza di enzimi epatici per formare metaboliti come fenil salicilato, glucuronide salicilato e acido salicilico, presente in molti tessuti e nelle urine. Nelle donne, il processo metabolico è più lento (minore attività enzimatica nel siero).
L'ASK e l'acido salicilico sono altamente legati alle proteine ​​plasmatiche (dal 66% al 98%, a seconda della dose) e vengono rapidamente distribuiti nel corpo. L'acido salicilico attraversa la placenta ed è escreto nel latte materno.
L'emivita di ASA da plasma sanguigno è di circa 15-20 minuti. A differenza di altri salicilati, con l'uso ripetuto del farmaco, l'ASA non idrolizzato non si accumula nel siero del sangue. Solo l'1% di ASA ingerito viene escreto dai reni sotto forma di ASA non idrolizzato, il resto viene escreto sotto forma di salicilati e loro metaboliti. Nei pazienti con funzionalità renale normale, l'80-100% di una singola dose del farmaco viene escreto dai reni entro 24-72 ore.

Indicazioni per l'uso

- Prevenzione primaria dell'infarto miocardico acuto con fattori di rischio (ad esempio diabete mellito, iperlipidemia, ipertensione arteriosa, obesità, fumo, vecchiaia);
- prevenzione secondaria dell'infarto miocardico (ripetuta);
- angina stabile e instabile;
- prevenzione dell'ictus (anche in pazienti con incidente cerebrovascolare transitorio);
- prevenzione della circolazione cerebrale transitoria;
- prevenzione del tromboembolismo dopo l'intervento chirurgico e interventi invasivi sui vasi (ad esempio, chirurgia di bypass aorto-coronarico, endoarteriectomia dell'arteria carotide, angioplastica e stenting dell'arteria coronaria);
- prevenzione della trombosi venosa profonda e tromboembolia dell'arteria polmonare e dei suoi rami (anche durante l'immobilizzazione prolungata a seguito di un intervento chirurgico esteso).

Controindicazioni

- Ipersensibilità all'ASA, eccipienti nella composizione del farmaco e di altri FANS;
- lesioni erosive e ulcerative del tratto gastrointestinale (nella fase acuta);
- sanguinamento gastrointestinale;
- diatesi emorragica;
- asma bronchiale indotta da salicilati e altri FANS;
- una combinazione di asma bronchiale, poliposi nasale ricorrente e seni paranasali e intolleranza ASA;
- uso combinato con metotrexato alla dose di 15 mg per settimana o più;
- gravidanza (I e III trimestre) e allattamento;
- età fino a 18 anni;
- insufficienza renale grave (clearance della creatinina (CC) inferiore a 30 ml / min);
- insufficienza epatica grave (grado B o superiore sulla scala Child-Pugh);
- scompenso cardiaco cronico III-IV classe funzionale classificazione NYHA.
- intolleranza al lattosio, deficit di lattasi e malassorbimento di glucosio-galattosio.

Con cautela: con gotta, iperuricemia, ulcera gastrica e 12 ulcera duodenale o sanguinamento gastrointestinale (storia), insufficienza renale (CC superiore a 30 ml / min), insufficienza epatica (inferiore alla classe B sulla scala Child-Pugh), asma bronchiale, malattie croniche dell'apparato respiratorio, raffreddore da fieno, poliposi nasale, allergia ai farmaci, inclusi farmaci anti-infiammatori, antidolorifici, antinfiammatori, antireumatici; gravidanza (II trimestre), con l'intervento chirurgico previsto (incluso minore, ad esempio, estrazione del dente); mentre assume i seguenti farmaci (vedi la sezione Interazioni con altri farmaci):
- metotrexato ad una dose inferiore a 15 mg a settimana;
- con anticoagulanti, agenti trombolitici o antipiastrinici;
- con FANS e derivati ​​dell'acido salicilico in alte dosi;
- con digossina;
- con agenti ipoglicemici orali (derivati ​​sulfonilurea) e insulina;
- con acido valproico;
- con alcool (bevande alcoliche in particolare);
- con inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina;
- con ibuprofene.

