Vena gamba dolorante: cosa fare, possibili cause

Da questo articolo imparerai: in quali malattie le persone hanno dolori alle vene nelle gambe, quali sintomi sono accompagnati da. Cosa è pericoloso per la salute e la vita, cosa fare per curare e prevenire queste malattie.

Le vene nelle gambe possono causare dolore per vari motivi. Tutte le malattie del sistema venoso possono essere suddivise in base al meccanismo di origine in due gruppi:

  1. Blocco vascolare con coagulo di sangue (trombosi) - questo gruppo include tromboflebite superficiale e trombosi venosa profonda.
  2. Flusso insufficiente di sangue dalle vene (insufficienza venosa) - vene varicose e insufficienza venosa cronica appartengono a questo gruppo.

Ciascuna di queste malattie può causare dolore alle gambe. Alcuni di loro hanno solo valore cosmetico, mentre altri sono davvero pericolosi per la vita.

La scelta del metodo di trattamento dipende anche dalla causa del dolore nelle vene. Può essere conservativo o chirurgico. I chirurghi vascolari si occupano dei problemi con le navi sulle gambe.

Tromboflebite superficiale

Tromboflebite superficiale - infiammazione delle vene localizzate sotto la pelle, che si sviluppa a causa della presenza di coaguli di sangue in esse. Questa malattia è più comune nelle donne.

Nella fase acuta, i sintomi possono avere un effetto piuttosto evidente sull'attività umana, ma non comportano un grande rischio per la vita.

Per confermare la diagnosi dopo un esame da un medico, a volte viene eseguita una ecografia delle navi.

Il trattamento della tromboflebite superficiale viene di solito eseguito su base ambulatoriale. I medici consigliano di applicare impacchi caldi sulla zona interessata e sollevando la gamba sopra il livello del cuore per alleviare gonfiore e dolore. I farmaci antinfiammatori non steroidei (ibuprofene, diclofenac) possono ridurre il rossore e l'irritazione causata dall'infiammazione. La malattia di solito si risolve entro 2 settimane. Nei casi più gravi, può essere necessaria la legatura o la rimozione della vena interessata.

Trombosi venosa profonda

Trombosi venosa profonda (abbreviata DVT) è una delle più pericolose malattie che interessano il sistema venoso, in cui si formano coaguli di sangue nei vasi situati nelle gambe o nelle braccia. Il pericolo di questa malattia è che questo trombo, o parte di esso, possa staccarsi e fluire nell'arteria polmonare con un flusso sanguigno, causando tromboembolia - una complicanza pericolosa della TVP.

La TVP può svilupparsi in ogni persona. Il rischio di coaguli di sangue è aumentato dai seguenti fattori:

  • Danneggiamento della nave causato da una frattura, un infortunio o un intervento chirurgico.
  • Ristagno di sangue nelle vene dovuto alla posizione sdraiata, mobilità limitata, seduta prolungata a gambe incrociate.
  • Uso contraccettivo orale e terapia ormonale.
  • Gravidanza.
  • Malattie oncologiche e loro trattamento.
  • L'obesità.
  • La presenza di TVP in parenti stretti.
  • Vene varicose
  • Insufficienza venosa alle gambe.

I sintomi della TVP si sviluppano solo nella metà dei pazienti con queste malattie. Si sviluppano nella gamba con una nave che è affetta da trombosi. I sintomi includono:

  1. Gonfiore delle gambe.
  2. Dolore o ipersensibilità alla gamba che una persona può sentire mentre cammina o sta in piedi.
  3. Aumento della temperatura nella zona dolente e gonfia della gamba.
  4. Pelle rossa per trombosi.

Se una persona sente di avere dolori alle vene, dovrebbe consultare immediatamente un medico, poiché la TVP è un pericolo immediato per la sua vita e salute. Solo uno specialista può stabilire o negare la presenza di questa malattia. La situazione diventa particolarmente urgente durante lo sviluppo dell'embolia polmonare, che si manifesta:

  • inizio improvviso di mancanza di respiro;
  • dolore al petto;
  • tosse con espettorato sanguinante.

Per stabilire la diagnosi corretta, utilizzare i seguenti metodi aggiuntivi di esame:

  • Esame del sangue per D-dimero. D-dimero è una sostanza formata durante la scissione di un coagulo di sangue, grandi quantità delle quali indicano la presenza di trombosi nel corpo.
  • Esame ecografico dei vasi nelle gambe. Questo metodo può essere utilizzato per rilevare i coaguli di sangue nei vasi sanguigni. L'uso del metodo Doppler consente di stimare la velocità del flusso sanguigno, che aiuta i medici a identificare la congestione venosa.
  • La venografia è un metodo di esame invasivo, durante il quale i medici iniettano un agente di contrasto in una vena sul piede. Questo contrasto aumenta con il flusso sanguigno, può essere rilevato dall'esame a raggi X.

Il trattamento della TVP ha lo scopo di prevenire l'aumento dei coaguli di sangue nelle dimensioni e prevenire la sua distruzione, che può causare tromboembolia. Per questo, i medici raccomandano:

  1. Anticoagulanti - farmaci che riducono la coagulazione del sangue. Sebbene questi farmaci non possano dissolvere i coaguli di sangue esistenti, possono impedire un aumento delle loro dimensioni e ridurre il rischio di nuovi coaguli. Di solito, in primo luogo, i medici prescrivono un breve ciclo di iniezione di eparina, quindi il paziente viene trasferito a compresse anticoagulanti - warfarin, rivaroxaban. Il paziente deve assumere questi farmaci per almeno 3 mesi, a volte più a lungo. È molto importante seguire attentamente le raccomandazioni del medico circa la dose, perché gli anticoagulanti possono causare gravi effetti collaterali.
  2. I farmaci trombolitici (streptochinasi, actilise) sono farmaci che portano al riassorbimento dei coaguli di sangue. Sono usati nella trombosi grave o nel tromboembolismo.
  3. Compressione a maglia - aiuta ad alleviare il gonfiore e il dolore alle gambe associati alla TVP, oltre a ridurre il rischio di ulcere trofiche. La pressione esercitata dalle calze a compressione sulla gamba migliora il deflusso venoso. Devono essere indossati durante il giorno per almeno 2-3 anni, questo aiuterà a prevenire lo sviluppo della sindrome post-tromboflebitica.
  4. I filtri impiantati nella vena cava inferiore sono utilizzati in pazienti con controindicazioni agli anticoagulanti. Questi filtri intrappolano i coaguli di sangue che possono fluire attraverso il flusso sanguigno nell'arteria polmonare, prevenendo così il tromboembolismo. Tuttavia, non fermano la formazione di nuovi coaguli di sangue.

Vene varicose

Vene varicose - è un aumento e un'espansione sacca delle vene safene. Il più spesso colpisce i vasi degli arti inferiori.

La causa delle vene varicose è l'indebolimento delle pareti venose e delle valvole. All'interno delle vene ci sono piccole valvole che forniscono un flusso sanguigno unidirezionale. A volte le pareti venose perdono la loro elasticità, a causa della quale il lume dei vasi si espande, il che porta al fallimento di queste valvole. In caso di insufficienza delle valvole venose, si verifica il flusso di sangue inverso, si accumula nel flusso sanguigno delle gambe, che causa le vene varicose.

Cosa fare se una lesione alle gambe fa male?

Se le vene sulle gambe fanno male, allora molto probabilmente la causa è una malattia varicosa, che può portare molti problemi al proprietario di questa patologia. A causa del costante disagio, la qualità della vita è significativamente ridotta. Pertanto, non sorprende quanto sia acuta la questione di sbarazzarsi di questa malattia.

