Chirurgia per rimuovere le emorroidi - tipi di trattamento chirurgico, recensioni

La chirurgia per rimuovere le emorroidi è un metodo radicale per trattare questa spiacevole malattia, che viene utilizzata nelle forme croniche del retto varicoso e in un processo acuto, accompagnato da un forte dolore. Nella maggior parte dei casi, i proctologi raccomandano metodi conservativi per il trattamento delle emorroidi ai pazienti, ma se non apportano sollievo e il paziente è in remissione, è possibile pensare alla rimozione chirurgica dei nodi.

Nelle emorroidi acute, i rischi associati all'intervento chirurgico sono aumentati in modo significativo, per cui i pazienti sono invitati a non precipitarsi nell'operazione e ad effettuare prima tutte le misure terapeutiche. Dopo l'eliminazione dell'infiammazione e la stabilizzazione della condizione, viene presa la decisione sull'opportunità dell'operazione.

Indicazioni per la rimozione chirurgica delle emorroidi

Le emorroidi a gravità media non sono indicative per la chirurgia. La chirurgia è necessaria quando sorgono gravi complicazioni:

  • perdita di nodi;
  • pizzicore e trombosi di emorroidi;
  • frequente esacerbazione delle vene infiammate;
  • sanguinamento raro ma pesante.

L'escrezione di sangue continua comporta il rischio di sviluppare anemia. La sporgenza dei nodi crea un ambiente favorevole per l'infiammazione della pelle nella regione perianale. Il muco rilasciato dalla superficie dei nodi irrita e riduce le proprietà protettive della pelle, che diventa vulnerabile alle infezioni microbiche.

Inoltre, il paziente può sperimentare forti dolori e prurito lancinante, che lo spingono a prendere misure drastiche contro la malattia. Il paziente stesso insiste sulla chirurgia, perché per liberarsi delle emorroidi è pronto a sopportare tutto l'intervento chirurgico.

Tipi di chirurgia delle emorroidi

Oggi, le tecniche minimamente invasive per il trattamento chirurgico delle emorroidi, popolarmente conosciute come "rimozione delicata", sono diventate molto diffuse. Questo effetto sui nodi con:

  • scleroterapia delle emorroidi (iniezione di un legante nella base del nodo da una siringa che "sigilla" le pareti venose);
  • criodistruzione ("congelamento" con azoto liquido a bassissima temperatura);
  • onde laser e radio (distruzione di nodi);
  • Raggi IR (coagulazione con infrarossi focale);
  • legare con anelli di lattice (legatura, a seguito della quale il nodo scompare).

Queste operazioni sono eseguite su base ambulatoriale e non richiedono anestesia generale, immediatamente dopo il trattamento, il paziente può tornare a casa. Tuttavia, la rimozione fisica dei nodi non significa una cura per la malattia. La debolezza delle pareti vascolari e delle vene varicose interne non può quindi essere eliminata. Questi metodi dovrebbero essere applicati nelle fasi iniziali della malattia.

Nelle operazioni tradizionali, l'escissione del tessuto malato viene eseguita utilizzando un laser. Questa è una procedura chirurgica seria con tutti i rischi e un lungo periodo di recupero.

1. L'emorroidectomia, o operazione di Milligan-Morgan, è il metodo più antico e traumatico per rimuovere le emorroidi. Dopo questa procedura, il paziente rimane disabilitato per diverse settimane e deve trattare attentamente la ferita postoperatoria fino alla completa guarigione. Il metodo Milligan-Morgan è giustificato quando il paziente ha emorroidi di grandi dimensioni e il rischio di emorragia massiva. I coni venosi vengono rimossi completamente, insieme alla mucosa interessata. L'ovvio vantaggio di questo metodo è la capacità di salvare il paziente dalla causa della malattia. Ma le carenze dell'operazione sono significative, è:

  • la durata della procedura, la necessità di un lungo periodo sotto anestesia;
  • profusa perdita di sangue;
  • numerose complicazioni;
  • soggiorno prolungato in ospedale e in ospedale;
  • riabilitazione grave.

2. Il metodo Parks è una delle varianti dell'emorroidectomia Milligan-Morgan, meno traumatica e dolorosa per il paziente. Nel processo di manipolazione, l'emorroide viene asportata senza alterare la mucosa. L'operazione ha una tecnica complicata, ma consente al paziente di fare a meno del dolore intenso nel periodo di recupero.

3. La chirurgia con il metodo Longo è considerata il metodo più efficace per il trattamento chirurgico delle emorroidi. Il risultato è raggiunto a causa della disarteriizzazione delle emorroidi. L'attrezzatura chirurgica viene inserita nel retto sotto controllo a ultrasuoni, dove viene tagliato e tirato un pezzo dell'arteria che alimenta le emorroidi. L'operazione viene eseguita su base ambulatoriale per 15-20 minuti, in anestesia locale. I vantaggi di questo metodo:

  • ti permette di cancellare più nodi interni;
  • procedura senza sangue e indolore;
  • condotta veloce e recupero (massimo 5 giorni);
  • ospedalizzazione breve (1 giorno) o la sua mancanza;
  • non c'è ferita postoperatoria.

L'operazione Longo ha un grosso svantaggio: non è usata per rimuovere le emorroidi esterne.

Rimozione di emorroidi: preparazione per la chirurgia e il recupero

La fase preparatoria dell'operazione è quella di soddisfare i requisiti chirurgici generali:

  • effettuare le analisi necessarie;
  • diagnosi di malattie associate;
  • identificazione di controindicazioni e fattori di rischio.

La preparazione specifica per le manipolazioni proctologiche è, prima di tutto, la pulizia dell'intestino. Le attività di pulizia vengono effettuate non solo alla vigilia dell'intervento (prendendo lassativi o un clistere medico), ma anche diverse settimane prima. È importante seguire una dieta che normalizzi il lavoro dell'intestino, eliminare le violazioni delle feci, spesso provocando lo sviluppo di emorroidi. Una dieta scorretta, costipazione può complicare il recupero e causare complicazioni, quindi senza questa fase importante dell'operazione, non ha senso farlo.

Assicurati di rimuovere l'infiammazione nell'ano, se lo è. Irritazione, ulcere, gonfiore dovrebbero essere ridotti al minimo con l'aiuto di terapie farmacologiche e rimedi popolari.

Il periodo postoperatorio dipende dal metodo di trattamento scelto e dal benessere generale del paziente. Nella maggior parte dei casi, si raccomanda al paziente di seguire una dieta speciale che non carichi l'intestino, il primo giorno è altamente desiderabile astenersi dalla defecazione. La ferita postoperatoria deve essere trattata con cura usando i mezzi raccomandati dal chirologo-proctologo.

Per ridurre il dolore, il medico può prescrivere analgesici e overlay sull'area di intervento unguento nitroglicerina. Le complicazioni dopo l'intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi possono essere piuttosto gravi, quindi il compito principale del paziente è quello di rispettare tutte le istruzioni del medico e non impegnarsi in attività indipendenti.

