Cosa aspettarsi dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose

Il trattamento conservativo quando si esegue la varicosità sulle gambe non dà risultati, in questa fase ricorrono all'intervento chirurgico. È necessario, prima di tutto, normalizzare il flusso sanguigno degli arti inferiori, evitando così una grave complicanza sotto forma di tromboflebite. Inoltre, la chirurgia per le vene varicose migliorerà le condizioni generali della persona e lo riporterà alla vita normale. La varicosità dopo l'intervento chirurgico non sempre dà le conseguenze o le complicazioni con cui i pazienti sono così spaventati, costringendoli a rifiutare l'intervento chirurgico per un lungo periodo di tempo.

Le conseguenze dopo l'intervento sono diverse, dipendono dal volume e dal metodo dell'intervento chirurgico. Ogni tecnica ha le sue caratteristiche e differisce in durata e caratteristiche di riabilitazione. Quale tipo di intervento chirurgico per rimuovere le vene delle gambe interessate verrà assegnato al paziente dipende dalle caratteristiche individuali del suo corpo, i sintomi della malattia, la forma delle varici, la probabilità di conseguenze.

flebectomia

Le complicazioni dopo l'intervento chirurgico possono essere osservate immediatamente o dopo un po 'di tempo. Il primo giorno dopo l'intervento può verificarsi un lieve sanguinamento - ciò richiede un'attenta osservazione del medico. E tali conseguenze come lividi, ematomi nel sito di manipolazione, di solito si risolvono entro una settimana. A volte le foche sono osservate nell'area chirurgica, ma dopo 2-3 settimane non vi sarà traccia di esse.

Puoi alzare il paziente entro poche ore dopo la procedura. E il giorno dopo, i dottori, di regola, dopo la vestizione successiva, hanno già il permesso di tornare al loro solito modo di vivere, ma con alcune restrizioni.

Durante il periodo postoperatorio è molto raro, ma il tromboembolismo può svilupparsi. È causata dalla trombosi delle vene profonde degli arti inferiori, una tale complicazione si verifica estremamente raramente, a sua volta, la trombosi può essere scatenata da un lento flusso di sangue, infezione, riposo a letto prolungato. Per riabilitare senza conseguenze così terribili, i medici raccomandano l'uso di bende elastiche. Inoltre, è necessaria un'attività fisica adeguata: è necessario camminare di più, fare esercizi consentiti.

In alcuni casi, il tromboembolismo può svilupparsi dopo l'intervento chirurgico.

Il trattamento delle vene varicose con un'operazione come la flebectomia colpisce solo le vene e i vasi sanguigni interessati, quindi la malattia può ritornare. La recidiva non è esclusa a causa della mancata osservanza delle misure preventive. Le raccomandazioni mediche per la riabilitazione dovrebbero essere seguite rigorosamente, altrimenti le vene varicose possono influenzare le vene delle gambe sane. Foto difetto cosmetico dopo l'intervento chirurgico spaventare le donne. Va notato che se si esegue l'operazione nelle prime fasi dello sviluppo delle vene varicose sulle gambe, il numero di cicatrici (cicatrici) sarà piccolo e la loro gravità è minima. Dopo un po ', diventano completamente invisibili. Se le vene varicose erano complicate da ulcere trofiche, dopo l'operazione rimangono cicatrici più evidenti. Ma dobbiamo ricordare la predisposizione individuale alla formazione di cicatrici.

Una lista di malati viene somministrata a un paziente per una settimana, se il suo lavoro richiede mobilità, il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico dovrebbe essere più lungo. Termini specifici, nonché quanti giorni è possibile estendere la riabilitazione, determina il medico curante.

scleroterapia

Le recensioni dei pazienti dicono che il risultato si fa sentire già dopo la prima sessione, il dolore e la pelle d'oca scompaiono. Tali manifestazioni come la sindrome del dolore, lieve pigmentazione, arrossamento, prurito nel periodo postoperatorio sono considerate normali. Possono essere causati da una bassa soglia del dolore o da una reazione individuale del corpo. Complicazioni nel periodo postoperatorio si verificano raramente, tuttavia, possono fornire qualche disagio al paziente.

  • Allergy. La reazione è causata da intolleranza individuale ai farmaci, sclerosante. L'allergia è potenziata da bende elastiche e altra compressione.
  • Iperpigmentazione. Il sangue coagulato nella nave può formare macchie scure. La loro scomparsa dai piedi richiede un lungo periodo di tempo.
  • Reticolo vascolare Il difetto è diminuito da solo in pochi mesi.

Dopo la scleroterapia, può apparire una vena di ragno, che scompare nel giro di pochi mesi.

Anche le conseguenze più gravi sono rare. Questi includono la necrosi della pelle, può accadere a causa di una rottura della parete venosa o dell'ingestione del farmaco nell'arteria. La trombosi può essere provocata dalla somministrazione di una grande dose di sclerosante, nonché dalla mancanza di possibilità di riprendere l'attività fisica, quando il paziente non si conforma alle raccomandazioni del medico per la ripresa dell'attività fisica durante il periodo di riabilitazione - si rifiuta di camminare molto e fare passeggiate. Se si viola la modalità di compressione, applicando erroneamente bende elastiche, si può causare un forte gonfiore degli arti inferiori.

Il trattamento delle vene varicose complicate con scleroterapia richiede risultati preliminari di diagnostica ecografica, una foto e la conclusione di un medico ecografico. Sulla base di questi, il phlebologist deciderà sulla durata della procedura da prescrivere. Dopo la scleroterapia, il paziente può tornare immediatamente alla vita normale, quindi la lista malata non si apre.

Coagulazione vascolare endovenosa

Le vene varicose possono essere trattate con laser terapia. Questa tecnologia consente di trattare efficacemente le vene varicose sulle gambe, eliminando le vene varicose nel 90% dei casi. L'effetto laser sulla nave malata si verifica attraverso una puntura nella pelle. Le recensioni sul trattamento laser e sulla riabilitazione parlano da sole.

  • Alte prestazioni
  • Mancanza di difetti estetici
  • Un rapido ritorno alla vita normale.

Gli effetti del trattamento laser si sviluppano solo in poche migliaia di pazienti. Possono formarsi lividi, ematomi e sigilli, sono evidenti quando il paziente inizia a camminare. In alcuni casi, è possibile notare una tale conseguenza, come una diminuzione della sensibilità della pelle, ma viene rapidamente ripristinata. Dopo la procedura, la temperatura potrebbe aumentare leggermente.

La procedura di laserterapia avviene senza incisioni, il che porta ad un buon effetto cosmetico.

La terapia farmacologica ridurrà l'infiammazione, eliminerà il dolore. Quanto tempo impiegare i farmaci durante la riabilitazione, così come il loro dosaggio è determinato da un medico specialista. Sfortunatamente, il trattamento laser non fornisce una garanzia del 100% per la cura completa delle vene varicose sulle gambe. La recidiva è possibile, ma la probabilità della sua manifestazione aiuterà a ridurre le bende elastiche, la terapia farmacologica e le raccomandazioni del medico, che devono essere seguite nel periodo postoperatorio. Quanto dura dipende dalle condizioni del paziente.

