Cibo per le vene varicose e malattie vascolari

Insufficienza venosa degli arti inferiori (vene varicose), caratterizzata da espansione patologica del volume dei vasi sanguigni - vene. I tronchi venosi assumono una forma inadeguata, alterata, di tipo serpentino, cilindrico o misto. La condizione causa sofferenza: c'è una sensazione di pesantezza e di tensione alle gambe, gonfiore, crampi notturni dolorosi e nel corso del tempo la tromboflebite si sviluppa nella formazione di ulcere trofiche non cicatrizzate. L'estetica esterna dell'aspetto delle gambe soffre, le gonne corte e gli shorts nell'armadio sono sostituiti da pantaloni e vestiti lunghi fino al pavimento. I rappresentanti del gentil sesso hanno maggiori probabilità di soffrire di vene varicose a causa delle peculiarità della fisiologia e come conseguenza del carico sugli arti inferiori durante il periodo di trasporto del bambino.

Dieta per l'insufficienza venosa degli arti inferiori

Un approccio integrato nella lotta per la salute dei piedi sta dando i suoi frutti, allentando la sofferenza degli ammalati e prevenendo possibili complicazioni. Una corretta alimentazione nell'insufficienza venosa è la chiave per alleviare la condizione patologica delle vene inferiori. La nutrizione ha lo scopo di eliminare l'eccesso di peso, che esercita un carico aggiuntivo sulla colonna venosa e la lotta contro l'edema, il gonfiore e la deformazione della parete vascolare. I miei pazienti hanno utilizzato uno strumento collaudato, attraverso il quale è possibile sbarazzarsi delle vene varicose in 2 settimane senza molto sforzo.

La dieta per l'insufficienza venosa degli arti inferiori comprende i seguenti principi fondamentali:

  1. Gli alimenti grassi e dolci che contribuiscono all'aumento di peso sono esclusi dalla dieta: torte, pasticcini, ciambelle, ciambelle, prodotti a base di carne, salsicce, latticini con un'alta percentuale di grassi nella composizione, cibi fritti, cibo in scatola, maiale, gelatina. Fast food sotto uno speciale divieto. Non puoi mangiare cibo che innesca l'accumulo di liquidi nei tessuti del corpo: salato, affumicato e in salamoia. È meglio dimenticarsi completamente del cibo acquistato nei supermercati: cracker, patatine, kirieshkakh, noci salate, noodles istantanei;
  2. La frutta e la verdura fresche dovrebbero essere consumate in quantità illimitate, sostituendo il cibo spazzatura. Le verdure crude sono particolarmente utili, possono anche essere cotte a vapore, in umido, al forno, permesse. Mele, bacche, pomodori, cetrioli, verdure, carote, peperoni, zucchine, cavoli - dovrebbero essere presenti quotidianamente nella dieta, è buono se questi prodotti non sono importati, ma locali, maturati naturalmente. Prepara insalate con una miscela di verdure, riempiendo i piatti con olio vegetale, girasole o olio di lino;
  3. È necessario includere nel cibo diuretici bevande alla frutta e tè, decotti di mirtilli rossi e mirtilli rossi hanno un effetto diuretico insuperabile e rafforzare la parete indebolita delle vene a causa dell'alta concentrazione di vitamina C curativa nella composizione. Questo ingrediente biologicamente attivo è presente anche in alte concentrazioni in ribes, uva spina, agrumi, crauti e mele. Tè diuretici perfetti da una miscela di erbe medicinali, venduti in farmacia;
  4. Prendi una regola per organizzare i giorni di riposo del sistema digestivo - lo scarico, è possibile una volta alla settimana. Mangiare solo frutta, verdura in questi giorni, bere tè, bevande alla frutta, composte e lo stato patologico delle vene degli arti inferiori non peggiorerà;
  5. Limita strettamente il consumo di sale, ti abituerai presto al fatto che puoi gustare il gusto naturale dei piatti, e non il gusto di questa sostanza bianca;
  6. Bevi acqua pulita il più possibile, che è una doccia naturale per il corpo. 2 litri di acqua pura non gassata quotidianamente aiutano a pulire i tessuti e gli organi. Il corpo, che riceve acqua, non cerca più di fare le sue riserve, che sono depositate nel tessuto edematoso;
  7. Mangiare dovrebbe essere frazionario, in piccole porzioni, masticando accuratamente il cibo; il numero di pasti dovrebbe essere fino a 6 volte al giorno;
  8. L'alcol è il nemico dello stato sano dell'intero organismo e delle vene inferiori, in particolare;
  9. La base di frutta e verdura della razione dovrebbe essere integrata con piatti a base di cereali, legumi, frutti di mare, latticini a basso contenuto di grassi e alimenti a base di latte fermentato, pesce di mare e di fiume di varietà magre;
  10. Sotto il divieto di soda, caffè e tè naturali forti, che sono sostituiti da bevande a base di cicoria naturale e decotti a base di erbe, succhi di frutta, spremute di frutta e verdura fresca.

Se la malattia varicosa è nella fase iniziale e solo una ragnatela debole di vasi sanguigni e stelle appare sulle gambe, correggendo correttamente la nutrizione e usando pomate e creme, è possibile bloccare completamente la progressione del processo patologico nelle vene. Nel caso di avanzata deformazione profonda delle vene inferiori, una corretta alimentazione in caso di insufficienza venosa accelera i processi di guarigione e rigenerazione, riduce il rischio di ulteriori complicazioni. La stessa madre natura curerà i nostri disturbi se approfittiamo dei suoi abbondanti doni, mangiando correttamente i prodotti vegetali naturali.

Un metodo collaudato per il trattamento delle vene varicose a casa per 14 giorni!

Insufficienza venosa cronica

Insufficienza venosa cronica è un complesso di sintomi che si verifica quando il flusso sanguigno è disturbato nel lume dei vasi venosi. Questa patologia è un concetto collettivo e comprende diverse malattie accompagnate da manifestazioni cliniche simili: anomalie dello sviluppo dei vasi della rete venosa, danni traumatici alle vene, malattia post-trombotica e vene varicose degli arti inferiori.