Le principali cause del dolore

Se i vasi sanguigni non sono in grado di far fronte al volume di sangue circolante, si verifica il suo ristagno, che si manifesta con una serie di sintomi, uno dei quali è il dolore. Molto spesso, le vene degli arti inferiori sono colpite a causa del pesante carico su di esse.

Allo stesso tempo, la parete vascolare diventa più sottile, il diametro della vena aumenta, il sangue scorre più lentamente lungo i rami e la fornitura di organi ad essa viene interrotta. Apparato di sofferenza e valvola, che esacerba la condizione. Esiste anche il rischio di reflusso (reflusso) di sangue nella vena interessata. La principale patologia che porta a tali processi è le vene varicose e le sue complicanze, che includono:

  • trombosi,
  • flebiti,
  • insufficienza venosa
  • ulcerazione dei piedi,
  • dermatite, ecc.

I dolori sono accompagnati da una serie di sintomi associati che completano il quadro clinico della malattia. I pazienti si lamentano di:

  • gonfiore delle gambe, specialmente la sera,
  • rigonfiamento delle vene, la loro arruffatura e cianosi,
  • vene a ragno (telangiectasia),
  • crampi agli arti inferiori,
  • affaticamento,
  • bruciando lungo le formazioni di vena
  • la presenza di dossi e guarnizioni nell'area della proiezione delle navi.

Ci sono fattori che predispongono alle vene varicose, che includono:

  • genere femminile
  • vecchiaia
  • squilibrio ormonale
  • obesità addominale
  • ridotta tolleranza al glucosio,
  • dislipidemia,
  • gravidanza e ripetute consegne,
  • duro lavoro fisico
  • fare sport
  • stare a lungo in piedi
  • ereditarietà,
  • altre patologie infiammatorie e sistemiche associate,
  • cattive abitudini
  • parenti stretti che soffrono di vene varicose.

Più fattori di rischio sono attribuiti al paziente, maggiore è la probabilità di rilevare una malattia varicosa. Pertanto, durante la visita iniziale al flebologo, l'attenzione si concentra su un sondaggio sullo stile di vita.

Cosa succede se compaiono i primi sintomi?

Di solito, i pazienti con le manifestazioni iniziali delle vene varicose non prendono questo sul serio. Sono preoccupati solo del lieve gonfiore delle gambe e dei cambiamenti esterni sotto forma di antiestetiche vene a ragno, lividi e fragilità dei vasi superficiali. Le donne sono più preoccupate di questo fatto rispetto ai rappresentanti della popolazione maschile. Per questo motivo, sono i primi ad andare dal medico per scoprire perché le vene nelle gambe fanno male.

Se c'è un flebologo nel villaggio, allora è meglio fissare subito un appuntamento con lui. In assenza di tale opportunità, puoi andare da un terapeuta o un chirurgo. Qualsiasi medico sarà in grado di valutare le condizioni delle vene, fare una diagnosi preliminare e riferirle per la consultazione a uno specialista stretto.

Un flebologo condurrà un'ispezione che include una serie di test diagnostici.

  1. Metodo di campionamento Valsalva. Al paziente viene chiesto di sdraiarsi sul divano, allungandosi orizzontalmente. In questa posizione, le vene di solito scompaiono. Al paziente viene chiesto di filtrare i muscoli della parete addominale anteriore (pressa) o della tosse. In presenza di vene varicose, le vene colpite si gonfiano.
  2. Prova Troyanova-Trederenburg. Il paziente giace sulla sua schiena in una gamba sollevata di 90 gradi. Sulla coscia si impone un laccio emostatico sottile, al paziente viene chiesto di alzarsi in piedi. Entro 30 secondi, le vene sono piene di sangue. Imbragatura rimossa e osservare il riempimento dei vasi sanguigni.
  3. Test di saggi. Il paziente ha tre cinghie sulla gamba: nella coscia, nel ginocchio e sotto il ginocchio. Chiedi di alzarti. Quando la tensione delle vene in una delle aree può essere assunta la presenza di vene varicose.

Esegui e altri simili ai precedenti, campioni: Presta, Fegan, Starosvetskaya, Delbe-Perthes e le loro modifiche. Tutti mostrano luoghi in cui il muro venoso è indebolito, così come le aree di guasto della valvola.

Dopo un esame e un sondaggio, il medico prescriverà un test di laboratorio standard, un'ecografia dei vasi degli arti inferiori. Il livello di zucchero e lipidi nel sangue deve essere determinato.

Trattamento conservativo

Per eliminare i sintomi della malattia, è necessario seguire le raccomandazioni del medico curante. Sono prescritti medicamenti, fisioterapia e intimo a compressione. Vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • Protezioni flebotoniche e venose: Anavenol, Detralex, Glevenol, Ginkor-Fort, Exuzzal con Ascorutin, Nylex, Vazobral. Questi strumenti hanno l'antiedema e la capacità di restringere il lume dei vasi sanguigni.
  • Tonico topico: troxevasin, lioton, venoruton.
  • Unguenti anti-infiammatori: diclofenac-gel, troksikam, unguento indometacina, gel a rapida preparazione.
  • Glucocorticosteroidi per uso esterno: pomate prednisone e idrocortisone, clobetasolo, flumetasone.
  • Anticoagulanti: eparina, fragmin, fraxiparin.
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei: acido acetilsalicilico, voltaren.
  • Agenti antipiastrinici piastrinici: reopolyglukine, pentossifillina, dipiridamolo.
  • Mezzi a base di prostaglandina E: vasopressina, aktegil, ecc.

La prescrizione di farmaci viene somministrata solo dal medico curante. Il regime di trattamento e il regime di dosaggio dipendono dal grado della malattia e dalla presenza di complicanze. Per questo motivo, non provare a curare le vene varicose da soli. Molti farmaci hanno un rigido elenco di indicazioni. L'uso inappropriato può portare a effetti collaterali.

Flebologo o chirurgo vascolare?

Se la malattia è in una fase iniziale, il flebologo suggerirà un trattamento conservativo e parlerà dei metodi di prevenzione. Con i cambiamenti persistenti nei vasi sanguigni e il desiderio del paziente di cambiare l'aspetto delle gambe, può essere raccomandata una visita al chirurgo vascolare.

Attualmente sono sviluppati metodi senza sangue per il trattamento delle vene varicose. Sono:

  • fleboskleroterapiya,
  • coagulazione delle vene,
  • krioflebekstraktsiya.

Si ritiene che solo il trattamento chirurgico con successiva prevenzione sia l'unico modo corretto per sbarazzarsi delle vene varicose. Tuttavia, anche il trattamento chirurgico è condizionatamente radicale.

Dopo 5 anni, dal 10 al 60% dei pazienti ritorna dal medico con una ricaduta e lamenta che le vene nelle gambe fanno male ancora.

La sclerosi comporta l'introduzione nel lume della vena varicosa di composti speciali, che la restringono. Questo metodo di trattamento può essere offerto a pazienti con difetti estetici minori, nonché in preparazione per la successiva rimozione delle vene.

Fisioterapia e prevenzione

Per curare le vene varicose, dovresti usare tutte le possibili terapie. La fisioterapia assume un ruolo importante nel servizio ambulatoriale. Con la sconfitta delle vene mediante esposizione a laser magnetico, elettroforesi, baroterapia e darsonvalizzazione. La scelta del metodo dipende dal quadro clinico e dall'equipaggiamento dell'istituzione medica.

