EVLK: l'essenza della procedura, i suoi vantaggi rispetto ad altri metodi, controindicazioni

La malattia varicosa viene semplicemente trattata dalla medicina moderna attraverso l'uso di interventi chirurgici minimamente invasivi. Eseguendo questa manipolazione, le vene patologicamente danneggiate possono essere rimosse. Esistono molte procedure, ma EVLK è la coagulazione laser più popolare, cioè endovenosa (metodo endovasico). È sicuro, estremamente raramente causa una complicazione, non lascia cicatrici dopo averlo tenuto.

vantaggi

Questa tecnica è stata utilizzata per più di 10 anni e oggi è riconosciuta come la principale tra quelle alle prese con vene varicose.

Questo metodo ha vantaggi innegabili:

  • L'anestesia generale non viene utilizzata. Ciò significa che la clinica può essere lasciata immediatamente dopo l'intervento.
  • Cicatrici ed ematomi non rimangono, poiché viene praticata solo un'incisione.
  • Il paziente non sente dolore a causa dell'uso dell'anestesia locale.
  • C'è un'opportunità di eseguire non una procedura, ma diverse senza danni alla salute fino alla completa eliminazione del problema.
  • La tecnica non richiede una lunga riabilitazione, dopo poche ore puoi tornare al solito modo di vivere.
  • Non ci sono praticamente complicazioni, è possibile un piccolo gonfiore nel primo giorno dopo la terapia.
  • Il metodo laser viene utilizzato anche nelle ulcere trofiche.

Essenza del trattamento

La procedura EVLK viene eseguita sotto l'influenza dell'energia termica sull'endotelio introducendo una guida di luce. Il trattamento si basa sull'ispessimento del sangue, che avviene sotto l'influenza di raggi laser. I flussi di luce che emanano da un dispositivo medico vengono assorbiti dai globuli rossi. Quindi i raggi diventano energia termica.

Il laser provoca un'ustione termica dell'endotelio, le bolle di vapore iniziano a comparire nel sangue. Questo forma un trombo venoso, cioè un coagulo di sangue, che successivamente cancella il lume della vena. La nave è saldata e dopo un anno nei luoghi in cui si è verificata una bruciatura, il tessuto connettivo è completamente formato.

Controindicazioni per il trattamento delle vene laser

Un prerequisito prima di utilizzare questo tipo di terapia è di prendere in considerazione eventuali controindicazioni:

  1. Malattie del sangue, come con tali disturbi c'è un alto rischio di coaguli di sangue.
  2. Processi infiammatori nel campo della manipolazione.
  3. Malattie del sistema scheletrico, paralisi degli arti superiori e inferiori. Cioè, per tutte quelle patologie che riducono l'attività del movimento.
  4. Infiammazione acuta
  5. Danno di navi ischemiche.
  6. Obesità grave.
  7. Espansione e tortuosità delle vene.

A giudicare dalla testimonianza di un paziente, lo specialista prende una decisione sulla fattibilità e la possibilità di trattamento attraverso l'operazione di EVLK.

Quante procedure devono essere completate

Non esiste un numero esatto di procedure necessarie, perché ogni organismo ha le sue caratteristiche individuali. Un flebologo dovrebbe valutare da solo il numero e il grado delle vene varicose. Inoltre, è importante identificare la capacità del corpo di recuperare dall'intervento. Una consultazione accurata del medico ti consentirà di calcolare quante procedure sono necessarie per ottenere l'effetto previsto.

La pausa tra le manipolazioni dovrebbe essere da 3 settimane a un mese. La fotocoagulazione laser consente di eliminare le vene varicose e prevenire ulteriori problemi.

Coagulazione laser endovenosa: preparazione della procedura, sua implementazione e periodo di recupero

Perché si verificano le vene varicose? Il fatto è che c'è un malfunzionamento delle valvole delle vene. In seguito, la circolazione sanguigna è confusa, le vene si allargano. Sia le donne che gli uomini sono soggetti a violazioni di questo piano. Più della metà della popolazione soffre di vene varicose, quindi, endovena o, come viene anche chiamata, la coagulazione laser endovasale, che è rilevante oggi, consente di affrontare per sempre la patologia. Il costo parte da 7.000 rubli e dipenderà dalla regione e dalla clinica in cui si svolgerà.

formazione

Quando la procedura è stata prescritta al paziente, il paziente deve informare lo specialista di quanto segue:

  • Sono stati assunti ormoni? Questi includono metodi contraccettivi, estrogeni, ecc.
  • C'è attualmente un ciclo mestruale o quando è finito.
  • Se la donna è incinta per il periodo dell'EVLK.

Questi fattori sono importanti per il medico, perché a causa di fattori di allattamento il paziente rischia di ottenere ematomi, processi infiammatori del sistema venoso, coaguli di sangue. Lo specialista può raccomandare di posticipare l'intervento per un po 'di tempo. Prima di eseguire la coagulazione laser endovenosa, il medico introduce il paziente alle regole di preparazione, che devono essere eseguite rigorosamente.

Il giorno dell'operazione e il giorno prima è:

  • utilizzare 1 compressa di Cardiomagnyl (75 mg);
  • Non usare la crema depilatoria o l'epilazione;
  • eseguire procedure igieniche, senza utilizzare mezzi di terzi, tranne che per il normale sapone;
  • facile da mangiare 2 ore prima della manipolazione;
  • gli indumenti devono essere indossati comodi e spaziosi, perché al termine dell'intervento sulla calza saranno applicati calze o biancheria intima a compressione.

Come viene eseguita la procedura?

La coagulazione laser standard elimina le incisioni. Il paziente sta eseguendo un'ecografia, che segna la vena su cui lavorerà lo specialista. Questo viene fatto applicando un pennarello sulla pelle. La stessa cosa è fatta con gli affluenti della vena. Successivamente, viene somministrata anestesia locale e la vena viene perforata.

Attraverso la puntura si verifica la puntura quando si utilizza un catetere venoso. Vale la pena dire che durante l'intera operazione la più dolorosa viene data un'iniezione di un farmaco anestetico, quindi il paziente non avverte alcun dolore.

Una leggera guida viene inserita con cura attraverso il catetere installato, controlla l'intero processo a ultrasuoni, il laser viene condotto nel canale intravascolare. Successivamente, l'anestesia viene eseguita sulla vena alterata con lidocaina, nat. soluzione e adrenalina. La funzione del farmaco non è solo l'anestesia, ma anche la protezione dei tessuti da possibili ustioni.

Lo stadio successivo è EVLO, la radiazione viene attivata e la fibra viene emessa alla velocità impostata. I tributari eccessivamente dilatati vengono rimossi attraverso punture microscopiche. Al termine, viene applicata una fasciatura di compressione e calze speciali. Questi articoli sono necessari per l'acquisto in anticipo.

