Tipo pericoloso di emorroidi - trombosi e trattamento di una malattia trombizzata

Molte persone conoscono una malattia come le emorroidi. Anche se non tutti sospettano che possa avere una serie di gravi complicazioni, portando a conseguenze tristi.

Se ignori la malattia, può svilupparsi in trombosi emorroidaria. Dovresti conoscere i sintomi ed essere in grado di riconoscerlo in tempo per iniziare il trattamento.

Cos'è una malattia?

Le emorroidi trombizzate sono una delle complicanze più frequenti della malattia. Si verifica a causa di un trombo formato nella vena anale.

Uno dei primi sintomi: costante dolore spiacevole all'ano. Può apparire inaspettatamente e non dipende dal processo dei movimenti intestinali. E con costipazione diventa molto più forte.

Qualsiasi tensione che provochi il flusso di sangue nella regione pelvica può causare la rottura della parete del vaso e la formazione di un coagulo di sangue. Comincia a esercitare una pressione sulla nave dall'interno e questo aumenta il dolore tanto che diventa problematico camminare e sedersi.

Il nodo acquisisce una tinta viola o nero intenso. Il gonfiore si verifica nell'area perianale.

Fuori dal buco, può iniziare il muco con un odore pungente e sgradevole. Il sanguinamento può verificarsi anche a causa di danni al nodo.

Ora che hai imparato un po 'di più su cos'è una emorroidi, la trombosi, vale a dire le ragioni della sua apparizione, è la prossima questione altrettanto importante che verrà esaminata dai nostri esperti nella sezione seguente.

  • Descrizione dettagliata delle varie fasi: prima, seconda, terza, quarta;
  • Caratteristiche del decorso interno della malattia e manifestazioni esterne;
  • Un elenco di farmaci, supposte e unguenti che vengono utilizzati nel trattamento di questa malattia può essere trovato qui.

Cause di trombosi emorroidi

Una delle prime ragioni, gli esperti ritengono che il funzionamento scorretto dei vasi del retto. Si espandono a causa del flusso intenso di sangue arterioso.

Le vene in cui si accumula il sangue formano nodi dopo un certo periodo. Se la malattia peggiora, tendono a cadere dal retto e trombare.

Inoltre, ci sono una serie di fattori che contribuiscono:

  • Una grande quantità di tempo trascorso seduto. Qual è la causa delle violazioni della corretta erogazione di sangue al bacino. Si accumula, provocando lo sviluppo di insufficienza venosa.
  • Alcol. Promuove l'espansione dei vasi sanguigni e questo porta alla stagnazione.
  • Nutrizione impropria I cibi piccanti, salati e fritti hanno un effetto negativo sulla mucosa intestinale.
  • Sollevamento pesi Lavoro fisico pesante e prolungato, frequenti lavori alle gambe portano a ristagno, le navi perdono la loro elasticità.
  • Violazione del tratto gastrointestinale. Durante la stitichezza, le masse fecali diventano più dure, il che impedisce una sana circolazione.

    Le persone che soffrono di stitichezza cronica spesso devono sforzarsi, il che appesantisce il corpo proprio come fa quando solleva pesi. Se una persona ha frequenti diarree, l'ano può essere irritato e infiammato.

  • Varie formazioni e processi di infiammazione nella zona pelvica. I tumori provocano un afflusso di sangue da cui le vene non riescono a far fronte, a causa di ciò vi sono ristagni di sangue.

    Le infiammazioni provocano spasmi dello sfintere, che provoca spremitura e traumi alle vene.

  • Ipotermia.

    Diversi gradi di trombosi

    Clinicamente distinguere tre gradi di trombosi nelle emorroidi negli uomini:

    1. Primo grado In questa fase, i noduli sono di piccole dimensioni, ma causano dolore se toccati.

    C'è prurito, sensazione di bruciore all'ano. A causa dell'uso di alcol e di una lunga seduta in posizione seduta, i sintomi peggiorano.

      Secondo grado Vi è un esteso gonfiore dei tessuti attorno all'ano.

    Cominciano ad acquisire una tinta rossa e appare uno spasmo dello sfintere del retto. L'esposizione fisica provoca dolore acuto.

  • Terzo stadio. L'intera superficie dell'ano copre il gonfiore. Noduli emorroidali visivamente chiaramente osservati di colore viola, che sporgono dall'ano.

    Tocchi sono dati a dolore insopportabile. Caratterizzato da necrosi, febbre.

    L'atto dello svuotamento è accompagnato da un dolore ancora più grande. C'è la probabilità di avvelenamento del sangue.

  • Questo porterà al trasferimento di un coagulo di sangue alle arterie coronarie o al cervello insieme al flusso sanguigno. Questo scenario può causare un infarto o ictus.

    Diagnosi della malattia negli uomini

    Di regola, non ci sono difficoltà. Il proctologo diagnostica la malattia. Usa tre metodi: un'indagine con ispezione visiva, esame digitale e ricerca con strumenti specializzati.

    In primo luogo, viene condotto un sondaggio sulla presenza di sintomi in un paziente con un'ispezione visiva. Nel caso di trombosi esterna, la diagnosi visiva non causerà problemi particolari.

    Le vene sporgenti esternamente sono ingrandite, hanno una tonalità viola, è presente fibrina, che è una patina bianca. Nei casi in cui la malattia è sufficientemente sviluppata, ci sono aree annerite - muri morti delle vene. Il sanguinamento è anche possibile.

    Tocca male, noduli sufficientemente duri, cadono con qualsiasi impatto. Nel caso di una trombosi interna, i segni di sangue sono presenti sul guanto alla fine dell'esame digitale.

    Con il prolasso delle vene sporgenti, è quasi impossibile condurre un esame completo complesso, perché una persona ha un forte dolore e si verifica uno spasmo dello sphincter dell'ano.

    Lo stadio finale è uno studio che utilizza strumenti o rettoscopia. Rectoscope è usato.

    Anche nel caso in cui le vene sporgenti si trovino all'esterno, questa procedura è necessaria. Ti permette di rimuovere i sospetti da altre patologie che si verificano anche con dolore simile:

    1. Tumori del retto di natura maligna.
    2. Ano incrinato
    3. Paraproctitis.
    4. Polipo rettale caduto e strangolato.
    5. Tromboflebite.

    Ora che conosci un po 'di più sulle trombosi emorroidi, il trattamento è il prossimo argomento che vorremmo toccare in questo articolo.

    Metodi di trattamento

    Quando si prescrive un metodo di trattamento, guarda lo stadio che ha raggiunto la malattia. I seguenti metodi sono comunemente usati:

    Di seguito parliamo di ciascun metodo di trattamento delle emorroidi trombizzate in maggior dettaglio.

    Metodo della droga

    Ti permette di eliminare i sintomi in circa un mese e mezzo, e quindi di seguire alcune raccomandazioni, che mirano a prevenire le ricadute. Viene utilizzato principalmente nella prima e nella seconda fase dello sviluppo della malattia, elimina il dolore e l'infiammazione, migliora la circolazione sanguigna.

    Nel trattamento di questo metodo, segui una serie di regole:

    • al paziente viene prescritto il riposo a letto;
    • prescritto una dieta speciale, che è la prevenzione della stitichezza - l'inclusione nella dieta di verdure, frutta, crusca;
    • rifiuto di alcol;
    • prendendo lassativi;
    • procedure per clisteri;
    • compresse varie;
    • fare il bagno in posizione seduta con permanganato di potassio;
    • quattro volte lavando con acqua fredda;
    • lozione rinfrescante;
    • trattamento della zona interessata con unguenti speciali;
    • prendendo droghe speciali.

    L'elenco dei farmaci prescritti per il trattamento della trombosi del sito è piuttosto esteso. Ecco alcuni di loro:

    1. Unguento eparina - aiuta a dissolvere i coaguli di sangue, ridurre l'infiammazione e il gonfiore. Applicare un piccolo strato sull'area di interesse.

    O applicato a un pezzo di stoffa e applicato alle aree problematiche. Viene applicato da una a tre volte al giorno.