Complicanze postoperatorie

Sfortunatamente, la probabilità di complicazioni dopo l'intervento chirurgico è piuttosto alta. Ciò è dovuto al trauma delle manipolazioni stesse e alla posizione del campo operatorio (una grande quantità di contenuto batterico). La corretta tecnica della procedura e un'igiene accurata dopo di essa eviteranno conseguenze spiacevoli, come ad esempio:

  1. La suppurazione è una delle complicanze più comuni che si verificano quando i microbi patogeni entrano nella ferita, il che non sorprende nell'area perianale. Quando si verifica un'infiammazione purulenta, al paziente viene prescritta una terapia antibiotica e farmaci anti-infiammatori, nel caso di una formazione di ascessi, i contenuti purulenti vengono aperti e puliti.
  2. Fistola (fistola) - una delle conseguenze più gravi dell'operazione, che si forma pochi mesi dopo. La fistola intestinale è un canale che si apre nella parete del retto e lo collega con un foro sulla superficie della pelle o negli organi cavi adiacenti (ad esempio, nella vagina). Il trattamento di questa malattia è chirurgico.
  3. Restringimento del canale anale - si verifica in violazione dell'operazione. La causa della complicazione è impropriamente cucita. L'espansione del passaggio è fatta usando strumenti speciali, in casi difficili, viene mostrata la plastica.
  4. Sanguinamento: una grossa perdita di sangue nel periodo postoperatorio è causata da scarsa cauterizzazione dei vasi durante le manipolazioni chirurgiche e lesioni ai tessuti durante la sutura.
  5. La ritenzione urinaria è una frequente complicazione nel primo periodo postoperatorio, che consiste nell'incapacità di svuotare la vescica da sola. Viene trattato con cateterizzazione.
  6. Grave stato psicologico - dolore, paura e altri sentimenti associati alla permanenza sul tavolo operatorio e nel reparto ospedaliero possono influenzare negativamente l'umore del paziente. È abbastanza naturale e passa rapidamente. Tuttavia, c'è il pericolo che il trauma psicologico inneschi la stitichezza neurogena. Per la prevenzione di lassativi e sedativi raccomandati.
  7. Prolasso prolasso, debolezza dello sfintere anale sono rare complicanze che si verificano quando il canale nervoso dell'intestino viene danneggiato durante l'intervento. Trattamento - conservativo, volto a ripristinare la sensibilità nei casi lievi, altrimenti - intervento chirurgico.

Il costo della rimozione delle emorroidi

Di norma, le operazioni di rimozione delle emorroidi previste dalla polizza di assicurazione medica obbligatoria (cioè, per il paziente a titolo gratuito) sono eseguite con i metodi più radicali. Pertanto, la maggior parte delle persone che soffrono di emorroidi preferiscono risparmiare i metodi chirurgici, in cerca di trattamento per i propri soldi. Il costo di tali operazioni può variare da un paio di migliaia di rubli a cinquanta.

I prezzi per il trattamento delle emorroidi dipendono dal tipo di intervento chirurgico, dalla qualifica del chirurgo, dal livello della clinica, dalla sua appartenenza alla medicina commerciale o statale. Ma la cosa principale che influenza il costo è la quantità di intervento e la gravità della malattia.

L'ordine medio dei prezzi a Mosca per tipo di operazione è:

  • legatura con anelli di lattice - 5-7 mila rubli per 1 nodo;
  • emorroidectomia classica secondo Molligan-Morgan - da 20 mila rubli;
  • carteggio con il metodo Longo - da 30 mila rubli;
  • elettrocoagulazione dei nodi, rimozione laser delle emorroidi - da 30 mila rubli;
  • scleroterapia - 3 mila rubli. per ogni nodo.

È necessario aggiungere la consultazione del proctologo a Mosca (da 1 mila rubli), l'esame del retto (rectoromanoscopy - da 3 mila rubli) a anestesia (5 - 7 mila rubli), la degenza ospedaliera.

È possibile determinare i costi approssimativi dell'operazione solo dopo l'esame da parte del chirurgo, poiché la differenza tra la rimozione delle emorroidi della fase iniziale e il processo iniziato di 3-4 gradi di gravità può differire in modo significativo. Pertanto, i proctologi raccomandano di non ritardare, e se il trattamento conservativo non dà risultati evidenti, la malattia ricorre spesso, potrebbe essere necessario pensare a metodi radicali. Prima viene eseguita l'operazione, migliore sarà l'efficacia e minore sarà la probabilità di reinfiammazione.

Recensioni per la chirurgia per rimuovere le emorroidi

Spesso i pazienti vengono inviati all'operazione, disperati per curare le emorroidi e un sacco di namuchavis con dolore e sanguinamento. La maggior parte delle recensioni sulla rimozione chirurgica dei nodi sono in un modo positivo, perché è percepita dai pazienti di ieri come una liberazione da una malattia odiata. Ecco alcuni esempi.

Rivedere №1

L'età delle mie emorroidi è di 9 anni, iniziata molto prima del parto, ma a soli 4 anni dall'apparizione del bambino, ho deciso di fare un'operazione. Se prima era tollerabile, e io ero stato salvato dalle candele, poi dopo la nascita i nodi iniziarono a cadere e sanguinare, il prurito e il dolore persistevano. Hanno fatto un'ordinaria emorroidectomia - il medico ha consigliato esattamente il metodo classico, come il più efficace e poco costoso.

L'operazione in sé è stata fatta su un tavolo come una sedia ginecologica, con iniezioni di novocaina nel culo. Fai fronte per mezz'ora. Dalle sensazioni non era doloroso, solo la testa girava dal sedativo, ed era sgradevole sentire il suono della carne tagliata. Al momento della sutura, l'anestesia cominciò ad allontanarsi, si avvertì un formicolio. Dopo l'operazione, ho rifiutato personalmente gli antidolorifici, era abbastanza tollerabile. 3 volte al giorno, era necessario sedersi in una bacinella con una soluzione di permanganato di potassio, quindi applicare un tampone con levomecol.

Come la prima volta è andato in bagno, non lo dirò, non voglio nemmeno ricordare. I punti sono stati rimossi parzialmente il 4 ° giorno, il 7 ° giorno rimanente, e sono stati rilasciati a casa. Non c'è nulla di particolarmente spaventoso nell'operazione, più le donne non possono avere paura - rispetto al parto, le emorroidi possono essere rimosse - assolutamente nulla. Il risultato è eccellente, soprattutto per motivi di salute e si può soffrire. A proposito, consigli utili: è meglio andare in bagno in una bacinella con acqua, è molto più facile!

Rivedi il numero 2

I miei giorni postoperatori sono stati un incubo, sono sopravvissuto a malapena su Ketanol, ed è spaventoso ricordarmi del bagno in generale. Ma l'operazione in sé è completamente indolore, se sei pronto a passare dopo 7-8 giorni di tormento infernale dopo di esso, poi vai senza esitazione. Cosa fare, è necessario essere trattati.

Non avevo ancora opzioni, le emorroidi in stadio 3 con necrosi tessutale e coaguli di sangue nei coni. Ci sono voluti 35 punti per cucire tutto questo casino! Ho pagato circa $ 1.500, tranne che per la prima settimana, non mi sono mai pentito di quello che ho fatto.

Rivedi il numero 3

Durante la gravidanza, iniziò a sentire disagio all'ano, che aumentava con un aumento dell'addome, e dopo il parto divenne ancora peggiore. Quando sono andato dal medico, gli è stata diagnosticata una emorroide di stadio 4, i nodi interni ed esterni. L'operazione è stata eseguita con un laser. Era 5 anni fa e poi costava circa 10.000 rubli (io non sono a Mosca, siamo più economici).

Invano credevo nell'indolore di questa operazione: era doloroso sia durante che dopo. L'odore della carne arrostita mi ha seguito a lungo. Ma posso sicuramente dire che tutti questi tormenti non sono stati vani, mi sono liberato completamente delle emorroidi.

Tipi di interventi chirurgici per le emorroidi: emorroidectomia, emorroropessi, legatura, coagulazione laser, scleroterapia, ecc.

Le vene varicose del retto oggi possono essere curate usando una varietà di metodi. Ma nelle fasi gravi del processo patologico, l'operazione per rimuovere le emorroidi è considerata la più preferibile ed efficace.

Oggi, le tecniche minimamente invasive sono più spesso utilizzate, che hanno dimostrato di essere ben tollerate, hanno un breve periodo di riabilitazione, un numero minimo di controindicazioni e conseguenze indesiderabili.

Nei casi più gravi, vengono utilizzati metodi di trattamento radicale (ad esempio emorroidectomia), che di solito sono abbastanza difficili da sopportare per i pazienti e caratterizzati da un lungo periodo di recupero. Tuttavia, tali operazioni ti permettono di dimenticare le emorroidi.

Quando viene indicata la rimozione delle emorroidi?

Poiché l'operazione classica per rimuovere le emorroidi ingrandite implica una certa violazione dell'integrità del tessuto degli organismi, ci devono essere indicazioni serie per il suo scopo.