Periodo postoperatorio

In generale, la coagulazione laser endovenosa (endovasica) dura circa 30-40 minuti. Il paziente dopo l'intervento dovrebbe essere come 60 minuti, quindi può lasciare la struttura medica.

Dopo 2-3 giorni, il paziente deve venire dal medico per eseguire un'ecografia. L'intervento successivo, se necessario, viene eseguito non prima di 7 giorni dopo. Non è possibile rimuovere la maglia di compressione per 5 giorni, quindi altre 2 settimane dovrebbero essere indossate solo durante il giorno e messe a dormire. Questo è il motivo per cui l'operazione non è consigliabile eseguire in estate, quando fa troppo caldo. Dopo la manipolazione è importante camminare molto velocemente per almeno un'ora.

Non avere paura quando c'è pigmentazione e lividi nei siti di puntura. Questo è normale 4-5 settimane, gli esperti non consigliano un carico eccessivo sulle gambe, si siedono a lungo, fanno bagni caldi, vanno in sauna e bagni.

Possibili conseguenze e complicazioni

Nonostante il fatto che la coagulazione laser endovenosa sia un metodo moderno che non ha conseguenze, tuttavia in casi molto rari possono manifestarsi.

Le complicazioni includono:

  • tromboflebite;
  • formicolio nella vena;
  • processi infiammatori lungo la vena;
  • necrosi vascolare;
  • disagio quando si cammina;
  • sensazione di tensione;
  • il primo giorno, la temperatura corporea potrebbe aumentare.

Se si identifica uno di questi fattori, è meglio consultare il medico che ha eseguito l'operazione.

Selezione di biancheria intima di compressione

Affinché il periodo postoperatorio passi senza complicazioni, così come le difficoltà, è importante occuparsi dell'acquisto di una calza a compressione. Questo dovrebbe essere fatto dopo aver consultato un medico. Secondo le molteplici recensioni che sono su Internet, l'acquisto di tali maglieria è meglio da fornitori di fiducia. Non inseguire a buon mercato. È necessario dare la preferenza a esattamente i prodotti che il medico considera il più adatto.

Coagulazione laser endovasale delle vene varicose (EVLK)

Le vene varicose - una malattia in cui vi è la distruzione dell'apparato valvolare delle vene degli arti inferiori, a seguito della quale vi è un deflusso inadeguato di sangue, le vene si espandono gradualmente. Inizialmente, questo è solo un difetto puramente estetico, ma con la progressione della malattia si verificano sintomi clinici, tra cui complicazioni pericolose - tromboflebiti e tromboembolismo.

Poiché il meccanismo delle vene varicose è ancora nel difetto anatomico, i metodi di trattamento conservativi sono inefficaci qui. Nonostante la crescente pubblicità di fondi da questa malattia, qualsiasi farmaco può essere considerato solo come un mezzo per prevenire la progressione della malattia nelle fasi iniziali.

È logico che il metodo più radicale di trattamento di questa patologia sia la chirurgia. Lo scopo dell'operazione è quello di eliminare il letto venoso esteso stesso. Ciò si ottiene sia rimuovendo la vena varicosa, sia cancellandola (cioè indurendo le pareti e chiudendo il suo lume).

Fino a poco tempo fa, la procedura più comune per le vene varicose era la flebectomia, cioè la rimozione completa di una vena insolvente, una procedura piuttosto traumatica e spiacevole eseguita in anestesia generale, dopo la quale rimanevano cicatrici e ematomi a lungo termine.

Negli ultimi decenni sono stati introdotti nella pratica altri metodi di trattamento chirurgico delle vene varicose: elettrocoagulazione, metodi criochirurgici, scleroterapia, ablazione con radiofrequenza e altri. Tuttavia, tra tutti i metodi minimamente invasivi proposti, il metodo di coagulazione della vena laser endovasica (endovenosa) ha ricevuto la massima popolarità.

Benefici della coagulazione laser delle vene varicose

La coagulazione della vena laser endovasale (EVLK) è stata utilizzata per la prima volta poco più di 10 anni fa. Oggi, questa procedura è il metodo principale per trattare le vene varicose all'estero, e ogni giorno la sua popolarità sta crescendo anche in Russia. Questa operazione viene costantemente migliorata.

I principali vantaggi della coagulazione laser delle vene varicose:

  • Minimamente invasivo. Invece di tagli multipli, viene eseguita una puntura. Dopo l'intervento chirurgico, non rimangono quasi ematomi sottocutanei.
  • Non c'è bisogno di anestesia generale o anestesia spinale.
  • Indolore. L'operazione viene eseguita in anestesia locale, il paziente non avverte dolore o nota un lieve disagio.
  • La capacità di eseguire interventi chirurgici in regime ambulatoriale, il ricovero in ospedale non è richiesto.
  • Non c'è bisogno di una riabilitazione a lungo termine. Dopo 1,5-2 ore dopo la procedura, è possibile tornare alla modalità normale. La disabilità non è compromessa.
  • La percentuale più bassa di complicanze rispetto ad altri metodi.
  • La possibilità di un'operazione in presenza di ulcere trofiche.
  • La coagulazione laser può essere ripetuta più volte.

L'essenza del trattamento del laser varicoso

Indicazioni per EVLK - è la presenza di vene varicose. L'EVLK più comunemente proposto con estensioni minori di affluenti venosi.

L'EVLK non viene utilizzato quando si espande la vena safena di oltre 10 mm di diametro, oltre che in presenza di una vena dilatata altamente contorta. In questi casi, questa procedura sarà inefficiente e tecnicamente impossibile.

Se ci sono molti tributari estesi varicosi, è anche necessaria la loro rimozione. Il trattamento con un laser in questo caso diventa economicamente inopportuno (questo metodo è piuttosto costoso).

Il trattamento laser delle vene varicose è un metodo abbastanza giovane, quindi il suo sviluppo e miglioramento continua. Ci sono discussioni sulla potenza laser ottimale, nuove fibre sono in fase di sviluppo e implementazione.

L'essenza del metodo di coagulazione laser è che l'effetto dell'energia laser fa "bollire" il sangue all'interno del vaso, l'alta temperatura colpisce la parete interna della vena, si verifica un'ustione termica e l'adesione delle pareti della vena con l'obliterazione del suo lume.

Questo elimina il substrato anatomico per le vene varicose - la vena allargata scompare e si trasforma in una corda di tessuto connettivo (o semplicemente una cicatrice), che non è visibile sotto la pelle. In futuro, di solito c'è un completo riassorbimento della vena.

Com'è la procedura EVLK?

Nella versione classica EVLK esclude qualsiasi taglio.