  • Detralex: il farmaco aumenta il tono delle vene.
  • Prednisolone - aiuta a ridurre l'infiammazione, gonfiore e prurito. Usato solo come indicato dal medico.
  • Dyufolak è un lassativo che viene utilizzato per migliorare la funzione intestinale.
  • Il polidocanolo è un anestetico usato come iniezione.
  • Levomekol - unguento con effetto anti-infiammatorio.
  • Posterizan - candele anestetiche.
  • Proktoglivenol - aiuta a ridurre il dolore e l'infiammazione.
  • Trattamento chirurgico

    È usato nei casi gravi in ​​cui altri metodi non danno l'effetto desiderato e la trombosi ha raggiunto il terzo stadio.

    Effettuare due tipi di operazioni in caso di trombosi nelle emorroidi:

    1. La trombectomia è un modo semplice e rapido per rimuovere un coagulo di sangue. Usato per grandi urti emorroidali in anestesia locale. Il nodo sporgente viene sezionato dal chirurgo, l'incisione raggiunge i 5 millimetri e guarisce per circa 4 giorni.

    È considerato un metodo abbastanza efficace per trattare la trombosi esterna. Tuttavia, non esclude la formazione di un coagulo di sangue nel nodulo vicino. Per evitare questo, è necessario soddisfare tutti i requisiti di un medico.

    Il video qui sotto mostra come procede una trombectomia:

  • Emorroidectomia - prescritta quando la frequenza delle esacerbazioni diventa molto alta. Rimuove non solo un coagulo di sangue, ma l'intero nodulo, che salva il paziente dalle ricadute.

    Nel video puoi vedere come va questa operazione:

  • Con lo sviluppo della tecnologia, sono stati applicati nuovi metodi di trattamento della trombosi:

    1. Trombectomia laser Usato per influenzare i nodi esterni.

    Viene eseguito con anestesia locale. I dolori si fermano dopo la procedura e l'ano non è soggetto a deformazione.

  • Legatura. Le emorroidi sono bloccate da anelli di lattice. Con l'aiuto dell'anoscopio, il medico ottiene l'accesso ai nodi, imposta gli anelli.

    Dopo il serraggio, il nodo perde di nutrizione e gradualmente si spegne. È usato nel secondo e terzo stadio.

  • Coagulazione a raggi infrarossi Con l'aiuto di un coagulatore, il nodulo è esposto a un raggio di raggi infrarossi.

    Bruciano la mucosa vicino al nodulo e formano una cicatrice. Previene il flusso di sangue e, di conseguenza, si esaurisce e scompare.

  • Misure preventive

    Qualsiasi malattia è meglio prevenire che curare. Il primo passo è prevenire lo sviluppo di emorroidi.

    Le seguenti raccomandazioni dovrebbero essere seguite:

    • eliminare cibi piccanti e speziati dalla dieta;
    • rifiutare le bevande alcoliche;
    • utilizzare latte e prodotti a base di latte acido;
    • prestare attenzione all'igiene dell'ano dopo il prossimo atto di defecazione;
    • spostati di più e cambia posizione;
    • eliminare il duro lavoro;
    • evitare l'ipotermia.

    E qui puoi scoprire prodotti dannosi e utili per l'organo maschile.

    conclusione

    La trombosi emorroidaria è una malattia che dovrebbe essere evitata. Se trovi i sintomi iniziali, dovresti consultare immediatamente uno specialista.

    Non pensare che passerà nel tempo - questo non farà che aggravare la situazione e richiederà un intervento chirurgico. La nostra salute spesso dipende da noi stessi.

    Video utile

    Puoi saperne di più sulla trombosi delle emorroidi nel video qui sotto:

    Come trattare la trombosi delle emorroidi esterne?

    Una delle complicanze più comuni delle emorroidi è la trombosi delle emorroidi esterne. E se agli stadi iniziali le emorroidi sono facilmente curabili, allora nei casi avanzati, con lo sviluppo della trombosi, è necessario un approccio serio e competente al trattamento. L'assistenza professionale in questi casi è fornita dal proctologo.

    La trombosi o le cosiddette emorroidi acute si sviluppa in circa il 10% della popolazione adulta. Allo stesso tempo, si forma un trombo nel sito di emorroidi esterno, la malattia progredisce, offrendo al paziente molti inconvenienti e dolore costante.

    Fasi di trombosi

    Primo grado Le emorroidi sono piccole, hanno una consistenza elastica stretta. I dolori sono permanenti, moderati, accompagnati da prurito, bruciore e disagio. I sintomi sono aggravati dagli errori nell'alimentazione (alcol, cibi piccanti, grassi) o durante una seduta prolungata.

    Secondo grado Appare un gonfiore iperemico piuttosto pronunciato nell'area anale, uno spasmo dello sfintere e un forte dolore durante l'esame digitale rettale.

    Terzo grado Tutta la circonferenza iperemica ed edematosa dell'ano. All'ispezione visiva, c'è una protuberanza emorroidaria viola-bluastra che sporge dall'ano. I nodi densi e schiacciati nel lume dell'ano falliscono. Se non trattati, possono sanguinare copiosamente. L'esame rettale in questo caso è impossibile a causa del dolore acuto e dello spasmo grave dello sfintere.

    Cause e fattori scatenanti che portano allo sviluppo della trombosi emorroidaria

    I proctologi esperti ritengono che la causa principale di questa condizione sia la disfunzione dei vasi del retto. Con l'aumento del flusso di sangue arterioso verso l'intestino e la difficoltà di deflusso venoso, le vene sono dilatate. Le vene traboccanti e dilatate formano nodi nel tempo. Quando esacerbano la malattia, questi nodi sono in grado di cadere dall'ano e dai trombi.

    Inoltre, i seguenti fattori stimolanti contribuiscono allo sviluppo delle complicanze emorroidarie:

    • Lavoro lungo in una posizione seduta e uno stile di vita in cui una persona si muove un po '. In questo caso, la circolazione sanguigna nell'area pelvica viene disturbata, il sangue ristagna, che diventa la causa dello sviluppo dell'insufficienza venosa.
    • Lungo sforzo fisico Il duro lavoro fisico prolungato o il lavoro costante nella posizione "in piedi" portano alla stagnazione, le pareti dei vasi sanguigni perdono la loro elasticità, il che contribuisce alla comparsa di emorroidi.
    • Disturbi nel tratto gastrointestinale. Con la stitichezza, le masse fecali induriscono, previene il normale deflusso di sangue attraverso le vene. Inoltre, i pazienti con stitichezza cronica sono costretti a spingere forte, che nel suo effetto è equivalente al sollevamento pesi. Nella diarrea, l'ano e il retto hanno un effetto avverso, sono molto irritati e infiammati.
    • Errori nella nutrizione e abuso di tabacco e alcol. Sotto l'influenza dell'alcol, i vasi si dilatano, il sangue si accumula e ristagna in essi. I cibi piccanti, salati e grassi irritano la mucosa intestinale.
    • Tumori e processi infiammatori nella zona pelvica. Le formazioni tumorali contribuiscono al flusso sanguigno, il deflusso di cui le vene non possono far fronte, ci sono ristagni. I processi infiammatori portano allo spasmo dello sfintere, a seguito del quale le vene vengono compresse e ferite.
    • Gravidanza e parto. Durante la gravidanza, l'utero cresce e pizzica i vasi sanguigni che portano al retto, ei tentativi di parto contribuiscono allo stiramento delle pareti intestinali e allo sviluppo della malattia.

    Sintomi e manifestazioni di trombosi

    La trombosi esterna delle emorroidi è accompagnata da costante dolore intenso nell'ano. Può verificarsi improvvisamente e in contrasto con il dolore che si verifica durante la ragade anale, non è associato ad un atto di defecazione. Dopo aver svuotato le viscere con costipazione, il dolore può aumentare.

    Qualsiasi tensione causando un afflusso di sangue alla zona pelvica può causare la rottura della nave e la formazione di trombosi. Allo stesso tempo, il trombo risultante dall'interno preme contro le pareti della nave, agendo sulle terminazioni nervose e causando un dolore insopportabile quando si cammina e si sta seduti. A questo proposito, i medici notano la comparsa di una sorta di "passeggiata d'anatra" in un paziente.