Il pericolo di questa malattia sta nei suoi sintomi latenti a lungo termine e nel trattamento tardivo dei pazienti per le cure mediche. Di solito, i chirurghi vascolari vengono avvicinati dai pazienti negli stadi successivi della malattia, con complicazioni e gravi difetti estetici, che complicano il processo di trattamento.

Insufficienza venosa cronica degli arti inferiori

L'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori occupa una posizione di primo piano tra tutte le patologie vascolari note. La frequenza di insorgenza di questa condizione patologica nelle donne è 3 volte superiore rispetto ai tassi di incidenza tra la metà maschile della popolazione. Questo modello è dovuto alle peculiarità dello sfondo ormonale delle donne (alta produzione di estrogeni, uso di contraccettivi ormonali e aumento del carico sul sistema venoso durante il corso della gravidanza).

La patogenesi dell'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori sta nel fatto che l'ostruzione a lungo termine del deflusso del sangue attraverso i vasi venosi che si verifica per una ragione particolare crea condizioni per aumentare la pressione nel lume della vena e, di conseguenza, la sua espansione.

L'espansione del lume del vaso venoso porta allo sviluppo di insufficienza dell'apparato valvolare, cioè c'è una chiusura incompleta dei lembi valvolari, in relazione al quale il sangue si muove non solo verso l'alto, ma anche verso il basso. In questa fase della malattia ci sono sensazioni di pesantezza e sovraffollamento delle gambe, così come le vene superficiali dilatate vengono visualizzate attraverso la pelle.

Se non trattata, la pressione nelle vene aumenta e le pareti delle navi perdono la loro elasticità. In definitiva, aumenta la permeabilità della parete vascolare e questo processo si manifesta sotto forma di comparsa di edema regionale degli arti inferiori. I disordini trofici si verificano a seguito della compressione dei tessuti molli circostanti e delle violazioni della loro nutrizione.

Cause di insufficienza venosa cronica

Il principale fattore eziologico nell'insorgenza dell'insufficienza venosa cronica è una diminuzione del flusso sanguigno attraverso i vasi venosi, risultante dal funzionamento alterato del sistema di pompa venoso-muscolare. Normale è il flusso di sangue, quando il 90% del volume si muove attraverso il sistema di vene profonde e il 10% delle vene superficiali. Affinché il sangue non fluisca sotto il peso, ma per spostarsi verso il cuore, ci sono valvole in tutti i vasi venosi degli arti inferiori. Inoltre, le contrazioni muscolari dei grandi muscoli degli arti inferiori, situate nella proiezione della coscia e della tibia, contribuiscono al movimento del sangue verso il cuore.

A questo proposito, tutte le cause che portano a violazioni dell'apparato valvolare dei vasi venosi e la mancanza di contrazioni muscolari dei grandi muscoli degli arti inferiori, portano inevitabilmente all'insufficienza venosa cronica.

La flebotrombosi e le alterazioni infiammatorie associate alla parete venosa (tromboflebite) sono la causa più comune di disturbi associati all'insorgenza dell'insufficienza venosa cronica.

Esistono fattori di rischio modificabili e non modificabili che non possono causare autonomamente insufficienza venosa cronica, ma aggravano il suo decorso e provocano complicanze.

I fattori di rischio modificabili comprendono: obesità, bassa attività fisica, prolungata permanenza di una persona in posizione seduta o in piedi, sollevamento regolare di oggetti pesanti, colite cronica con stitichezza.

Fattori non modificabili nell'insorgenza dell'insufficienza venosa cronica: genere, patrimonio genetico in questa patologia (contenuto congenito insufficiente di fibre di collagene nella parete del vaso venoso, causa debole tono venoso).

Sintomi di insufficienza venosa cronica

I sintomi principali che indicano lo sviluppo dell'insufficienza venosa cronica comprendono: sensazione di pesantezza agli arti inferiori, dolore alla proiezione della parte inferiore della gamba, presenza di parestesie e convulsioni. A seconda della durata della malattia, questi sintomi hanno diversi gradi di gravità.

Il sintomo principale dell'insufficienza venosa cronica è che tutte le suddette manifestazioni cliniche infastidiscono il paziente dopo una prolungata permanenza e il miglioramento è osservato anche dopo un breve periodo di riposo alle estremità.

Quando la pressione nel sistema di vasi venosi aumenta e si sviluppa l'insufficienza venosa della valvola, le condizioni del paziente si deteriorano notevolmente - i cambiamenti esterni si manifestano sotto forma di rete sottocutanea di vene dilatate e sviluppo di cambiamenti cutanei sotto forma di dermatiti e ulcere trofiche degli arti inferiori.

Per dermatite venosa congestizia si intende l'insorgenza di iperpigmentazione bruno in combinazione con l'induzione degli strati superficiali della pelle e la comparsa di panniculite fibrosante sottocutanea.

Le ulcere varicose, a differenza delle ulcere trofiche, che si sviluppano in violazione della circolazione arteriosa del sangue, si sviluppano improvvisamente dopo il minimo trauma della pelle e si trovano superficialmente, cioè non penetrano più in profondità della fascia. Un luogo tipico per le ulcere è l'area mediale della caviglia. I pazienti notano il dolore estremo di queste ulcere e l'edema locale dell'arto inferiore.

La comparsa di edema degli arti inferiori può essere dovuta ad altre cause, pertanto la diagnosi differenziale deve essere effettuata con altre malattie che presentano manifestazioni cliniche simili a quelle dell'insufficienza venosa cronica.

Le malattie cardiovascolari sono accompagnate dall'insorgenza di edema, tuttavia la loro localizzazione è spesso bilaterale e non vi è alcuna dipendenza dallo sforzo fisico. Con l'artrosi deformante, la mobilità limitata nell'articolazione è spesso accompagnata da gonfiore, ma questo tipo di edema, al contrario, scompare dopo l'esercizio. Quando il lemfedema ha segnato gonfiore, ma la sua localizzazione è spesso proiettata nella coscia e non ci sono cambiamenti trofici nella pelle.