Con il trattamento laser, la lista malata non si apre. I risultati visivi prima e dopo il trattamento delle gambe possono essere visti nella foto, che sono presentati su Internet.

recupero

La riabilitazione del paziente richiede il rispetto delle misure preventive: dieta terapeutica, compressione, rifiuto delle cattive abitudini. Tutto insieme ridurrà al minimo il rischio di una ricaduta.

  • Una dieta durante il periodo di riabilitazione per le vene varicose dovrebbe includere i prodotti più naturali contenenti vitamina C, fibre vegetali, acidi grassi e minerali. La dieta è una componente importante dell'intero complesso di misure, che consente di ridurre la ricorrenza delle vene varicose nelle gambe.
  • La maglieria a compressione per le gambe e le bende elastiche assicurano una fissazione affidabile degli arti inferiori, sostengono le pareti indebolite dei vasi della parte inferiore della gamba, migliorano la circolazione sanguigna nelle gambe.
  • Bere alcol, il fumo frequente influisce negativamente sulle condizioni delle gambe. Conseguenze come la vasocostrizione, l'assottigliamento delle pareti e un aumento dei livelli di coagulazione del sangue provocano una ricaduta delle vene varicose.

Se l'intervento chirurgico per rimuovere le vene colpite ha avuto successo e il paziente osserva il nuovo regime e le raccomandazioni dei primi giorni di riabilitazione, il rischio di sviluppare una tale complicazione come recidiva sarà minimo. Prendersi cura delle condizioni delle gambe dovrebbe essere attentamente, non dimenticare di esercizi fisici per il piede e la gamba. Uno stile di vita sano dovrebbe essere mantenuto non solo durante la riabilitazione, ma anche dopo di esso.

Hai un congedo per malattia per le vene varicose?

Situazioni generali

Il nome abituale "ospedale" nella pratica medica è indicato come il foglio di disabilità. Questa è un'esenzione dalle attività lavorative emesse dal medico curante. Il termine iniziale dell'ospedale è fissato nell'intervallo da 7 a 10 giorni, quindi, in assenza di un completo recupero, questo periodo può essere esteso da uno specialista fino a 30 giorni. Un ulteriore aumento del tempo di disabilità è stabilito solo dalla decisione della commissione medica.

Le vene varicose si manifestano in diversi stadi di sviluppo. Nella maggior parte dei casi, la malattia inizia con una leggera stanchezza alle gambe, specialmente dopo l'esercizio fisico o una giornata impegnativa. Per diagnosticare le vene varicose in questo caso è possibile solo per caso durante l'esame strumentale preventivo. La fase iniziale della patologia non fornisce motivi per rilasciare un foglio di disabilità.

Nella seconda fase dello sviluppo della malattia, il paziente può avvertire un senso di pesantezza o dolore alle gambe, il gonfiore serale e il dolore lieve e le vene varicose possono anche apparire sulla pelle. Tali stati non sono inoltre indicazioni per l'esenzione dal lavoro.

Il paziente può essere prescritto procedure che può subire nel suo tempo libero, ma il più delle volte la terapia viene effettuata con l'aiuto di droghe.

Il terzo stadio di sviluppo delle vene varicose è caratterizzato da dolore pronunciato, gonfiore persistente, crampi, sensazione di pesantezza e dolore. Tutti i sintomi sono aggravati dopo l'attività fisica, così come una lunga permanenza nella stessa posizione. In questo caso, il rilascio di un certificato di invalidità è controverso, la conclusione è fatta dal medico curante su base individuale.

Se un paziente non ha una reazione ai farmaci sintomatici, e la professione implica essere costantemente in piedi o seduti, c'è la possibilità di ottenere un congedo per malattia.

L'ultimo stadio dello sviluppo delle vene varicose è caratterizzato da un aumento dei sintomi esistenti e dalla comparsa di complicanze. Questi includono tromboflebiti - infiammazione della parete vascolare, seguita dalla formazione di un coagulo di sangue e ulcere trofiche - ferite non cicatrizzate umide sulla pelle per lungo tempo.

In presenza di queste conseguenze, la lista di malattia è emessa in ogni caso, il periodo di disabilità è determinato dal medico individualmente, a seconda del tasso di insorgenza di dinamiche positive. Nella maggior parte dei casi, il paziente viene rilasciato dalle attività lavorative per un massimo di 30 giorni, a volte questo periodo può durare fino a 4 mesi.

Va tenuto presente che solo la tromboflebite acuta è un'indicazione per il certificato di invalidità. Malattie croniche senza esacerbazioni con un forte deterioramento della condizione non sono motivo per limitare l'attività. La tromboflebite cronica è caratterizzata da una debole gravità dei sintomi e dall'assenza di deterioramento nelle condizioni generali del paziente, pertanto è probabile che il problema di una lista malata venga negato.

Se il paziente crede di non poter lavorare in modo produttivo con le vene varicose o ha paura per la sua salute, può prendere un congedo non retribuito in base alla legislazione sul lavoro.

Vene varicose durante la gravidanza

L'ingrandimento del varicosio si verifica in ogni terza donna che si aspetta un bambino, e questo si verifica più spesso nel terzo trimestre di gravidanza, ma la malattia può verificarsi anche nel secondo. Ciò si verifica a causa della pressione che il bambino esercita sul corpo della madre e che aumenta con le dimensioni del feto.

In generale, non ci sono privilegi speciali per le lavoratrici incinte che soffrono di vene varicose in termini di congedo per malattia. Secondo le regole, la restrizione dell'attività lavorativa viene emessa solo nelle fasi successive dello sviluppo della malattia, o se vi è una minaccia immediata per il bambino.

Individualmente, si possono prendere in considerazione i casi in cui il paziente compie un pesante lavoro fisico o sia costantemente in piedi o seduto al lavoro.

Per le donne incinte che lavorano c'è una cosa come il congedo di maternità. Questa è una lista di malati ufficiale pagata, che qualsiasi paziente può richiedere nel suo posto di lavoro mentre fornisce un foglio di disabilità. Le date del congedo di maternità sono in costante cambiamento, inoltre, ci sono alcune sfumature in cui è necessario comprendere in dettaglio. Secondo la legge sul lavoro, sono stipulati i seguenti termini:

  1. Se una donna si aspetta un figlio e la gravidanza non è complicata, 70 giorni retribuiti vengono forniti prima della nascita del bambino e 70 giorni dopo.
  2. Se una donna si aspetta un bambino, ma la gravidanza è complicata da altre malattie, in particolare le vene varicose, il medico può fissare un appuntamento per aumentare l'ospedale pagato dopo aver dato alla luce 86 giorni.
  3. Se la gravidanza è multipla, prima della nascita vengono pagati 84 giorni di congedo per malattia, dopo di loro - 110.

Così, una donna può ufficialmente andare in congedo di maternità a 30 settimane di gestazione in attesa di un figlio, e a 28 in attesa di diversi. Questi termini sono direttamente il terzo trimestre, che, di norma, si verificano nella maggior parte dei casi di vene varicose. Di solito nelle prime fasi dello sviluppo della malattia si manifestano implicitamente, quindi il paziente può semplicemente aspettare il congedo di maternità. Se la patologia si verifica nel secondo trimestre, il medico considera la situazione individualmente, in base al possibile rischio per la madre e il bambino mentre continua a lavorare.