    Contemporaneamente alla sindrome del dolore, si osserva gonfiore doloroso nell'ano. Possono verificarsi bruciore e prurito nell'area anale, sensazione di corpo estraneo, sanguinamento. La forza delle sensazioni dolorose non è correlata alla dimensione delle emorroidi e, anche con una piccola trombosi, può essere pronunciata.

    Diagnosi della malattia

    La diagnosi di trombosi esterna è abbastanza semplice e viene effettuata sulla base di una semplice ispezione visiva dell'area perianale. Dall'anamnesi, il dottore può scoprire dettagli sullo sviluppo di emorroidi e le sue esacerbazioni. All'esame, può essere rilevato un grave edema che può mascherare la trombosi. Allo stesso tempo, è diverso dai nodi a discesa. Occasionalmente, nel caso della trombosi postpartum, si può verificare un edema esteso intorno al passaggio anale. La ricerca con le dita e la proctoscopia in questi casi non vengono utilizzate a causa di forti dolori. In genere, l'esito della trombosi delle emorroidi esterne è abbastanza favorevole. Il nodo trombato può essere necrotizzato o il coagulo stesso si rompe. Quando inizia a sanguinare, ma le condizioni del paziente sono caratterizzate da un rapido sollievo. I dolori si fermano, il gonfiore scompare gradualmente e il gonfiore si attenua.

    La trombosi esterna prolungata può lasciare tracce sulla pelle sotto forma di frange emorroidarie, che si formano a causa dell'allungamento della pelle nell'ano. In futuro, possono causare prurito e interferire con le procedure igieniche, quindi è meglio rimuoverli in anestesia locale.

    Trombosi

    Nel caso di trombosi esterna delle emorroidi, il trattamento deve iniziare il più presto possibile. Questa può essere una terapia conservativa o un intervento chirurgico.

    Nella trombosi acuta è necessario il ricovero in un reparto di proctologia specializzato. I tentativi indipendenti di raddrizzare un sito trombizzato sono inaccettabili. Ciò può causare lesioni alle mucose, causare sanguinamento e complicazioni potenzialmente letali.

    Al paziente viene prescritto un riposo a letto, bagni caldi sessili in cui il permanganato di potassio viene sciolto, lozioni fredde con acetato di piombo ogni mezz'ora. Assegnare il ricevimento di anticoagulanti e la dieta delle piante del latte, prendere l'olio di vaselina all'interno (un cucchiaio tre volte al giorno).

    Farmaci flebotropici sicuri ed efficaci come Detralex possono essere prescritti. Rafforzano i vasi sanguigni e alleviano l'infiammazione. Inoltre, unguenti multicomponenti (eparina, troxevazina, epatrombina G) hanno un buon effetto locale. Candele per trombosi del nodo esterno non aiutano.

    Il trattamento conservativo è usato principalmente in caso di trombosi non troppo dolorosa. Dopo il sollievo della fase acuta del processo infiammatorio, è possibile l'intervento chirurgico. La trombectomia è considerata il metodo più rapido ed efficace di intervento chirurgico per la trombosi del sito esterno.

    Chirurgia per trombectomia del nodo emorroidario esterno

    La procedura viene eseguita in anestesia locale. Durante l'operazione, l'emorroidi viene aperto e il coagulo viene rimosso. Viene praticata un'incisione chirurgica lunga fino a 0,5 cm e vengono rimossi i coaguli trombizzati. Il nodo si abbassa immediatamente e i dolori sono sollevati, l'operazione è breve, richiede solo pochi minuti.

    Dopo questa procedura, il paziente riceve le raccomandazioni necessarie e torna a casa lo stesso giorno. Una piccola ferita rimane al posto del trombo e guarisce in pochi giorni. Spesso, i chirurghi offrono di rimuovere completamente il trombo. Questa opzione è preferibile, poiché esclude ulteriori ricadute della malattia e la formazione della frangia emorroidaria.

    In alcuni casi, quando la riacutizzazione si verifica sullo sfondo di emorroidi trascurate, un'operazione radicale viene eseguita secondo indicazioni urgenti. Dopo tale intervento, il paziente è completamente guarito dalle manifestazioni di trombosi dei nodi.

    Attualmente, per trattare la trombosi dei nodi esterni sono stati utilizzati metodi moderni e minimamente invasivi come il trattamento laser, la legatura dei nodi, la coagulazione a infrarossi e la scleroterapia. Considera questi metodi in modo più dettagliato.

    La trombectomia laser è indicata per la rimozione di grandi nodi esterni. L'operazione viene eseguita in anestesia locale e dura circa un'ora. Il laser agisce senza sangue ed efficacemente, il dolore scompare immediatamente dopo l'intervento, l'ano non si deforma e mantiene il suo aspetto naturale. Immediatamente dopo la rimozione dei coaguli di sangue, il paziente può tornare alla vita normale.

    Legatura di emorroidi esterne. L'essenza del metodo consiste nel serrare le emorroidi con l'aiuto degli anelli di lattice e viene eseguita per i pazienti con emorroidi di stadio 2-3. Durante l'intervento chirurgico, il chirurgo usa un dispositivo speciale - l'anoscopio, con il quale trova l'accesso ai nodi. Quindi gli anelli di lattice vengono applicati con un legatore, che blocca il nodo, privandolo del cibo. Nel corso del tempo, muore e scompare durante la defecazione.

    Coagulazione a raggi infrarossi Applicare un dispositivo speciale - coagulatore, che agisce su un potente raggio di raggi infrarossi. L'energia termica brucia le mucose vicino al nodo, formando una piccola cicatrice. Questa cicatrice impedirà al sangue di entrare nelle emorroidi e presto sarà esaurito e scomparirà.

    Nodi sclerosanti

    Le sedute di scleroterapia sono ridotte al fatto che al paziente viene iniettata una sostanza medicinale nell'area in cui le emorroidi vengono attivamente rifornite di sangue. In questo modo, l'apporto di sangue al nodo viene disattivato, nel tempo, si riduce in misura significativa e la sclerosi, l'infiammazione e l'edema scompaiono e il sanguinamento si interrompe.

    Trattamento della trombosi delle emorroidi esterne a casa

    Ci sono molti rimedi popolari usati nel trattamento delle emorroidi acute. Ma vale la pena ricordare che tutti non sono abbastanza efficaci per le complicazioni e possono essere utilizzati solo nella fase iniziale della malattia. Con lo sviluppo della trombosi è impossibile fare affidamento solo su erbe e lozioni, qui sono necessari metodi di trattamento più radicali. Pertanto, con esacerbazioni di emorroidi, è meglio cercare urgentemente un aiuto medico.

    In casi non complicati, puoi applicare i seguenti rimedi popolari:

    Decotto di betulla Per cucinare il brodo 100 gr. Le foglie di betulla versano 2 litri di acqua bollente e insistono. Il brodo pronto è usato per fare bagni sedentari.

    Terapia Leech. Per il trattamento dell'acquisto di sanguisughe farmaceutiche. Una sanguisuga è piantata su ogni emorroide. Fa schifo sangue, poi scompare da solo, e il nodo infiammato diminuisce e si asciuga.

    Catrame di betulla È considerato molto efficace nell'alleviare le infiammazioni. Catrame di betulla spalmare i coni esterni o iniettarlo con un tampone nell'ano.

    Erba Pocachuynaya L'erba viene prodotta come tè e bevuta tre volte al giorno. Questo tè aiuta a ridurre i sintomi dell'infiammazione e alleviare il prurito.

    Per ammorbidire le feci ed eliminare la stitichezza, la medicina tradizionale raccomanda di mangiare barbabietole, carote, meloni, uva, sottaceti sottaceto e zucca cruda. Come lassativo e antidolorifico si consiglia di prendere un decotto di bacche di uva spina o infuso di semi di aneto. Come anti-infiammatori e astringenti, aiutano i decotti di mela cotogna, fiori di melograno, foglie di fragola o mora.

    Tutti questi strumenti possono essere utilizzati in combinazione con i farmaci, previa consultazione con il medico. Per le manifestazioni di emorroidi acute, è ancora meglio non auto-medicare, ma il più presto possibile rivolgersi all'aiuto di un proctologo. Lo specialista selezionerà il metodo di trattamento appropriato e aiuterà a far fronte alla malattia.