Nell'insufficienza venosa cronica, insorgono disturbi emodinamici centrali, che sono causati dalla ridistribuzione e dall'accumulo di sangue venoso nei vasi venosi dilatati degli arti inferiori e nella sua carenza di cervello, cuore e polmoni. Clinicamente, questi cambiamenti si manifestano come perdita a breve termine di coscienza, stanchezza, sonnolenza, mal di testa e vertigini.

Il grado di insufficienza venosa cronica

La presenza di un solo sintomo o di una combinazione di manifestazioni cliniche suggerisce che il paziente sviluppi insufficienza venosa cronica. La classificazione di questa malattia si basa sulla gravità delle manifestazioni cliniche e sulla presenza di complicanze ed è rappresentata da quattro gradi:

0 gradi - non ci sono manifestazioni cliniche, nonostante la presenza di una rete venosa sottocutanea visiva avanzata.

Grado 1: sensazione di pesantezza alle gambe di sera e comparsa di edema locale alle caviglie, che scompare al mattino. Marcato visivamente la presenza di telangiectasia sulla superficie della pelle degli arti inferiori.

Grado 2: bruciore, dolore lancinante agli arti inferiori e gonfiore sono permanenti e aumentano dopo l'esercizio. I segni esterni sono la comparsa di aree di iperpigmentazione e lipodermatosclerosi sulla superficie della pelle. Sopra le vene varicose, si assottiglia la pelle e il prurito localizzato.

Grado 3 - l'insorgenza di cambiamenti trofici nella pelle sotto forma di ulcerazioni e complicanze associate - tromboflebiti, sanguinamento da ulcere - si uniscono ai sintomi sopra elencati.

In pratica, i flebologi usano un'altra classificazione per valutare la capacità del paziente di lavorare:

0 gradi - il paziente non si lamenta e quando un esame obiettivo del paziente non è determinato dai cambiamenti;

1 grado - il paziente lamenta una sensazione di pesantezza agli arti inferiori alla fine della giornata lavorativa, quando visualizzati, vengono visualizzati telangiectasia e vene dilatate, il paziente è considerato di corpo robusto senza l'uso di droghe;

Grado 2: i sintomi clinici dell'insufficienza venosa cronica vengono osservati nell'arco della giornata e il paziente viene riconosciuto come normodotato solo se vengono utilizzati farmaci;

Grado 3: il paziente è disabilitato.

Trattamento dell'insufficienza venosa cronica

Per determinare le tattiche di gestione di un paziente con insufficienza venosa cronica, è necessario condurre un esame completo del paziente, includendo non solo metodi di ricerca oggettivi, ma anche metodi strumentali per determinare la causa alla radice della malattia (ecografia dei vasi delle estremità inferiori, venografia a contrasto).

I principali approcci al trattamento dei pazienti con insufficienza venosa cronica sono: continuità, complessità (combinazione di diversi metodi di trattamento) e individualità.

La durata e il metodo di trattamento dell'insufficienza venosa cronica dipendono direttamente dallo stadio della malattia e dalla presenza di complicanze. Esistono due principali metodi di trattamento: conservativo e operativo. Nella maggior parte dei casi, è possibile ottenere risultati positivi con un metodo di trattamento conservativo, che consiste in diverse aree: eliminazione dei fattori di rischio eziologici modificabili, uso di farmaci, raccomandazioni per la fisioterapia, fisioterapia e uso della compressione elastica.

La fase obbligatoria nel trattamento di pazienti con CVI è la correzione della loro attività fisica - l'allenamento in una serie speciale di esercizi e l'esclusione di alcuni sport, che implicano movimenti rapidi e il sollevamento di oggetti pesanti. Gli sport consentiti includono il nuoto e le escursioni con l'uso obbligatorio della compressione elastica.

Tra i mezzi per la compressione elastica i più efficaci sono: maglieria medica e bende elastiche. L'uso di mezzi di compressione elastica riduce efficacemente il rischio di progressione della malattia e, pertanto, questo metodo di trattamento viene utilizzato per tutte le fasi dell'insufficienza venosa cronica.

Proprietà utili dei mezzi di compressione elastica: eliminazione dell'edema, riassorbimento della sclerosi lipodermica, riduzione del diametro del vaso venoso, miglioramento dell'emodinamica venosa, miglioramento della pompa muscolare-valvola, ripristino della microcircolazione, miglioramento del drenaggio linfatico attraverso i vasi del sistema linfatico.

Esistono alcuni principi per il corretto bendaggio degli arti. Inizia il bendaggio dovrebbe essere al mattino, senza alzarsi dal letto. La fasciatura deve essere applicata dal basso verso l'alto dal tallone al terzo superiore della coscia con la fissazione obbligatoria del piede. Il bendaggio dovrebbe essere sufficientemente denso, ma non causare disagio.

Per un uso prolungato, le bende elastiche non sono adatte, poiché perdono rapidamente la loro elasticità durante il lavaggio e, pertanto, è preferibile utilizzare articoli speciali di calze a compressione medicale. A seconda del volume richiesto e del grado di compressione desiderato, vengono utilizzati vari tipi di maglieria: calze, collant, calze. Le controindicazioni assolute all'uso di prodotti di maglieria medica sono: insufficienza cardio-respiratoria nello stadio di decompensazione, malattia arteriosa aterosclerotica, presenza di danni alla cute nel sito della compressione voluta.

A vari gradi di insufficienza venosa cronica, vengono applicati vari metodi di terapia conservativa:

Nel primo grado, è preferibile utilizzare la scleroterapia come eliminazione di un difetto estetico causato dalla presenza di teleangiectasia. Il metodo si basa sull'introduzione di una sostanza speciale (sclerosante) nell'area espansa della vena, che interrompe il flusso sanguigno in quest'area della vena e contribuisce così al collasso della nave e all'eliminazione del difetto estetico.

Nel secondo grado, è consigliabile utilizzare farmaci contenenti sostanze attive in grado di aumentare il tono venoso e migliorare la microcircolazione dei tessuti circostanti. La durata del trattamento è di almeno 6 mesi e spesso per la comparsa dell'effetto visibile il paziente richiede diversi cicli di assunzione di questi farmaci.