Le misure preventive consistono nella massima eliminazione dei fattori causali. Sono possibili le seguenti opzioni:

  • indossare calze anti varicose durante la gravidanza, predisposizione ereditaria e lunga permanenza in posizione eretta,
  • normalizzazione dei livelli ormonali, se c'è uno squilibrio,
  • sbarazzarsi di cattive abitudini
  • controllo della glicemia
  • perdita di peso,
  • normalizzazione dell'attività fisica
  • eliminazione della dislipidemia, ecc.

Un posto speciale nel trattamento e nella prevenzione della malattia richiede l'intimo a compressione. È selezionato in base al grado di patologia. Si consiglia di indossarlo per quasi tutti i pazienti con una diagnosi di "varici".

Cosa si può fare a casa?

Si dovrebbe ricorrere all'auto-aiuto se le vene nelle gambe fanno male e non c'è modo di vedere un medico. È necessario completare alcuni semplici passaggi per sbarazzarsi dei sintomi.

  1. Rilascia i tuoi arti dalle scarpe, vestiti, sdraiarsi sulla schiena, alzare le gambe sopra il livello del corpo. Per essere in questa posizione dovrebbe essere entro 20-30 minuti.
  2. Un buon effetto ha una doccia a contrasto, che consiste nel bagnare le gambe con un getto di acqua calda e poi fredda.
  3. Al mattino indossare calze anti varicose. In loro assenza, non è possibile avvolgere strettamente gli arti con una benda elastica, allentando la pressione dalla punta alla coscia.
  4. Ogni giorno dovrebbe essere impegnato in terapia fisica. Gli esercizi di base includono:
    • rotolando dal tallone ai piedi,
    • camminando in punta di piedi
    • trasferimento alternato del peso corporeo da un piede all'altro,
    • imitazione di andare in bicicletta sdraiati sulla schiena
    • rotazione dei piedi,
    • camminare su tacchi e calzini.
  5. Normalizza gradualmente la tua modalità di lavoro e riposo.

La nutrizione svolge un ruolo importante nel complesso trattamento delle vene varicose. Dovrebbe essere rimosso dagli alimenti dietetici che contribuiscono al processo infiammatorio: carni piccanti, salate, aspre, dolci, fritte, affumicate.

Se ci sono problemi con l'eccesso di peso, è necessario limitare ulteriormente il pasto calorico giornaliero e una tantum. Un endocrinologo e un nutrizionista possono aiutare in questo. Il diabete mellito comporta l'esclusione di prodotti da forno, dolci, bibite e pasta.

Il dolore regolare alle gambe è un sintomo che deve essere studiato. Può essere un segno di una serie di malattie. Per dire con certezza, vene varicose o no, solo un medico può. L'autotrattamento porta spesso a complicazioni e stadi avanzati della patologia.

Dolore nelle vene nelle gambe. Cause e trattamento

Il dolore nelle vene degli arti inferiori si verifica a causa di alterata circolazione del sangue o il processo infiammatorio delle pareti dei vasi. Il dolore è uno dei sintomi delle vene varicose, tromboflebite, aterosclerosi o trombosi vascolare. In questo articolo ti diremo cosa fare se una vena fa male alla gamba.

Il dolore, nella prima fase della malattia, appare dopo una lunga camminata o una posizione statica in piedi. Entro la fine della giornata, appaiono gonfiore, pesantezza e dolore alle gambe. Con la progressione della malattia, il dolore si verifica con un carico minore, e nel quarto stadio si osserva anche in uno stato rilassato durante il riposo.

I sintomi del dolore si verificano a causa dell'irritazione dei recettori del dolore. L'accumulo di sangue nelle vene delle gambe allunga e deforma la parete vascolare. Quindi il processo infiammatorio si unisce. L'infiammazione innesca il cosiddetto schema di nocicezione fisiologica.

Dolore nelle vene nelle gambe - il meccanismo dell'occorrenza

Per capire perché le vene nelle gambe con vene varicose fanno male, è necessario capire il meccanismo del dolore. La violazione del flusso di sangue nelle vene degli arti inferiori attiva i recettori del dolore (nocicettori).

  • Nel dolore primario (epicritico), il segnale viaggia attraverso le fibre spesse delle fibre nervose di tipo A.
  • Il dolore secondario (protopatico) si manifesta dopo un certo periodo di tempo ed è diffuso. In questo caso, i recettori C sottili e lenti conducono il segnale.

Il mediatore infiammatorio (bradichinina) si forma nel plasma sanguigno a causa della sua coagulazione, è contenuto nella pelle, essudato infiammatorio. L'ormone dilata i vasi sanguigni e aumenta la permeabilità delle loro pareti, causando gonfiore. Non solo la bradicardina causa dolore nelle vene delle gambe. Il corpo, in risposta a processi patologici, produce vari ormoni (istamine, chinine, prostaglandine, ecc.) Che agiscono sui recettori del dolore e provocano dolore di varia intensità.

La stimolazione costante dei recettori del dolore provoca il rilascio di sostanze specifiche - algogeni (sostanza P e calcitonina - il peptide correlato al gene) dalle terminazioni nervose - rafforzano e supportano la sensazione di dolore. La sostanza P induce i mastociti a rilasciare serotonina e istamina.

Le piastrine responsabili della coagulazione del sangue reagiscono all'azione dell'ormone serotonina, le cellule dello strato interno delle pareti venose - alle prostaglandine, all'endotelina, all'istamina e alle interleuchine, alla serotonina.

In risposta al segnale del dolore nei vasi, il nostro corpo reagisce con spasmo dei muscoli della parete venosa e la formazione di coaguli di sangue, cercando di eliminare i disturbi e il dolore. Il corpo, entro tre ore dal passaggio del segnale, "accende" il sistema compensatorio oppioide e il sistema spinale del freno.

Disattivando il dolore di vari analgesici, il paziente interrompe il complesso sistema di reazione e compensazione dei disturbi patologici. Pertanto, non si dovrebbe prendere immediatamente la medicina per alleviare il dolore, ma si dovrebbe consultare il medico - flebologo ed essere esaminati per iniziare il trattamento.

Tipi di dolore alle gambe

Con la patologia delle vene degli arti inferiori, il paziente si sente diverso per intensità e localizzazione del dolore. Inizialmente, sentito pesantezza, stretching, gambe stanche. Dolori sordi e doloranti possono essere accompagnati da bruciore e prurito all'interno della vena.

Con la progressione della malattia aumenta la gravità dei sintomi. Il dolore si localizza, si diffonde lungo la vena colpita. Dolori torcenti e dolorosi che disturbano il sonno possono apparire di notte e a riposo.

Nella posizione eretta, la vena "tira" e quando palpata, si sente ferma e dolorosa. Spesso ci sono sintomi di infiammazione, come arrossamento e deformità lungo la nave. In questo stato, non puoi trascurare la visita al flebologo. Durante la consultazione, il medico svilupperà un regime di trattamento e fornirà raccomandazioni generali per la normalizzazione della condizione.