    Sintomi, trattamento e prevenzione della trombosi emorroidaria

    Le emorroidi sono considerate come "doloranti", il che è un peccato non solo per i parenti, ma anche per gli specialisti. Ecco perché molte persone preferiscono soffrire in silenzio, quando vengono a vedere un proctologo con una grave malattia o una seria complicanza.

    La trombosi di una emorroidaria o tromboflebite è considerata la conseguenza indesiderata più comune. La sindrome del dolore in questa condizione è così pronunciata che una persona è semplicemente costretta a cercare aiuto medico.

    Cos'è?

    Trombosi di emorroidi significa un corso complicato di emorroidi, che è caratterizzato dalla formazione di coaguli di sangue nel plesso vascolare cavernoso della regione anale.

    Un tale stato non può sorgere da zero. Per lo sviluppo della trombosi, deve essere presente una emorroidaria allargata e un coagulo di sangue.

    La sequenza di occorrenza della trombosi è la seguente:

    1. Nel plesso venoso infiammato, che si trova all'interno o all'esterno dello sfintere anale, la parete vascolare è danneggiata.
    2. Al fine di prevenire il sanguinamento, un coagulo di sangue inizia a formarsi nel lume venoso, progettato per bloccare la "rottura" nella parete vascolare.
    3. Il coagulo risultante distrugge il flusso sanguigno venoso, causando ristagni nella nave.
    4. In questo luogo, il gonfiore si forma gradualmente e iniziano a verificarsi processi infiammatori.
    5. Nel retto o nell'ano, il paziente inizia a sentire le più forti sensazioni dolorose. Inoltre, la loro gravità non dipende dalla dimensione di un coagulo di sangue. Anche nel caso di un piccolo coagulo, la sindrome del dolore sarà intensa.
    6. Temendo il dolore, il paziente avverte la paura del processo dei movimenti intestinali. Per questo motivo, si presenta una sorta di stitichezza psicologica che aggrava solo la situazione.
    7. La defecazione a lungo danneggia i trombi emorroidali trombati, a causa dei quali la sindrome del dolore aumenta solo.

    Una condizione simile è diagnosticata in circa un decimo (secondo altre fonti - in ogni terzo) un paziente con infiammazione cronica e un aumento delle emorroidi.

    Cause della trombosi emorroidaria

    Pertanto, la causa diretta della trombosi dei plessi venosi ingrossati è il danneggiamento della parete del vaso. I seguenti fattori provocano il suo verificarsi:

    1. Tentativi eccessivamente forti che portano ad un aumento della pressione intra-addominale. Questo è possibile a causa della forte tensione durante i movimenti intestinali, il travaglio o il sollevamento pesi.
    2. Danni al canale anale (compresi, e con sesso "non convenzionale").
    3. Ipotermia degli organi pelvici. In tali situazioni, il restringimento delle lacune vascolari si verifica, con conseguente deterioramento del flusso sanguigno. A causa del ristagno di sangue, si verifica un danno alle pareti del vaso.

    Poiché la trombosi dei nodi e delle emorroidi sono strettamente correlate, le fonti del primo sono gli stessi fattori che contribuiscono ad un aumento dei noduli emorroidali, ad esempio:

    1. Posizione di seduta prolungata e stile di vita sedentario, in generale. Come risultato dell'ipodynamia, la congestione si verifica all'interno del peritoneo e degli organi pelvici.
    2. Prolungamento fisico prolungato (lavoro, sport di forza). Tale "severità" riduce l'elasticità delle pareti vascolari, che aumenta la probabilità di un aumento dei noduli emorroidali.
    3. Malfunzionamenti nel tratto gastrointestinale. Se ci sono difficoltà con i movimenti intestinali, le feci si induriscono, il che danneggia costantemente la mucosa del retto e le emorroidi. In caso di diarrea, il canale è irritato.
    4. Dieta organizzata in modo improprio e eccessiva passione per le bevande alcoliche. Gli alimenti salati e grassi possono causare irritazione del tratto gastrointestinale e l'alcol etilico dilata i vasi sanguigni, che porta al flusso di sangue verso gli organi.
    5. Formazioni tumorali nell'area rettale. I tumori portano ad un aumento del flusso sanguigno, con conseguente ristagno. L'infiammazione alla fine provoca schiacciamento e lesioni ai plessi venosi.
    6. Cambiamenti nel corpo durante la gravidanza. Durante questo periodo, aumenta la probabilità di costipazione, spesso si verificano emorroidi. Durante la gravidanza, questi problemi sono provocati da un cambiamento nel background ormonale e un aumento delle dimensioni dell'utero.

    Così, con le emorroidi, si sviluppa spesso la trombosi del sito di emorroidi infiammato. Le cause di queste condizioni sono le stesse, pertanto, è necessario trattare, prima di tutto, un aumento dei coni venosi, in modo da non provocare la loro trombosi.

    Tipi e estensione della malattia

    Sulla base della localizzazione del coagulo di sangue, i proctologi secernono trombosi esterne, interne e miste. In quest'ultimo caso, il processo patologico interessa entrambi i lati del nodulo emorroidario situato nel centro dell'ano.

    La malattia si sviluppa in modo coerente, anche i sintomi appaiono gradualmente, a seguito dei quali si possono distinguere 3 gradi di malattia:

    1. Nel primo grado inizia la formazione di coaguli di sangue. Per questo motivo, il nodulo emorroidario diventa doloroso, ma non è ancora infiammato.
    2. Il prossimo grado di trombosi è caratterizzato dall'aggiunta di un processo infiammatorio. I coni crescono e il loro dolore aumenta. Sono possibili alte temperature, gonfiore e arrossamento della pelle.
    3. Nella fase finale della trombosi, il processo infiammatorio copre i tessuti circostanti e passa alla zona inguinale e al tessuto sottocutaneo. La probabilità di gravi complicanze è alta.

    Più chiaramente la differenza è evidente nella tabella sottostante.

    Metodi di trattamento per trombosi emorroidaria

    contenuto

    Cos'è la trombosi emorroidaria? Questa è una delle complicazioni più famose e spiacevoli dopo l'insorgenza di emorroidi, che causa molta sofferenza a una persona. E, se all'inizio del suo sviluppo le emorroidi non sono considerate una malattia fatale, la malattia non è fatale, quindi la trombosi e ancor più la tromboflebite delle emorroidi esterne richiedono un impatto immediato dal medico. L'intervento del dottore è necessario, altrimenti la paraproctite del tipo purulento può svilupparsi.

    Cause di emorroidi trombizzate

    I proctologi medici sono unanimi nel ritenere che la trombosi si manifesti in caso di disfunzione dei vasi rettali. Nel caso di un maggiore afflusso di sangue venoso e un debole deflusso di sangue arterioso, le vene diventano tese, eccessivamente riempite, si espandono e, di conseguenza, appaiono protuberanze emorroidali.

    Nessuna patologia nel funzionamento degli organi del corpo umano, compresa la trombosi del tipo emorroidario, può sorgere da sola.