Nel terzo grado, l'obiettivo principale del trattamento è combattere le complicazioni. In questa situazione, il paziente ha bisogno di un trattamento combinato con l'uso di farmaci generali e l'uso di farmaci per il trattamento locale.

I preparati di azione locale sono ampiamente utilizzati nel trattamento dell'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, in quanto sono facili da usare e mancano di una serie di reazioni avverse tipiche del flebotone generale. Un componente obbligatorio di tutti i farmaci per il trattamento locale (gel, unguenti) è l'eparina ad una concentrazione da 100 UI a 1000 UI in 1 g in combinazione con componenti antinfiammatori, analgesici e desensibilizzanti. Gli unguenti contenenti eparina (Troxevasin, eparina, Lioton 1000) devono essere applicati per almeno 1 mese e devono essere combinati con farmaci generici per migliorare l'effetto.

Come una selezione di un regime di trattamento individuale per un paziente con segni di insufficienza venosa cronica, dovrebbero essere utilizzati diversi gruppi di farmaci, tenendo conto della fase della malattia. I principali gruppi di agenti farmacologici in questa situazione sono: flebotonica (Detralex 500 mg 2 p al giorno, Phlebodia 600 mg 1 p al giorno Vazoket 600 mg 1 p al giorno), farmaci antiinfiammatori non steroidei (Ibuprofene 200 mg 2 p al giorno, Diclofenac 1 compressa 3 p al giorno), anticoagulanti (Clexan 1,5 mg per kg di peso corporeo 1 p al giorno), disaggregati (Trental 400 mg 2 p al giorno, pentossifillina 1 pillole 2 p al giorno) e antistaminici (Tsetrin, Lorant, Eden 1 compressa 1 p al giorno).

Actovegin 1 compressa 3 volte al giorno o Solcoseryl 1 ampolla per via intramuscolare con un ciclo di 10 giorni viene utilizzata come mezzo per migliorare la microcircolazione e i processi metabolici.

Di grande importanza è l'uso di preparati topici nella fase di dermatite venosa ed eczema. Il trattamento precoce con farmaci antinfiammatori aiuta a prevenire la progressione dei disturbi trofici. In questa situazione, i farmaci per uso esterno contenenti corticosteroidi (Acortin, Mezoderm, Polkortolon, Flutsinar) sono appropriati.

Tra le procedure fisioterapeutiche per il trattamento dell'insufficienza venosa cronica, i risultati migliori si possono ottenere quando si prescrive un ciclo di elettroforesi, balneoterapia e correnti diadinamiche.

Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al trattamento dell'insufficienza venosa cronica allo stadio di sviluppo delle ulcere trofiche, in quanto sono spesso complicate da cambiamenti infiammatori e sanguinamento. I principi principali del trattamento delle ulcere trofiche comprendono: riposo a letto rigoroso, tre volte trattamento di un'ulcera con soluzione di acqua e sapone, uso di antisettici locali (unguento Miramistina allo 0,01%), terapia antibatterica dopo aver determinato la sensibilità della flora.

Per accelerare il processo di epitelizzazione delle ulcere trofiche, i preparati contenenti componenti naturali (propoli, olio di olivello spinoso) sono utilizzati in combinazione con l'uso costante di maglieria medica che previene traumatizzazione della pelle e l'insorgenza di complicanze infettive.

Le indicazioni per l'applicazione dei metodi di correzione chirurgica sono: l'inefficacia della terapia conservativa, l'insorgenza di tromboflebiti e il sanguinamento da ulcere trofiche, nonché la presenza di un difetto estetico pronunciato.

Per correzione chirurgica si intende la rimozione del segmento interessato dei vasi venosi e la quantità dell'intervento chirurgico dipende dalla lunghezza dei cambiamenti e dalla presenza di complicanze.

Ci sono diverse aree nel trattamento chirurgico dell'insufficienza venosa cronica:

- scleroterapia (metodo minimamente invasivo efficace nell'espansione delle vene di piccolo calibro);

- irradiazione laser (utilizzata per il danneggiamento delle vene di qualsiasi diametro e utilizzata come trattamento per le ulcere trofiche);

- flebectomia endoscopica;

- intervento chirurgico per ripristinare l'apparato valvolare della vena;

- un'operazione per escludere una vena danneggiata dal flusso sanguigno formando uno shunt di bypass.

La prevenzione dell'insufficienza venosa cronica consiste nell'eliminare i fattori di rischio modificabili - indossare scarpe comode, correggere il comportamento alimentare, fare esercizio fisico regolare ed eseguire esercizi fisici elementari. Altrettanto importante nella prevenzione dell'insufficienza venosa cronica è l'esame ecografico profilattico delle vene degli arti inferiori nelle persone a rischio di questa patologia.

Dieta per l'insufficienza venosa degli arti inferiori

La dieta per le vene varicose è mirata a rafforzare le vene, prevenendo e trattando malattie concomitanti e provocanti (principalmente obesità, stitichezza).
La varicità è una delle malattie più comuni. Fino a un terzo della popolazione adulta soffre di disturbi del deflusso venoso sintomatico negli arti inferiori.

  • La terapia vitaminica per le vene varicose
  • Prevenzione della stitichezza con le vene varicose
  • Perdita di peso con le vene varicose
  • Video: pulizia del sangue, del cuore e dei vasi sanguigni.

Per un trattamento efficace, la nutrizione delle vene varicose dovrebbe essere modificata già nella fase di compensazione, quando compaiono i primi segni: pesantezza alle gambe, affaticamento, transitorietà, teleangectasie.

Mangiare con le vene varicose degli arti inferiori dovrebbe contribuire alla perdita di peso, un aumento dell'elasticità e della forza delle pareti venose e una riduzione dello stress ossidativo nell'endotelio.