Utilizzare durante la gravidanza

L'uso di grandi dosi di salicilati nei primi 3 mesi di gravidanza è associato ad una maggiore frequenza di difetti dello sviluppo fetale (palato superiore scisso, difetti cardiaci). L'uso di salicilati nel primo trimestre di gravidanza è controindicato.
Nell'ultimo trimestre di gravidanza, i salicilati ad alte dosi (più di 300 mg / die) causano l'inibizione del travaglio, la chiusura prematura del dotto arterioso nel feto, un aumento del sanguinamento nella madre e nel feto e la somministrazione diretta al parto può causare emorragie intracraniche, specialmente nei bambini prematuri. L'uso di salicilati nell'ultimo trimestre di gravidanza è controindicato.
Nell'II trimestre di gravidanza, i salicilati possono essere utilizzati solo con una valutazione rigorosa del rischio e dei benefici per la madre e il feto, preferibilmente in dosi non superiori a 150 mg / die e non per lungo tempo.

Utilizzare durante l'allattamento

I salicilati e i loro metaboliti in piccole quantità passano nel latte materno. L'assunzione accidentale di salicilati durante l'allattamento non è accompagnata dallo sviluppo di reazioni avverse nel bambino e non richiede l'interruzione dell'allattamento al seno. Tuttavia, con l'uso a lungo termine del farmaco o l'uso a dosi elevate, l'allattamento al seno deve essere interrotto immediatamente.

Dosaggio e somministrazione

Le compresse Trombo ACC ® devono essere assunte preferibilmente prima dei pasti con abbondante acqua. Il farmaco non è preso a stomaco vuoto! Il farmaco è destinato all'uso a lungo termine. La durata della terapia è determinata dal medico.
- Prevenzione primaria di infarto miocardico acuto in presenza di fattori di rischio:
50-100 mg al giorno.
- Prevenzione di infarto miocardico ricorrente, angina:
50-100 mg al giorno.
- Prevenzione dell'ictus e disturbi circolatori cerebrali transitori:
50-100 mg al giorno.
- Prevenzione del tromboembolismo dopo l'intervento chirurgico e interventi invasivi sulle navi: 50-100 mg al giorno.
- Prevenzione della trombosi venosa profonda e del tromboembolismo polmonare e dei suoi rami:
100-200 mg (2 compresse) al giorno.

Effetti collaterali

In generale, Thrombo ACC ® è ben tollerato dai pazienti a causa del suo basso dosaggio, ma in rari casi possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati:
Da parte del tubo digerente: nausea, bruciore di stomaco, vomito, dolore all'addome; raramente, ulcere gastriche e duodenali, tra cui perforazione, sanguinamento gastrointestinale, alterazione della funzionalità epatica transitoria con aumento dell'attività delle transaminasi epatiche.
Da parte del sistema nervoso centrale: vertigini, perdita dell'udito, tinnito, che possono essere un segno di overdose del farmaco (vedere la sezione Overdose).
Da parte del sistema emopoietico: aumento della frequenza del sanguinamento perioperatorio (intra- e postoperatorio), ematomi, sanguinamento nasale, gengive sanguinanti, sanguinamento dal tratto urinario. Vi sono segnalazioni di casi gravi di sanguinamento, tra cui sanguinamento gastrointestinale e sanguinamento nel cervello (specialmente in pazienti con ipertensione arteriosa che non hanno raggiunto la pressione sanguigna target (PA) e / o hanno ricevuto terapia concomitante con anticoagulanti), che in alcuni casi possono essere in pericolo di vita. Il sanguinamento può portare allo sviluppo di anemia da deficienza acuta o cronica post-hemorrhagic / ferro (ad esempio, a causa di sanguinamento latente) con i sintomi clinici e di laboratorio corrispondenti (astenia, pallore, ipoperfusione).
Reazioni allergiche: rash cutaneo, prurito, orticaria, angioedema, rinite, gonfiore della mucosa nasale, rinite, broncospasmo, sindrome da distress cardio-respiratorio e reazioni gravi, incluso lo shock anafilattico.