    Possono comparire vene emorroidarie tromboflebite dell'ano e iniziare a svilupparsi in presenza dei seguenti fattori:

    1. Flusso sanguigno interrotto nel bacino. Il più delle volte si verifica se una persona a causa di necessità ufficiali o semplicemente a causa della pigrizia praticamente non si muove e non si esercita in alcun esercizio sportivo.
    2. Violazione delle navi di una linea retta. Le pareti dei vasi nel retto "grossolano", perdono la loro elasticità. Questo è osservato a causa di uno sforzo fisico regolare e significativo, o quando una persona è spesso in posizione eretta.
    3. Disfunzione gastrointestinale La stitichezza o, al contrario, la diarrea spesso porta a emorroidi trombizzate. Con la stitichezza, il retto è sottoposto a questo sovraccarico, sconvolge il normale movimento del sangue. Con la diarrea regolare, nel retto si verificano processi infiammatori costanti.
    4. Mancanza di alimentazione e nutrizione scorretta. Gli amanti del cibo grasso, affumicato e salato soffrono della presenza di un coagulo di sangue nella zona delle emorroidi.
    5. Cattive abitudini L'alcol e il fumo portano a ristagni di sangue, incapacità delle navi di far fronte all'afflusso e al deflusso di sangue.
    6. Formazioni benigne e maligne nell'area pelvica. Infiammazione associata ad altre malattie. In tali situazioni, vi è un aumento del flusso sanguigno, le vene non possono far fronte al "lavoro", con conseguente formazione di ristagno.
    7. Contrazioni involontarie dei muscoli del bacino, dolore. A causa di tali fenomeni, le vene vengono compresse, ferite.
    8. Gravidanza e gestazione C'è un aumento delle dimensioni dell'utero, fa pressione sui vasi della piccola pelvi, il flusso sanguigno al retto è disturbato. Nel processo di trasporto di un bambino, spesso si verifica la trombosi di entrambe le emorroidi interne ed esterne.
    9. Processo di nascita La pressione nella zona pelvica aumenta in modo significativo e la dilatazione vascolare viene osservata sotto l'azione della pressione sanguigna. La normalizzazione del flusso sanguigno richiede tempo, ma anche il ristagno a breve termine provoca la comparsa di coaguli di sangue.

    Stadio della malattia

    Con le emorroidi avanzate, le pareti del retto sono sottoposte a una tensione costante, si formano coaguli di sangue, si verifica un'infiammazione.

    Esistono tre patologie di gravità acuta:

    1. Il primo stadio. Il processo infiammatorio è solitamente assente. Il paziente non sta ancora vivendo un significativo disagio e un peggioramento della salute. Ma nei nodi la circolazione del sangue è già rotta, si formano coaguli di sangue. Quindi il nodo in cui è apparso il trombo comincia a ferire. Il dolore non è ancora grave, ma durante l'escrezione delle feci o durante il travaglio fisico nell'ano, ci sono sensazioni spiacevoli, tutta la pelle diventa rossa, l'area è prurita e c'è una sensazione di bruciore. Il dolore appare come risultato dell'uso di cibi grassi, salati e affumicati. Per nodi caratteristica elasticità. Cosa succede se non vai dal dottore? L'infiammazione andrà ai nodi interni e ai vasi sanguigni, e questa condizione porterà alla formazione di trombosi delle vene emorroidali nell'ano e, dopo breve tempo, tromboflebite delle emorroidi.
    2. Il secondo stadio. C'è un'infiammazione pronunciata, la temperatura nella zona anale e la temperatura generale del corpo possono salire, le navi traboccanti di sangue occupano un'area in aumento. Emorroidi aumentano in modo significativo in termini di dimensioni, gonfiarsi, non ancora apparire sanguinamento critico. Il processo può interessare le emorroidi interne, sono sporgenti dall'ano. La defecazione dolorosa, inoltre, ci sono fenomeni di natura spastica.
    3. Terzo stadio. Questa è una trombosi acuta nell'area delle emorroidi esterne. L'intera area dell'ano è gravemente infiammata. La defecazione è difficile e causa forti dolori acuti. La temperatura corporea è elevata, a volte in modo abbastanza significativo. Il paziente manifesta grave debolezza e malessere, e il suo appetito può essere completamente o quasi del tutto assente. I nodi si gonfiano, compattati, diventano elastici, diventano viola con un colore tinta bluastra. I tessuti intorno alla zona anale si spengono, vi sono fenomeni necrotici pronunciati. L'infiammazione aumenta, occupa un'area estesa e le emorroidi interne cadono. L'intera immagine assomiglia ad uno "sbocco" - nodi interni caduti, e intorno a loro si infiammano, si addensano e si ingrandiscono - esterni. Nell'ultima fase, è richiesto l'aiuto immediato di un proctologo o di un chirurgo.

    Sintomi e segni clinici di trombosi emorroidaria

    Trombosi presente nelle emorroidi ─ questa patologia è stata a lungo ben studiata. In qualsiasi directory medica descrive in dettaglio il quadro clinico e i sintomi della malattia:

    Ci sono i seguenti segni principali di trombosi delle emorroidi interne:

    1. Nelle prime fasi della malattia ─ prurito, bruciore e disagio quasi impercettibile nell'area dell'ano.
    2. Dolore acuto e quasi insopportabile in tutta l'area anale. Questo dolore, combinato con prurito e bruciore, è più spesso sperimentato dal paziente durante la defecazione. Un uomo, cercando di liberarsi della sofferenza, sta già tentando involontariamente di frenare una sedia, il che porta alla stitichezza e aggrava solo la malattia. Le vene emorroidarie sono piene di sangue in eccesso, le loro pareti diventano più sottili, il che porta facilmente ai microtraumi da masse fecali. Urti emorroidali si gonfiano e diventano marrone. A causa delle contrazioni involontarie dei muscoli dello sfintere, i nodi che sono caduti non possono essere regolati correttamente, le funzioni di circolazione del sangue in essi sono disturbate. La palpazione dei nodi provoca spiacevoli sensazioni dolorose. Il dolore durante la trombosi non si ferma ed è permanente.
    3. Bleeding. All'inizio della fase acuta della malattia compaiono incrinature microscopiche, a seguito di tali lesioni si verifica un piccolo sanguinamento, talvolta sotto forma di strisci di sangue sulla carta igienica. Le vene sono compattate e riempite di sangue in eccesso. Sfortunatamente, durante questo periodo poche persone si rivolgono a medici qualificati. La gente preferisce essere trattata con rimedi popolari o semplicemente lasciare che la malattia faccia il suo corso, il che non fa che peggiorare il suo corso.
    4. Per il terzo stadio della trombosi delle emorroidi esterne, il sanguinamento abbondante è caratteristico, la superficie dei nodi stessi è coperta da fessurazioni, che a loro volta rappresentano l'inizio della necrosi tissutale.
    5. Gonfiore e ridimensionamento delle emorroidi. Con lo sviluppo della malattia, i coaguli di sangue nei nodi iniziano a crescere, rispettivamente, e i nodi stessi aumentano di dimensioni, si gonfiano e si addensano. Il gonfiore si estende fino all'area attorno ai nodi e copre infine l'intera area inguinale.

    Questi sono sintomi che dovrebbero essere trattati prontamente.

    Perché le emorroidi trombizzate sono pericolose

    Un numero enorme di persone che hanno emorroidi croniche, anche con l'infiammazione delle emorroidi esterne, non si rivolgono ai medici, preferendo essere trattati (o non curati del tutto) da soli, a casa. L'immagine e la qualità della vita in forma cronica non cambiano, non si sperimenta particolare disagio. Ci sono casi in cui il nodo trombato si è risolto da solo, senza l'intervento di un medico.

    Non c'è nulla di sorprendente in questo per i seguenti motivi:

    • il nodo è all'esterno;
    • la violazione non si verifica;
    • il sanguinamento è raramente osservato;
    • la diagnosi non causa alcuna difficoltà.

    Molti in presenza di una tale malattia come la trombosi delle emorroidi esterne hanno semplicemente paura di una visita al proctologo, preferendo essere trattati con rimedi popolari o droghe. Questo è l'errore principale, perché nessuno è immune dalla transizione della malattia alla forma acuta.

    La valutazione della gravità della malattia e dello stato delle emorroidi interne in casa è impossibile. Sono le emorroidi interne che possono causare violazioni, sanguinamento e successivamente gravi emorragie. Ora, senza l'aiuto di un medico non può fare. Altrimenti, è possibile una morte della malattia molto sfavorevole.