La terapia vitaminica per le vene varicose

Quali possono essere le vitamine di base identificate per i vasi sanguigni? La dieta per le vene varicose fornisce al corpo un complesso di vitamine, di cui le più importanti sono:

Vitamina C (acido ascorbico)

Il muro delle vene con le vene varicose è caratterizzato dalla distruzione del collagene. Per questo motivo è soggetto a uno stiramento eccessivo, tipico delle vene varicose. L'acido ascorbico è coinvolto nei processi biochimici della sintesi del collagene.

Secondo le raccomandazioni dell'OMS, la dieta dovrebbe garantire l'assunzione di questa vitamina in una quantità di circa 2,5 mg / kg di peso corporeo. Questa quantità non viene assunta una volta, ma in porzioni durante il giorno, il che migliora l'assorbimento dell'acido ascorbico.

Gli agrumi, le bacche sono una buona fonte di vitamine. Ha senso sostituire il tè con un decotto di cenere di montagna e ribes nero: le bacche vengono versate con acqua bollente e infuse per circa 20 minuti.

Va ricordato che il cibo con vene varicose e tromboflebite non dovrebbe consentire un sovradosaggio di acido ascorbico. Il fatto è che la vitamina aumenta l'emostasi e il rischio di coaguli di sangue. Pertanto, la rosa selvatica, uno dei campioni sul contenuto di vitamina C, dovrebbe essere usata con cautela.

Vitamina P

Vitamina P, flavonoidi - un grande gruppo di sostanze biologicamente attive con azione flebotropica e fleboprotettiva. Attualmente, i flavonoidi sono considerati un componente essenziale dell'alimentazione per le vene varicose.

Le vitamine prolungano l'azione della norepinefrina; ridurre la stasi del sangue; aumentare la sensibilità del tessuto muscolare liscio della parete venosa al calcio; ridurre le proprietà adesive della parete vascolare e la trombosi.

Il menu dovrebbe includere anche:

  • verdure a foglia verde;
  • bacche (ciliegia, amarena, uva);
  • agrumi;
  • peperone rosso,
  • tè verde.

I flavonoidi sono pigmenti che forniscono colore ai frutti. Questa proprietà ha spinto i nutrizionisti a creare una "dieta colorata", che si basa sul cibo vegetale. Rafforzare i vasi problematici è di grande importanza nella prevenzione delle vene varicose.

Vitamina E

Vitamina E (tocoferolo). Tradizionalmente, la vitamina è stata raccomandata per proteggere le membrane e ridurre lo stress ossidativo nell'endotelio vascolare. Il tocoferolo presenta queste proprietà antiossidanti con vitamine P e C.

Scoperti di recente e altri effetti del tocoferolo. Si è scoperto che la vitamina regola l'espressione dei geni che codificano le molecole di adesione, riduce l'attività della proteina chinasi piastrinica. A causa di ciò, diminuisce la capacità delle piastrine di aggregarsi e di formare coaguli di sangue.

Gli alimenti per le vene varicose che sono inclini a trombosi e tromboembolismo dovrebbero contenere oli vegetali (circa tre cucchiai al giorno). La principale fonte di vitamina è spesso l'olio vegetale.

Oltre alle vitamine, i processi metabolici richiedono oligoelementi: rame, zinco, magnesio, potassio, manganese. Le loro fonti non sono solo verdure e frutta, ma anche frutti di mare, fegato di manzo, cereali, noci. L'assunzione di vitamine e microelementi deve essere distribuita uniformemente in 5 giorni di assunzione di cibo, ad esempio:

  • A colazione, una varietà di cereali può essere integrata con agrumi, frutti di bosco e noci.
  • La seconda colazione consiste in insalata (bacche, foglie).
  • Il pranzo oltre alla zuppa povera di grassi include necessariamente insalata di verdure.
  • Lo spuntino pomeridiano si concentra su bacche dolci, frutta, noci.
  • Per cena, i piatti di verdure sono completati da cereali (riso, grano saraceno), pesce.

Per il trattamento termico dei prodotti, è meglio scegliere l'ebollizione, lo stufaggio. Le insalate di frutta e verdura sono consigliate come piatti multivitaminici complessi. Ad esempio, quasi tutte le vitamine necessarie sono contenute in un piatto di cachi, mela, cipolla, lattuga.

Gli ingredienti sono macinati e riempiti con olio vegetale e succo di limone. Quando si cucinano insalate e altri piatti, si dovrebbe ridurre al minimo l'aggiunta di sale da cucina, poiché è uno dei provocatori delle vene varicose.

Prevenzione della stitichezza con le vene varicose

Spesso, la dieta di una persona moderna è sovrasaturata dal cibo con un alto grado di trasformazione, mentre i prodotti con fibre vegetali non vengono consumati abbastanza. Questo porta a costipazione e un conseguente aumento della pressione intra-addominale con la formazione di vene varicose.

Circa il 70% dei pazienti con vene varicose soffre di costipazione cronica. Pertanto, con le vene varicose, la nutrizione, che fornisce prevenzione e trattamento della stitichezza, è particolarmente importante.

Se compaiono sintomi di stitichezza (feci ritardate per più di due giorni, necessità di tensioni gravi, senso di eccedenza e svuotamento incompleto), devono essere eliminati i fattori che hanno provocato la stitichezza e devono essere prese misure per normalizzare la nutrizione:

  • Riempire il deficit nella dieta delle fibre vegetali, attivatori della peristalsi intestinale. Le buone fonti per raggiungere questo obiettivo sono prugne, albicocche secche, prugne, barbabietole, mele, pane di crusca, latticini.
  • Conformità al regime idrico. L'insufficienza di acqua contribuisce alla compattazione e alla difficoltà di movimenti di massa fecale. Il corpo ha bisogno di circa 2 litri di acqua al giorno. Non è consigliabile bere caffè, perché il caffè ha un effetto diuretico.

Oltre ai fattori alimentari, la stitichezza può essere provocata da altre cause (disbiosi, disturbi nervosi, infiammazioni, aderenze). Pertanto, con l'inefficacia della dietoterapia costipazione, è richiesto un esame supplementare.