overdose

Può avere gravi conseguenze, specialmente nei pazienti anziani e nei bambini. La sindrome salitsilizma si sviluppa quando si riceve ACK in una dose di 100 mg / kg / die per più di 2 giorni a causa di uso di dosi tossiche del farmaco in uso terapeutico impropri (avvelenamento cronico) o singoli accidentale o intenzionale ricevuto una dose tossica di un farmaco adulto o bambino (acuta l'avvelenamento).
Sintomi di overdose:
- con gravità da lieve a moderata (dose singola inferiore a 150 mg / kg): capogiri, tinnito, perdita dell'udito, aumento della sudorazione, nausea e vomito, mal di testa, confusione; tachipnea, iperventilazione, alcalosi respiratoria.
Trattamento: lavanda gastrica, somministrazione ripetuta di carbone attivo, diuresi alcalina forzata, ripristino dell'equilibrio idrico-elettrolitico e stato acido-base.
- con gravità moderata e grave (dose singola 150 mg / kg-300 mg / kg
- gravità moderata, più di 300 mg / kg - avvelenamento grave): alcalosi respiratoria con acidosi metabolica compensatoria, iperpiressia, iperventilazione, edema polmonare non cardiogeno, depressione respiratoria, asfissia; da parte del sistema cardiovascolare: aritmie cardiache, marcata riduzione della pressione sanguigna, depressione dell'attività cardiaca; dal bilancio idrico ed elettrolitico: disidratazione, compromissione della funzionalità renale da oliguria fino allo sviluppo di insufficienza renale, caratterizzata da ipopotassiemia, ipernatriemia, iponatriemia; metabolismo del glucosio alterato: iperglicemia, ipoglicemia (specialmente nei bambini), chetoacidosi; tinnito, sordità; sanguinamento gastrointestinale; disturbi ematologici: dall'inibizione dell'aggregazione piastrinica alla coagulopatia, prolungamento del tempo di protrombina, ipoprotrombinemia; disturbi neurologici: encefalopatia tossica e depressione della funzione del sistema nervoso centrale (sonnolenza, confusione, coma, convulsioni).
Trattamento: ricovero immediato in reparti specializzati per trattamento di emergenza - lavanda gastrica, somministrazione ripetuta di carbone attivo, diuresi alcalina forzata, emodialisi, ripristino del bilancio elettrolitico-dell'acqua e stato acido-base, terapia sintomatica.

Interazione con altri farmaci

Con l'uso simultaneo di ASA migliora l'azione dei seguenti farmaci; se necessario, l'uso simultaneo di ASA con questi fondi dovrebbe considerare la necessità di ridurre la dose di questi fondi:
- metotrexato, riducendo la clearance renale e spingendolo fuori dalla comunicazione con le proteine;
- con l'uso simultaneo di anticoagulanti, agenti trombolitici e antipiastrinici (ticlopidina, clopidogrel) c'è un aumentato rischio di sanguinamento a causa del sinergismo dei principali effetti terapeutici degli agenti utilizzati;
- con l'uso simultaneo di farmaci che hanno effetti anticoagulanti, trombolitici o antipiastrinici, c'è stato un aumento dell'effetto dannoso sulla mucosa gastrointestinale;
- inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, che possono portare ad un aumentato rischio di sanguinamento dal tratto GI superiore (sinergismo con ASA);
- digossina, a causa di una diminuzione della sua escrezione renale, che può portare a un sovradosaggio;
- agenti ipoglicemizzanti per somministrazione orale (derivati ​​sulfonilurea) e insulina a causa delle proprietà ipoglicemiche dell'ASA stesso in dosi elevate e costrizione dei derivati ​​sulfonilurea dalla loro associazione con proteine ​​plasmatiche;
- con l'uso simultaneo dell'acido valproico, la sua tossicità aumenta a causa dello spostamento della sua connessione con le proteine ​​plasmatiche;
- FANS e derivati ​​dell'acido salicilico in alte dosi (aumento del rischio di effetto ulcerogeno e sanguinamento dal tratto gastrointestinale a seguito di un'azione sinergica); con l'uso simultaneo di ibuprofene, si osserva antagonismo rispetto all'inibizione irreversibile delle piastrine causata dall'azione dell'ASA, che porta ad una diminuzione degli effetti cardioprotettivi dell'ASA;
- etanolo (aumento del rischio di danni alla mucosa gastrointestinale e allungamento del tempo di sanguinamento come risultato del mutuo miglioramento degli effetti dell'ASA e dell'etanolo).
L'uso simultaneo di ASA in dosi elevate può indebolire l'effetto dei farmaci elencati di seguito; se necessario, la nomina simultanea dell'ASC con i fondi elencati dovrebbe considerare la necessità di un aggiustamento della dose dei fondi elencati:
- eventuali diuretici (in combinazione con l'ASA ad alte dosi, vi è una diminuzione della velocità di filtrazione glomerulare (GFR) come risultato di una diminuzione della sintesi delle prostaglandine nei reni);
- enzima di conversione dell'angiotensina (ACE) (riduzione dose-dipendente marcata della velocità di filtrazione glomerulare inibendo prostaglandine possedendo azione vasodilatatrice, rispettivamente, l'attenuazione dell'azione ipotensiva è osservata. declino GFR clinica ad una dose giornaliera di ASA 160 mg. Inoltre, v'è una diminuzione degli effetti cardioprotettivi positivi di ACE-inibitori, designato pazienti per il trattamento dell'insufficienza cardiaca cronica Questo effetto appare anche quando usato in combinazione con ASA in grande ozah).
- farmaci ad azione uricosurica - benzbromarone, probenecid (riduzione dell'effetto uricosurico dovuto alla soppressione competitiva dell'escrezione tubulare renale dell'acido urico);
- con l'uso simultaneo di glucocorticosteroidi sistemici (con l'eccezione dell'idrocortisone, usato per la terapia sostitutiva della malattia di Addison), vi è un aumento dell'eliminazione dei salicilati e, di conseguenza, un indebolimento della loro azione.