Una soluzione radicale al problema è possibile nelle seguenti situazioni:

  • c'è un costante rilascio di formazioni cavernose dal canale rettale non solo durante i movimenti intestinali, ma anche nel caso di qualsiasi sforzo fisico;
  • il paziente è preoccupato per il sanguinamento frequente o massiccio dal canale del retto, che minaccia l'anemia;
  • le dimensioni significative di emorroidi di varia localizzazione sono annotate (i metodi minimamente invasivi sono anche prescritti nelle fasi iniziali se i grandi corpi cavernosi sono diagnosticati);
  • il paziente ha una tendenza alla trombosi delle vene emorroidali;
  • una persona non è in grado di condurre una vita normale, dal momento che il dolore, il prurito e il sanguinamento rendono difficile risolvere molti problemi quotidiani e ostacolare l'esecuzione dei compiti lavorativi;
  • i metodi conservativi di trattamento hanno mostrato inefficienza, al contrario, le condizioni del paziente peggiorano.

Naturalmente, in ogni caso, la decisione di condurre un intervento chirurgico è decisa dal medico, tenendo conto di tutte le sfumature. L'opzione ideale è di fare a meno dell'intervento, usando solo farmaci.

Ostacoli all'operazione

Nonostante l'emorroidectomia non sia una chirurgia addominale, tale procedura chirurgica è associata all'asportazione della pelle, delle membrane mucose e delle strutture vascolari, che non esclude il verificarsi di varie complicanze. Ecco perché il medico calcola tutti i possibili rischi.

È raramente prescritto un intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi nei pazienti anziani a causa del pesante periodo di recupero, l'uso di anestesia generale. Inoltre, nei pazienti più anziani c'è di solito un numero significativo di malattie croniche concomitanti.

Ad esempio, con estrema cautela, la chirurgia di emorroidi radicale è prescritta per le persone con diabete, ipertensione cronica o infiammazione simultanea dell'intestino tenue e crasso.

Ci sono operazioni classiche per l'escissione di emorroidi e controindicazioni severe, tra cui:

  • fistole che sono localizzate nella regione rettale inferiore;
  • infezione del colon;
  • cancro del canale del retto;
  • stadio scompensato di malattie degli organi interni (sistemi respiratori e cardiovascolari);
  • il cuscinetto di un bambino;
  • bassa coagulazione del sangue, tendenza al sanguinamento.

Ma le situazioni di cui sopra non sono un ostacolo assoluto - come si suol dire una volta per tutte. Nella maggior parte dei casi, il paziente dovrà semplicemente aspettare un po 'di tempo per sbarazzarsi delle controindicazioni temporanee e preparare il corpo a rimuovere le emorroidi.

Cosa include la preparazione per l'operazione?

Per indicazioni dirette sulla chirurgia e senza restrizioni, il medico prescrive l'emorroidectomia. Tuttavia, il periodo preparatorio dovrebbe precedere il trattamento radicale della malattia proctologica.

Prima di tutto, i metodi diagnostici strumentali sono indicati per determinare con precisione la posizione e la dimensione dei noduli emorroidali. Il medico di solito esegue l'anoscopia e la sigmoidoscopia.

Inoltre, come per qualsiasi intervento chirurgico (se non sono di emergenza), nel caso di emorroidectomia, il paziente deve superare alcuni test preliminari:

  • analisi del sangue clinico generale, tra cui, tra l'altro, la determinazione della durata del sanguinamento, il periodo di coagulazione, la conta piastrinica;
  • analisi delle urine generale;
  • analisi biochimica del sangue, che comprende la determinazione del livello di glucosio, bilirubina, urea, colesterolo, ecc. (a seconda delle patologie associate);
  • determinazione del gruppo sanguigno e del fattore Rh;
  • campione di sangue per virus dell'immunodeficienza umana, epatite, sifilide.

Si dovrebbe anche rinunciare a pochi giorni prima di un evento importante da farmaci che riducono il sangue. Questo elenco comprende anticoagulanti, agenti antipiastrinici e alcuni FANS.

Inoltre, non meno importante è il corretto atteggiamento psicologico del paziente. Al fine di evitare varie paure e depressione, è meglio affidarsi al medico, piuttosto che leggere, ad esempio, varie recensioni negative e commenti spiacevoli da parte di pazienti sottoposti a emorroidectomia.

L'ospedalizzazione è sempre eseguita? Di solito, la collocazione in un ospedale è indicata se è prescritta la rimozione di emorroidi Milligan-Morgan, che comporta l'uso di anestesia generale.

Se si ipotizza un trattamento minimamente invasivo delle emorroidi, l'elenco delle misure preparatorie viene ridotto, l'intervento viene eseguito su base ambulatoriale e, dopo la procedura, il paziente ritorna a casa quasi immediatamente.

Metodi di rimozione radicale di emorroidi

Come già notato in precedenza, le operazioni radicali sono eseguite in casi eccezionali, quando tutte le altre tecniche di trattamento si sono esaurite e hanno dimostrato inefficienza. Ci sono diverse opzioni per tali interventi.

emorroidectomia

L'emorroidectomia Milligan-Morgan è considerata un classico particolare tra le operazioni di escissione delle emorroidi.

I proctologi hanno costantemente modificato il corso dell'operazione e soprattutto la sua fine, così che oggi ci sono diversi tipi di questo intervento chirurgico.

  1. Emorroidectomia aperta. Questa è la versione iniziale dell'operazione, la cui essenza è rimuovere sia il nodulo stesso che i tessuti circostanti. I bordi della ferita non sono suturati, la superficie guarirà naturalmente. Utilizzare un bisturi, un laser o un coagulatore elettrico.
  2. Emorroidectomia chiusa È stato sviluppato alla fine degli anni '50 del secolo scorso dal chirurgo Ferguson. La principale differenza rispetto all'intervento precedente è la sutura del tessuto dopo la rimozione dei noduli. In questo caso, esiste la possibilità di eseguire la procedura in condizioni ambulatorie.
  3. Emorroidectomia submucosa. Questa opzione è stata proposta da Surgeon Parks. Durante l'operazione, che è caratterizzata da una certa complessità, viene rimosso solo il sito di emorroidi e viene lasciata la base della formazione e la mucosa non viene danneggiata. Tale intervento è trasferito dal paziente in modo significativamente più semplice rispetto alle operazioni precedenti.

Il vantaggio principale dell'emorroidectomia rispetto agli altri metodi di trattamento della malattia è la liberazione di una persona dalla fonte diretta di sintomi spiacevoli. Ci sono interferenze e seri svantaggi:

  • la durata della procedura;
  • uso di anestesia generale;
  • perdita di sangue abbastanza grande;
  • rischio di complicanze;
  • sindrome del dolore;
  • lungo periodo di recupero.

Ma in alcuni casi, solo l'emorroidectomia e salva il paziente dalla malattia. In ogni caso, dovrebbero esserci indicazioni serie per tale procedura.

emorroidopessi

È l'emorroidemia che ora sta attivamente sostituendo le opzioni classiche per rimuovere le formazioni cavernose ingrandite a causa di un minor trauma.

Com'è l'intervento? Il chirurgo ha asportato le aree mucose del canale rettale in un cerchio, sopra il nodulo delle emorroidi. Quindi la formazione patologica viene tirata su, dove viene fissata con clip in titanio.

Come risultato dell'operazione, l'afflusso di sangue al corpo cavernoso è compromesso, quindi, dopo un breve periodo di tempo, diminuisce di dimensioni e poi scompare del tutto.

La procedura ha diversi vantaggi:

  • completa assenza di dolore, poiché nelle aree sezionate non ci sono grandi accumuli di formazioni di recettori. L'anestesia locale è necessaria solo per l'introduzione di un expander speciale;
  • la possibilità di tenere pazienti più anziani, persone con malattie croniche e persino future e madri che allattano;
  • velocità di implementazione, perché un chirurgo esperto eseguirà le manipolazioni in appena un quarto d'ora;
  • recupero rapido e indolore.