Nel caso di donne incinte che lavorano, tutto è ambiguo e, anche nelle prime fasi dello sviluppo delle vene varicose, il medico può scrivere una lista malata secondo le indicazioni individuali. Tuttavia, non ci si dovrebbe aspettare di essere sollevati dal lavoro in anticipo, poiché spesso la malattia si ferma facilmente con farmaci che non danneggiano il bambino.

Riabilitazione dopo intervento chirurgico venoso

Nelle fasi successive dello sviluppo delle vene varicose, quando la terapia conservativa non aiuta, o c'è un forte deterioramento delle condizioni del paziente con un rischio per la sua salute e la vita, è indicato un intervento chirurgico. Può essere utilizzato come metodo tradizionale aperto di medicazione o rimozione completa della vena interessata, e metodi più moderni.

Dopo un'operazione aperta, l'ospedale nella persona del medico curante ha il diritto di rilasciare al paziente un foglio di invalidità per un periodo determinato individualmente. Può essere da 7 a 30 giorni, durante i quali il corpo può riprendersi completamente dopo la rimozione o la legatura di un vaso sanguigno. Durante questo periodo, al paziente viene mostrato riposo e farmaci.

Dopo la procedura di coagulazione laser, di solito non viene emessa una lista malata, poiché l'operazione è minimamente invasiva, cioè non fornisce un ampio danno alla pelle. In questo caso, il medico può emettere un foglio di disabilità per 1-3 giorni in base alle indicazioni individuali. La scleroterapia (iniezione con un agente legante) è anche un metodo minimamente invasivo, quindi il rilascio dal lavoro è raramente dato.

Riassumendo

Le vene varicose in sé e per sé non sono un'indicazione ufficiale per la dimissione di disabilità, si verifica in casi estremamente rari in base alle caratteristiche individuali. Le indicazioni per l'esenzione dalle attività lavorative sono complicazioni di questa malattia, che richiedono un riposo costante del paziente.

Se viene eseguito un trattamento ambulatoriale di tromboflebite limitata, la lista di malattia è emessa in media per 18-21 giorni, si diffuse - su 30-40. Con un intervento chirurgico per rimuovere gli effetti della malattia varicosa, il periodo di disabilità è in media 24-30 giorni. Se si è verificato un trattamento chirurgico delle ulcere trofiche, il periodo di restrizione dell'attività lavorativa viene stabilito individualmente sulla base della loro guarigione. Con il trattamento conservativo di questa complicanza, la lista malata può essere rilasciata per 40-50 giorni. Se la manifestazione della patologia è erisipela causata da microrganismi, il paziente viene rilasciato dal lavoro per 6-10 giorni.

Il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose: il modo migliore per recuperare dopo la rimozione?

La chirurgia per le vene varicose è un processo complesso che richiede preparazione e recupero a lungo termine.

Affinché il periodo di riabilitazione abbia successo e senza complicazioni, è importante seguire scrupolosamente le prescrizioni del medico curante, seguire una dieta equilibrata ed eliminare completamente le cattive abitudini.

Più avanti nell'articolo vi parleremo delle caratteristiche della riabilitazione, della cura dopo l'intervento chirurgico e della corretta alimentazione per una pronta guarigione.

Flebectomia: le sfumature della procedura e il recupero

La chirurgia per le vene varicose o flebectomia viene eseguita in caso di impossibilità di trattamento conservativo. L'intervento radicale è necessario a rischio di trombosi, edema grave, ulcere trofiche, cambiamenti irreversibili nei vasi.

L'operazione per le vene varicose viene eseguita in anestesia generale o locale in ospedale, non richiede più di 2,5 ore. Il periodo di recupero dura molto più a lungo. L'ulteriore salute del paziente dipende da quanto bene passa.

Con le moderne tecniche minimamente invasive (ad esempio la scleroterapia), non è richiesto il ricovero in ospedale. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale e dopo 3 ore il paziente può tornare a casa.

Tuttavia, il periodo di recupero è necessario nel caso di tecniche non traumatiche. La mancata osservanza del regime e un'alimentazione scorretta possono innescare una ricaduta della malattia.

Le conseguenze spiacevoli dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose includono:

  • dolore e pesantezza alle gambe;
  • lo sviluppo delle vene varicose e la sconfitta di nuove vene;
  • intorpidimento delle estremità, diminuzione della sensibilità della pelle;
  • sanguinamento e suppurazione nei luoghi di rimozione delle vene.

Qual è il modo migliore per recuperare dalla chirurgia delle vene varicose?

Dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, il paziente rimane in ospedale per 3-5 giorni. Il medico monitora le condizioni del paziente, se necessario, prescrivendo antidolorifici. Per scopi profilattici, vengono utilizzati farmaci per fluidificare il sangue e antiedemici.

Per rafforzare le vene e migliorare il flusso sanguigno dopo l'intervento chirurgico, vengono utilizzati preparati con diosmina (Phlebodia, Venarus, Detralex) e prodotti con troxerutina (Troxerutina, Troxevasin). Il trattamento dura 10-14 giorni, il corso e il dosaggio sono calcolati individualmente.

Durante il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, il paziente ha bisogno di maglieria a compressione: leggings, calze o calze. Se le gambe sono gonfie e non è possibile raccogliere un prodotto della giusta misura, utilizzare una fascia larga elastica.

Si applica dal piede al ginocchio e si adatta perfettamente alle gambe senza schiacciarle. Le bende devono essere indossate durante il periodo di riabilitazione, cambiano ogni giorno, le ferite vengono trattate con clorexidina o altri disinfettanti.

Dopo la rimozione delle vene varicose, è necessario riposare a letto, ma non è necessario mantenere la completa immobilità. Il paziente può muovere le gambe, ruotare, fare movimenti rotatori dei piedi, piegare le ginocchia.

Quando il paziente può alzarsi dal letto, è necessario aumentare l'attività fisica. Puoi camminare nel reparto, fare ginnastica con alzare e abbassare le gambe dritte o piegate.

Particolarmente utile nel periodo postoperatorio per gli esercizi delle vene varicose sul pavimento:

  • imitazione del ciclismo;
  • ginocchio al petto;
  • contrazione della parete addominale.

Tali movimenti non solo migliorano il flusso sanguigno, ma prevengono anche la stitichezza, che sono pericolose per le vene varicose.

Guarda un video in cui il chirurgo ti dice cosa può e non può essere fatto dopo l'intervento chirurgico:

Pelle e cuciture

Come comportarsi dopo la chirurgia della vena varicosa laser? Non è un segreto che dopo tale procedura vengono applicate suture e la pelle diventa vulnerabile.

Durante il periodo di riabilitazione, si dovrebbe prestare particolare attenzione alle aree in cui è stata eseguita l'operazione. Le suture si formano 2-3 mesi, le cicatrici richiederanno lo stesso tempo.

Di seguito sono riportate alcune raccomandazioni dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose:

  1. Durante questo periodo, sono vietati i bagni, le docce calde, le procedure di contrasto dell'acqua e l'uso di scrub e salviette rigide. Le gambe vengono lavate delicatamente con acqua tiepida e una spugna morbida saponata, dopo procedure igieniche, la pelle viene asciugata con un asciugamano morbido.
  2. Se le ferite si deteriorano, c'è bruciore e prurito, puoi trattare la pelle con iodio. Zelenka o alcool non sono usati. Le croste formate non possono essere rimosse, dopo aver stretto le ferite, scompaiono indipendentemente.
  3. Per accelerare la guarigione dei punti dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, il medico può prescrivere la radioterapia al quarzo o la terapia UHF.