Raccomandazioni generali per la normalizzazione dello stato

Al fine di prevenire lo sviluppo della malattia e alleviare il dolore, è necessario eliminare le cause di trombosi e infiammazione delle vene delle gambe. Basta con questo:

  • Normalizza il cibo Devi inserire nella tua dieta alimenti ricchi:
  • vitamine (A, B, C ed E) - fegato, uova, cavoli, patate dolci, carote, pomodori, verdure a foglia verde, melone, pesche, ecc.;
  • oligoelementi (selenio, calcio, magnesio, ecc.) - avocado, broccoli, legumi, banane, frutti di mare, latticini, cereali, ecc.;
  • ridurre il numero di prodotti che aumentano il colesterolo e contengono grassi animali - lardo, carne grassa, carne di pollame (anatra, oca), formaggi a pasta dura grassa, latte intero, panna, ecc.
  • cucinare correttamente - al vapore, al forno, alla griglia, bollito, in umido;
  • regolare il peso;
  • rinunciare a cattive abitudini (alcol, fumo, ecc.);
  • condurre uno stile di vita attivo (esercizio praticabile, camminare, ecc.);
  • correggi il sonno in una posizione fisiologica (con le gambe sollevate), ecc.

Spesso il dolore alle gambe è dovuto alle specifiche del lavoro. Postura statica, seduti o in piedi per un lungo periodo, esercizio fisico eccessivo, vibrazione locale - tutti questi fattori causano trombosi venosa alle gambe. Se non è possibile cambiare lavoro, è possibile alleviare il dolore alle gambe e ridurre il rischio di sviluppare patologie utilizzando calze a compressione.

Trattamento farmacologico per il dolore alle gambe

Normalizzazione dello stile di vita - il processo è lungo e funziona per il futuro. Né una dieta speciale né uno sforzo fisico possono alleviare immediatamente il dolore. Richiede farmaci. Il medico prescriverà farmaci che aiuteranno ad alleviare la condizione e curare l'infiammazione delle vene.

Per alleviare il dolore, sono prescritti analgesici. Con forte dolore, puoi prendere l'aspirina o il metamizolo. Allevia il dolore, ma la nomina di analgesici dovrebbe fare da dottore.

Per eliminare la causa del dolore e non "mascherarla", vengono usati farmaci anti-infiammatori non steroidei: Diclofenac, Meloxicam, Nimesulide, Naproxen, ecc. Non solo alleviano l'infiammazione, il gonfiore, ma alleviano anche il dolore nelle vene delle gambe.

La farmacodinamica di questi farmaci è di inibire gli enzimi che agiscono sui recettori del dolore e sui recettori per l'infiammazione. Va ricordato che qualsiasi farmaco sintetico può causare effetti collaterali e avere controindicazioni. Quindi l'auto-trattamento è inaccettabile.

Farmaci efficaci di azione locale - unguenti, gel, creme, che hanno un effetto complesso sulle vene. I mezzi di azione locale sono efficaci nelle fasi iniziali della malattia e per la prevenzione della patologia.

Con manifestazioni visibili di vene varicose in monoterapia della progressione della malattia, non portano il risultato atteso. I farmaci più comunemente prescritti sono diversi gruppi:

  • Farmaci a base di eparina - Hepatrombin, Lioton 1000, unguento eparina, Dolobene, Trombless e altri;
  • venotonics sulla base di estratti di piante medicinali (ginkgo biloba, trifoglio medicinale, ippocastano, culo d'india, ecc.) -Escanuzan, Escina, Venoplant, Venastag, Estsin, Reparil, Cycloven e altri;
  • agenti a base di principi attivi non steroidei (acido fenilacetico, indometacina) - Dicloren, Ortofen, Voltaren, Diclofenac-MFF, Indomethacin-Biosintesi, ecc.;
  • farmaci a base di glucocorticoidi - Lorinden, Venoflan, Sinaflan, Celestoderm, ecc.

I farmaci ormonali steroidei hanno un gran numero di effetti collaterali e controindicazioni. Il trattamento con questi farmaci può danneggiare il paziente, quindi devono essere utilizzati solo come indicato dal medico.

Nel trattamento delle vene varicose e sollievo del dolore alle gambe, le procedure fisioterapeutiche aiutano bene.

Fisioterapia per le vene varicose

Le moderne procedure fisioterapeutiche hanno un profondo effetto sulla struttura e sulla funzione delle vene. Con un trattamento complesso, la condizione può migliorare:

  • terapia magnetica - allevia il gonfiore, aiuta ad alleviare il dolore, migliora la circolazione sanguigna locale;
  • elettroforesi - può migliorare il trofismo tissutale e stimolare la circolazione sanguigna. Utilizzato per introdurre farmaci nel corpo. Trenetal, unguento eparina, acido acetilsalicilico e altri sono usati per alleviare il dolore e migliorare la funzione delle vene;
  • UHF - aiuta ad alleviare il gonfiore e l'infiammazione della vena;
  • correnti dinamiche - stimolano i muscoli delle pareti delle vene, contribuiscono all'espansione del lume e al deflusso del sangue, normalizzano i processi metabolici nei tessuti delle gambe. La procedura può essere utilizzata con l'introduzione di farmaci (diadinamoforesi);
  • compressione pneumatica - la compressione ondulatoria della gamba stimola il drenaggio linfatico, il flusso sanguigno, allevia l'infiammazione e il gonfiore.

Fisioterapia, idroterapia, ozono terapia, terapia fisica - l'intero arsenale di moderne tecniche hardware per il trattamento delle vene varicose, in combinazione con gli effetti dei farmaci, accelera il processo di guarigione.

Nelle prime fasi delle vene varicose, è sufficiente utilizzare la medicina tradizionale.

Medicina tradizionale nella lotta contro il dolore delle vene

In alcuni casi, è preferibile la medicina tradizionale. Perché? Alcune condizioni (comorbilità, gravidanza, allergie ai farmaci, ecc.) Interferiscono con l'uso di droghe sintetiche. Il trattamento con preparati fito naturali può ridurre significativamente il dolore alle gambe.

Il succo di fiori di castagno è usato per le compresse per l'infiammazione delle vene varicose. Usando regolarmente l'uso esterno e l'ingestione di succo dentro, le gambe non fanno più male e i nodi scompaiono. Per il massaggio applicare l'infuso di fiori di castagno in olio o alcool.

Massaggiare il piede dalla caviglia fino al ginocchio, senza premere forte sulle vene. Per il massaggio utilizzare oli aromatici - limone, lavanda, menta, cipresso, ecc. Si consiglia di fare il massaggio non più di 1-2 volte a settimana, alternandolo con altre procedure, ad esempio con bagni a base di bardana, camomilla, menta, acacia, ecc.

Se il nodo infiammato sulla gamba fa male, allora puoi mettere un tessuto inumidito con aceto di sidro di mele fatto in casa sulla vena. Se la vena fa male e si infiamma, si può fare un unguento fatto in casa a base di strutto, proteine ​​dell'uovo di pollo, succo di castagne e kalanchoe.

Bisogna fare attenzione a trattare le vene varicose con le ricette della medicina tradizionale, poiché ora ci sono sempre più formulazioni errate su Internet. Un erborista esperto aiuterà a curare le vene nelle gambe e solo dopo aver consultato il medico.

Il sollievo dal dolore nelle vene delle gambe con vene varicose è reale, ma l'autotrattamento può portare a risultati opposti. Pertanto, è necessario non solo conoscere i metodi di trattamento, ma anche consultare un buon specialista in modo tempestivo.

Pensi ancora che liberarti delle vene varicose sia difficile?

Lo stadio avanzato della malattia può causare effetti irreversibili, come cancrena, avvelenamento del sangue. Spesso la vita di una persona con una fase di corsa può essere salvata solo dall'amputazione dell'arto.

In nessun caso non è possibile eseguire la malattia!