  • Sotto il controllo a ultrasuoni, una vena da cancellare obliterata viene contrassegnata in una posizione verticale: la proiezione venosa viene semplicemente disegnata con un pennarello sulla pelle. Anche i suoi affluenti sono distinti.
  • Attraverso una piccola puntura (dopo anestesia locale preliminare), viene eseguita una puntura venosa con uno speciale catetere venoso. In realtà, l'iniezione di anestetico prima della puntura è l'unica sensazione dolorosa durante questa operazione.
  • Una guida di luce laser è inserita attraverso il catetere. Sotto controllo ecografico, la guida luminosa viene eseguita sulla fistola venosa.
  • Viene eseguita un'anestesia tumescente - infiltrazione intorno alla vena alterata con una soluzione combinata contenente lidocaina, adrenalina e anestetico fisico. soluzione. Tale infiltrazione non solo fornisce anestesia, ma protegge anche il tessuto circostante dalle ustioni.
  • Quindi viene eseguito EVLO stesso - viene attivata la radiazione laser e la fibra viene riportata a una determinata velocità con una certa velocità (la velocità della fibra è solitamente standard, sviluppata sulla base di prove cliniche, ma può variare a seconda del diametro della vena e della lunghezza d'onda della radiazione laser).
  • Gli afflussi estesi varicosi sono sclerosati o eliminati tramite microprocolture.
  • Dopo la procedura, viene applicata una fasciatura di compressione (rulli speciali in lattice sulla vena, sono attaccati alla pelle con un cerotto) e calze compressive dell'II grado di compressione.

Le calze a compressione sono acquistate in anticipo, quali - consiglia il medico alla consultazione preliminare.

Controindicazioni per il trattamento delle vene laser

Le principali controindicazioni sono:

  • Cambiamenti infiammatori nella pelle e nel tessuto sottocutaneo nel sito della procedura proposta.
  • Il diametro della vena è più di 1 cm.
  • Violazione della funzione di camminare a causa di altre malattie (artrosi, conseguenze di un ictus, altre malattie degli arti inferiori).
  • Malattie infettive acute o scompenso delle malattie somatiche croniche.
  • Stenose malattie delle arterie degli arti inferiori. In queste malattie, l'apporto di sangue alle gambe viene interrotto e l'EVLH può aggravare la situazione.
  • Aumento del numero di piastrine nel sangue (aumenta il rischio di formazione di trombi).
  • Storia ripetuta di trombosi.
  • Gravidanza e allattamento.
  • L'obesità è alta, poiché complica la necessaria compressione postoperatoria.

Preparazione per EVLK

Prima di un intervento chirurgico, devi sottoporti ad un esame. Di norma, viene assegnata una serie standard di analisi:

  • Analisi generale del sangue, delle urine.
  • Analisi biochimiche
  • Lo studio della coagulazione del sangue.
  • Sangue per i marcatori di epatite virale, HIV, sifilide.
  • ECG.
  • Fluorography.
  • Esame di un terapeuta
  • Ginecologo per donne.

Oltre all'esame standard, è richiesta una visita ecografica dei vasi delle gambe.

Calze pre-acquistate e compressive. Sono selezionati individualmente dal medico-flebo. Di norma, possono essere acquistati nella stessa clinica in cui è prevista l'operazione o in un salone specializzato.

Prima di un intervento chirurgico, è necessario radersi le gambe.

Video: preparazione e avanzamento dell'operazione

Periodo postoperatorio

L'intera operazione non richiede più di 40 minuti. Dopo l'intervento chirurgico, è necessario camminare per un'ora, dopo di che il paziente può tornare a casa.

  • Dopo 2-3 giorni, è necessario il controllo da parte di un medico con ecografia obbligatoria.
  • Se è necessario un intervento chirurgico sull'altra gamba, è prescritto almeno una settimana dopo.
  • La maglieria a compressione non viene rimossa per cinque giorni, quindi per 1,5-2 mesi viene indossata solo durante il giorno. A questo proposito, non è consigliabile condurre l'operazione nella stagione calda.
  • La camminata giornaliera è raccomandata a passi veloci di almeno 1 ora.
  • Qualche volta sul posto della vena obliterata e nei posti di forature rimangono piccoli lividi e pigmentazione.
  • Per diverse settimane, dovresti evitare carichi statici prolungati sulle gambe, sedute prolungate, visite al bagno e alla sauna, bagni caldi.

Possibili conseguenze e complicazioni di EVLK

La procedura EVLV provoca l'infiammazione asettica e la necrosi delle vene.

Di conseguenza, ci possono essere:

  • Moderato dolore agli arti per 2-3 giorni.
  • Tensione lungo la vena, disagio durante la flessione e l'inflessione.
  • Un breve aumento della temperatura ai numeri subfebrilari.
  • La comparsa di lividi.

Tutti questi sintomi spiacevoli sono di breve durata e scompaiono in pochi giorni.

È anche necessario notare la possibilità di ricorrenza della malattia: insufficiente obliterazione del lume della vena porta alla sua ricanalizzazione - ripristino del flusso sanguigno in essa e ri-espansione. Molto spesso ciò si verifica quando le raccomandazioni postoperatorie non vengono seguite.

Più raramente possono verificarsi complicanze più gravi: tromboflebite di una vena coagulata o trombosi venosa profonda. Queste complicazioni si verificano al 4 ° - 6 ° giorno dopo l'operazione, è necessario ricordare la possibilità che si verifichino e i sintomi in cui è necessario contattare immediatamente il medico:

  • Il verificarsi di forti dolori alla gamba.
  • Aumento della temperatura superiore a 38 gradi.
  • La comparsa di rossore, compattazione, dolore lungo la vena.
  • La comparsa di edema delle gambe.

Il principale svantaggio della rimozione laser delle vene varicose è il suo costo. Questa operazione è pagata. Il costo dell'operazione è da 30 a 60 mila rubli. Il prezzo dipende principalmente dal volume dell'operazione (la lunghezza della vena è presa in considerazione, la necessità di rimozione e il numero dei suoi affluenti), il tipo di attrezzatura utilizzata (il trattamento con un laser radiale è più costoso). Anche i prezzi per la maglieria a compressione non sono piccoli e non bisogna risparmiarli.

Tuttavia, la stragrande maggioranza dei pazienti che hanno subito obliterazione laser delle vene sono solo positivi. Senza anestesia, senza dolore significativo! 40 minuti dopo l'operazione puoi camminare, dopo 2 ore puoi tornare a casa e tornare alla tua solita attività. L'effetto è evidente dopo pochi giorni: nessun dolore, nessun gonfiore, nessun imbracatura sporgente sotto la pelle. L'opinione principale dei pazienti: la chirurgia EVLK vale i soldi.