Tuttavia, ci sono operazioni per le emorroidi infiammate secondo il metodo di Longo e alcuni aspetti negativi. Pertanto, tale intervento non viene eseguito con una forma esterna di malattia proctologica.

Inoltre, a causa dell'uso di strumenti monouso, l'operazione è costosa, soprattutto se confrontata con l'emorroidectomia classica.

Ulteriori tattiche di trattamento

Liberarsi delle emorroidi il più rapidamente possibile è la condizione principale per un trattamento efficace. Tuttavia, se, tuttavia, non fosse privo di operazioni, è necessario passare correttamente il periodo di recupero per evitare varie conseguenze indesiderate.

I medici consigliano dopo l'emorroidectomia di aderire alle seguenti raccomandazioni:

  • Non mangiare durante il primo giorno. Il primo giorno in generale, si dovrebbe rifiutare di mangiare, al fine di escludere la defecazione naturale (le feci possono causare danni alla superficie della ferita o sutura);
  • seguire una dieta rigorosa. Durante l'intero periodo di riabilitazione è necessario mangiare correttamente, ad esempio, zuppe e cereali. Quindi la dieta può espandersi, ma è necessario il rifiuto dei prodotti nocivi;
  • utilizzare la quantità di fluido richiesta. Il medico determina il volume di acqua e altri fluidi per prevenire la costipazione ammorbidendo le feci;
  • non tollerare il dolore Con una emorroidectomia aperta, l'inizio del periodo di recupero è accompagnato da una sindrome del dolore pronunciata. In questa situazione, i medici prescrivono farmaci speciali, di solito sotto forma di unguenti o supposte;
  • accelerare la guarigione. Per accelerare i processi di rigenerazione, è necessario lubrificare regolarmente le membrane mucose e la pelle nella regione anorettale con agenti unguenti, ad esempio unguento al metiluracile o Levomekol;
  • applica ricette popolari. Per accelerare il recupero, le ricette di medicina alternativa possono anche essere utilizzate in consultazione con uno specialista. Ad esempio, i medici raccomandano regolarmente di fare sedute con le erbe curative.

Se dopo l'operazione il paziente è tormentato dalla stitichezza, è indicato l'uso di farmaci lassativi. Ma questo non significa che non si dovrebbe attenersi a una dieta sana. È la dieta corretta dopo l'intervento chirurgico per le emorroidi è un fattore che impedisce la ricorrenza di emorroidi.

Possibili complicazioni di emorroidectomia

Sfortunatamente, la rimozione delle emorroidi nel modo tradizionale non può portare a eliminare sintomi spiacevoli, ma all'acquisizione di nuovi problemi - gravi complicazioni. Cosa può accadere nella peggiore delle ipotesi?

  1. Bleeding. La perdita di sangue dopo l'intervento è possibile a causa di danni ai punti, insufficiente cauterizzazione delle vene e dei capillari.
  2. Ritenzione urinaria Una conseguenza simile si verifica negli uomini ed è caratterizzata dall'incapacità di svuotare la vescica da sola. Un catetere viene in soccorso.
  3. Costipazione psicogena La paura del disagio quando si visita la toilette fa sì che i pazienti ritardino le masse fecali, il che complica ulteriormente la situazione.
  4. Il prolasso della sezione inferiore del canale rettale. Se il chirurgo danneggia i muscoli e i gruppi nervosi, è possibile che la membrana mucosa vada oltre i limiti dello sfintere anale.
  5. Il restringimento del canale rettale. Si verifica a seguito di azioni errate del chirurgo. Per espandere utilizzare strumenti speciali o prescrivere la chirurgia plastica.
  6. Fistole. Tali formazioni sono tubuli anomali che collegano il passaggio rettangolare con organi vicini o la pelle.
  7. La formazione di pus. L'infiammazione e la suppurazione spesso complicano il periodo postoperatorio. Ciò è dovuto al gran numero di batteri patogeni nell'ano. La terapia antibatterica o l'apertura di pustole è mostrata.

Molte delle conseguenze indesiderabili descritte sopra possono essere prevenute seguendo tutte le raccomandazioni del medico, in particolare per quanto riguarda i requisiti di igiene.

Tecniche minimamente invasive

La chirurgia delle emorroidi può essere risparmiata. Queste procedure includono i cosiddetti metodi minimamente invasivi per la rimozione delle emorroidi alterate da varicosi.

Principali vantaggi e svantaggi

I benefici includono anche:

  • anestesia locale;
  • cure ambulatoriali;
  • breve periodo di recupero (solo pochi giorni);
  • indolore durante l'intervento chirurgico;
  • l'assenza di dolore dopo l'intervento (in rari casi, il dolore è presente).

Gli svantaggi includono l'inefficacia della maggior parte dei metodi nelle fasi finali delle vene anali varicose. Inoltre, è necessario rimuovere prima tutti i sintomi di esacerbazione della malattia emorroidaria.

Sfortunatamente, i metodi minimamente invasivi non sempre portano a una completa liberazione dalla malattia, dal momento che la causa principale della malattia non viene eliminata - insufficienza venosa.

I medici avvertono che con numerose formazioni cavernose dovrà condurre un certo numero di operazioni minimamente invasive, e questo significa, tra le altre cose, il costo della procedura.

Ci sono anche prove che in alcuni casi le emorroidi si ripetono, cioè la probabilità di una recidiva della malattia e il verificarsi di sintomi spiacevoli.

Tipi di interventi

I seguenti interventi minimamente chirurgici sono tra le principali tecniche minimamente invasive:

  • legatura con anelli di lattice. Specialista con l'aiuto di attrezzi speciali getta sulla base del nodo un anello di lattice ecologico, che elimina il flusso di sangue. Un grumo che rimane senza energia muore dopo 14 giorni;
  • coagulazione laser. Le emorroidi sono influenzate dalla radiazione direzionale. Ciò porta alla coagulazione di tessuti, vasi, a seguito della quale i noduli si riducono, e al loro posto compaiono aree cicatrizzate della mucosa;
  • dezarterizatsiya. Un apparato viene inserito nel canale rettale, che sovraccarica il vaso arterioso alimentando il nodulo delle emorroidi. Un metodo molto promettente per il trattamento delle vene anali varicose;
  • scleroterapia. Nel farmaco adesivo iniettato del plesso venoso, che porta alla rottura dei vasi che alimentano i noduli. Di conseguenza, l'emorragia si interrompe e la dimensione dei coni diminuisce;
  • fotocoagulazione a raggi infrarossi con emorroidi. I coni emorroidi sono influenzati dai raggi infrarossi, in conseguenza dei quali i tessuti si coagulano, si cuociono al loro posto si forma una crosta che parte quando gli intestini vengono vuotati;
  • criochirurgia. La manipolazione medica viene effettuata utilizzando azoto liquido, che semplicemente congela e distrugge le vene varicose. Il vantaggio principale è la completa assenza di dolore e l'eliminazione del sanguinamento.

La chirurgia delle emorroidi può essere eseguita gratuitamente in presenza di una politica OMS. Tuttavia, in questo caso, prescrivere emorroidectomia, che, rispettivamente, è caratterizzata da dolore e un lungo periodo di recupero.

Questo è il motivo per cui molti pazienti vanno in cliniche private per operazioni minimamente invasive. In una tale situazione, i soldi dovranno essere messi fuori dal tuo portafoglio, e le somme sono piuttosto impressionanti.

Il trattamento di qualsiasi malattia, anche chirurgicamente, sarà efficace se dopo l'intervento cambi il tuo stile di vita, segui le misure igieniche e segui tutte le raccomandazioni mediche.

Solo con l'implementazione di misure preventive i sintomi negativi non torneranno più. Ciò significa che l'operazione non è l'ultimo stadio della lotta contro la malattia emorroidaria.