Le procedure vengono eseguite su base ambulatoriale, il corso viene assegnato individualmente. L'UHF è ben combinato con la ginnastica medica e il massaggio, previene i cambiamenti trofici, le infiammazioni e altre complicanze postoperatorie.

Il massaggio ai piedi può essere fatto indipendentemente, riduce il gonfiore, stimola la circolazione sanguigna, migliora il benessere del paziente.

  • I punti vengono rimossi una settimana dopo l'operazione per le vene varicose, durante il quale le ferite sono completamente serrate. Il paziente deve indossare la biancheria intima di compressione o fasciare le gambe con una benda elastica. Per le bende notturne vengono rimosse. Le calze o le calze al ginocchio devono essere lavate tutti i giorni e anche le bende cambiano ogni giorno.
  • Per evitare l'edema, è utile riposare più spesso in posizione prona posizionando un rullo o una coperta arrotolata sotto i piedi. I bagni o le vasche da bagno a contrasto, che sono meglio fare prima di coricarsi, aiuteranno a rafforzare i vasi dopo l'intervento.
  • Funzioni di alimentazione

    La dieta durante il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose deve essere bilanciata e variata, escludendo completamente i provocatori. Il primo giorno dopo l'operazione vengono offerti al paziente pappe semi-liquide su acqua, zuppe di brodo vegetale, polpette di carne bianca di pollame, pesce magro e stufati di verdure. Dopo la fine della modalità letto, il menu può essere ampliato.

    1. La base della nutrizione durante il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose - piatti ricchi di fibre, vitamine, aminoacidi preziosi.
    2. Si raccomanda di mangiare più frutta e verdura, sia fresca che bollita o al forno.
    3. Il menu comprende verdure verdi (cavoli, insalate, fagiolini), pomodori, zucchine, zucche, melanzane, mele, agrumi, bacche rosse e nere.
    4. La fonte di proteine ​​sarà carni bianche (tacchino, pollo), pesce di mare, latticini a basso contenuto di grassi. Porridge utile, cucinato con acqua o latte scremato.

    Durante il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, il regime di bere è molto importante.

    • il menu dovrebbe includere bevande alla frutta fatte in casa e bevande alla frutta, ricco di vitamina C e potassio;
    • invece di caffè, è meglio usare tè verde o alle erbe;
    • I succhi appena spremuti di melograni, ciliegie, ribes nero, arance, mandarini e pompelmi hanno un effetto positivo sulle vene varicose operate. Arricchiscono il corpo con vitamine, tonificano, promuovono il diradamento del sangue.

    Dopo l'intervento per le vene varicose dalla dieta è necessario escludere i piatti che provocano trombosi, edema, peggioramento del flusso sanguigno. Questa categoria comprende una varietà di carni affumicate e cibi in scatola che contengono maggiori quantità di sale e conservanti, salse e spezie piccanti, carni grasse, grassi vegetali duri, dolci industriali e bevande gassate.

    Controindicazioni postoperatorie: cosa dovrebbe essere scartato?

    1. Durante il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, alcuni tipi di attività motoria dovranno essere esclusi. E 'vietato sollevare pesi, così come sport di forza, lunghe camminate, correre a distanze di maratona, andare in bicicletta per molte ore. Vale la pena di rifiutare i giochi di squadra, durante i quali è possibile ottenere gambe ferite.
    2. Immediatamente dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose, è vietato esercitare senza fissare bande elastiche. Con ampie deformità delle vene, la maglieria a compressione è necessaria per qualsiasi tipo di attività fisica.
    3. Durante il periodo di riabilitazione vale la pena di non visitare bagni e saune. Le lezioni in piscina o in palestra sono consentite alcuni mesi dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose. Prima di andare a nuotare, dovresti visitare un flebologo e ottenere il permesso.

    Il periodo di riabilitazione dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose è un'opportunità per prestare particolare attenzione alla vostra salute. Una dieta corretta, regole igieniche, un esercizio ragionevole, l'eliminazione dei fattori provocatori aiuteranno a recuperare il prima possibile ed evitare spiacevoli complicazioni.

    Giorni di ricovero dopo la chirurgia delle vene varicose

    Vado in ospedale per un intervento chirurgico, per rimuovere le vene varicose !! urgente

    Bene, se vai a letto, significa che sei già stato licenziato.

    Per quanti giorni si congedano per malattia dopo l'intervento? Nella vita, ci sono situazioni in cui il trattamento deve essere effettuato in un ospedale. Nel caso della chirurgia, spesso richiede molto tempo in ospedale.

    Mi chiedo perfino chi può rispondervi.

    Le vene varicose possono essere curate senza chirurgia. Da qui la domanda, quanto hai pagato il medico?

    Costo dell'intervento (vene varicose)

    Di solito questo è fatto gratuitamente nell'ospedale della città.

    Il giorno dopo l'intervento chirurgico, la malattia varicosa viene ligata usando la maglieria a compressione o la benda elastica, gli stessi blu passano in 2 o 3 settimane e dopo 1 2 mesi non rimane praticamente alcuna traccia di vene varicose e l'operazione rimane.

    Nell'ospedale, la chirurgia è fatta per rimuovere le vene varicose o per una tassa. in un semplice ospedale?

    Il tuo chirurgo dovrebbe darti un rinvio all'ospedale, se hai indicazioni per un intervento chirurgico, allora sarà gratis. Se vivi in ​​Russia.

    Rinvio dopo l'intervento chirurgico per la rimozione di un varicose 17/18/2013 17 01 1. Posso essere riconosciuto come deviante e essere licenziato dal servizio statale, se non sono stato membro del consiglio di amministrazione per 26 anni, e poi sono rientrato, ho subito tutte le procedure necessarie e mi sono seduto in congedo per malattia?

    Sicuramente libero, ma i dottori stanno aspettando grazie. Devi decidere.

    In un ospedale pubblico sotto la politica OMS gratuita, ordinaria flebectomia classica. Operazioni high-tech (EVLK, RFO) - a pagamento.

    Che operazione spaventosa per rimuovere le vene varicose? il dottore diede indicazioni al primo ospedale di Mosca

    Uhh, suona in qualche modo terribilmente T_T

    Minifleectomia in combinazione con trattamento laser - chirurgia venosa per vene varicose Ambulatorio Nella nostra clinica, usiamo una tecnologia unica per il trattamento delle vene varicose per un giorno.

    Rimossi in un posto si formano in un altro.
    Non preoccuparti, una volta dato l'orientamento significa che ci sono prove.

    Solo la sua inopportuna. Se in tempo, allora tutto andrà bene. Seguire le raccomandazioni dopo la dimissione dall'ospedale.

    Non senti dolore, in 3 giorni saranno dimessi, daranno un ospedale per 2-3 settimane.

    Quanto costa il congedo per malattia dopo l'operazione "vene varicose?". "

    Questa è una diagnosi, non un'operazione.
    L'ospedale è emesso sul fatto di disabilità, e non per un periodo specifico.