Raccomandiamo di leggere l'articolo del capo dell'Istituto di Flebologia del Ministero della Salute della Federazione Russa, Dottore in Scienze Mediche della Russia Viktor Mikhailovich Semenov.

Perché le vene alle gambe mi fanno male, cosa devo fare

Il dolore agli arti inferiori è familiare a quasi tutti, e spesso questo è dovuto al flusso sanguigno alterato. In una situazione simile, si dice che le vene nelle gambe fanno male.

Il disagio è temporaneo o permanente. Nel primo caso, questo è causato dal superlavoro, in quest'ultimo caso è necessaria la consultazione del medico, poiché questo spesso indica lo sviluppo di patologie vascolari.

Cause della malattia venosa

Anche prima dell'apparizione del dolore alle gambe, si verifica una vena ragno o un lieve gonfiore delle vene. Ma non tutti capiscono che in questo caso è necessario consultare un medico e non considerarlo un problema estetico.

Le principali cause del dolore sono:

  • indossare scarpe scomode (tacco stretto, alto, instabile);
  • abuso di alcol, fumo;
  • obesità, dieta malsana (fast food, cibo troppo salato, poco liquido si beve);
  • la presenza di malattie croniche come il diabete, la gotta, ecc.;
  • frequente ipotermia delle gambe;
  • predisposizione genetica.

Uno stile di vita sedentario o, al contrario, un eccessivo esercizio provoca sensazioni spiacevoli. Nelle donne, i vasi sanguigni sono infiammati a causa dello stress durante la gravidanza.

A rischio sono le persone le cui attività professionali sono legate al trasferimento di pesi (facchini), da tempo in piedi (venditori, parrucchieri), una lunga permanenza nell'area della vibrazione (lavoro su una certa tecnica). Anche il lavoro sedentario in ufficio provoca la sconfitta delle vene.

Classificazione delle malattie venose

Patologie in cui gli arti inferiori piagnucolano, comprendono diversi tipi di malattie.

Vene varicose

Questo è il problema più comune. La parete venosa diventa anelastica, si verifica il ristagno del sangue, i tubercoli sporgenti si verificano sotto la pelle a causa delle vene dilatate. I vasi si infiammano e appaiono bluastri, blu scuro o viola. Nei luoghi di sconfitta la pelle è compatta, appare la pigmentazione.

Nella fase iniziale, le vene varicose, oltre a un difetto estetico, si manifestano con l'edema degli arti inferiori entro la fine della giornata. Mentre la patologia progredisce, la gamba è costantemente molto dolorante, dolorante.

Spesso, il dolore si verifica sotto il ginocchio, poiché questa parte è più vulnerabile durante lo sforzo fisico intenso. Appare maglia vascolare, pelle secca, accompagnata da prurito. La persona sente come la grande vena safena è uscita e fa male.

Se si esegue il problema, le navi diventano più sottili. Ci sono situazioni in cui il muro venoso è esploso e il sanguinamento è arrivato. Qui è necessario l'aiuto del medico.

Al posto di una nave scoppiata, si forma un'ulcera. Se il tempo non inizia il trattamento, la malattia si svilupperà, portando alla disabilità.

Flebite e tromboflebite

Di solito la flebite si verifica sullo sfondo di vene varicose, malattie infettive, lesioni. Con il suo corso acuto sembra come se una vena fosse imbronciata, ispessita, apparisse dolore. L'arto infiammato è più caldo di una gamba sana e la temperatura corporea aumenta. La malattia è pericolosa per l'incidenza di infiammazione purulenta (ascesso, flemmone).

Quando si esegue flebite, si sviluppa tromboflebite, che è caratterizzata da infiammazione della parete venosa, quando un coagulo di sangue si verifica nel lume vascolare e il sangue diventa viscoso.

Lo sviluppo della patologia si verifica sullo sfondo delle vene varicose esistenti e il raffreddore comune è in grado di provocarlo. Il paziente sente come la vena è gonfia e dolorante, è un cavo doloroso e stretto, traslucido attraverso la pelle.

Di solito il dolore è concentrato nella parte superiore della gamba, c'è un aumento della temperatura corporea, debolezza.

Il pericolo principale è una violazione del deflusso venoso, causando un blocco della nave. Se non si inizia il trattamento, il coagulo sanguigno si interrompe col tempo, si verifica un'embolia polmonare - la conseguenza più grave della quale il flusso sanguigno si ferma, con conseguente morte.

trombosi

In questo caso, non ci sono sintomi evidenti. Viene spesso diagnosticato in pazienti costretti a letto con paralisi degli arti. Tali fattori possono provocare trombosi:

  • esercizio eccessivo;
  • vecchiaia;
  • l'obesità;
  • stile di vita sedentario.

La vena profonda è interessata, si forma un coagulo in breve tempo. Se non si attacca alla parete venosa, può staccarsi in qualsiasi momento e muoversi con il sangue attraverso i vasi. Per la malattia è caratterizzata da gonfiore bilaterale degli arti.

Il paziente lamenta che le vene interne delle sue gambe fanno male, sente come la nave pulsa, la superficie si espande. Se la malattia non viene curata, vi è il rischio che si formi un coagulo di sangue che entrerà nell'arteria polmonare con il flusso sanguigno e ne bloccherà il lume.

Cause fisiologiche del dolore venoso

Qualsiasi persona può avere una situazione quando la vena è gonfia e dolorante. O scoppia anche. Questo può accadere dopo un impatto meccanico. Ma nelle persone sane, le pareti delle navi sono elastiche, non è facile ferirle.

Le vene diventano fragili se c'è qualche patologia e lievi ammaccature o attriti portano a lesioni.

Lo stress meccanico può causare sanguinamento - interno o esterno. Con le vene varicose, il sangue entra sotto la pelle, formando un livido di un'ombra scura. Quando la vena si infiamma, si avverte dolore. Ma se esplode, succede inosservato agli umani.

A volte con un'iniezione endovenosa, è possibile una bruciatura chimica della nave, che porta allo sviluppo di flebiti. L'infiammazione nelle vene si verifica se l'iniezione viene eseguita con una violazione o se il catetere è inserito in modo errato.

Come si manifesta il dolore nelle vene, come ridurlo

Non importa quale sia la causa dell'infiammazione nelle vene, il disagio si manifesta sempre:

  • sotto forma di dolore torcente agli arti inferiori;
  • sensazione di pesantezza alle gambe e ai piedi;
  • gonfiore delle gambe.

Con le vene varicose c'è una sensazione che disturba il ginocchio, un posto sotto di esso. Di solito il dolore si verifica nel tardo pomeriggio, dopo un'attività fisica attiva, se una grande quantità di liquido è stata bevuta il giorno prima o c'è stato abuso di alcol.

Spesso il dolore appare di notte, interferisce con il sonno. Questi sintomi indicano che sono le vene che fanno male, non i muscoli. La persona sente che le vene stanno bruciando e prurito dall'interno. Dopo il sonno, c'è una sensazione di formicolio alle gambe. Questi ultimi non obbediscono a quelli "imbottiti", a volte non è facile alzarsi dal letto. Ma dopo un breve periodo, questo stato passa.

Succede che ci sia dolore alle vene la sera, durante un fine settimana o una vacanza, e non c'è possibilità di contattare uno specialista. Per alleviare la condizione è raccomandato:

  • sciacquare i piedi con una doccia fresca o applicare un impacco freddo sulla zona interessata;
  • mentre stai riposando o dormi, metti un arto dolente su una collina: un cuscino, una coperta arrotolata;
  • usa un unguento che contiene gerundina o eparina.