Chirurgia delle emorroidi

Emorroidi - una malattia delle vene e dei vasi situati nel retto e nell'ano di una persona. La malattia colpisce tutte le persone del pianeta, ma pochi cercano aiuto medico in tempo. Di conseguenza, la malattia raggiunge le ultime fasi, il trattamento conservativo non è in grado di risolvere il problema del paziente. Assegna un'operazione senza fallo.

La necessità di un intervento chirurgico

Il terzo e il quarto stadio della malattia: indicazioni dirette per la rimozione chirurgica delle emorroidi. Le condizioni del paziente sono severe. Se i metodi di trattamento conservativi e minimamente invasivi non si sono materializzati, la malattia progredisce rapidamente e è necessario un intervento chirurgico. Descriviamo i motivi della necessità.

Con emorroidi interne:

  • I nodi sono grandi, cadono dal lume del retto;
  • Sanguinamento pesante;
  • Il paziente prova dolore insopportabile mentre cammina, in posizione di riposo;
  • Le funzioni dello sfintere del retto sono indebolite - secrezione incontrollata di masse fecali;
  • La minaccia di trombosi, pizzicatura di emorroidi, formazione di crepe nel retto;
  • C'è un alto rischio di infiammazione, l'adesione di infezione.

Con emorroidi esterne:

  • Grave gonfiore dei tessuti attorno all'ano;
  • Sensazioni dolorose;
  • Le grandi emorroidi interferiscono con il movimento. È impossibile bloccare in posizione seduta;
  • I tessuti attorno al canale anale si incrinano;
  • Aumenta il rischio di trombosi e di pizzicamento degli emorroidi;
  • Aumento della probabilità di sviluppare malattie della pelle dovute a secrezioni mucose aggressive;
  • Aumenta il rischio di infezione e infiammazione degli aumenti di grasso sottocutaneo.

Con emorroidi combinati, si verificano sintomi che sono caratteristici di emorroidi esterne ed interne.

Indicazione obbligatoria per la chirurgia è un prolasso del retto con emorroidi, complicanze - paraproctiti e altri.

Casi controindicazioni funzionamento

Un numero di controindicazioni per la chirurgia per le emorroidi:

  1. Non esiste un intervento chirurgico per le emorroidi nella fase acuta della malattia intestinale;
  2. Non avere un intervento chirurgico per rimuovere le emorroidi in caso di scarsa coagulazione del sangue, malattie del sistema circolatorio;
  3. È impossibile prescrivere un trattamento chirurgico delle emorroidi in caso di insufficienza renale, epatica e polmonare;
  4. È inaccettabile condurre un intervento chirurgico utilizzando l'anestesia generale per patologie dell'apparato cardiovascolare, malattie respiratorie;
  5. Il diabete mellito è una controindicazione per l'intervento chirurgico a causa della scarsa coagulazione del sangue;
  6. Un'operazione per rimuovere le emorroidi è controindicata in presenza di un paziente con tumori maligni;
  7. La chirurgia per rimuovere le emorroidi non viene eseguita con un'immunità indebolita.

Il trattamento chirurgico delle donne in gravidanza non è raccomandato. Dopo la consegna, il problema ritorna spesso. Gli effetti dell'anestesia influenzano negativamente il feto.

Cercano di prescrivere il trattamento delle persone anziane con metodi conservativi - dopo 50 anni i tessuti difficilmente si riprendono. Se l'operazione non può essere evitata, si raccomanda un attento esame del paziente e la preparazione per l'operazione.

Preparazione per la chirurgia

Il paziente è completamente preparato per l'imminente intervento chirurgico.

Quali attività preparatorie sono svolte in clinica

  • Selezione di un metodo di trattamento adatto. Il medico è determinato con il metodo dell'intervento chirurgico, a seconda della gravità della malattia, della localizzazione delle emorroidi, della presenza di complicanze. Per fare questo, il paziente viene esaminato, informato della storia, discutere i reclami.
  • Visita medica Al fine di identificare possibili controindicazioni e rischi, vengono condotti test di laboratorio (esami del sangue e delle urine), elettrocardiografia, fluorografia, esame digitale del retto, anoscopia, colonscopia ed ecografia degli organi addominali.
  • Preparazione per l'anestesia. Il medico anestesista registra informazioni sul farmaco regolare del paziente, la presenza di una reazione allergica ai farmaci e fa i test necessari. Prende una decisione - in base a quale anestesia l'operazione avrà luogo. Informa il paziente della preparazione il giorno prima dell'operazione - regime di nutrizione e consumo, clistere. Le protesi rimovibili devono essere rimosse dalla bocca, rimuovere i gioielli.

Come il paziente si prepara per la chirurgia

Preparazione per la chirurgia, il paziente inizia un paio di settimane prima dell'intervento.

  1. La dieta è osservata. Al fine di prevenire complicazioni dopo l'intervento chirurgico, il paziente normalizza le viscere e previene la formazione di stitichezza. Gli alimenti che causano il gonfiore dell'intestino, la diarrea, la stitichezza, l'irritazione dello stomaco e dell'intestino sono esclusi dalla dieta.
  2. Prima dell'operazione, vengono prese misure per eliminare l'infiammazione nell'area dell'ano. Gonfiore, infiammazione o ulcera sono ridotti al minimo dai farmaci.
  3. Visita il tuo dentista prima dell'intervento. Curare i denti malati e sciolti, come con l'anestesia generale creeranno problemi.
  4. La sera prima dell'operazione, le procedure igieniche sono obbligatorie. La sera fai una doccia e fai un clistere purificante - gli intestini nel giorno dell'intervento sono contenuti nel vuoto.
  5. Cibo e regime alimentare. L'ultimo pasto prima dell'operazione è effettuato non meno di 12 ore. Al mattino dell'operazione, nel caso dell'anestesia generale, non puoi bere e bere.

Metodi di chirurgia

A seconda della posizione dei coni emorroidali, vengono prescritte le dimensioni, la presenza di sanguinamento, lo stadio della malattia, i modi per liberare il paziente dalle emorroidi.

L'obiettivo principale della chirurgia è rimuovere le emorroidi infiammate.

Metodi noti di chirurgia radicale e minimamente invasivi. La rimozione delle emorroidi mediante chirurgia radicale viene effettuata dal terzo al quarto stadio della malattia. L'eliminazione delle aree colpite si verifica con l'escissione e l'escissione.

Emorroidectomia Milligan-Morgan

Metodo radicale per il trattamento delle emorroidi. Il trattamento viene effettuato in due modi:

  • Aperto - quando la ferita chirurgica non viene suturata e guarisce in modo indipendente. L'operazione si svolge in un ospedale.
  • Chiuso - le aree operate della membrana mucosa sono cucite. Il paziente viene operato su base ambulatoriale.

L'emorroidectomia in modo aperto viene utilizzata in casi complicati da fratture nel retto o dallo sviluppo di paraproctiti. La procedura prevede il taglio o l'escissione dei nodi infiammati e della mucosa circostante. A volte il metodo Prax viene utilizzato quando i nodi stessi vengono tagliati senza una mucosa.

I vantaggi del metodo includono:

  • L'operazione di Milligan-Morgan rimuove le emorroidi interne ed esterne;
  • L'operazione dà il risultato, il problema non ritorna per molto tempo;
  • Le complicazioni dopo l'intervento sono rari.

Gli svantaggi includono:

  • La chirurgia richiede diverse ore, si svolge in anestesia generale;
  • Dolore nel periodo postoperatorio;
  • Periodo di guarigione e riabilitazione a lungo termine.

Emorroidectomia longo

Viene utilizzato il metodo di resezione transanale - metodo Longo.

L'intervento chirurgico consiste nel tagliare parte delle mucose del retto sopra la linea dentata, sopra i noduli emorroidali. I nodi non sono asportati, allungati, cuciti con parentesi mediche. Come risultato della cessazione del flusso sanguigno, i dossi si "asciugano". Successivamente ricoperto di tessuto connettivo, l'intestino acquisisce un aspetto anatomico naturale.