Istruzioni speciali

Il farmaco deve essere usato dopo la prescrizione.
L'ASK può provocare broncospasmo e causare attacchi di asma e altre reazioni di ipersensibilità. I fattori di rischio sono una storia di asma bronchiale, febbre da fieno, poliposi nasale, malattie croniche dell'apparato respiratorio, nonché reazioni allergiche ad altri farmaci (ad es. Reazioni cutanee, prurito, orticaria).
L'effetto inibitorio dell'ASA sull'aggregazione piastrinica persiste per diversi giorni dopo la somministrazione e, pertanto, potrebbe esserci un aumento del rischio di sanguinamento durante l'intervento chirurgico o nel periodo postoperatorio. Se necessario, l'esclusione assoluta di sanguinamento durante l'intervento chirurgico, è necessario, se possibile, abbandonare completamente l'uso di ASA nel periodo preoperatorio.
La combinazione di ASA con anticoagulanti, trombolitici e antiaggreganti è accompagnata da un aumentato rischio di sanguinamento.
L'ASC a basse dosi può innescare lo sviluppo della gotta in soggetti sensibili (con ridotta escrezione di acido urico).
La combinazione di ASA con metotrexato è accompagnata da un'aumentata incidenza di effetti collaterali da parte degli organi che formano il sangue.
Le alte dosi di ASA hanno un effetto ipoglicemico, che deve essere tenuto presente quando lo prescrivono a pazienti con diabete mellito che ricevono agenti ipoglicemici per somministrazione orale (derivati ​​sulfonilurea) e insulina.
Quando appuntamento combinato di glucocorticoidi (GCS) e salicilati va ricordato che durante il trattamento il livello di salicilati nel sangue si riduce, e dopo la sospensione dei corticosteroidi possibile sovradosaggio di salicilati.
La combinazione di ASK con ibuprofene in pazienti con un aumentato rischio di malattie cardiovascolari non è raccomandata, poiché quest'ultima riduce l'effetto positivo dell'ASA sull'aspettativa di vita (riduce l'effetto cardioprotettivo dell'ASA). Dosi eccessive di ASA sono associate al rischio di sanguinamento gastrointestinale. Il sovradosaggio è particolarmente pericoloso nei pazienti più anziani.
Quando combinato ASA con etanolo (bevande alcoliche) aumentato il rischio di danni alla mucosa gastrointestinale e allungando il tempo di sanguinamento.

Influenza sulla capacità di guidare, meccanismi di trasporto / movimento del motore

Durante il trattamento, occorre prestare attenzione quando si guidano veicoli e si intraprendono attività potenzialmente pericolose che richiedono una maggiore concentrazione e velocità psicomotoria, poiché l'uso del farmaco Thrombo ACC ® può causare vertigini.

Modulo di rilascio

Compresse rivestite con film enterico 50 mg e 100 mg. Su 14 targhe o su 20 targhe in POLIVINILCLORURO / AL il blister. Su 2 bolle (per 14 targhe) o su 5 bolle (per 20 targhe) insieme con l'istruzione per applicazione in un pacco di cartone.

Condizioni di conservazione

Conservare in luogo asciutto, protetto dalla luce a una temperatura non superiore a 25 ° C. Tenere lontano dalla portata dei bambini.

Periodo di validità

3 anni.
Non usare dopo la data di scadenza.

Articoli Su Varici