Come è la coagulazione laser delle vene varicose

Pro e contro della procedura

La coagulazione laser, nel trattamento delle vene varicose degli arti inferiori, sceglie più della metà dei pazienti. La procedura è indolore, non ha quasi effetti collaterali. Ma l'intervento sull'integrità del corpo sta ancora accadendo e questo, in ogni caso, è un certo rischio.

Vantaggi della coagulazione laser:

  1. Indolore. Prima della procedura, ai pazienti viene data l'anestesia locale. L'unica cosa che si sente male all'inizio della procedura è una foratura, che non causa dolore.
  2. La durata dell'operazione. La sessione di coagulazione laser dura fino a 40 minuti. Ridurre il tempo di intervento riduce al minimo i traumi dei tessuti, elimina il dolore. L'operazione non richiede l'anestesia generale.
  3. Efficienza. Risultati terapeutici e cosmetici positivi appaiono immediatamente dopo il completamento della procedura.
  4. Trattamento ambulatoriale Per l'operazione non richiede il ricovero in ospedale. I pazienti arrivano alla sessione il giorno della procedura e lasciano la clinica dopo alcune ore.
  5. Rapida riabilitazione. La coagulazione laser, di tutti i metodi noti di trattamento delle vene varicose degli arti inferiori, ha il periodo di recupero più breve. Ciò è dovuto al fatto che durante l'operazione viene eseguita una singola perforazione, che causa un danno minimo al corpo. Dopo alcune ore, i pazienti tornano alla loro normale routine. Dopo 1 giorno possono lavorare senza restrizioni.
  6. Nessuna complicazione Il rischio di infezione della ferita e processi infiammatori è minimo, secondo le statistiche, può verificarsi in una delle migliaia di pazienti. Ematomi, emorragie si verificano molto raramente e guariscono in pochi giorni.
  7. La possibilità dell'operazione in casi speciali. Non tutti i metodi di trattamento delle vene varicose sono utilizzati nella formazione delle ulcere trofiche, la coagulazione laser è possibile con un tale difetto. Se necessario, il laser può essere utilizzato più volte.

Svantaggi del trattamento laser:

  • L'alto costo della procedura. I prezzi elevati per la coagulazione laser sono principalmente dovuti al fatto che in Russia hanno iniziato a trattare il laser relativamente di recente, la concorrenza non è molto grande e sono necessarie attrezzature costose per l'organizzazione delle cliniche. A San Pietroburgo, l'operazione costa da 11 a 40 mila rubli, a Mosca - 12 - 38 mila rubli. I prezzi più bassi a Irkutsk: una sessione - 6 mila rubli.
  • Lividi estesi, ematoma. La formazione di ematomi e lividi è possibile con l'introduzione di grandi dosi di anestesia.
  • Aumento della temperatura Un aumento della temperatura a 37,5 gradi è considerato ammissibile durante i primi giorni. Se la temperatura dura più a lungo, al fine di evitare lo sviluppo del processo infiammatorio, vengono prescritti farmaci antinfiammatori.
  • L'insorgenza di trombosi è una conseguenza di una violazione della procedura della procedura.
  • Gonfiore dell'arto, sensazione di freddo, bruciore, formicolio espresso leggermente, passare in modo indipendente.

È importante! Per escludere l'insorgenza di complicanze, è necessario seguire tutte le raccomandazioni degli specialisti e chiedere aiuto a medici competenti e professionali.

Tipi di coagulazione laser

Per il trattamento delle vene varicose degli arti inferiori usando un laser, si usano due metodi:

  • coagulazione della vena laser percutanea;
  • coagulazione laser endovasale delle vene.

La coagulazione percutanea viene eseguita per rimuovere la rete vascolare. Il diametro delle vene trattate non deve superare i 3 mm. La procedura si svolge senza contatto con la pelle, i vasi sono esposti direttamente alle radiazioni laser, le cui pareti sono riscaldate a 70 gradi.

L'operazione non richiede una preparazione preliminare: immediatamente prima della procedura, la pelle viene trattata con un gel antisettico.

A seconda delle dimensioni della superficie trattata, vengono eseguite 2-4 sessioni. L'area trattata può cambiare il colore della pelle (diventa bianca). In rari casi si avverte una sensazione di bruciore, il gonfiore è possibile. Gli effetti collaterali sono propri.

La coagulazione endovasale (EVL) è un metodo moderno che non rimuove la vena. L'effetto laser è effettuato dall'interno della vena, è "sigillato" sotto l'influenza della radiazione. Il punto dello spuntone si trasforma infine in tessuto connettivo. L'operazione è controllata da ultrasuoni. Dopo l'operazione, è necessario indossare biancheria intima a compressione.

Indicazioni e controindicazioni

La decisione di condurre una procedura di coagulazione laser è presa da un chirurgo flebologo. Con una leggera espansione delle vene che non provoca sintomi spiacevoli, il medico prescrive un trattamento conservativo e formula raccomandazioni per prevenire un ulteriore sviluppo della malattia.

La coagulazione laser endovasale delle vene varicose è prescritta se le vene varicose diventano non solo esteticamente poco attraenti, ma anche pericolose per la salute. Indicazioni per la procedura:

  • malfunzionamento delle valvole vascolari;
  • formazione di vene varicose;
  • dilatazione degli afflussi venosi;
  • violazione della tibia trofica;
  • vena safena varicosa (non più di 10 mm).

Ci sono controindicazioni in cui il medico non darà il consenso alla conduzione della terapia laser.

Infiammazione della pelle, strato sottocutaneo nel sito della procedura proposta.

Pazienti con mobilità limitata. Dopo l'operazione, per ottenere il massimo effetto e prevenire complicazioni, è necessario un movimento attivo.

L'obesità. L'esecuzione del trattamento laser comporta l'uso di biancheria intima da compressione. Con l'obesità, è impossibile fornire la compressione.

Malattie croniche Se le vene varicose si sviluppano a causa della malattia ischemica, la coagulazione endovasale non viene eseguita, al fine di evitare di aggravare la malattia. Con la trombofilia a causa della possibilità di coaguli di sangue, l'emofilia - lo sviluppo di un'emorragia estesa. L'operazione non è indicata per forme gravi di allergia, disfunzione epatica.

Gravidanza e allattamento. Gli antidolorifici possono danneggiare il bambino.

Preparazione e progresso dell'operazione

Prima di condurre la coagulazione laser deve essere esaminato.

  1. Anamnesi. In una conversazione orale il dottore fa una storia medica completa. Trova le ragioni del suo aspetto e chiarisce i sintomi. Rileva la presenza o l'assenza di una reazione ai farmaci.
  2. Studi clinici:
  • esame ecografico dei vasi sanguigni;
  • esami del sangue (totale, per coagulazione, per RW);
  • analisi delle urine.