    È stato doloroso solo un giorno o due, quindi è stato giusto, quindi ho persino rifiutato di fare iniezioni di sollievo dal dolore me stesso durante l'operazione - anestesia. È andato via male non nel senso che è stato doloroso, ma semplicemente nauseabondo, la mente è stata stimolata.

    Di solito per un mese, a seconda di come va il recupero. c'è solo una lunga passeggiata in calze.

    Aiutami le vene varicose testicolari! quanto costerà l'intervento chirurgico e quanto durerà l'ospedale.

    Quali ospedali e cliniche regionali e di Mosca fanno bene le vene varicose (le vene sporgono)?

    Ospedale della città di Drezna. Abbiamo bisogno di un feedback sul funzionamento della malattia varicosa delle gambe e sulla presenza di recidive dopo l'intervento chirurgico

    Il periodo postoperatorio dopo l'intervento chirurgico nelle vene Dopo pochi giorni dall'intervento, il paziente viene dimesso dall'ospedale. Circa 7-14 giorni dopo la dimissione, il paziente è a casa in una lista malata.

    Che cos'è e cosa fare con esso? È stato dimesso 3 settimane fa dall'ospedale dopo l'infiammazione delle vene varicose.

    Fai l'intervento se sei così serio.

    Il giorno successivo a tale intervento, ti sarà permesso di sederti a letto, dopo di che sarai legato dopo un'operazione per rimuovere le vene con le vene varicose, è molto importante avere un leggero massaggio o eseguire la terapia fisica.

    Chi ha eliminato le vene varicose sulle gambe, quali sono le conseguenze?

    Questa non è un'opzione... La ragione è l'otturazione delle vene interne... E come risultato - stasi venosa, elefantiasi, erisipela, ulcere trofiche.

    Oggi, in onore del Day of varicose vene, uno sconto del 10% sul sole. Hai tempo per risparmiare da 520 a 1620 rubli! settimane Trattamento dopo chirurgia varici nelle mani. Inoltre, dopo l'operazione, il medico ti ha prescritto la profilassi con l'aiuto di unguenti e gel.

    Dopo l'intervento chirurgico per l'eliminazione di una vena (vene varicose), quanti di solito sono in ospedale?

    E dipende dal tipo di operazione che farai, se usi la tecnologia moderna, poi nelle cliniche commerciali possono scrivere il giorno dell'operazione, ma nei giorni in città puoi perdere 5 massimo, beh, forse 3). E non puoi prendere un congedo per malattia, ma dipende ancora dalla tecnologia.

    Aspetto impeccabile e salute eccellente delle gambe diventeranno il tuo biglietto da visita dopo aver contattato il Centro di flebologia innovativa a Mosca. Oggi, gli interventi chirurgici per il trattamento delle vene varicose ci ricordano questo.

    Vado in ospedale per un intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose.

    Ma anche quando il paziente non si muove, ad esempio, durante il sonno, la posizione delle gambe dopo l'intervento chirurgico per le vene varicose deve essere elevata - circa 10 cm sopra il normale. 1-2 giorni dopo l'operazione, i medici ti consigliano di sederti attivamente.

    Qualcuno ha fatto un intervento chirurgico alla vena varicosa? Quanto vale ora?

    Nell'ospedale di Zilov hanno fatto in autunno, il professore ha fatto 500 $

    Ad oggi, le opinioni sul trattamento chirurgico delle vene varicose sono molto cambiate. Ma, come prima, le operazioni sono fatte al fine di rimuovere i vasi interessati ed eliminare lo scarico di sangue dalle vene, che non sono necessari all'uscita dell'ospedale quando si usa un laser.

    In quale ospedale di Kharkov fare un intervento chirurgico alla vena varicosa sulla gamba?

    Quali possono essere i risultati della chirurgia per rimuovere le vene varicose.

    Trattamento delle vene varicose a casa. Durata dell'ospedale dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le vene varicose.5 giorni dopo l'intervento chirurgico per consumare alcol. In futuro, c'è una correzione individuale delle restrizioni.

    Alcune vene vengono rimosse, e poi altre (nel tempo) escono. Per questo motivo, io stesso non posso decidere un'operazione del genere.

    Dire che le vene varicose curano meglio le sanguisughe o gli interventi chirurgici? Già torturati per leggere, alcuni si dicono l'un l'altro!

    Non so come siano le sanguisughe, ma l'operazione non ha aiutato né me né mia figlia. È peggiorato.

    Per favore dimmi qual è la durata dell'ospedale dopo l'intervento? Buon pomeriggio C'era un'operazione sull'articolazione del ginocchio di Alloplasty PKS e NBS. Quanto tempo posso restare in ospedale dopo l'operazione delle vene varicose. Per quanto tempo posso rimanere.

    Vene varicose sul tuo corpo, hai bisogno di aiuto estratto di castagno, un complesso di minerali Calcio silicio magnesio, vitamina D3 (olio di pesce). per la formazione dell'ormone calcitonina Iodis-concentrato.

    Dimmi che ho avuto un intervento chirurgico per le vene varicose sulla mia gamba! E quale sarà il prossimo? Quanto ci vuole per rimanere in ospedale

    E non ti sei consultato con il dottore?

    Il costo delle operazioni per le vene varicose. Trattamento video delle vene varicose con un laser. Guarda come viene eseguita un'operazione per le vene varicose Oggi ci sono diversi tipi di operazioni che vengono eseguite per sbarazzarsi di pazienti con vene varicose.

    Molto interessato a questa domanda...
    E tu come stai con la pressione?
    Recentemente ho curato una persona senza intervento chirurgico e per 3 mesi la mia gamba è tornata a dimensioni normali e non ha lasciato il lavoro.

    Dopo l'operazione, la tromboflebite è passata un mese e il dolore alla gamba non si ferma ogni giorno e notte, cosa dovrei fare?

    La chirurgia non è affatto un trattamento. trattare le vene varicose

    Alcuni giorni dopo l'operazione, può verificarsi un leggero aumento della temperatura del paziente, causato dall'infiammazione asettica del sangue che si accumula sotto la pelle degli arti inferiori Come comportarsi dopo l'intervento delle vene varicose sulle gambe.

    L'operazione non è un problema, tutto verrà ripetuto. non bevi l'acqua, le cellule del sangue si uniscono, si formano coaguli di sangue, devi iniziare a diradare il sangue, scriverlo interessante, ti dirò il metodo

    Quali malattie hai avuto il tempo di ammalarti nei tuoi anni? il più forte, per così dire. E come sono guariti, tradizionalmente o no?

    Lo stesso di molti, morbillo e varicella nell'infanzia, poi infezioni respiratorie acute, influenza, tonsillite.

    Arrivano il giorno dell'operazione e lasciano i loro piedi la mattina successiva. Consultazione di un flebologo sulle vene varicose. Malattia vascolare Chirurgo flebologo Centro per Flebologia. www. varikoz.ru. Dettagli.

    La pielonefrite aveva 2-3 anni. Pochi mesi in ospedale e ricordi terribili delle procedure, beh, per esempio, prendendo l'urina dalla vescica con un catetere. Dopo essere stato trattato con rimedi popolari per un lungo periodo, non ho più avuto una tale malattia. Grazie a mamma e Valentina Ovchinnikova, ha lavorato in quel periodo come pediatra.
    E così vegetativo vascani distaniya a me. Per sempre bassa pressione sanguigna. Ma è ereditario. Mia madre prima dei 40 anni aveva lo stesso, e poi è passata a una elevata.