  • Il paziente viene operato utilizzando l'anestesia locale;
  • La perdita di sangue durante l'intervento chirurgico è minima;
  • La procedura dura fino a 15-20 minuti;
  • Corso postoperatorio indolore;
  • L'operazione fornisce un risultato stabile, le complicazioni si verificano raramente.
  • Il metodo di Longo è applicabile solo al trattamento delle emorroidi interne.
  • L'operazione è costosa.

Trattamento laser emorroidi

Se a 1-2 stadi del trattamento conservativo non si ottiene un effetto tangibile, è necessario un intervento chirurgico, le emorroidi vengono rimosse con metodi minimamente invasivi.

La coagulazione laser è un metodo efficace per il trattamento delle emorroidi. Efficace con emorroidi interne ed esterne.

La tecnica si basa sull'applicazione delle seguenti proprietà di un raggio laser:

  • Lavorare nell'infrarosso;
  • Messa a fuoco Super fine;
  • L'uso della radiazione termica.

I nodi interni vengono cauterizzati da un raggio laser, i nodi esterni vengono tagliati. Durante il trattamento, il medico regola la profondità e la potenza del raggio.

Il metodo è efficace nel trattamento delle emorroidi trombizzate, in presenza di abbondanti sanguinamenti da nodi interni e ragadi anali. La coagulazione laser è prescritta anche con l'infiammazione e canali fistolosi.

  1. La coagulazione laser rimuove le emorroidi di qualsiasi localizzazione;
  2. Crepe, ulcere e infiammazioni vengono eliminate;
  3. La procedura è altamente accurata e non traumatica per i tessuti circostanti;
  4. La coagulazione laser è indolore ed esangue;
  5. Il paziente si riprende rapidamente dopo una tale operazione;
  6. Rimozione di nodi di grandi dimensioni agli stadi 3 e 4 del decorso della malattia utilizzando una tecnica combinata.
  • Costo del trattamento;
  • Prestazioni insufficienti sugli stadi delle emorroidi avanzate.

La procedura di coagulazione laser richiede una preparazione preliminare da parte del paziente.

Recensioni

Una persona decide di sottoporsi a un'operazione quando sono stati provati altri metodi, e il dolore e il disagio rendono la vita insopportabile. Dobbiamo decidere su misure radicali, nella maggior parte dei casi, i pazienti si liberano del problema per anni - le emorroidi non si tormentano più.

L'operazione è eseguita con il metodo Milligan-Morgan. Stadio difficile - il periodo postin vigore. L'operazione viene senza dolore. Elimina emorroidi interne, esterne e combinate trascurate di 3-4 gradi. Fa male nelle prime due o tre settimane di riabilitazione. Gli uomini si lamentano di una violazione della minzione in un primo momento. È necessario risolvere il problema, poiché nei casi avanzati non c'è altra alternativa.

Metodo Longo elimina efficacemente il problema, il periodo di recupero è breve. Le emorroidi esterne non sono trattate con questo metodo.

La coagulazione laser risolve il problema di salute e influisce sul lato estetico. Nelle donne dopo il parto e la gravidanza, i nodi esterni sono antiestetici. La coagulazione laser è progettata per trattare le emorroidi, indipendentemente da dove si trovano i nodi, ma negli stadi avanzati non è sufficientemente efficace. Le recensioni sul metodo di trattamento sono positive - tutto avviene senza dolore, in 15 minuti. Nessun anestesia e reparto ospedaliero. A 3-4 stadi le emorroidi sono trattate meglio con altri metodi.

Chirurgia per le emorroidi (emorroidectomia): indicazioni, metodi e condotta, riabilitazione

L'operazione per rimuovere le emorroidi sembra a molti pazienti così terribili che, dopo aver stretto i denti, accettano di sopportare tutti i problemi causati dalla malattia piuttosto che "sotto il coltello del chirurgo". Ma quando l'emorroidectomia diventa inevitabile, i pazienti cercano di imparare il più possibile su cosa sia, quanti soldi dovranno pagare e come si svolgerà la riabilitazione. Cercheremo di dirlo ai nostri lettori.

Cosa ti fa dire addio ai nodi?

Come nel caso di altri interventi chirurgici, per la chirurgia delle emorroidi, le indicazioni devono essere chiaramente indicate. Il metodo radicale viene utilizzato se:

  • C'è un prolasso delle vene venose del retto ogni volta durante lo sforzo (un atto di defecazione);
  • Preoccupato per il costante sanguinamento dall'ano, che porta allo sviluppo di anemia (nell'analisi generale del sangue - il livello di emoglobina e le cadute di globuli rossi);

Fase 3-4 - indicazioni per la chirurgia

Le emorroidi sono classificate per grado 3 e la malattia stessa inizia a declinare fino al quarto stadio;

  • Esiste il rischio di trombosi, che minaccia un intervento chirurgico urgente;
  • Il paziente, come si suol dire, è tutta la vita davanti, è giovane e pieno di energia, ma le emorroidi non funzionano né danno vita a loro;
  • Ci sono già ulcerazioni e prurito insopportabile che interferisce con il sonno notturno, la soluzione dei problemi familiari ordinari e ostacola qualsiasi attività professionale;
  • La dieta e tutti i tipi di pomata per le emorroidi non soddisfacevano le aspettative.
  • In generale, l'operazione per rimuovere le emorroidi può chiaramente minacciare una persona quando non è in grado di pensare a qualcosa tranne la sua malattia. Il proctologo, che, naturalmente, prende in considerazione le condizioni del paziente, pianifica e seleziona il metodo per rimuovere le emorroidi.

    E cosa lo ostacola?

    Naturalmente, il medico affronterà il possibile intervento chirurgico nei pazienti anziani soprattutto deliberatamente, perché con l'età, molte persone hanno acquisito altri problemi che potrebbero interferire con l'emorroidectomia. Ad esempio, fino a poco tempo fa, il medico tirerà e prescriverà tutti i tipi di metodi conservativi, se sa che una persona soffre di diabete, ipertensione o enterocolite.

    Inoltre, ci sono controindicazioni dirette alla rimozione chirurgica delle emorroidi:

    • Fistole, polipi, crepe localizzate nell'ano;
    • Patologia grave acuta o cronica (nella fase acuta) che interessa tutte le parti dell'intestino crasso;
    • Neoplasie maligne;
    • Malattie gravi degli organi interni nello stadio di scompenso (sistema cardiovascolare, organi respiratori);
    • Processo infettivo acuto;
    • la gravidanza;
    • Anomalie nel sistema emostatico (diminuzione della coagulazione, tendenza al sanguinamento).

    Tuttavia, in questi casi non si può dire che l'emorroidectomia sia eliminata una volta per tutte, il paziente dovrà solo aspettare un po ', guarire, e sotto la supervisione di un medico, correggere alcuni indicatori, cioè preparare il corpo per l'imminente intervento programmato.

    Come preparare e passare

    L'emorroidectomia, ovviamente, non comporta l'intervento diretto nella cavità addominale. Nel frattempo, è associato alla violazione dell'integrità della pelle, delle mucose e, cosa più importante, dei vasi sanguigni e questo, in circostanze sfavorevoli, può minacciare di sanguinamento e costituire un cancello d'ingresso per l'infezione, pertanto, nella preparazione preoperatoria, l'attenzione del medico si concentra in queste aree.

    Se ci sono indicazioni dirette per la chirurgia, e il medico ha trovato le condizioni del paziente idonee per la chirurgia, allora si può considerare che il paziente sia arrivato molto vicino al periodo preparatorio, in cui il futuro campo operativo sarà soggetto a monitoraggio costante, dove l'esame delle dita non sarà sufficiente. Prima di un intervento chirurgico, verrà eseguita senza problemi un'anoscopia e, possibilmente, una sigmoidoscopia. Inoltre, se si pianifica un metodo radicale di rimozione dei "coni", il paziente verrà inviato all'obbligatorio per qualsiasi analisi degli interventi chirurgici:

    • Analisi generale del sangue e delle urine;
    • Biochimica (glucosio, bilirubina, ALT, ASAT e tutto ciò che il medico ritiene necessario);
    • coagulazione;
    • Marcatori di epatite;
    • PB (sifilide), HIV;
    • Gruppo sanguigno (AB0) e Rhesus;
    • Coagulazione del sangue e durata del sanguinamento.