Alla sera, alla vigilia della procedura, dopo una cena leggera, i pazienti fanno un clistere purificante. Il giorno dell'intervento chirurgico non è possibile mangiare e bere bevande.

L'EVLK spende in cliniche di un giorno. I pazienti vengono con una conclusione e un riferimento da un medico generico e un chirurgo flebologo. Quando tu stesso devi avere un indumento a compressione.

La procedura inizia con una scansione duplex dell'arto inferiore, che sarà coagulato. Il medico determina i confini della vena con un marcatore, segna i punti delle valvole e dei vasi adiacenti.

Il prossimo passo è la disinfezione della pelle e l'anestesia. Iniezioni di anestesia sono poste attorno all'intera area della vena che sarà sottoposta a irradiazione laser. Il punto di introduzione della fibra è disinfettato.

L'effetto termico della radiazione laser sulla superficie interna di una nave è il principio base del metodo di coagulazione endovasale. La guida luminosa viene introdotta nella vena malata fino al sito della lesione, quindi inizia la radiazione pulsata e la guida luminosa inizia lentamente a muoversi nella direzione opposta. Parte dell'energia del laser colpisce la superficie interna della vena. Il resto dell'energia viene assorbito dal sangue, trasformandolo in vapore termico. L'esposizione termica porta alla coagulazione delle proteine ​​nell'endotelio danneggiato. Allo stesso tempo, gli endoteliociti vitali sono preservati. In futuro, diventano la fonte della rigenerazione dei tessuti della nave danneggiata.

L'intera operazione dal momento della puntura all'uscita della fibra dalla vena è sotto il controllo dell'ecografia Doppler.

Se non ci sono complicazioni, l'intera procedura non richiede più di 40 - 45 minuti. Dopo EVLK il paziente viene messo in mutande compressive.

Periodo di riabilitazione

Immediatamente dopo la coagulazione laser delle vene varicose è stata fatta al paziente, ha bisogno di muoversi entro 40 minuti, dopo di che lascia la clinica.

Biancheria intima di compressione (calze) non rimuovere i primi 5 giorni, in futuro la compressione viene effettuata durante il giorno, per due mesi.

Il medico effettua un esame dopo tre giorni, esegue un angioscanning, con il quale scopre lo stato dei vasi operati: la loro elasticità, i parametri del flusso sanguigno e la pervietà.

Il periodo di riabilitazione non dura più di 1,5 mesi, durante i quali scompaiono tutti gli effetti della chirurgia. Il sito del laser viene sostituito in un anno dal tessuto connettivo.

I pazienti che hanno subito la procedura EVLK non necessitano di riposo a letto e di una lista malata.

Terapia laser (coagulazione laser): benefici e possibili danni

Sfortunatamente, le patologie vascolari hanno uno status globale. Sono soggetti a persone di diverse età e generi. Vari motivi possono servire allo sviluppo delle vene varicose degli arti inferiori e ce ne sono molti. Pertanto, le statistiche sulla registrazione delle malattie vascolari stanno crescendo inesorabilmente. Tuttavia, la scienza e la medicina non stanno ferme, e il numero di metodi di trattamento è già una lista impressionante.

Contenuto dell'articolo

La scelta del regime terapeutico rimane con il medico curante. La sua selezione è determinata dallo stadio in cui viene rilevata la patologia vascolare, la dinamica della malattia, lo stato generale della salute del paziente e altri fattori. A sua discrezione, lo specialista può includere nel regime di trattamento conservativo, metodi operativi o la loro simbiosi.

I metodi conservativi includono terapia farmacologica e non farmacologica. Questi metodi di trattamento possono essere gli unici nella fase iniziale della malattia, con i primi segni della sua manifestazione e nel 99% dei casi si aggiungono ai metodi operativi.

I metodi operativi sono utilizzati nelle forme avanzate di patologia vascolare. Di regola, l'II grado delle vene varicose è già considerato. I metodi operativi sono divisi in invasivi e minimamente invasivi. Tutti loro hanno indicazioni e controindicazioni, così come i loro pro e contro.

Uno dei metodi terapeutici moderni più popolari ha riconosciuto la procedura EVLK (coagulazione laser endovasale) delle vene degli arti inferiori. La persona non preparata è difficile da capire termini medici. Pertanto, sorge la domanda, che cos'è e che cosa si sta facendo?

EVLK (coagulazione laser) delle vene degli arti inferiori: preparazione, tecnica della procedura, indicazioni e controindicazioni

Qual è il metodo EVLK per il trattamento delle vene varicose? La coagulazione endovascolare o endovenosa del laser delle vene degli arti inferiori (EVLK) è un processo minimamente invasivo per la rimozione di una vena affetta da vene varicose.

Come è la coagulazione laser endovasale delle vene varicose? Questo metodo è stato praticato per circa un decennio, quindi la procedura di coagulazione laser sarà migliorata fino ad oggi. L'EVLK è caratterizzato da una manipolazione high-tech e piuttosto complicata, che richiede non solo attrezzature di alta qualità, ma anche, in particolare, un'alta formazione professionale del personale medico.

Questa è una procedura chirurgica intravascolare percutanea. Pertanto, la coagulazione laser delle vene varicose e teleangectasie (vene varicose) sulle gambe prevede l'introduzione di un catetere periferico nel letto venoso. Attraverso il quale penetra una sottile luce laser per la cauterizzazione dei tessuti. Sotto la sua influenza, si verifica una bruciatura termica e successiva adesione delle pareti vascolari con obliterazione del lume. La procedura verrà eseguita in anestesia locale (una miscela a basso concentrato di anestetici), il suo effetto è calcolato per 6-10 ore. Con l'aggiunta di un vasocostrittore alla miscela, oltre all'effetto anestetico, si ottiene anche un vasocostrittore. Ciò riduce il rischio di formazione di ematoma dopo EVLK.

L'esecuzione di tutte le fasi di EVLK viene eseguita utilizzando la scansione fronte-retro. Pertanto, lo specialista controlla il laser e la sua posizione nella nave. Senza pre-marcatura delle vene, il trattamento laser delle vene varicose richiede circa 40 minuti. Se necessario, il giorno dopo, scleroterapia o miniflebectomia di grandi tributari varicosi delle vene grandi e piccole safene. Questo perché la coagulazione laser endovasale ha limitazioni sull'espansione permissibile dei tributari varicosi della grande vena safena (BVP) e meno frequentemente del piccolo. Affinché la procedura sia efficace, le vene devono avere un'estensione di non più di 10 mm di diametro. Pertanto, se dopo il trattamento con il metodo EVLK alcune vene rimangono visibili, non è necessario preoccuparsi. Verranno eliminati introducendo gli sclerosanti nella bocca venosa o nella puntura, quindi la vena e la rimozione fisica. Poiché i risultati degli studi mostrano, in tali casi, nel periodo postoperatorio, vi è un buon effetto cosmetico clinico e duraturo, senza segni di recidiva. Inoltre, in generale, la riabilitazione sociale dei pazienti viene accelerata (se le raccomandazioni mediche iniziano a essere osservate immediatamente dopo l'operazione).