    In questo momento, probabilmente sono stufo di una malattia respiratoria acuta, o di come ora ORVI, tosse, moccio, mal di gola, la cosa più disgustosa è la gola, peggio ancora non c'è disgrazia. Una volta al grado 8, la parotite si ammalò, fu curata nella clinica. E così nell'infanzia, come in quasi tutti, la varicella, la rosolia, il morbillo, la polmonite, la forma grave a malapena sopravvissuta, i dottori trattarono con medicine. Non tradizionale, puoi curare un raffreddore, e in altri casi, i metodi non tradizionali richiedono sempre la terapia farmacologica, è più difficile trovare un medico competente ora.

    Infiammazione dei polmoni, otite. la malattia cronica è. Segreto.)

    Guarirai a distanza? O stai cercando sintomi simili? Chi ha bisogno delle mie piaghe?

    Dopo l'operazione per rimuovere la vena dall'inguine al piede sulla gamba sinistra delle vene varicose, ci sono voluti circa un mese. Ho 46 anni, tre giorni fa ho avuto un'operazione a Troyanova sulla destra a causa di tromboflebiti.

    Ho avuto la polmonite malata la scorsa estate. curato con antibiotici. emorroidi croniche, vene varicose.

    Quando arriva l'ambulanza, ci vogliono circa 15 minuti per trasferire le mie malattie croniche e le mie operazioni. Penso che non sia interessante per nessuno qui. Disabilità. Per le piaghe speciali Chiedi. Il trattamento è sia tradizionale che non convenzionale.

    Vuoi sapere della sifilide e della gonorrea?

    Gole irritate, tonsillite cronica, infezioni respiratorie acute, infezioni virali respiratorie acute, la peggiore di tutta la mia infanzia è stata vomito e nausea, i dottori si sono sottoposti a disbatteriosi e mi hanno curato per questo, ma non ero più un grammo più facile. Risultò essere la pancreatite, con la quale io, all'età di 11 anni, nel 1986, andai in terapia intensiva per tre giorni in condizioni difficili, i medici di mia madre dissero che non avrei vissuto, sarei morto.
    Di volta in volta diventa aggravato, inizia la debolezza più selvaggia, si ammala e vomita.

    Trattamento delle vene varicose senza chirurgia. Tuttavia, quando si effettua una diagnosi delle vene varicose, l'operazione non è così, anche i fogli ospedalieri con questo trattamento non vengono solitamente emessi: il primo giorno dopo l'operazione, è necessario piegare delicatamente le gambe senza alzarsi dal letto.

    Potrebbe essere che una persona ha vene varicose sulle gambe, ma non ci sono vene. Non li ho mai avuti.

    Vai in un'altra clinica..

    Operazioni per la rimozione delle vene varicose. gt gt gt Spesso, la chirurgia è la scelta migliore per il trattamento delle vene varicose gonfie visibili sotto la pelle.Il tempo di guarigione per tutti i gruppi era di 3-4 giorni. Ovviamente, i risultati di chirurgia e RFA sono piuttosto paragonabili, specialmente.

    Su quali basi è stato diagnosticato? Fai un'ecografia con un doppler in un'altra clinica e tutto diventerà chiaro. Lungo la strada, il tipo vuole solo farti guadagnare soldi.

    Sul tallone dello sperone trattiamo così-compro nella bile medica della farmacia -
    bagnare il calzino sopra il pacchetto e poi il secondo calzino e dormire tutta la notte
    buona radiografia entrambi i piedi per sapere esattamente dove sono gli speroni
    questi luoghi rotolano il mattarello steso sul pavimento
    VIENNA - fai l'ecografia dei vasi sanguigni delle gambe - può le vene varicose
    profonde vene \ invece di collant puoi bendare le gambe
    elastico - o acquistare un bracciale di tipo circolare utyazhki o in farmacia
    o in un negozio di articoli sportivi calzini
    Vobschem si ferma ai raggi X e gli ultrasuoni delle vene e poi penseremo
    e la bile può già essere fatta - non fa male

    Le vene sono divise in superficiali e profonde. Il resto sono molti esperti.

    Tutti i suggerimenti sono corretti. Buona fortuna

    Vai a un istituto di salute pubblica, a un medico normale. Determinerà quali test sono necessari e quali no. Per quanto riguarda le "vene varicose", come la chiamano, l'assenza di dilatazione varicosa delle vene superficiali safeniche non significa che a questo si possano vedere profonde vene, che non si vedono a causa della loro posizione anatomica. USDG di vasi degli arti inferiori e la consultazione del chirurgo vascolare in un ospedale pubblico o clinica porterà più benefici. Ma il fatto che tu menzioni dolore nella parte inferiore della spina dorsale può indicare che il tuo dolore è dovuto alla sindrome radicolare banale nell'osteocondrosi della colonna vertebrale lombosacrale. Fai riferimento al neurologo.

    La durata della lista malata dopo l'operazione è determinata anche dal medico curante. Di norma, sono dieci giorni più il tempo per andare e tornare da casa se l'ospedale si trova in un'altra città o regione.

    Maglia antivaricosa e con gonfiore sul sito di ferite aiuta! Testato su te stesso. Quando inciampato, e da tutto il ginocchio sulle ginocchia! Lo stesso giorno, ha comprato un collant a compressione da 1 cl e, nonostante il caldo, è andato da loro per 2 settimane. Sì, un piacere costoso, ma l'articolazione non si "sedeva" - l'artrosi non provocava!

    Controlla le articolazioni del ginocchio. È possibile che aggiungano dolore. Vai dal chirurgo, chiedi una radiografia e fai tutto gratis.

    Dimmi

    Devi fare una foto di questa gamba, se c'è una crepa. Vorrei iniziare dall'inizio.

    Per quanti giorni si congedano per malattia dopo l'intervento? Nella vita, ci sono situazioni in cui il trattamento deve essere effettuato in un ospedale. Nel caso della chirurgia, spesso richiede molto tempo in ospedale.

    A causa del peso, la forma dei piedi muscolari e legamentosi sta cambiando, a causa di questo e del dolore. Sembra che ci sia ancora infiammazione, poiché i cambiamenti portano a lesioni.

    Guarda qui: la prima gravidanza, durante le ossa della madre, perde calcio, fosforo... tutto ciò rende forti le ossa. Quindi un aumento di peso significa un aumento del carico sull'osso, 10 kg è molto (per confronto, immagina di indossare senza rimuovere uno zaino da 10 kg). È possibile che qualcosa sia andato storto, penso che tu debba consultare il tuo dottore.

    Durante la gravidanza, aumento del carico sulle ossa + peso in eccesso. Consultare un medico, forse un crack.

    Se l'operazione è stata eseguita e il ferro è stato inserito, potrebbe essere necessario ripetere l'operazione per rimuoverlo. In generale, tali domande devono essere rivolte al medico.

    Andare in ospedale, è auspicabile fare in fretta

    Il giorno dopo l'intervento chirurgico, la malattia varicosa viene ligata usando la maglieria a compressione o la benda elastica, gli stessi blu passano in 2 o 3 settimane e dopo 1 2 mesi non rimane praticamente alcuna traccia di vene varicose e l'operazione rimane.