    Alla sera, alla vigilia di un evento importante, viene mostrato al paziente un clistere purificante, e per coloro che non lo accettano categoricamente (o per altri motivi), questa procedura sarà sostituita da una preparazione speciale che assumerà la funzione di purificare l'intestino senza un clistere (Fortrans).

    I farmaci che promuovono l'assottigliamento del sangue (anticoagulanti, agenti antipiastrinici) vengono cancellati prima dell'operazione.

    Il periodo preparatorio include l'umore psicologico del paziente. È improbabile che la paura, l'orrore, le lacrime premature diventino dei buoni assistenti nei prossimi affari. Particolarmente impressionabile, forse, in genere non vale la pena ascoltare le persone che percepiscono l'operazione sperimentata come il più grande incubo della loro vita, è necessario affidarsi al medico e sa cosa fare.

    I pazienti che sono in programma per l'emorroidectomia classica (secondo Milligan-Morgan) devono essere ospedalizzati perché richiede l'uso dell'anestesia generale. I più fortunati, limitati al trattamento minimamente invasivo, non devono sottoporsi ad un esame così approfondito prima dell'intervento, ricevere l'anestesia locale e lasciare il sito operatorio lo stesso giorno in modo che l'intero periodo di riabilitazione sia a casa.

    Su diversi metodi di rimozione chirurgica radicale dei nodi

    L'emorroidectomia Milligan-Morgan è considerata un classico intervento chirurgico per le emorroidi. Viene costantemente migliorato, gli esperti trovano tutte le nuove opzioni più ottimali, quindi per i suoi molti anni di esistenza solo il nome è rimasto dal metodo originale. Il vantaggio dell'operazione Morgan-Milligan rispetto ad altri metodi di rimozione dei nodi è che può essere utilizzato non solo per il trattamento di emorroidi esterne. Con le emorroidi interne, quando i "dossi" hanno raggiunto i 3 gradi (e anche il quarto), tendono a trombosi o sanguinano costantemente profusamente, a volte si risparmiano solo. Tuttavia, va notato che la procedura chirurgica è altamente invasiva (l'emorroidi viene asportata e rimossa insieme alla mucosa), perché viene sempre eseguita in condizioni di degenza, eseguita in anestesia generale e tenuta il paziente in ospedale per sette-dieci giorni.

    Emorroidectomia di Morgan-Milligan (può essere usata per il trattamento di emorroidi esterne o interne)

    Un sottogruppo di emorroidectomia radicale Milligan-Morgan è il metodo Parkes, che prevede la rimozione di un solo nodo senza membrana mucosa. Questa operazione è meno dolorosa, ma è improbabile che possa aiutare nei casi avanzati della malattia.

    Negli ultimi anni, l'emorroidectomia classica in proctologia ha sempre più iniziato a forzare un tale metodo di rimozione delle vene varicose come l'operazione di Longo (resezione della mucosa rettale). Questa rimozione chirurgica delle emorroidi è meno traumatica, non richiede anestesia generale e richiede molto tempo (il chirurgo di solito esegue in un quarto d'ora) ed è particolarmente adatta per il trattamento di pazienti anziani gravati da altre malattie. Sembrerebbe che tutto vada bene, tuttavia, l'operazione di Longo ha anche degli svantaggi e il principale è che non è adatto per rimuovere le emorroidi esterne. Inoltre, lasciare andare il paziente a casa, a prescindere dall'anestesia locale e da una procedura rapida, in qualche modo fallisce, le operazioni eseguite sulle emorroidi interne richiedono il monitoraggio del paziente per almeno una settimana, e fino ad ora sanno poco sugli effetti di quelle lontane.

    Emorroidectomia longo

    Un'operazione radicale per rimuovere le emorroidi viene eseguita in un ospedale: il paziente dovrà trascorrere almeno una settimana in ospedale. Dopo aver rimosso i punti, il medico esamina il retto del paziente e, se ritiene soddisfacente la sua condizione, scarica il paziente per il trattamento domiciliare. Il controllo successivo (esame digitale) viene eseguito dopo 1, e dopo 3 settimane.

    Nessun bisturi

    I metodi minimamente invasivi di rimozione chirurgica di "dossi" piuttosto fastidiosi possono essere utilizzati non solo per la loro formazione esterna, ma anche per le emorroidi interne. I pazienti hanno già sentito parlare di molti di questi metodi, quindi abbiamo solo brevemente toccato quelli più basilari:

    • Il laser è una procedura veloce, efficace, quasi indolore, che procede in anestesia locale e non ritarda il paziente in un istituto medico per più di un paio d'ore;
    • Il metodo delle onde radio (radiobath, che è chiamato il famoso apparecchio "Surgitron") è una piccola operazione che rimuove grandi vasi dilatati varicosi in pochi minuti senza danneggiare il tessuto circostante, eliminando il sanguinamento e la comparsa di cicatrici;
    • La disarmonizzazione è un metodo innovativo per rimuovere il problema, bloccando il flusso sanguigno attraverso i vasi arteriosi al retto e rendendo impossibile riempire le vene varicose, che collassano e vengono completamente sostituite dal tessuto connettivo. Ci vorranno diversi giorni perché il paziente faccia tutto - ed è di nuovo vigile e allegro;
    • La legatura con anelli di lattice è un metodo per rimuovere le emorroidi, che consente di non ricorrere alla chirurgia radicalica altamente traumatica nella maggior parte dei pazienti. Gli anelli di lattice sono sovrapposti ai nodi attraverso l'apparato, e dopo alcuni giorni, scompaiono, portando con sé un "bernoccolo";

    Legatura con anelli di lattice

    • La scleroterapia è un piccolo intervento utilizzato per rimuovere le vene problematiche in qualsiasi sede, incluso il retto. La soluzione speciale introdotta nel nodo, si attacca e sclerosi;
    • Evacuazione di emorroidi trombizzate (trombectomia) - lo scopo principale dell'operazione - la lotta contro la trombosi, che, come sapete, provoca molte sensazioni spiacevoli. Inoltre, questo metodo di rimozione dei "dossi" è molto buono per il trattamento delle emorroidi esterne indipendentemente dallo stadio della malattia, cioè non sembra esserci alcuna indicazione per la chirurgia per rimuovere le emorroidi, ma il paziente soffre. Per questo intervento chirurgico, viene utilizzato un laser o un radionohm.

    La rimozione delle emorroidi può essere effettuata con altri metodi minimamente invasivi:

    • Elettrocoagulazione (monopolare e bipolare), dove il chirurgo principale è una corrente elettrica;
    • Cryodestruction usando temperature ultra basse (-196 ° C);
    • Fotocoagulazione (tramite raggi infrarossi).

    I metodi minimamente invasivi di rimozione dei problemi nel retto sono più comuni nei paesi sviluppati sviluppati, nella Federazione Russa stanno solo guadagnando slancio. Gli stranieri in generale hanno in qualche modo un diverso atteggiamento nei confronti della loro salute, non sono timidi nel visitare un proctologo nelle prime fasi dello sviluppo del processo, quando è possibile fare con "poco sangue". Le emorroidi sono malattie che si trovano nell'area di responsabilità del paziente e i nostri pazienti (russi) vanno in ritardo da un medico, quindi nella maggior parte dei casi (fino al 75%) si sottopongono a emorroidectomia radicale.

    Una domanda importante è il costo

    Spesso, il costo della chirurgia per rimuovere le emorroidi supera l'importanza delle opzioni per l'attuazione dell'intervento chirurgico. Questo o quel metodo è disponibile al suo prezzo, o puoi generalmente risolvere il problema gratuitamente?