    Il terzo stadio della trombosi è irto di sviluppo di necrosi, paraproitite purulenta, emorragia in massa. Inoltre, arriva una condizione pericolosa per la vita del paziente ─ sepsi. Non c'è posto per la falsa vergogna: c'è solo una via d'uscita ─ cercare immediatamente l'aiuto di un medico e non cercare di curare la malattia da solo.

    diagnostica

    Esistono tre tipi di misure diagnostiche per determinare con precisione la gravità della trombosi delle emorroidi esterne e i metodi di trattamento:

    1. Ispezione visiva Quando esaminati da un medico, ci sono nodi esterni ingranditi di un colore viola o bluastro, a volte coperto da una fioritura biancastra. Spesso, è possibile notare aree annerite, che indicano processi necrotici e necrosi dei tessuti.
    2. Esame fisico (fisico) - palpazione. Nella maggior parte dei casi, l'accuratezza delle condizioni del paziente può essere determinata con precisione. In caso di trombosi interna gli strisci di sangue rimangono sui guanti del medico, i nodi stessi sono densi ed elastici, non si deformano e non cambiano struttura quando vengono schiacciati. Con l'aumento del dolore nella zona interessata, la palpazione viene eseguita solo con anestesia locale.
    3. Esame strumentale - rettoscopia. Con questo tipo di esame, viene utilizzato uno speciale dispositivo ottico, un rettoscopio, che consente di esaminare non solo i nodi esterni, ma anche l'intero retto. Il metodo per il dolore marcato nel paziente richiede anche l'anestesia locale. Questo è l'unico modo per rilevare la trombosi acuta delle emorroidi.

    Nel processo di diagnostica, i metodi di cui sopra devono essere applicati, altrimenti l'ispezione non può essere considerata completa.

    Il trattamento della trombosi emorroidaria inizia dopo la comparsa dei sintomi e quindi la diagnosi corrispondente.

    Conservatore e Farmaco

    Prima di tutto, il trattamento conservativo è indicato per alleviare le sindromi dolorose, quando la chirurgia non è richiesta o per qualsiasi motivo è impossibile.

    Si noti che le emorroidi, che sono trattate con terapia conservativa, passano molto più velocemente.

    Quando le emorroidi sono presenti, un trombo durante tali procedure non può dissolversi, ma, tuttavia, porteranno un vero investimento al paziente:

    1. Rispetto del riposo a letto.
    2. Esclusione dalla dieta di cibi grassi, affumicati e salati.
    3. Dieta e consumo di prodotti lattieri e vegetali, bolliti o al vapore.
    4. Quando si riducono o si fermano i vassoi consigliati per il sanguinamento con una soluzione rosa pallido di manganese, lozioni con acetato di piombo. Raffreddare docce perineali e lavare via.
    5. Lubrificazione dell'area infiammata con paraffina vegetale o liquida per facilitare il movimento intestinale.
    6. Forse l'uso di clisteri e lassativi.

    Nella diagnosi della trombosi emorroidaria, il trattamento può essere effettuato con l'aiuto di farmaci, ma questo è efficace all'inizio della riacutizzazione delle emorroidi croniche. In molti casi questo evita l'intervento del chirurgo. Il medico prescrive farmaci, sotto l'azione di cui i vecchi coaguli di sangue si dissolvono e quelli nuovi non possono sorgere. I farmaci prescritti possono essere somministrati per via orale o rettale, somministrati per via endovenosa e intramuscolare.

    È possibile trattare la trombosi emorroidaria con l'aiuto dei seguenti farmaci:

    • Detraleks, Venarus, Venozol, Aescin ─ aiutano a rimuovere il gonfiore, aumentare il tono delle pareti venose, ridurre il ristagno venoso, migliorare la circolazione sanguigna;
    • Supposte per anestesia ─ riducono o eliminano completamente l'infiammazione localizzata;
    • Troxevasin, eparina, epatrombina - farmaci con cui viene assorbito un vecchio trombo e non ne può derivare uno nuovo;
    • Aurobin, Posterizan, Nigepan ─ ​​hanno un effetto terapeutico complesso: antimicrobico, antibatterico, anestetico, immunostimolante.

    Trattamento con l'aiuto di rimedi popolari

    Se l'esacerbazione della trombosi emorroidaria è già iniziata, ma non ha ancora raggiunto il 2 ° e, inoltre, il 3 ° stadio, è possibile eseguire il trattamento a casa, il che può aiutare ad evitare gravi conseguenze. Con l'aiuto di rimedi popolari, i brodi sono preparati per l'ingestione e compresse per uso esterno.

    Il trattamento della trombosi emorroidaria con questo metodo viene eseguito utilizzando i seguenti elementi:

    • decotto di foglie di betulla ─ sitz bath, impacchi;
    • il catrame di betulla è un lubrificante naturale per i nodi esterni infiammati, per alleviare l'infiammazione nell'ano, introdurre delicatamente i tamponi imbevuti di catrame;
    • l'erba dei reni viene prodotta e bevuta come il tè - allevia l'infiammazione e il prurito;
    • bevono anche un decotto di uva spina e bacche di semi di lino - alleviano perfettamente il dolore, ammorbidiscono le feci e facilitano la defecazione;
    • decotto di mela cotogna, fiori di melograno, foglie di mora e fragole hanno un effetto astringente;
    • l'uva, le barbabietole bollite, le carote crude e la zucca hanno l'effetto più benefico sul tratto gastrointestinale, eliminando efficacemente la stitichezza;
    • irudoterapia: trattamento con sanguisughe ─ metodo vecchio provato.

    Importante: quando si usa l'irudoterapia, in nessun caso non si metta il sanguisuga da soli, questo tipo di trattamento può essere applicato solo nell'ufficio di un fisioterapista, dopo aver consultato un medico e solo sotto la sua supervisione.

    La terapia domiciliare, ovviamente, non può curare completamente la malattia, ma è del tutto in suo potere portare sollievo.

    Intervento operativo

    Viene utilizzato in assenza di un effetto terapeutico dopo una sessione terapeutica conservativa, al raggiungimento della malattia del 2 ° e 3 ° stadio, con forti emorragie. In alcuni casi, effettuato su base di emergenza.

    Il trattamento delle emorroidi, i suoi effetti e le sue complicanze viene eseguito con successo utilizzando metodi invasivi e radicali:

    1. Trombectomia. Uno degli interventi chirurgici più utilizzati è indicato in caso di trombosi della emorroidaria esterna, ma in assenza di sanguinamento. L'operazione viene eseguita in anestesia locale. Durante l'intervento chirurgico, un nodo infiammato viene aperto e il coagulo di sangue viene rimosso. Nel momento in cui l'operazione richiede non più di pochi minuti. Il paziente, dopo aver ricevuto le raccomandazioni e le istruzioni necessarie, può immediatamente lasciare l'istituto medico.
      Importante: nonostante la sua semplicità e accessibilità, l'operazione è diventata sempre meno popolare. Durante l'intervento chirurgico, la parete venosa è ferita, il sistema di coagulazione del sangue reagisce immediatamente con la formazione di un nuovo trombo. Circa 10 anni fa, Longo ha iniziato a ricorrere alla trombectomia in chirurgia, quando una parte del retto è stata asportata e rimossa, mentre l'apporto di sangue al nodo è stato interrotto e le sue navi sono state sostituite con tessuto connettivo.
    2. Chirurgia radicale per rimuovere le emorroidi esterne. La resezione dell'intero nodo esterno infiammato viene eseguita anche in anestesia locale, e questa opzione è buona in quanto esclude possibili ricadute.
    3. Trombectomia laser L'operazione dura un'ora o più. Con l'aiuto di un laser, tutte le grandi unità esterne vengono rimosse. Viene eseguito in anestesia locale, dopo un tale intervento, l'ano mantiene il suo aspetto naturale.
    4. Legatura. Per il 2 ° e 3 ° stadio delle emorroidi acute, è stato sviluppato un metodo di legatura. In tale operazione, viene utilizzato un dispositivo anoscopio speciale, con l'aiuto del quale il chirurgo trova l'accesso più conveniente ai nodi. I nodi infiammati sono strizzati con anelli di lattice, il loro afflusso di sangue si ferma. Dopo un po ', un tale nodo esangue semplicemente scompare durante un movimento intestinale.
    5. Metodo coagulativo Dispositivo di coagulazione usato. I raggi infrarossi bruciano solo il muco attorno ai nodi esterni infiammati. Nel tempo, il nodo è esaurito, si risolve e scompare.
    6. Scleroterapia. L'operazione può essere chiamata solo un allungamento molto grande. Tale intervento medico viene principalmente utilizzato per arrestare tempestivamente il sanguinamento. Il farmaco viene iniettato nei linfonodi esterni infiammati, l'afflusso di sangue al nodo viene interrotto, il nodo viene sclerotizzato e l'emorragia viene interrotta.