Coagulazione laser dei vasi sanguigni nelle gambe: fase preparatoria

Qual è la preparazione per la coagulazione laser? La preparazione non è difficile. Per eseguire la coagulazione endovascolare laser delle vene dell'arto inferiore, è necessario:

  • screening generale dello stato di salute del paziente (esami clinici generali del sangue e delle urine, analisi del sangue per RW, analisi completa dei parametri di coagulazione del sangue, analisi del sangue per epatite virale B e C, AIDS, HIV e sifilide);
  • esame delle vene e dei vasi sanguigni (UZDS);
  • conclusione del terapeuta sull'assenza di controindicazioni.

È necessario preparare in anticipo le calze per compressione medicale. Avrà bisogno immediatamente dopo il trattamento del laser delle vene varicose (EVLK). Di norma, il medico prescrive per questi scopi la compressione della maglieria in classe II, e sarà necessario indossarla per almeno 3-5 giorni.

EVLK (coagulazione laser) delle vene degli arti inferiori: indicazioni e controindicazioni

Se la coagulazione vascolare laser è prescritta sulle gambe, le indicazioni sono poche: la presenza di vene varicose e vene varicose (2 gradi), disturbi trofici della parte inferiore della gamba, il decorso diretto del letto venoso e un piccolo numero di affluenti.

La rimozione dei vasi sanguigni, in un modo come la coagulazione laser, ha diverse controindicazioni:

  • sovrappeso (obesità);
  • malattie delle arterie degli arti inferiori, accompagnate dalla formazione di placche aterosclerotiche sulle pareti interne dei vasi sanguigni;
  • movimento limitato del paziente a causa di malattie dell'apparato muscolo-scheletrico, ictus, ecc.;
  • malattie infettive;
  • infiammazione della pelle e del tessuto sottocutaneo;
  • ipertensione;
  • alcune malattie croniche.

È possibile eseguire EVLK in presenza di coaguli di sangue? Un prerequisito per l'operazione - l'assenza di coaguli di sangue nel segmento superiore della vena safena. Pertanto, la presenza di coaguli di sangue si applica anche alle controindicazioni.

La coagulazione venosa laser è consentita durante la gravidanza e per quanto tempo? L'operazione di EVLK durante la gravidanza e dopo il parto, durante l'allattamento, è proibita. Le donne in gravidanza e in allattamento sono metodi non farmacologici raccomandati di terapia conservativa, perché È necessario escludere tutti i possibili rischi per lo sviluppo intrauterino e la salute di un bambino già nato.

Riabilitazione dopo la coagulazione laser degli arti inferiori

Quelli che vengono prescritti EVLK (laser per la coagulazione sottocutanea) delle vene degli arti inferiori sono interessati a stabilire se sia necessario aprire una lista malata? Per eliminare le vene varicose con questo metodo non è necessario essere in ospedale per molto tempo. La procedura viene eseguita su base ambulatoriale e non richiede riposo a letto. Ritornare al solito modo di vita e le responsabilità lavorative saranno il giorno successivo. L'unica cosa che richiede tempo è la riabilitazione. Il recupero dopo il massimo delle vene EVLK può richiedere un mese e mezzo. Durante questo periodo di tempo è importante eseguire responsabilmente tutte le raccomandazioni ricevute dal medico curante.

Regime giorno dopo coagulazione laser

Il regime giornaliero nel periodo postoperatorio richiede regolarità. Corretta correlazione tra veglia e sonno, attività e riposo, così come mangiare, eseguire procedure di benessere, ecc. Per aiutare il corpo a recuperare e ridurre il rischio di recidiva, è necessario apportare alcune modifiche allo stile di vita. La modalità del giorno e il suo programma dovranno essere avvicinati ad alcune osservanze delle regole di uno stile di vita sano.

Cosa non dovrebbe essere fatto dopo la coagulazione laser?

Ci sono alcune controindicazioni e limitazioni dopo la procedura per la rimozione delle vene varicose. Prima di tutto, devi liberarti delle cattive abitudini. Alcol e fumo dopo la coagulazione laser sono vietati, almeno per il periodo di riabilitazione. Anche la nutrizione deve essere bilanciata e corretta al fine di controllare il peso.

Entro poche settimane dall'EVLK, dovresti smettere di fare bagni caldi, visitare bagni, saune e piscine. Sotto il divieto cadono i rappresentanti preferiti dei lettini abbronzanti del sesso giusto e le procedure di cura del corpo nei saloni di bellezza. Le donne dovranno anche cambiare le "borchie" per scarpe più comode con un tacco basso e costante.

Sport dopo la coagulazione laser

Temendo complicazioni e recidiva, alcuni pazienti si chiedono se lo sport e la corsa dopo EVLK sono consentiti? Per cominciare, dopo la coagulazione laser delle vene e la miniplegiectomia, è necessario iniziare immediatamente a muoversi, questo ridurrà il rischio di coaguli di sangue. A partire dal giorno successivo all'operazione, la camminata giornaliera dovrebbe durare almeno 1,5-2 ore. C'è una particolarità: durante i primi 3-5 giorni, il paziente deve rimanere in maglieria a compressione tutto il giorno. Inoltre, l'uso della biancheria medica è fornito solo durante il giorno e fino a due mesi.

Lo sport è permesso e persino necessario! Ma non tutti i tipi di esso sono consentiti durante il periodo di riabilitazione. È importante eliminare sforzi fisici significativi, come sollevamento pesi, allenamento con i pesi nelle palestre, ecc. Posso correre dopo la coagulazione della vena laser? Gli esperti proibiscono la corsa veloce, come una forma di carichi d'urto. Questi includono anche salti e jerk. Tali carichi dopo l'intervento sono altamente indesiderabili.

Complicazioni dopo EVLK

Come ogni altra operazione, la coagulazione laser delle vene degli arti inferiori ha potenziali complicazioni possibili. Gli effetti indesiderati della coagulazione laser nel periodo postoperatorio sono rari e alcuni sono estremamente rari (1: 10.000). Pertanto, il metodo è riconosciuto come il più efficace. Tuttavia, è necessario essere consapevoli di tali complicazioni dopo l'operazione di EVLK:

  • tromboflebite;
  • trombosi venosa profonda;
  • embolia polmonare;
  • ustioni;
  • parestesia;
  • ipertermia.