Quando la temperatura aumenta, puoi prendere medicine anti-infiammatorie.

Modi per trattare le vene

Per capire cosa fare se le vene si danneggiano, è necessario consultare un medico per una diagnosi accurata. Il medico determinerà quale tipo di malattia ha portato all'infiammazione dei vasi sanguigni e prescriverà un trattamento.

Alla ricezione iniziale del paziente è registrato al terapeuta. A seconda dei risultati dei test e del modo in cui le navi fanno male, il medico sceglie il metodo stesso di terapia o consiglia di contattare uno specialista specializzato, un flebologo.

Il trattamento viene effettuato in diversi modi, a seconda della gravità della malattia:

  1. Quando la terapia farmacologica prescriveva farmaci che portavano all'assottigliamento del sangue e al rafforzamento vascolare, i farmaci antinfiammatori. Se la vena sporge sotto la pelle e fa male, usa creme e unguenti che alleviano l'infiammazione e il dolore. A volte è necessario assumere pillole o iniezioni che prevengono la formazione di coaguli di sangue, migliorare la circolazione sanguigna locale, prevenire conseguenze pericolose.
  2. La fisioterapia è un trattamento efficace. Solitamente prescritto terapia magnetica, elettroforesi, UHF, pneumomassage o ozonoterapia. Ciascuno dei metodi ha un effetto direzionale: sollievo dal dolore, riassorbimento del focus infiammatorio, miglioramento della circolazione sanguigna.
  3. Con l'inefficacia del trattamento conservativo richiede un intervento chirurgico. Spesso i chirurghi eseguono la coagulazione laser, specialmente nel trattamento di piccole navi. Questo metodo non richiede la rimozione delle vene, i loro muri danneggiati sono distrutti, il lume è "sigillato". La scleroterapia viene utilizzata per eliminare la rete vascolare e liberarsi delle piccole vene allargate. Per rimuovere la nave colpita utilizzando miniflebectomia - un metodo che non richiede l'incisione e la sutura. L'operazione viene eseguita attraverso piccole forature. Ha sostituito la venectomia, che è diventata un metodo obsoleto.

Il trattamento principale non è vietato per integrare le modalità non convenzionali. Questo è:

  • L'irudoterapia, che viene utilizzata in parallelo con la fisioterapia, promuove la fluidificazione del sangue ed è particolarmente indicata per i pazienti che non tollerano i farmaci;
  • bagni terapeutici a base di decotti di erbe (bardana, camomilla, foglie di betulla, ortica), comprime sulle zone colpite con l'aggiunta di succo di aloe o aceto di sidro di mele;
  • ricevendo decotto di coni di luppolo, tintura di frutti giovani di noci, castagne;
  • Puoi macchiare i punti dolenti con oli essenziali di menta, arancia, limone, mentre contemporaneamente massaggia leggermente.

Oltre al trattamento prescritto, è necessaria una certa dieta, il cui compito principale è la fluidificazione del sangue e la normalizzazione del peso corporeo con l'eccesso di peso.

È necessario bere molta acqua pura, tisane (almeno 2 litri al giorno) per prevenire la viscosità del sangue. È necessario includere cibo proteico, fibra nella dieta, per ridurre al minimo la quantità di carboidrati veloci (dolci, muffin).

Misure preventive

Per prevenire le malattie venose, devi analizzare il tuo stile di vita:

  • se necessario, aumentare l'attività fisica o, al contrario, ridurre i carichi eccessivi;
  • se le condizioni di lavoro richiedono una seduta prolungata o in piedi, fare pause brevi per riposare;
  • sbarazzarsi delle cattive abitudini (uso di alcool, fumo) o minimizzarle;
  • per dare riposo ai piedi la sera, posizionandoli su una piattaforma rialzata (cuscino);
  • le donne abbandonano la contraccezione orale che promuove la formazione di coaguli di sangue.

Se ci sono i primi segni di vene varicose, è utile indossare biancheria intima da compressione (calze, collant), prevenendo la formazione di edema e contribuendo ad aumentare il flusso sanguigno nelle vene profonde.

Il dolore ripetuto nei vasi indica eventuali problemi nel corpo. Non c'è bisogno di cercare di trattarli da soli o di affogare il dolore nelle vene, prendendo un anestetico. È necessario consultare un medico per determinare la vera causa del disagio e la nomina della terapia corretta.

Dolore nelle vene: cause, connessione con malattie, quanto pericoloso, come trattare, prevenzione

Il dolore nelle vene non è solo un segno di stanchezza, ma un sintomo di malattie pericolose: trombosi, vene varicose, flebiti. Questa è una manifestazione di problemi nel sistema circolatorio, che richiede cure mediche. Se le vene delle gambe sono dolenti, è necessario contattare uno specialista qualificato - chirurgo vascolare o flebologo. Affrontare la stessa patologia è improbabile che abbia successo. Le malattie venose sono un problema serio che non dovrebbe essere accantonato. I trombi si formano spesso nelle vene, rendendo difficile per le persone vivere una vita piena. Il tromboembolismo è una complicanza pericolosa dell'infiammazione delle vene, che porta alla morte del paziente.

eziologia

Il blocco dei vasi sanguigni porta a un rallentamento del flusso sanguigno, al ristagno di sangue e alle vene varicose. Perdono la loro elasticità, si contraggono lentamente e in modo inefficiente. Le vene varicose prolungate aumentano il rischio di coaguli di sangue. Trombo, circondato da fibrina, a contatto con l'endotelio e attaccato alle pareti delle vene. Coaguli di sangue e pietre venose: i phlebolith intasano completamente la vena e bloccano il flusso sanguigno. Per gli umani, è mortale, specialmente in caso di danni alle vene del cervello.

Cause del dolore nelle vene:

  • Cambiamenti ormonali
  • l'obesità,
  • Sovraccarico fisico
  • Contraccettivi ormonali,
  • Tabacco e alcolismo,
  • Gravidanza e parto,
  • ereditarietà,
  • mancanza di esercizio fisico,
  • lesioni
  • Anomalie congenite dei vasi sanguigni,
  • Nutrizione impropria

Malattie manifestate dal dolore nelle vene

Vene varicose vene varicose

Le vene espanse con vene varicose assomigliano a corde bluastre e convolute. I vasi infiammati appaiono attraverso la pelle e sembrano corde di porpora blu o viola scuro. Perdono elasticità e funzionalità, diventano rigidi e ispessiti. Le vene gonfie cadono in posizione orizzontale. Le gambe e i piedi si gonfiano di sera. La pelle sopra l'area interessata è pigmentata, ispessita e oscurata. Cessa di essere elastica e un po 'lucida. In alcuni casi, la malattia può essere asintomatica per un lungo periodo e rimanere solo un difetto estetico grossolano.

Dolore durante l'esecuzione di vene varicose forte, dolente, costante. Un cambiamento permanente nella larghezza e nella lunghezza delle vene porta a un alterato flusso sanguigno e alla disfunzione delle valvole venose. In assenza di una terapia tempestiva e adeguata, si formano ulcere difficili da trattare sulla pelle della parte inferiore della gamba. Le pareti della vena interessata diventano gradualmente più sottili e scoppiano, si verifica un sanguinamento che può portare alla morte del paziente. Una vena scoppiata diventa un'ulcera. Fa male e richiede cure mediche. Nei casi gravi, le vene varicose sono accompagnate da convulsioni e dall'aspetto di una rete vascolare sulla pelle di colore blu o viola.