Perdita di peso con le vene varicose

Un aumento del peso corporeo è correlato ad un aumentato rischio di vene varicose degli arti inferiori. Per eliminare l'eccesso di peso è necessario:

  • Ridurre il cibo calorico. Per le donne, si raccomanda una dieta fino a 1200 kcal / giorno, per gli uomini - fino a 1500 kcal / giorno. Il contenuto calorico si riduce principalmente a causa di una diminuzione dell'apporto di grassi (fino al 30%) e di carboidrati semplici contenuti in zucchero, farina di frumento.
  • Osservare la dieta (cinque volte, con cena per 3 ore prima di coricarsi).
  • Escludere i cibi che stimolano l'assunzione di cibo in eccesso; salato, piccante (tranne il peperoncino rosso), piatti affumicati.

L'obesità può essere una manifestazione di numerose patologie: sindromi genetiche, tumori cerebrali, disturbi endocrini. Se la normalizzazione della composizione e della dieta non porta alla perdita di peso, il paziente dovrà scoprire la causa del sovrappeso e integrare il trattamento delle vene varicose con il trattamento della malattia concomitante.

La terapia dietetica è la parte più importante del sistema di influenza sui fattori modificabili nel trattamento delle vene varicose. Tuttavia, va ricordato che per sconfiggere la malattia non è sufficiente seguire una dieta: è necessario un approccio integrato. E, soprattutto, ciò che è necessario per sbarazzarsi delle vene varicose: esercizio (ad esempio, squat), che aiuterà a superare la causa principale delle vene varicose - stasi del sangue.

Cibo per le vene varicose

Con le vene varicose degli arti inferiori, è necessario escludere i prodotti che contribuiscono all'aumento di peso e alla comparsa di edema. Circa il 70% della razione giornaliera dovrebbe cadere su piatti di verdure e frutta, che vengono cotti al forno, bolliti o al vapore.

Alcune semplici regole:

  1. Una o due volte alla settimana è necessario organizzare giorni di digiuno. In questo momento, l'assunzione di cibo è limitata e l'enfasi è sul bere. Durante il giorno, è necessario bere fino a due litri di acqua, decotti alle erbe, succhi di frutta. Si consiglia di prendere un decotto di foglie di ortica, tè verde, succo di ribes nero o olivello spinoso.
  2. Per mantenere l'elasticità delle vene, se ci sono gambe varicose, è necessario escludere il consumo di cibi salati, sottaceti, cibi dolci, caffè, contribuiscono alla ritenzione di liquidi nel corpo. L'aumento è il numero di bacche fresche, cereali germinati, proteine ​​magre e cibi ricchi di fibre.

Nutrizione per le vene varicose

Gravidanza, cambiamenti ormonali, uno stile di vita sedentario può portare a vene varicose pelviche e alla formazione di emorroidi.

  1. Insieme alle regole generali della nutrizione terapeutica per le vene varicose, occorre prestare attenzione alla corretta motilità intestinale.
  2. La stitichezza frequente, la pressione sulle vene nel trasportare un bambino, provocano lo sviluppo della malattia. Pertanto, si dovrebbe mangiare cereali e verdure ricchi di fibre, crusca e pane integrale.
  3. Se durante la gravidanza appaiono vene varicose, vale la pena mangiare razionalmente, ottenendo la quantità necessaria di proteine ​​di carboidrati e oligoelementi, dopo aver consultato il medico.
  4. Quando le vene pelviche sono dilatate, evitare di mangiare cibi piccanti e cibi ricchi di carboidrati, come la pasticceria.

Alimento per le vene varicose e l'esofago

La regola di base per questo tipo di malattia è la dieta con l'eccezione di un certo numero di prodotti dalla dieta.

Poiché altre malattie del tubo digerente diventano la causa di questa malattia, è necessario considerare quale dieta contribuirà a un trattamento ottimale se ci sono vene varicose dell'esofago e dello stomaco:

  1. È necessario mangiare 4-6 volte al giorno a intervalli regolari, in piccole porzioni. Assolutamente esclusi alcol, prodotti fritti, affumicati, piccanti e in salamoia. 3-4 ore prima di coricarsi non mangiare cibo.
  2. Con le vene dilatate dello stomaco è necessaria una leggera colazione. Sono esclusi i cibi caldi o freddi, i cibi acidi che causano l'irritazione delle pareti dello stomaco e dell'esofago.

Prevenzione delle vene varicose con l'aiuto dell'esercizio (video)

Quali alimenti devono essere ridotti?

Indipendentemente dal tipo di vene varicose, c'è una lista di prodotti che sono strettamente controindicati in questa malattia:

  • Alcol. Promuove la ritenzione di liquidi nel corpo, che porta a

edema aggiuntivo e carico di vene.

  • Fritti, affumicati, grassi, speziati, portano ad un aumento della viscosità del sangue, provocano processi infiammatori.
  • Salt. Il consumo di grandi quantità di cibi salati, marinate, sottaceti rafforzano il gonfiore dei tessuti.
  • Pasticceria. Promuovere un rapido aumento di peso e addensare il sangue.
  • Caffè e tè nero forte. Aumentare la pressione e aumentare la viscosità del sangue.
  • Bevande gassate Controindicazioni per malattie dell'apparato digerente e vene pelviche.
  • Per scegliere cibi utili per le vene varicose, oggi non è difficile. L'obiettivo principale dovrebbe essere su verdure, cereali e varietà a basso contenuto di grassi di carne e pesce di pollame.

    Il cibo deve contenere una quantità sufficiente di vitamine (specialmente C) e rutina che impediscano la fragilità vascolare e contribuiscano al corretto flusso sanguigno. Ci sono molte opzioni di menu alternative.