C'è dolore dopo EVLK e quanto durano? Cosa fare se la gamba tira e c'è gonfiore? Quale delle seguenti può essere considerata una complicazione dopo EVLK? Una grande vena dopo la coagulazione laser prima della formazione del tessuto connettivo può formare un cordone stretto con arrossamento. Di regola, tale sigillo sul sito di puntura e arrossamento si verifica 7-10 giorni dopo la coagulazione laser endovasale (EVLT). Questo fenomeno non è la norma, ma è temporaneo. Inoltre, regredisce rapidamente con l'uso di applicazioni locali. Alcuni pazienti notano dolore alle gambe e intorpidimento durante i primi due giorni dopo la coagulazione laser delle vene. Questi disagi sono molto probabilmente associati all'uso insolito della maglieria medica, piuttosto che alla stessa procedura di trattamento. Raramente osservato dolore fastidioso e tensione lungo il letto venoso. Durano non più di un mese e mezzo e passano indipendentemente. Va notato che il primo giorno in risposta alla coagulazione delle proteine ​​della parete del vaso, può verificarsi una temperatura che non supera i 38 ° C. Dopo EVLK, il medico informerà il paziente di tutte le possibili complicazioni e fornirà raccomandazioni su come comportarsi in questo o quel caso.

Gravidanza dopo EVLK

La gravidanza delle vene EVLK condotte non può interferire. Al contrario, quando si pianifica una gravidanza, la soluzione al problema con le vene varicose è assolutamente il passo giusto. Pertanto, alla domanda se fare coagulazione laser o no, la risposta è ovvia. Perché durante la gravidanza, il carico sui vasi aumenterà e si verificherà il 100% di aggravamento della malattia. La gravidanza esclude anche la chirurgia. Solo in situazioni difficili, quando la situazione è critica, il medico curante può prescrivere un metodo radicale per trattare le vene varicose in una donna incinta.

Quando la gravidanza si verifica dopo l'EVLK, devono essere prese misure per prevenire l'insorgenza di una recidiva. A tale scopo vengono mostrati indumenti a maglia medica elastica con un leggero grado di compressione, esercizi ginnici, automassaggio delle estremità e applicazione di creme per le vene toniche. La crema per i piedi "NORMAVEN®" è ideale per le sue qualità durante il periodo di gestazione. La sua composizione è naturale, il che significa che il prodotto è sicuro per la salute della futura mamma e bambino.

Trattamento delle vene varicose con laser: l'essenza, caratteristiche e vantaggi del metodo, raccomandazioni dopo la procedura

Malattia "brutta"

Infatti, la prima cosa che affligge le persone (specialmente le donne) che soffrono di vene varicose è l'aspetto antiestetico delle gambe con "ragni" viola di vasi sanguigni tentacolare o "serpenti" di vene gonfie.

E anche se la bruttezza è un fattore piuttosto significativo, in presenza di quale coagulazione laser delle vene varicose è pienamente giustificata, ma l'uso di questa procedura innovativa è molto più importante al fine di evitare pericolose (anche mortali!) Manifestazioni delle vene varicose: tromboflebiti, ulcere trofiche, trombosi, che i flebologi registrano un quarto paziente.

Questo è davvero molto pericoloso!

Eseguire vene varicose è altamente indesiderabile. Sotto la parola "indesiderati" gli esperti significano un grave pericolo per la salute e la vita del paziente. La verità è questa: le vene varicose non sono una malattia così innocente come potrebbe sembrare.

Dermatiti, ulcere trofiche, sanguinamento tendono non solo a privare definitivamente una persona di capacità lavorative, ma anche a condurre alla disabilità.

La malattia altera i vasi venosi in modo tale che queste metamorfosi possano contribuire alla formazione di un trombo. Hai sentito molto sui coaguli di sangue e sul loro comportamento imprevedibile? Può venire fuori in qualsiasi momento, e se questo accade, la morte è inevitabile.

Sì, è spiacevole. Sì, è pericoloso. Sì, è spaventoso. Ma non dimentichiamo che le vene varicose sono quelle malattie che possono essere sconfitte.

Compresse e unguenti? Difficilmente...

La malattia venosa persegue l'umanità fin dai tempi antichi. I famosi Ippocrate, Avicenna e Galeno cercarono di capire la sua natura, di fermare la progressione, di studiare le cause dell'evento. Ma cosa c'era a loro disposizione? Erbe medicinali, pomate da loro, massaggi.

Come ha dimostrato la pratica vecchia di secoli, non puoi curare le vene varicose. Forse rallenterà leggermente il suo sviluppo, è anche possibile che le pareti delle vene diventino in qualche frazione più elastiche, ma non ci sarà un recupero completo.

La stessa storia con il trattamento farmacologico. Le pillole per le vene varicose (anche le più pubblicizzate) possono essere prese per tutta la vita e per tutta la vita a soffrire di pugnalate e tagli alle gambe, sentirsi liberi di spogliarsi sulla spiaggia, vergognarsi delle proprie gambe in generale.

Raggio di ritorno di salute

Dicono che non esiste una panacea a priori. Forse è così. Ma è improbabile che qualcuno possa cercare un altro metodo più efficace, conoscendo l'esistenza di EVLK.

L'abbreviazione che non è completamente chiara per noi non è altro che la coagulazione laser endovasale, un metodo rivoluzionario per trattare le vene varicose, riconosciuto all'estero come il principale tipo di trattamento per le vene varicose.

Il raggio laser in un brevissimo periodo di tempo riuscì a affermarsi come un concorrente di maggior successo rispetto al solito bisturi chirurgico. Ciò è confermato ufficialmente da studi scientifici, durante i quali i medici hanno ripetutamente concluso che la percentuale di complicanze dopo EVLK è la più bassa rispetto ad altri tipi di trattamento chirurgico per le vene varicose.

Come funziona?

Per comprendere finalmente la terminologia e smettere di aver paura di nomi lunghi e intelligenti, vale la pena di spiegare il nome stesso del metodo e la sua essenza è più accessibile.

Coagulazione laser endovenosa - lo stesso incollaggio. Sotto l'influenza dell'energia laser, si verifica una sorta di sigillatura di una vena dolente. La procedura è ambulatoriale, non prevede tagli e richiede 30-40 minuti.

I medici dividono condizionalmente il trattamento laser in due fasi:

  1. Impatto sulla vena safena con compromissione del funzionamento delle valvole che non garantiscono un adeguato flusso sanguigno.
  2. Impatto sui tributari delle vene principali, sfigurato dalla malattia.

Queste brutte vene che sporgono da sotto la pelle non sono la base, ma la conseguenza della malattia. La base di tutti i problemi varicosi è la principale vena safena, le cui valvole per qualche motivo hanno perso la capacità di chiudere e prevenire il riflusso del sangue.