Le donne sono più suscettibili allo sviluppo di questa patologia. La malattia è soggetta a una progressione lenta ma costante e può alla fine causare disabilità al paziente.

Le vene varicose sulle mani si sviluppano a seguito di sovraccarico fisico o surriscaldamento. I pazienti sviluppano dolore localizzato intorno alle mani. Le vene diventano in rilievo e tortuose. Il dolore è accompagnato dall'intorpidimento delle mani, dall'incapacità di tenere gli oggetti nelle loro mani per molto tempo.

flebite e tromboflebite - possibili cause di dolore episodico nelle vene delle mani

Sensazioni dolorose nelle vene degli arti superiori dopo l'iniezione indicano che l'ago smussato è stato utilizzato per uno scopo inappropriato e il sito di iniezione è stato trattato male o l'iniezione è stata effettuata nel posto sbagliato. Se il dolore non scompare per un certo tempo, ma, al contrario, aumenta ed è accompagnato da ipertermia e gonfiore nel sito di iniezione, si sviluppa un'embolia della droga.

  • Il dolore nella vena dopo il contagocce può essere una conseguenza della flebite (infiammazione), oppure può verificarsi a causa di un ago che colpisce il nervo o danni vascolari.
  • Succede che il braccio fa male dopo aver preso il sangue da una vena. La causa di questo dolore è una puntura della vena o la manca.
  • tromboflebite

    La tromboflebite è una malattia infiammatoria della parete venosa in cui si forma un coagulo nel lume di una nave. La malattia di solito si sviluppa nelle persone con vene varicose. Per provocare il suo aspetto, il freddo può essere banale. La tromboflebite si manifesta con un forte dolore nella vena e il suo gonfiore. La nave infiammata viene palpata come una corda tesa e dolorosa, traslucida attraverso la pelle. Il dolore è localizzato nella parte superiore della gamba o sotto il ginocchio. È accompagnato dalla comparsa di gonfiore e iperemia della pelle sulla vena infiammata. Nella tromboflebite acuta compaiono spesso sintomi generali e intossicanti, in particolare febbre. Nei pazienti con aumento della temperatura corporea a 38 gradi, che è accompagnato da debolezza, mal di testa, mialgia, malessere generale. La febbre è la risposta del corpo all'infiammazione locale.

    I coaguli sanguigni violano il deflusso venoso, che è accompagnato da sintomi appropriati. Questo è il più grande pericolo, che porta in caso di blocco della vena per fermare il flusso di sangue e la morte del paziente. Se un coagulo di sangue si stacca dalla parete vascolare, entrerà nella circolazione sistemica e con il sangue negli organi interni. Quando il blocco delle arterie del polmone, l'accesso di ossigeno viene interrotto e la persona può soffocare. La trombosi e l'embolia polmonare sono conseguenze pericolose della tromboflebite. L'infiammazione purulenta in casi estremi conduce a un processo settico, cellulite di un arto, ascessi di varia localizzazione.

    Trombosi delle vene degli arti inferiori

    La trombosi venosa profonda delle gambe è spesso asintomatica. Molto spesso, la malattia viene diagnosticata in persone con paralisi delle braccia o delle gambe, così come nei pazienti costretti a letto.

    trombosi venosa delle gambe profonde e manifestazioni acute

    • Dolore nelle vene,
    • Gonfiore bilaterale delle gambe,
    • Ipertermia locale,
    • Cianosi della pelle delle gambe.

    Spesso, la trombosi venosa profonda non si manifesta clinicamente e non viene diagnosticata. Le vene bloccanti, i coaguli di sangue causano il ristagno del sangue e, successivamente, lo sviluppo di conseguenze mortali.

    embolia - una pericolosa conseguenza delle vene varicose e della trombosi venosa, irta di blocco delle arterie vitali (in particolare i polmoni) da un coagulo di sangue nel sangue

    La sindrome post-flebitica (PTFS) è una condizione dopo aver sofferto di malattie del sistema venoso, caratterizzata dal ripristino della pervietà venosa. I coaguli di sangue vengono assorbiti o sostituiti da fibre di tessuto connettivo. Allo stesso tempo, le valvole delle valvole rimangono stupite, non possono più funzionare normalmente. La malattia si manifesta come una sindrome del dolore pronunciata che provoca la zoppia e il gonfiore degli arti inferiori. Complicazioni della malattia - iperpigmentazione della pelle, vene varicose, dermatite congestizia.

    È importante! Manifestazioni di insufficienza venosa, che dovrebbero immediatamente richiedere assistenza medica:

    trattamento

    Il trattamento delle malattie manifestate dal dolore nelle vene dovrebbe essere affrontato all'inizio dei primi sintomi, e non quando la malattia è nell'ultima fase e ha gravi conseguenze.

    Solo uno specialista esperto e altamente qualificato fornirà assistenza medica: aiuto per eliminare il dolore nelle vene e parlare dei modi per migliorare la condizione delle vene nelle gambe.

    Il trattamento delle malattie venose comprende diverse tecniche: conservativa, chirurgica, fisioterapica.

    Terapia dietetica

    Prima di iniziare a usare i farmaci, è necessario normalizzare la nutrizione e ottimizzare l'attività fisica sul corpo. La dieta dovrebbe includere alimenti ricchi di vitamine A, C, E, B e oligoelementi: calcio, selenio, rutina. Gli esperti raccomandano che a rifiutare gli alimenti che sono ad alto contenuto di grassi e colesterolo, non mangiare troppo, limitare il consumo di,,,,, cibi grassi fritti piccanti affumicati sottaceto dolci. Preferenza è la frutta fresca e verdura, noci, frutta secca, prodotti lattiero-caseari.

    La stitichezza cronica porta spesso allo sviluppo di vene varicose (e anche al rischio di ingrossamento delle vene locali - emorroidi). Con costipazione, il flusso di sangue attraverso le vene profonde delle gambe è limitato. Durante lo sforzo si sovrappongono e il sangue inizia a circolare attraverso le vene superficiali, formando strisce blu sulle gambe. Una corretta alimentazione per costipazione vieta il consumo di carboidrati semplici e grassi animali. I pazienti dovrebbero includere nel menu giornaliero di cereali, pane integrale, fibra vegetale. È utile bere molta acqua pulita, succhi di frutta o verdura.

    Terapia farmacologica

    Il dolore nelle vene - uno dei segni di trombosi infiammazione vascolare o tromboflebite. Il trattamento di queste malattie consiste nell'uso di farmaci anti-infiammatori, fluidificanti del sangue e rinforzo vascolare. Se la vena del paziente è gonfia e dolorante, i medici prescrivono creme o unguenti che alleviano il dolore ed eliminano altri segni di infiammazione. Gli effetti sistemici sono farmaci sotto forma di pillole o iniettabili. Essi riducono il dolore, prevenire processo di formazione di trombi, fluidificare il sangue, migliorare la circolazione sanguigna locale, rafforzare le pareti dei vasi, alleviare gonfiori e prevenire conseguenze pericolose.

    I seguenti gruppi di farmaci aiutano a ridurre il dolore alle gambe e il gonfiore:

    1. Flebotics o venotici - "Troxevasin", "Detralex", "Antistax", "Venitan", "Phlebodia". Ripristina l'elasticità delle vene, migliora il trofismo dei tessuti e la microcircolazione.
    2. Farmaci anti-infiammatori - Indomethacin, Diclofenac, Nurofen, Nise. Riducono la gravità del dolore, alleviano il gonfiore e migliorano il benessere dei pazienti.
    3. Gli anticoagulanti prevengono il processo di coaguli di sangue - "Eparina", "Fenilin".
    4. I fluidificanti del sangue sono Curantil, Lioton, Trombofob, Venolife, Trental.