    Quando si seleziona la dieta ottimale dovrebbe prestare attenzione al seguente paniere della spesa:

    • Verdura, bacche, frutta: contiene gli elementi e le vitamine necessari per rinnovare le pareti dei vasi sanguigni, come ad esempio PP, C, A, E.
    • Pomodori, peperoni, cavoli, carote. È meglio usare fresco o bollito, come componente di insalata di verdure o condimento per una zuppa leggera.
    • Zucchini. Contenere una grande quantità di fibra per una digestione regolare. Buon stufato con una salsa di verdure leggera.
    • Noci. Un magazzino di aminoacidi essenziali. Una manciata di noci al giorno copre la tariffa giornaliera.
    • Mirtillo rosso, mirtillo rosso, olivello spinoso, rosa canina, ribes. Contengono una grande quantità di sostanze che regolano il flusso sanguigno e hanno un leggero effetto diuretico, che aiuta ad affrontare l'edema.
    • Cereali. Possedere un effetto antiossidante e contenere gli oligoelementi necessari per la formazione del sangue:
    • Farina di grano saraceno Fonte di magnesio. Si consiglia in forma bollita come aggiunta a insalata di verdure fresche.
    • Farina d'avena. Un potente antiossidante ed eccellente prodotto dietetico, che dà una sensazione di pienezza.
    • Semole di segale. Contiene una grande quantità di fibre alimentari e ha un effetto tonificante sul corpo, un alto contenuto di vitamina B, impedisce lo sviluppo di beriberi.
    • Carne, pesce, pollame, pesce. Necessario per la costruzione di nuove cellule del corpo e formazione del sangue. Consigliato stufato e bollito.
    • Cavoli di mare, prugne secche, albicocche secche completano la dieta con oligoelementi essenziali, potassio e magnesio.

    Il menu del giorno dovrebbe contenere una composizione equilibrata di carboidrati, proteine, grassi e oligoelementi. Le insalate sono raccomandate per essere riempite con olio d'oliva, esclusi i grassi animali.

    Anche il consumo di verde dovrebbe essere moderato, poiché le sostanze nella sua composizione possono portare ad un ispessimento del sangue e alla formazione di ristagno. Il pasto principale dovrebbe essere nella prima metà della giornata. Il primo effetto positivo di una corretta alimentazione è visto nella seconda settimana della dieta.

    Quanto costa questo menu?

    Va notato che il prezzo dei prodotti inclusi nel menu per la prevenzione e il trattamento delle vene varicose è disponibile praticamente per qualsiasi consumatore.

    E con un buon assortimento di generi alimentari, non supererà il costo medio mensile di un paniere della spesa di 6.500 rubli, dato che con le vene varicose molti dovrebbero perdere peso e la quantità di cibo diminuirà, questa quantità può essere ridotta.

    Per calcolare la nutrizione approssimativa con le vene espanse, c'è una tabella nutrizionale, con un menu e ricette esemplificativi, che può essere fornita dal medico curante, non sarà difficile trovarla da sola nelle pubblicazioni di dietologia o su Internet. Puoi anche farlo da solo, dato il contenuto calorico degli alimenti e la quantità giornaliera di sostanze necessarie.

    Nella prevenzione e nel trattamento delle vene varicose, è necessario aderire a una corretta alimentazione, contribuisce al controllo del peso, alle condizioni vascolari e alla rimozione di questa spiacevole e pericolosa malattia.

    Va anche ricordato che il trattamento delle vene varicose è un insieme di misure che include l'attività fisica, una dieta ottimale, il trattamento farmacologico sotto forma di unguenti e pillole come prescritto da un medico.

    10 prodotti che miglioreranno le condizioni del corpo con le vene varicose

    Riso integrale

    L'alto contenuto di fibre di riso integrale (1,8 g per 100 g) lo rende un eccellente prodotto dietetico per il trattamento delle vene varicose. Il consumo di fibre aiuta ad alleviare la pressione eccessiva che viene posta sui vasi sanguigni.

    Riducendo la pressione sui vasi sanguigni, a sua volta, si riducono gli effetti dolorosi delle vene varicose. Inoltre, gli alimenti ricchi di fibre come il riso integrale in una dieta quotidiana possono prevenire la stitichezza cronica, che è uno dei fattori alla base dello sviluppo delle vene varicose.

    grano saraceno

    Per le vene varicose, i prodotti contenenti rutina sono importanti. 100 grammi di grano saraceno contengono circa 0,48 mg di rutina. Rutina rafforza le pareti sottili dei vasi sanguigni e impedisce alle vene di gonfiore.

    La rutina migliora anche la circolazione sanguigna e rinnova il sangue dai blocchi all'interno dei vasi sanguigni. Queste proprietà estremamente benefiche della rutina possono alleviare i sintomi dolorosi delle vene varicose.

    uva

    L'uva contiene quantità significative di tannino. Il tannino aiuta a ridurre il gonfiore e l'infiammazione, rafforza i vasi sanguigni. È molto utile nel trattamento delle vene varicose. Inoltre, i tannini dell'uva impediscono al sangue di accumularsi nelle vene.

    mele

    Le mele contengono quantità significative di flavonoidi che promuovono la salute, compresa la quercetina. Studi alimentari mostrano che la quercetina flavonoide è estremamente utile nel trattamento delle vene varicose.

    La proprietà anti-infiammatoria della quercetina, in combinazione con la sua capacità di stimolare la circolazione del sangue, può combattere il problema delle vene varicose.

    Ippocastano

    Ippocastano è un prodotto dietetico estremamente popolare per il trattamento delle vene varicose. Ha una sostanza potente chiamata AESCIN

    Questa sostanza tratta l'insufficienza venosa cronica, restringendo i vasi, ha un effetto protettivo. La castagna aumenta anche la produzione di ossido nitrico e riduce l'infiammazione, riducendo il gonfiore alle gambe (uno dei principali sintomi delle vene varicose).

    arance

    Un altro prodotto alimentare che puoi includere nella tua dieta quotidiana è combattere le vene varicose. Le arance contengono flavonoidi e vitamina C.

    Studi alimentari hanno dimostrato che i flavonoidi, insieme alla vitamina C, rinforzano le pareti sottili dei vasi sanguigni e facilitano le vene varicose.

    mirtillo

    I mirtilli sono uno degli alimenti più salutari del pianeta. Questa bacca aiuta a migliorare il flusso sanguigno, rilassa i vasi sanguigni. Migliorare il flusso di sangue può aiutare ad alleviare i molti sintomi delle vene varicose.