Dopo la procedura, la vena saldata in modo affidabile rimane in posizione, ma il sangue non può più circolare attraverso di esso e si riversa in altre vene sane. Un paziente che ha ricevuto lo status di ex per mezz'ora, spesso dimentica il problema il giorno successivo.

Metodo "in piedi"

Vale la pena provare la coagulazione laser, se un intervento chirurgico classico è controindicato, non c'è assolutamente tempo per una lunga guarigione dopo un intervento chirurgico tradizionale, non si vogliono sfigurare le gambe con tagli o si ha il desiderio di liberarsi rapidamente e definitivamente delle vene varicose.

Questo metodo costa molto più del denaro. Dopo di ciò, puoi sentirti come una persona a tutti gli effetti, e questa sensazione non viene misurata nelle banconote.

Anche se, come per qualsiasi altro tipo di servizi medici, esiste un prezzo stabilito per la coagulazione laser delle vene. Il costo medio del trattamento laser per le vene varicose in Russia varia da 42.000 rubli (coagulazione della prima categoria di complessità) a 52.000 rubli (coagulazione della terza categoria di complessità). Le consultazioni di un phlebologist - da 1.000 rubli più la terapia postin vigore - da 10.000 rubli.

Specificamente sui benefici

Utilizzando il metodo di coagulazione laser dei vasi sanguigni, è abbastanza possibile eseguire i compiti principali in cui sia il paziente che il medico sono interessati:

  • L'eliminazione della sindrome varicosa.
  • Completa eliminazione dei segni di insufficienza venosa.

Così rapidamente, facilmente ed efficacemente per sbarazzarsi delle vene gonfie sulle gambe prima che l'aspetto di EVLK non potesse essere uno dei metodi precedentemente noti.

Quindi, la risposta alla domanda, qual è il trattamento laser migliore di tutti gli altri, viene data punto per punto:

  1. L'operazione viene eseguita su base ambulatoriale (senza ospedalizzazione).
  2. Trauma operativo minimo (è possibile trattare entrambe le gambe contemporaneamente).
  3. Breve tempo di intervento (30-40 minuti).
  4. Utilizzare solo l'anestesia locale.
  5. Attivazione precoce del paziente (dopo 1-3 ore puoi andare a casa).
  6. La mancanza di un periodo di riabilitazione (il giorno dopo puoi andare al lavoro, il solito ritmo della vita non è disturbato).
  7. Perfetto effetto cosmetico (completa assenza di cicatrici ed ematomi).
  8. La percentuale più bassa di complicanze postoperatorie.

Ma ci sono controindicazioni

Se si hanno cambiamenti nel sistema di coagulazione del sangue (questo aumenta il rischio di coaguli di sangue), se l'obesità delle estremità è pronunciata, il che rende impossibile la compressione postoperatoria, se vi viene diagnosticata un'aterosclerosi delle gambe o dell'endarterite, allora nessun medico intraprenderà il trattamento delle vene varicose con un laser.

La presenza di almeno uno di questi fattori di rischio è presa in considerazione durante l'esame.

L'EVLK ti soddisfa?

Anche se sei sicuro al 100% nel tuo desiderio di fare un passo verso la salute, assicurati di consultare un buon specialista.

Durante l'esame, il flebologo compilerà un "ritratto" emodinamico specifico del disturbo, in cui terrà conto di ogni dettaglio: la lunghezza del segmento affetto da vene varicose e il grado della sua tortuosità e il rapporto con i tessuti circostanti.

Nella terminologia medica, questo "ritratto" è chiamato flebocard, e sulla base di ciò il chirurgo trova ulteriori tattiche mediche.

Prima di iniziare il trattamento

Se sei uno di quei fortunati che non interferiscono con l'uso dei moderni metodi di rimozione delle vene con un laser, allora non sarà necessaria alcuna preparazione speciale per l'operazione - solo un esame standard.

Immediatamente prima dell'inizio dell'operazione, il medico-flebologo noterà afflussi varicosi dilatati usando ultrasuoni. Probabilmente, condurrà una premedicazione - introdurrà un sedativo per alleviare la tensione e la paura della procedura.

Secondo le statistiche, il 98,7% dei pazienti tollerano il trattamento delle vene varicose con un laser molto facilmente e assolutamente non notano alcun dolore durante il trattamento.

Al fine di evitare complicazioni

Il trattamento intravascolare consente di evitare tali complicanze postoperatorie:

  • Lesioni di vasi linfatici e terminazioni nervose adiacenti a una vena;
  • Trauma al tessuto venoso vicino;
  • edema;
  • Sindrome del dolore;
  • Perdita parziale della sensibilità della pelle nell'area della vena rimossa.

Video: report sulla preparazione e lo stato di avanzamento dell'operazione

Vita dopo l'intervento

La chirurgia laser nelle vene ha avuto luogo. La bellezza e la salute sono state ripristinate ai tuoi piedi, in generale, hai trovato la pace della mente e completa soddisfazione. Ma non dimenticare le raccomandazioni dopo l'intervento. La loro implementazione è un prerequisito anche dopo un intervento così semplice.

Il periodo postoperatorio inizia dal momento in cui viene applicata la fasciatura di compressione. Il dolore luminoso non aspetta: puoi alzarti e fare i fatti loro. Una vena "saldata" darà un po 'di fastidio, ma non di più.

Per eliminare le manifestazioni di dolore doloroso nella vena coagulata, è possibile assumere farmaci antinfiammatori anti-steroidei su indicazione del medico. Ma li rifiuterai già per 2-3 giorni postoperatori.

IMPORTANTE! Dopo il trattamento laser, assicurati di:

  1. Indossare una maglia di compressione;
  2. Ogni giorno prendi delle passeggiate da 1,5 a 2 ore;
  3. Escludere temporaneamente l'esercizio (compreso l'allenamento in palestra);
  4. Rinuncia all'alcol;
  5. Abbandona le scarpe col tacco alto (raccomandazione per le donne).

Hai ricevuto un segnale

Le vene varicose sono una malattia molto insidiosa. Potresti non riconoscerlo dai primi sintomi.

Ti fanno male le gambe e si gonfiano? Alla fine della giornata, le scarpe diventano anguste e scomode? Il "disegno" dell'elastico delle calze è impresso troppo chiaramente sulla pelle? Sulle tue gambe è apparsa una sottile e piccola ragnatela blu-rossa? Quindi questi sono i sintomi che segnalano: hai urgente bisogno di visitare un flebologo.

E se tu sai che sei incline alla malattia delle vene varicose, ti preghiamo di impegnarti nella prevenzione.

E anche dopo EVLK rafforzare le navi. Metodi innovativi più la tua partecipazione attiva non daranno alcuna possibilità alla malattia.

Articoli Su Varici