    Come ogni altro intervento chirurgico, il costo dell'emorroidectomia dipende dal metodo scelto e dallo stato della clinica, che, a sua volta, è coerente con le attrezzature e le strutture dell'istituto medico. È possibile, naturalmente, rimuovere i nodi e gratuitamente nel luogo di residenza, tuttavia, se vi sono indicazioni a tale proposito, tuttavia, in tali casi è impossibile sperare che il paziente sia in grado di partecipare alla scelta del metodo di eliminazione della malattia. Per poter scegliere e comandare, dovrai andare in una clinica a pagamento (alcuni pazienti considerano solo tali opzioni), dove ogni specifica procedura, come l'operazione di rimozione delle emorroidi, avrà un certo costo. I prezzi possono variare considerevolmente, e qui tutto dipenderà dalle circostanze di cui sopra (regione, stato delle istituzioni, qualifiche del medico, metodo e grado di abbandono della malattia). In media in Russia per i principali metodi di rimozione chirurgica delle emorroidi si possono trovare i seguenti prezzi (approssimativi):

    • La scleroterapia di un hemorhoid (uno) è ≈ 3000 rubli, perciò, se ci sono tre di loro, allora il risultato triplicherà;
    • La legatura avrà un costo di circa 5.000 rubli;
    • Disarterizzazione - qui il prezzo è più alto, di solito non è necessario contare su meno di 20.000 rubli;
    • L'operazione per rimuovere le emorroidi in Milligan-Morgan varia da 3000 a 7000 rubli.

    Va notato che la differenza nei prezzi nei rubli può essere molto significativa, quindi, per dimostrarlo, citeremo il costo della rimozione chirurgica delle emorroidi a Mosca, nella Regione di Mosca e nella capitale settentrionale della Federazione Russa:

    Tuttavia, questo non è tutto. In alcune cliniche e cliniche di Mosca a San Pietroburgo, il costo di tutte queste operazioni può superare in modo significativo 100.000 rubli, e questo non è sorprendente, perché ci sono molte persone disposte a pagare per l'operazione, ma per ora c'è una richiesta - c'è anche un'offerta.

    In aggiunta a quanto sopra, il lettore è sempre obbligato a capire che questo importo non sarà mai abbastanza, perché anche le procedure preparatorie valgono qualcosa:

    • Durante l'esame il medico dovrà pagare almeno 500 rubli;
    • Rectoromanoscopy tira da qualche parte in 1000 rubli;
    • Analisi, farmaci e altre attività preparatorie costeranno da 3 a 8 e anche a 10 mila.

    Per calcolare in anticipo il costo e non sbagliarlo, è meglio visitare i siti delle cliniche, trovare i prezzi, chiamare lì e poi prendere una decisione.

    Consigli per gli estranei

    Non meno importante per un paziente che ha preso la decisione di dire addio alla sua malattia attraverso la sua rimozione chirurgica, può essere considerato l'opinione delle persone che hanno subito un'operazione, sono stati sottoposti a riabilitazione e sono consapevoli delle conseguenze.

    Il feedback dei pazienti rivela spesso un ritratto psicologico del sopravvissuto. Gli ottimisti hanno tutto meraviglioso, una soluzione completa al problema, un periodo postoperatorio convinto e la convinzione che non ci saranno conseguenze della rimozione chirurgica delle emorroidi.

    I pessimisti notano la paura e l'orrore prima dell'operazione, dicono poco sui meriti, ma ricordano a lungo l'incubo della riabilitazione, che è durato per un intero (!) Mese. Ma in generale, ci sono più recensioni positive di quelle negative, la maggior parte delle persone si sente felice che finalmente il disturbo fastidioso che è stato localizzato in un posto così delicato per anni è stato rapidamente ed efficacemente eliminato.

    Tenendo conto delle opinioni di persone diverse, vorrei attirare l'attenzione dei pazienti che stanno solo per l'emorroidectomia, che il periodo postoperatorio e il periodo di riabilitazione dipende in larga misura da come prepararsi per la procedura futura, e l'esordio delle conseguenze è direttamente correlato al futuro stile di vita della "corazza di emorroidi di ieri" ".

    Quando il peggio è finito

    Sarebbe ingenuo credere che il conto alla rovescia per il completo benessere inizierà il giorno della liberazione da "coni" che mettono in pericolo la vita. In un modo o nell'altro, il primo atto di defecazione nel primo periodo postoperatorio può creare grandi disagi. Per evitare che ciò accada, è necessario in anticipo (a partire dalla preparazione preoperatoria) preoccuparsi dell'assenza di una sedia il giorno dell'operazione, perché è possibile immaginare quale tipo di dolore le masse fecali risultanti causeranno quando entrerà in contatto con la superficie della ferita.

    Lascia che l'operazione vada senza intoppi e, anche se fosse minimamente invasiva, non dovresti precipitare sul cibo il primo giorno. Inoltre, non dovresti usarlo affatto. Puoi bere solo bevande non irritanti e non gonfiabili. E più - meglio è.

    Il secondo giorno, puoi concederti una zuppa leggera, un porridge neutro, uno yogurt, una ricotta a basso contenuto di grassi e continuare a bere. Va tenuto presente che in altri casi, per gli uomini che bevono in abbondanza, sorge un altro problema: il trabocco della vescica e l'incapacità di rilasciarlo indipendentemente. Questo deve essere comunicato al medico e l'urina viene rimossa usando un catetere. E lo sfintere collasso del retto è rilassato con crema di nitroglicerina.

    Come espandere la dieta - lo dirà il medico, ma il paziente deve capire chiaramente che dovrebbe essere mirato a facilitare l'atto della defecazione, cioè non fissare il contenuto dell'intestino, altrimenti dovrai ricorrere all'uso di lassativi. Un paziente dopo l'intervento chirurgico di rimozione delle emorroidi dovrebbe avere accesso alla toilette in qualsiasi momento, ma una seduta eccessiva non sarà di alcuna utilità - lo stress con forti tensioni nei primi giorni può essere dannoso e portare a conseguenze indesiderabili.

    Nel periodo postoperatorio, l'igiene dell'area anale è molto importante. Raccomandazioni (a seconda della portata dell'intervento) su questo account il paziente riceve dalla bocca del personale medico e obbedisce rigorosamente a loro (medicazioni, esami, altre procedure).

    I primi giorni del periodo postoperatorio sono spesso accompagnati da un forte dolore al retto. In questi casi, gli analgesici prescritti da un medico ti aiuteranno, non interferiranno con i bagni (una soluzione debole di permanganato di potassio, camomilla), unguento a base di metiluracile e supposte, che aiuteranno a ripristinare rapidamente l'area ferita a seguito della rimozione chirurgica dei nodi.

    Purtroppo, a volte ci sono...

    La rimozione delle emorroidi nella maggior parte dei casi non ha conseguenze e, dopo l'intervento chirurgico, i pazienti ricordano la loro malattia come un brutto sogno. Nel frattempo, c'è una piccola percentuale della probabilità che i problemi continuino. Tra le possibili conseguenze che attendono il paziente dopo l'intervento chirurgico, è possibile identificare quanto segue:

    • Sanguinamento, che si verifica a causa dello slittamento delle legature o della debole chiusura dei vasi sanguigni;
    • Lo sviluppo di processi infiammatori e suppurazioni, la cui causa, di norma, è l'abbandono delle regole di asepsi durante le misure terapeutiche;
    • Stenosi del canale anale, che è già formata nel tardo periodo postoperatorio;
    • L'emergere di nuovi "dossi" (la probabilità di recidiva non è esclusa con nessuno dei metodi per rimuovere le emorroidi).

    In questi casi, non è possibile attribuire tutta la colpa solo al medico curante. Indubbiamente, ha provato e fatto tutto bene, ma ogni organismo è individuale, quindi persone diverse reagiscono in modo diverso alle stesse circostanze. Il compito del paziente durante il periodo di riabilitazione è quello di aiutare il medico e, ricordando l'operazione che è diventata una cosa del passato, in seguito cambiare il suo stile di vita, la dieta e, eventualmente, il lavoro, se questi fattori sono in grado di provocare l'emergere di nuovi problemi.

    Articoli Su Varici