    Trattamento chirurgico

    Se la terapia conservativa era inefficace e il dolore nelle vene non andava via, procedere all'intervento chirurgico.

    • Attualmente, i chirurghi preferiscono tecniche minimamente invasive - coagulazione laser endovenosa. Durante l'operazione, la vena non viene rimossa, ma solo "sigillata" da entrambi i lati. La terapia laser è un'operazione destinata al trattamento di vasi di piccolo calibro. I flash laser brevi e luminosi puntati sulla nave colpita causano la coagulazione. Le pareti delle vene dilatate vengono distrutte e il lume è sigillato. Questo metodo è usato per trattare le ulcere trofiche.
    • Rimozione della vena - venectomia. Tale operazione è considerata un metodo di trattamento obsoleto.
    • La trombectomia viene eseguita in pazienti ad alto rischio di embolia polmonare, cancrena e altre complicanze.
    • L'angioplastica con palloncino è un metodo per trattare una trombosi che ripristina il lume dei vasi interessati e migliora il flusso sanguigno al suo interno.
    • La scleroterapia è una procedura durante la quale una sostanza "adesiva" viene iniettata nella vena interessata usando un ago sottile. Le pareti della nave si uniscono e cessa di funzionare. Le iniezioni vengono ripetute fino a quando la vena non viene completamente cancellata. Questo metodo viene utilizzato per eliminare le piccole vene dilatate e rimuovere le "vene dei ragni".
    • Il trattamento chirurgico combinato consiste nel rimuovere grandi tronchi venosi e scleroterapia di piccoli rami.
    • Per il trattamento di "vene varicose" e "mesh vascolare" utilizzando la crio - o distruzione termica.
    • Miniflebectomia - rimozione della vena interessata attraverso una puntura senza tagli e sutura.

    Procedure fisioterapeutiche

    Metodi fisioterapici per il trattamento delle malattie venose manifestate dal dolore:

    1. La magnetoterapia ha un effetto terapeutico dovuto alla profonda penetrazione nel tessuto dei campi magnetici. Come risultato di questo trattamento, l'infiammazione scompare, il dolore diminuisce, i gonfiori si attenuano, migliora la circolazione sanguigna locale.
    2. Le correnti diadinamiche hanno un effetto stimolante sui muscoli della parete venosa, eliminano il dolore, causano la dilatazione dei vasi sanguigni, il che porta a migliorare la circolazione sanguigna e il trofismo. L'elettroterapia con la somministrazione simultanea di farmaci veniva chiamata diadinamophoresi.
    3. L'elettroforesi è un modo speciale di introdurre farmaci nel corpo. Al fine di ridurre l'infiammazione e sciogliere i coaguli di sangue, è necessario somministrare unguento eparina, acido acetilsalicilico.
    4. La terapia UHF promuove il riassorbimento del centro dell'infiammazione e la riduzione dell'edema. Allo stesso tempo, il sistema immunitario, la circolazione sanguigna e il drenaggio linfatico sono migliorati, il lavoro dell'intero organismo viene ripristinato.
    5. La terapia con Amplipulse viene utilizzata in presenza di cambiamenti trofici. Le correnti sinusoidali stimolano i processi di rigenerazione tissutale.
    6. Le persone inclini allo sviluppo di processi trofici, raccomandano anche i bagni di paraffina.
    7. La pneumocompressione intermittente stimola il tono vascolare e migliora il flusso sanguigno venoso.
    8. Il massaggio pneumatico elimina i sintomi delle vene varicose e migliora la circolazione sanguigna nelle gambe.
    9. L'ozono terapia e l'ossigenoterapia iperbarica sono metodi comunemente usati per il trattamento della patologia venosa.

    Medicina popolare

    I mezzi della medicina tradizionale possono essere integrati con il trattamento principale delle malattie.

    • Il trattamento con le sanguisughe in combinazione con la fisioterapia porta sollievo dopo il primo corso. Le sanguisughe nel processo di succhiare il sangue lanciano l'irudina nella circolazione sistemica. Questa sostanza assottiglia bene il sangue. Attualmente, l'industria farmacologica produce molti farmaci che hanno un effetto simile. L'irudoterapia è indicata per le persone che non tollerano il trattamento con farmaci che fluidificano il sangue.
    • L'aromaterapia dà buoni risultati. Gli oli essenziali vengono applicati quotidianamente con leggeri movimenti di massaggio sulla pelle delle zone interessate. Utili sono gli oli di limone, cipresso, arancia, menta, lavanda.
    • All'interno si può prendere la tintura di fiori e frutti di castagno, acacia, noci giovani.
    • L'aloe vera e l'aceto di mele sono vecchi rimedi popolari per il trattamento delle patologie venose. I panni di garza sono impregnati con l'estratto di aceto o di aloe e applicati agli arti doloranti 2 volte al giorno.
    • I pediluvi curativi con tisane danno un buon effetto. Preparare le infusioni di bardana, foglie di betulla, ortica, camomilla, melissa e origano.
    • L'aglio tritato viene versato con miele, riscaldato a bagnomaria e insistito per 7 giorni in un luogo buio. Prima di ogni pasto, prendi il prodotto risultante di 1 cucchiaio.
    • Un decotto di coni di luppolo è utile da bere a stomaco vuoto.

    prevenzione

    Per prevenire lo sviluppo di malattie del sistema venoso, manifestate dal dolore e dal gonfiore delle estremità, dovresti seguire le raccomandazioni degli esperti:

    1. Le donne rifiutano di assumere contraccettivi orali che aiutano a rallentare il flusso sanguigno e i coaguli di sangue.
    2. Le persone costrette a stare in piedi o sedersi in una posizione scomoda per un lungo periodo dovrebbero poter riposare le gambe.
    3. I pazienti sottoposti a flebite, per controllare il carico sulle gambe e periodicamente dare loro riposo. E, al contrario, se una persona è costretta a letto, ha un aumentato rischio di sviluppare malattie delle vene. Il carico minimo sulle gambe porta all'atrofia muscolare e all'estinzione della loro funzione.
    4. Per gli scopi profilattici, l'aspirina dovrebbe essere presa per assottigliare il sangue.
    5. Seguire la modalità dell'attività fisica e praticare attività fisica, nuoto, yoga, jogging, camminata sportiva.
    6. Fai una doccia a contrasto e fai un leggero massaggio ai piedi.
    7. Combattere le cattive abitudini: smettere di fumare e limitare l'assunzione di alcol. Il fumo aggrava e accelera il processo di coaguli di sangue.
    8. compressione elastica attiva il flusso di sangue nelle vene profonde, previene la comparsa di edema, riduce la quantità di sangue nelle vene safena, stimola il metabolismo e la circolazione sanguigna. I pazienti devono indossare collant a compressione o calze quotidiane.
    9. Per facilitare il deflusso venoso alla fine della giornata, dovresti dare alle gambe una posizione elevata per 15-20 minuti. Per fare questo, sdraiati orizzontalmente e metti i cuscini sotto i piedi.

    Il dolore nelle vene non può essere semplicemente tollerato. Segnala che non tutto è in ordine nel corpo, e questo dovrebbe essere notato. Il dolore non dovrebbe solo affogare, perché avverte del pericolo. La salute dovrebbe essere protetta e le malattie dovrebbero essere curate!

    Articoli Su Varici