    Oltre alle ossa nel processo, oltre a una frattura e alla successiva intonacatura, hanno partecipato anche i muscoli... Dopo la frattura, non sono stati riabilitati con competenza, e prima o poi avrebbero dovuto dare quello che hanno dato... Prendi un corso di riabilitazione competente presso un traumatologo, un terapista della riabilitazione, un manuale o almeno un massaggiatore competente e il problema è chiuso.

    Sbrigati in ospedale e fai una foto, il dottore guarderà e dirà

    Hai una grande mungitura))

    Probabilmente osteofiti o spine dorsali di spine comuni! Vai dal terapista, ti darà un riferimento a un'immagine a raggi X, e già con una foto se manda le punte al chirurgo e lì puoi scegliere tra una pugnalata al tallone o una terapia fisica, un magnete, un laser.

    Rinvio dopo l'intervento chirurgico per la rimozione di un varicose 17/18/2013 17 01 1. Posso essere riconosciuto come deviante e essere licenziato dal servizio statale, se non sono stato membro del consiglio di amministrazione per 26 anni, e poi sono rientrato, ho subito tutte le procedure necessarie e mi sono seduto in congedo per malattia?

    Passare un esame del sangue per il calcio nel sangue (era incinta), effettuare una scansione duplex delle vene degli arti inferiori (escludere trombosi, vene varicose, spremitura della vena) e radiografia in 2 proiezioni dello stesso punto + visitare l'ortopedico, possibilmente una curvatura o deformità dell'arto. Guarisci presto.

    Il gluconato di calcio costa 5 rubli in qualsiasi farmacia

    Questa è una sindrome post-traumatica, puoi solo rimuovere il dolore, non funzionerà.

    Forse questi 10 kg aggiuntivi esercitano una pressione eccessiva sulla gamba malata. Più fatica dopo il parto, mancanza di calcio. Vai dal medico, prendi antidolorifici, recupera e dimagrisci. Il prezzo è troppo alto Per il bambino e devono ancora correre;)

    U menia ne perelom no oceni silinii ushib bil na obe piatki, podenie s 15metrov. 4 goda proshlo, vse bolit. XOROSHAIA OBUVI I PRAVELINIE MIAGKIE STELIKI POMOGAIUT. Izveni za latini, mne tak v 15raz bistree.

    Minifleectomia in combinazione con trattamento laser - chirurgia venosa per vene varicose Ambulatorio Nella nostra clinica, usiamo una tecnologia unica per il trattamento delle vene varicose per un giorno.

    Prima un'istantanea, poi una domanda.

    Raggi X e urgentemente! spesso al posto di vecchie fratture - e gravidanza - una tale provocazione - pah-pf - una radiografia!

    Come trattare le emorroidi esterne? È possibile correggerlo?

    È stato doloroso solo un giorno o due, quindi è stato giusto, quindi ho persino rifiutato di fare iniezioni di sollievo dal dolore me stesso durante l'operazione - anestesia. È andato via male non nel senso che è stato doloroso, ma semplicemente nauseabondo, la mente è stata stimolata.

    Ho rifiutato l'operazione e ho appena iniziato a osservare alcune regole * per sedermi meno specialmente su * non mangiare salato affumicato arrostito e non mangiare cibo solido * non fumare * per lavare via dopo una sedia per così dire e non usare carta * e fare una doccia contrattuale

    Forse, ma non dai dottori.

    Basta andare sotto il coltello sul tavolo operatorio. Un rafano in 15 anni guadagnò emorroidi e fu vanamente trattato con le candele. Non una cosa dannatamente aiutata, e solo nel 56 aveva bisogno di operare su di esso. Non ripetere gli errori persone stupide. andare in ospedale fino a quando non sono state aggiunte complicazioni.

    Manifestazioni fisiche
    Emorroidi - è vene varicose dell'ano e del retto. emorroidi sviluppo promuove stasi sangue nelle vene del retto e pelvico li troppopieno prolungata e venosa pressione sanguigna aumento parete (costipazione, vita sedentaria, trasporto frequente di carica e così via. P.).
    Cause emozionali
    Le emorroidi parlano di stress emotivo e paura, che una persona non vuole mostrare o discutere. Queste emozioni represse diventano un pesante fardello. Appaiono in una persona che si costringe costantemente a qualcosa, esercita pressione su se stesso, specialmente nella sfera materiale. Forse quest'uomo si costringe a fare un lavoro non amato. Poiché le emorroidi si verificano nel retto, la parte finale del colon, il paziente si irrigidisce e si aggiusta perché vuole finire qualcosa velocemente. È troppo schizzinoso con se stesso. Lo stress emotivo è spesso creato dal desiderio di avere qualcosa o qualcuno che, a sua volta, cresce da un senso di sofferenza materiale o incapacità di prendere decisioni.
    Ragioni mentali
    Più forte è la sensazione di insicurezza in futuro, più la causa delle emorroidi soffre. Per soffocare questo sentimento, ti costringi a fare per avere. Se non funziona così velocemente come vuoi, inizi ad arrabbiarti con te stesso e ad esagerare. Devi acquisire fiducia in questo mondo, cioè, prima di tutto, avere fiducia nell'Universo, avere fiducia in nostra madre, nel pianeta Terra, che si prende cura di tutti i suoi figli.
    Devi imparare a darti la libertà, diventare più sicuro di te e esprimere con coraggio i tuoi sentimenti. Riconoscere il diritto ad avere paure nella sfera materiale. Leggi anche gli articoli SPLIT e PONOS, così come l'articolo BLEEDING, se le emorroidi sono accompagnate da sanguinamento.
    Cause spirituali ed eliminazione
    Per comprendere le ragioni spirituali che ostacolano la soddisfazione del bisogno importante del tuo sé sincero, poniti le domande date nella monadoterapia materiale. Le risposte a queste domande ti consentiranno non solo di determinare con maggiore precisione la vera causa del tuo problema fisico, ma anche di eliminarlo.

    Il periodo postoperatorio dopo l'intervento chirurgico nelle vene Dopo pochi giorni dall'intervento, il paziente viene dimesso dall'ospedale. Circa 7-14 giorni dopo la dimissione, il paziente è a casa in una lista malata.

    Conseguenze delle vene varicose dopo l'intervento chirurgico e durante il recupero

    Le vene varicose dopo l'intervento chirurgico sono spesso accompagnate da vari effetti residui. I moderni metodi minimamente invasivi di trattare le vene varicose consentono a un numero sempre maggiore di pazienti di ricorrere alla chirurgia ed evitare complicazioni delle vene varicose. Bassa invasività, rapida riabilitazione ne fanno l'opzione preferita. Ma non tutti i pazienti che decidono di sottoporsi a un trattamento chirurgico delle vene varicose sa cosa aspettarsi durante il periodo postoperatorio.