    Inoltre, si dovrebbe rispondere alla domanda su cosa sia una trombosi emorroidaria e quanto velocemente passi, quanto tempo ci vuole per trattare, può una tale complicazione andare via da sola e, soprattutto, come trattare la trombosi rettale? In rari casi, dopo una necrosi di un nodulo o una svolta del trombo, la tromboflebite delle vene dell'ano entra in uno stadio di remissione, il nodo si risolve. Dopo l'intervento radicale, la trombosi con terapia di mantenimento e seguendo le raccomandazioni del dottore passa tra alcuni giorni.

    Complicazioni di emorroidi - trombosi e flebiti: segni, metodi di trattamento, conseguenze

    Le emorroidi possono durare per anni, poi diventare aggravate, quindi scomparire, trasformandosi in un decorso asintomatico, quando il paziente decide che non vi è alcuna malattia. Tuttavia, le emorroidi non scompaiono senza lasciare traccia, poiché le vene allargate non possono più assumere il loro aspetto originale e portare via tutto il sangue dal piccolo bacino. Sì, e l'uomo stesso, indebolendo l'attenzione sulla sua malattia, no, no, sì, interrompendo una dieta o sollevando un po 'di peso. La trombosi di una emorroidi avviene sempre improvvisamente e, inoltre, spesso causa anche infiammazione (tromboflebite).

    Emorroidi, emorroidali...

    Emorroidi - dilatazione dei vasi del plesso venoso del retto, che molto spesso si manifesta con la formazione sulle pareti del canale anale delle tre principali emorroidi interne. Sono determinati nella posizione del corpo sul retro sul quadrante dell'orologio e corrispondono a:

    1. Il nodo sulla parete laterale sinistra - 3 ore;
    2. A destra anterolaterale - 7 ore;
    3. Muro posterolaterale destro - 11 ore.

    Le emorroidi, comunemente chiamate coni emorroidali, sono rappresentate da un gran numero di glomeruli cavernosi contenenti numerose anastomosi artero-venose. Quando si sforzano (stitichezza, gravidanza, sollevamento pesi) in un paziente con emorroidi, il sangue arterioso riempie i nodi e rimane lì. Questo porta alla deplezione e all'espansione dei vasi venosi superficiali della mucosa rettale, che sono in stretta connessione con le formazioni cavernose dello strato sottomucoso. Il trauma costante alle vene superficiali contribuisce al sanguinamento emorroidario, che è di natura arteriosa.

    Fasi di sviluppo di emorroidi semplici. Sul quarto - il rischio massimo di trombosi

    La trombosi è una complicanza delle emorroidi croniche

    Danni alla parete vascolare nelle emorroidi includono meccanismi protettivi del sistema di coagulazione, che reagisce alla formazione di coaguli di sangue, che a loro volta possono portare a trombosi emorroidaria e infiammazione. Questi processi sono alla base dello sviluppo di emorroidi acute, che possono interessare sia i nodi esterni che quelli interni e sono divisi in tre livelli di gravità in base alle manifestazioni cliniche:

    • Le emorroidi acute di primo grado si verificano senza infiammazione e si manifestano come una sensazione di bruciore, dolore durante l'atto di defecazione, prurito, che si aggravano dopo aver mangiato cibi piccanti, salati, bevande alcoliche o quando sono esposti a sforzi fisici. Iperemia della regione perianale, solitaria, sensibile allo studio delle dita, i nodi elastici duri sono una caratteristica di questo grado. Tuttavia, nonostante il suo decorso relativamente lieve, lo sviluppo della trombosi delle emorroidi esterne può complicare significativamente il quadro clinico. Coinvolgere i nodi interni e il processo infiammatorio unito nel processo senza un trattamento appropriato porterà alla tromboflebite delle emorroidi e al passaggio della malattia allo stadio successivo;
    • Nel secondo grado, si osservano dolori costanti, che si aggravano quando si cammina e si siedono, l'atto di defecazione provoca il tormento, le emorroidi iniziano a sanguinare, la temperatura corporea aumenta. Cambiamenti pronunciati nella regione perianale: iperemia, gonfiore, dolore. L'infiammazione delle emorroidi è accompagnata dal loro aumento, gonfiore e dolore acuto, e non solo i plessi emorroidari esterni ma anche interni sono coinvolti nel processo, i nodi sporgono verso l'esterno e nella direzione dell'ano;
    • Nel terzo grado, le emorroidi acute sono più gravi e sono caratterizzate da:
      1. Scoppia dolori dolorosi, privando una persona del sonno, dell'appetito e della disabilità;
      2. Aumento della temperatura corporea;
      3. Defecazione bruscamente dolorosa;
      4. Minzione ritardata a causa di spasmo riflesso;
      5. Complicazioni (paraproctite);
      6. Gonfiore delle emorroidi, che diventano densi, diventano di colore blu-viola e segni di necrosi parziale o completa. Quando i nodi esterni sono anche soggetti alla morte, si può osservare un quadro a due piani di necrosi, il cui centro è occupato da emorroidi interne strozzate e morte, ei nodi infiammati esterni si trovano all'esterno di essi, formando una "presa";
      7. Grave reazione (infiammazione acuta) dei tessuti circostanti.

    Luminosità delle manifestazioni di trombosi emorroidaria

    Il terzo grado della malattia caratterizza più chiaramente la clinica della trombosi acuta delle emorroidi con segni di tromboflebite delle vene emorroidali dell'ano. I pazienti con emorragia persistente grave emorragica o acuta di grado 3 sono soggetti ad ospedalizzazione di emergenza nel reparto proctologia o chirurgica.

    Qual è il pericolo?

    Molte persone che soffrono di emorroidi croniche da molto tempo possono persino vantarsi che, avendo costantemente intorno all'ano, i dossi emorroidali continuano a vivere, lavorare e condurre una vita normale senza alcun trattamento speciale. Succede e così. Inoltre, anche una trombosi emorroidaria esterna in coloro che hanno paura del proctologo spesso finisce senza un intervento chirurgico. Questo è comprensibile, perché è esterno, non minaccia di contraffazione, raramente porta a sanguinamento e, quando è infiammato, si fa immediatamente sentire, e la diagnosi in questi casi non causa dubbi.

    Applicando i metodi popolari di trattamento delle emorroidi e dei preparati farmaceutici, i pazienti spesso riescono a far fronte da soli. Tuttavia, questo non è giustificato e fondamentalmente sbagliato, dal momento che il paziente stesso non è in grado di valutare il grado di sviluppo delle emorroidi acute.

    È difficile prevedere ulteriori eventi, se non altro perché a casa lo stato delle emorroidi interne non è soggetto a ricerche indipendenti. Dopotutto, possono essere la causa dell'infrazione o di forti emorragie, che causano la perdita di sangue e lo sviluppo di anemia, quindi i pazienti con una forma acuta di emorroidi (trombosi emorroidaria e tromboflebite) necessitano di cure mediche di emergenza. E, se le morti di questa malattia sono poche, non è perché non è pericoloso.

    Va notato che il terzo grado di trombosi delle emorroidi, oltre alla necrosi, alla paraprezione purulenta e al sanguinamento massivo, può portare a uno stato di sepsi potenzialmente letale. Sì, e sopportare a lungo i 3 gradi di emorroidi acute senza trattamento non può, quindi, rifiutare a tutti, falsa vergogna, le persone nella maggior parte dei casi prendere un trattamento ragionevole - da trattare.

    Video: medico sulla trombosi delle emorroidi

    Prima smetti di sanguinare

    Si tenta di iniziare il trattamento della trombosi emorroidaria con metodi non invasivi, sebbene nei casi avanzati di perdita e violazione dei nodi interni, la chirurgia possa essere l'unica via d'uscita, cioè la tattica del chirurgo dipende dal grado di emorroidi acute e dalle sue manifestazioni.

    In presenza di abbondante sanguinamento, dopo aver stabilito la sua causa (esame digitale, rectoromanoscopy, fluoroscopia dei piani intestinali inferiori, colonscopia), viene presa una decisione su ulteriori metodi per fermarlo e compensare la perdita di sangue. Per fare ciò, prendere misure attive dell'esposizione locale (candele con trombina, tamponi con una spugna emostatica, soluzione al 10% di cloruro di calcio).