    Il risultato della chirurgia

    Al momento di decidere un'operazione per rimuovere una vena varicosa degli arti inferiori, il paziente deve essere consapevole che non sarà possibile curare completamente la patologia del piede e le vene varicose possono dare una ricaduta. Inoltre, dopo l'operazione ci possono essere varie complicazioni:

    1. Temporaneo, che passa: dolore alle gambe, ematomi, pigmentazione, indurimento, intorpidimento o pelle d'oca, sanguinamento o perdita linfatica, processi infiammatori.
    2. Le conseguenze degli errori durante l'operazione: perdita di sensibilità alle gambe a causa di danni ai nervi, infezione, perforazione delle pareti delle gambe, trombosi delle gambe e separazione del coagulo di sangue, ustioni della pelle delle gambe, ecc.

    Le conseguenze della flebectomia

    Molto spesso, dopo la flebectomia possono verificarsi complicanze. La chirurgia per rimuovere le vene per le vene varicose sulle gambe con il metodo classico può portare a:

    1. Forte dolore nel corso della vena operata.
    2. Accumulo di sangue sotto la pelle.
    3. La formazione di ampi ematomi inclini alla suppurazione.

    Durante il periodo di riabilitazione, le suture postoperatorie richiedono un trattamento attento e le bende vengono applicate a loro per scopi igienici. In caso di violazione delle regole sulla cura della cucitura (se le suture non sono trattate in tempo e le fasciature non sono cambiate), è probabile che le ferite si infettano durante il periodo postoperatorio. L'accumulo di sangue nel corso della vena rimossa forma un nodulo che è doloroso alla palpazione.

    Se non ci sono aree iperemiche sopra i sigilli che indicano un'infezione batterica o un processo infiammatorio, allora nel tempo possiamo aspettarci che si risolvano. Quanto tempo è necessario per questo dipende dalle caratteristiche individuali e conformità con la raccomandazione del medico.

    Dopo l'intervento chirurgico, è necessario monitorare la pulizia delle suture, in modo da non portare l'infezione.

    Quando si lega il tronco di una vena, possono verificarsi lesioni ai nervi che passano vicino alle vene safene e femorali o ai vasi linfatici delle gambe. Se i vasi linfatici sono danneggiati, la linfa può permeare i tessuti, formare edema o accumularsi nella cavità formata. In quest'ultimo caso, viene prescritta una puntura per liberare la cavità dal fluido accumulato o per aprirla. La riabilitazione in questo caso includerà l'uso di farmaci anti-edematosi.

    Se i nervi delle gambe sono danneggiati, c'è una diminuzione della sensibilità della pelle della parte inferiore della gamba e del piede, disagio sotto forma di ipersesia o parestesia. Quanto tempo ci vuole per ripristinare la sensibilità? Il ripristino della sensibilità della pelle sulle gambe può richiedere da 3-4 mesi a un anno.

    Il sanguinamento, che può essere previsto nei primi giorni dopo l'intervento chirurgico, di regola, passa da solo durante il periodo di riabilitazione. Tuttavia, durante l'estirpazione, i rami collaterali della nave rimossa possono essere danneggiati, con conseguente emorragia.

    Camminare per il reparto può essere fatto nelle prime ore, a condizione che il carico sulle gambe sia ridotto utilizzando una stecca e che le bende elastiche sulle gambe prevengano il rischio di trombosi, sanguinamento e recidiva delle vene varicose. Le bende elastiche devono essere indossate per un lungo periodo di tempo (2-3 mesi). Dopo la flebectomia, è necessario eseguire esercizi speciali di terapia fisica, camminare, in modo che le foche e gli ematomi scompaiano sulle gambe operate. Per quanto tempo è necessario indossare bende, il medico deve determinare, tenendo conto:

    1. La complessità dell'intervento.
    2. La vastità delle navi colpite con vene varicose.
    3. Rischio di recidiva delle vene varicose.
    4. Caratteristiche individuali

    Per la scomparsa di ematomi sulle gambe dopo l'intervento chirurgico, è necessario camminare e fare esercizi speciali.

    Per evitare complicazioni dopo l'intervento chirurgico, è necessario seguire le raccomandazioni del medico nel periodo postoperatorio e un regime speciale. Le recensioni di flebectomia radicale indicano un grande trauma e un grave recupero postoperatorio. Ma anche le testimonianze dei pazienti testimoniano l'elevata efficienza dell'operazione (vedi foto.

    Dopo l'operazione, viene prescritta una dieta che dovrebbe contenere una grande quantità di vitamine, microelementi, fibre. Inoltre, la dieta dovrebbe fornire un diradamento del sangue. Una tale dieta può ridurre il rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico durante il periodo di riabilitazione. È necessario includere un esercizio fattibile, camminare, fare passeggiate, andare a nuotare. L'attività fisica somministrata, una modalità di vita sana, una dieta aiuteranno a velocizzare il recupero ed eliminare la ricomparsa delle vene varicose.

    Poiché la riabilitazione dopo la flebectomia radicale richiede un lungo periodo di tempo, al paziente viene concesso un congedo per malattia. Quanto tempo può essere in ospedale, il medico determina. Se il lavoro non è associato a carichi aumentati e lunghi soggiorni sulle gambe, l'elenco dei malati viene chiuso dopo 1-1,5 settimane. La riabilitazione comporta l'uso della flebotonica, che è stabilita nella raccomandazione del flebologo. È inoltre possibile aspettarsi una ricaduta delle vene varicose nel periodo di regolazione ormonale del corpo.

    Dopo interventi minimamente invasivi

    Le vene varicose degli arti inferiori, rimosse mediante ablazione laser o a radiofrequenza, presentano rischi minimi di complicanze postoperatorie. Tutti gli effetti sopra descritti della chirurgia radicale sono esclusi quando il laser viene utilizzato per rimuovere le vene varicose. Tuttavia, in caso di violazione della tecnica laser, possono verificarsi le seguenti complicazioni:

    1. Perforazione delle pareti delle vene.
    2. Bruciature della pelle
    3. Danni alle terminazioni nervose, ecc.

    Questo metodo ha un minimo di complicanze postoperatorie.

    Inoltre, quando le vene varicose vengono rimosse dal laser, producono un'infusione tumescente di salina fredda, che può portare alla formazione di ematomi e dolore. L'anestesia tumescente riduce il dolore a tal punto che un paziente con vene varicose non percepisce il danno termico causato dal laser, e i nervi nella parte inferiore della gamba e dove il nervo si avvicina alle vene safene può essere danneggiato. In questo caso, il recupero del paziente è complicato e dopo l'intervento chirurgico ci si può aspettare una ricomparsa delle vene varicose. A seguito di una violazione della tecnica di ablazione laser dei vasi venosi degli arti inferiori, possono insorgere le seguenti complicanze:

    1. Disestesia.
    2. Tromboflebite superficiale
    3. Trombosi venosa profonda delle gambe.
    4. Danno nervoso, ecc

    L'espansione dei vasi venosi degli arti inferiori quando si rimuove la patologia con metodi minimamente invasivi non richiede il ricovero postoperatorio del paziente. La riabilitazione richiede poco tempo, quindi la lista malata non viene emessa. Aspettarsi che le vene varicose spariscano immediatamente dopo l'operazione per sempre è illogico. La recidiva delle vene varicose può essere prevista non solo in caso di violazione del metodo di funzionamento, ma anche a causa della non conformità con le regole del comportamento postoperatorio e la raccomandazione del medico. La riabilitazione dovrebbe escludere la ricorrenza della patologia delle vene varicose.

    Articoli Su Varici