    Per interrompere l'emorragia in questa fase, è possibile effettuare tale manipolazione come la scleroterapia, tuttavia, si deve notare che questa operazione in questa situazione avrà un ruolo leggermente diverso rispetto al trattamento delle emorroidi croniche nelle fasi iniziali. Lo scopo dell'indurimento nei casi avanzati è solo quello di arrestare il sanguinamento, dopo di che al paziente viene prescritto un altro trattamento in accordo con i dati oggettivi.

    Contemporaneamente alle misure adottate per combattere l'emorragia massiva, al paziente viene mostrato un trattamento generale delle conseguenze della perdita di sangue (trasfusione di massa di eritrociti, plasma, acido epsilon-aminocaproico e farmaci emostatici).

    Trattamento completo prima dell'intervento

    Il trattamento conservativo della trombosi emorroidaria dovrebbe essere complesso. Oltre all'uso di droghe, non puoi trascurare altri metodi di esposizione alle emorroidi acute:

    • Il riposo a letto deve essere rigorosamente osservato;
    • Una dieta delicata progettata per prevenire la stitichezza e alleviare i movimenti intestinali;
    • Lassativi e clisteri (se possibile);
    • Comprime, bagni sessili con una soluzione debole di permanganato di potassio o con un estratto di fiori di camomilla, docce perineali, lozioni refrigeranti;
    • Lavare con acqua fresca almeno 4 volte al giorno;
    • Antidolorifici emorroidali, unguenti, creme e supposte.

    L'obiettivo del trattamento farmacologico è eliminare i singoli sintomi della malattia e prevenire le possibili conseguenze della trombosi. A questo proposito, l'uso di antidolorifici, antisettici, antinfiammatori e astringenti che possono essere somministrati per via topica, per via orale, sottocutanea, intramuscolare e per via endovenosa.

    Nella trombosi il plesso emorroidario non è completo senza anticoagulanti (eparina ampiamente nota), che hanno la proprietà di dissolvere i trombi. Inoltre, in tali casi è necessario utilizzare sostanze che contribuiscono all'eliminazione del dolore e del processo infiammatorio. Pertanto, la produzione di unguenti e supposte a base di eparina prevede anche la presenza di anestetici e componenti anti-infiammatori nella loro composizione.

    I vassoi di sessione sono una parte integrante del trattamento delle emorroidi nella fase moderata.

    Tale trattamento nella maggior parte dei casi fornisce un miglioramento nella prima settimana. Se il sanguinamento si è verificato, il contenuto di emoglobina è normale e con la trombosi complicata dalla tromboflebite, entro la fine del primo giorno lo stato di salute dovrebbe migliorare. Dopo due giorni, di norma, l'infiammazione dell'area perianale va via in modo significativo, le foche si ammorbidiscono, i nodi acquisiscono una tonalità rosa.

    Le emorroidi diminuiscono gradualmente, si restringono e si restringono, i normali movimenti intestinali iniziano a riprendersi, il che, sebbene leggermente doloroso in questo periodo, non causa più così tanta sofferenza al paziente. È proprio in questo periodo, se siamo riusciti a evitare l'intervento chirurgico e ad affrontare la trombosi, l'importante questione per una persona è risolta: quale dovrebbe essere l'ulteriore trattamento?

    Operazioni grandi e piccole, con trombosi - solo grandi

    La trombosi di emorroidi in ciascun caso richiede un approccio individuale, perché non tutti gli stati sono soggetti a trattamento conservativo e non è sempre possibile affrontare facilmente la situazione. Questi problemi vengono risolti dal chirurgo, basandosi su dati oggettivi, che a volte indicano la necessità di un intervento chirurgico urgente nel periodo acuto, che di solito si verifica in caso di complicata trombosi con infiammazione, moderazione e necrosi. Naturalmente, i metodi minimamente invasivi in ​​questi casi non sono semplicemente il caso, e l'operazione è ridotta a emorroidectomia - la rimozione delle emorroidi.

    L'operazione, chiamata trombectomia, è in linea di principio possibile solo con trombosi di emorroidi esterne (non complicate). La sua essenza risiede nell'apertura sotto anestesia locale del nodo e la rimozione di un coagulo di sangue. Tuttavia, dato che la parete venosa sarà in qualche modo danneggiata durante l'operazione (lesioni aggiuntive), il sistema di coagulazione del paziente risponderà immediatamente a questo... con la formazione di un nuovo trombo. Pertanto, tali operazioni non sono popolari, perché il paziente ha bisogno di almeno alcune garanzie e sicurezza nel curare ed eliminare la ripetizione di eventi spiacevoli.

    Nel chiarire la storia del paziente, in molti casi si è scoperto che vi sono già sanguinamenti, trombosi con infiammazione e precipitazioni con moderazione, pertanto non è necessario parlare di scleroterapia e altri metodi simili. Il paziente è pronto per la chirurgia radicale per asportare le emorroidi, che viene eseguita in anestesia epidurale o locale e consiste nella rimozione dei nodi sul 3, 7, orologio sul quadrante, lampeggiante e fasciatura delle gambe vascolari (operazione Milligan-Morgan).

    Tuttavia, attualmente ci sono 3 tipi di emorroidectomia: chiusa, aperta e sottomucosa. Esse vengono eseguite nelle fasi successive e in casi complicati. Che tipo di preferenza è data - decidere il medico curante, che sarà in grado di valutare obiettivamente la situazione del paziente e prevedere l'esito della malattia.

    Inoltre, per 10 anni è entrato nella pratica proctologica mondiale utilizzando il metodo Longo, amato dai medici per la sua tecnica e affidabilità a lungo termine. Tutti gli strumenti chirurgici e la cucitrice circolare sono nel kit utilizzato durante l'operazione. Il metodo consiste nella rimozione della mucosa rettale al di sopra della linea dentata, che porta all'interruzione dell'afflusso di sangue nelle emorroidi e alla sostituzione delle sue navi con tessuto connettivo.

    Pertanto, in caso di trombosi acuta, il paziente e il chirurgo, oltre ai tipi di emorroidectomia, in generale non hanno i linfonodi emorroidali di scelta. Ma nel trattamento delle emorroidi croniche, cioè delle vene varicose del retto, si può fare, come si dice, e "poco sangue".

    Quando ancora non è troppo in esecuzione

    Basso traumatico, eseguito anche su base ambulatoriale, la chirurgia per curare le emorroidi croniche è possibile all'inizio dello sviluppo del processo patologico nelle vene emorroidali, quando il sanguinamento è l'unico sintomo che disturba una persona.

    La procedura di scleroterapia continua ad essere popolare tra i pazienti (e anche tra i medici), che consiste nell'iniettare soluzioni speciali nelle emorroidi, che portano alla sostituzione dei vasi del nodo con il tessuto connettivo.

    Tale operazione minimamente invasiva, come la fotocoagulazione a infrarossi, viene eseguita utilizzando l'apparato Infraton e mira a coagulare la gamba vascolare del nodo con la sua successiva sclerosi.

    Legatura (tiratura) di emorroidi con anelli di lattice, anche se possibile in fasi successive (se un emorroidi cade), è controindicato per fessure, infiammazioni e trombosi. Di conseguenza, l'imbragatura di anelli elastici, che porterà a una caduta indipendente di un nodo a causa di un'interruzione dell'afflusso di sangue in essa, non è praticata rispetto ai nodi trombizzati.

    legatura di emorroidi con anelli di lattice

    I metodi mini-invasivi, a basso impatto e poco dolorosi per il trattamento delle emorroidi sono indubbiamente buoni. Tuttavia, è ovvio che non possono essere utilizzati nel caso di emorroidi acute, che è la trombosi delle emorroidi. Pertanto, l'unico modo per proteggersi dall'emorrroidectomia radicale, e dalla trombosi con tromboflebiti, sarà la prevenzione delle emorroidi (o la sua esacerbazione) e il trattamento tempestivo delle vene varicose rettali. Spetta al paziente decidere su cosa scegliere, quando questa scelta esiste ancora.

    Articoli Su Varici