    I mirtilli hanno un'alta concentrazione di flavonoidi nel pigmento antocianico (che conferisce al feto il suo unico colore blu intenso). L'antocianina protegge i vasi sanguigni dal danno dei radicali liberi.

    Insalata di foglie

    La lattuga è un'eccellente fonte di rame. Cento grammi di foglie di lattuga tritate forniscono quasi 1 mg di rame. Un minerale come il rame è estremamente importante per mantenere le vene sane.

    Il rame previene la formazione di vene varicose, rafforzando il tessuto connettivo. Questo oligoelemento combatte anche l'infiammazione all'interno delle vene.

    mandorle

    La mandorla è una delle più grandi fonti alimentari di vitamina E (26,2 mg per 100 g). La vitamina E è un potente antiossidante e aiuta a combattere le vene varicose, migliorando la circolazione del sangue.

    La vitamina E riduce anche il dolore quando le vene varicose, rafforza le pareti dei vasi sanguigni. Si consiglia alle persone che rientrano nella categoria di rischio per le vene varicose e quelle che già soffrono di questa condizione di utilizzare giornalmente una piccola manciata di mandorle.

    ananas

    L'ananas è una ricca fonte di enzima bromelina. Questo enzima migliora la circolazione sanguigna. La bromelina riduce anche il dolore e il gonfiore delle vene varicose.

    Recensioni

    Se parliamo di nutrizione nell'insufficienza venosa cronica, bisogna ricordare che il sovrappeso porta ad un sovraccarico di vene e alla rapida progressione della malattia. Ecco perché la nutrizione razionale è necessaria per tutti i pazienti con malattie ad alto rischio o già sviluppate.

    Ogni giorno nella dieta devono essere presenti molte verdure crude e frutta contenente fibre, dalle quali fibre sintetiche sono sintetizzate nel corpo, necessarie per rafforzare la parete venosa. Inoltre, è necessario limitare il consumo di cibi grassi, speziati e salati, poiché la sete provocata da loro porta ad un aumento del volume del sangue e, di conseguenza, a un sovraccarico del sistema venoso. Un punto importante della dieta è la prevenzione della stitichezza, poiché le difficoltà di svuotamento dell'intestino portano ad un costante aumento della pressione nelle vene ed esacerbano l'insufficienza venosa.

    Dovrebbero essere esclusi anche i dolci, i prodotti raffinati, la farina, il cibo in scatola (qualsiasi), le carni affumicate e l'alcol.

    È meglio sostituire il sale con "Sanasol" (che può essere acquistato in farmacia), sale marino, salgemma o Gomi cotti (1 parte di macinatura di sale marino deve essere mescolata con 12 parti di semi di lino o di sesamo, friggere in una piastra e macinare).

    È utile includere nella dieta alimenti ricchi di vitamine C, P, A, E e oligoelementi - potassio, magnesio, calcio, fosforo, iodio, zinco, ferro.

    I tessuti molli del nostro corpo hanno bisogno di potassio. La maggior parte del potassio si trova nel miele e nell'aceto di mele. Puoi preparare questa bevanda: prendi 2 cucchiaini. aceto di sidro di mele in un bicchiere d'acqua con miele. Bere fino a 4 bicchieri al giorno. Con la stessa composizione è bene lubrificare la pelle.

    Agrumi, olivello spinoso, uva spina, rosa canina e altre bacche e frutti fanno bene alla salute delle vene. Particolarmente utili sono i kiwi, in cui ci sono molte sostanze che contribuiscono alla dissoluzione dei coaguli di sangue e prevenire ulteriori coaguli di sangue, tutte le verdure ricche di vitamina C - cavolo, peperoni dolci, patate.

    Non meno utili sono i cibi ricchi di vitamina E: fegato, lenticchie, fagioli, piselli, olio di oliva e mais. Il pane è meglio usare senza lievito, con la crusca.

    Frutti di mare utili (cozze, calamari, gamberi e altri frutti di mare). Aiutano a migliorare le prestazioni delle vene, in quanto contribuiscono alla produzione di elastina, che migliora le condizioni delle pareti dei vasi. Ma dal brodo, le gelatine, dovrebbero essere abbandonate perché hanno un effetto distruttivo sulle valvole.

    Molto utile per vene e vasi di olio d'oliva. Migliora la digestione, aumenta l'immunità, migliora l'attività nervosa, rafforza i vasi sanguigni e protegge il cuore, favorisce la guarigione delle ferite e rafforza il sistema osseo. L'olio d'oliva contiene molte preziose sostanze nutritive - acidi linoleico e oleico, vitamine A, D, E, K. A causa dell'effetto antiossidante, l'olio d'oliva aiuta a combattere il cancro. Le sue proprietà antinfiammatorie aiutano a superare molte malattie, compresa la tromboflebite. Ma per la salute, è più sano degli oli spremuti a freddo, che non sono stati sottoposti a trattamento termico e sono completamente assorbiti dal corpo.

    L'elenco di tali prodotti utili è disponibile anche per le vene varicose:

    Prodotti per fluidificare il sangue:

    1) tè verde, così come tè dalle foglie fresche di ribes nero in estate. Le bevande nominate diluiscono bene il sangue. Inoltre, il tè verde è un potente antiossidante;

    2) gelatina, gelatina, bevande alla frutta;

    3) zuppa verde e okroshka, che, a differenza del brodo di carne, non danneggiano i vasi sanguigni del corpo e non influiscono negativamente sulle loro valvole;

    Prodotti che promuovono la produzione di elastina e rafforzano i vasi sanguigni:

    - frutti di mare, perché sono ricchi di rame. Ma è il rame che è coinvolto nella sintesi delle proteine ​​e le proteine ​​sono vasi elastici e sani;

    - alghe ricche di rame Ma questo non è l'unico vantaggio di questo prodotto. La composizione delle alghe comprende i flavonoidi - antiossidanti alimentari, sostanze ad azione antinfiammatoria, che aumentano l'elasticità dei globuli rossi, riducono la fragilità e la permeabilità dei capillari (i vasi più sottili del corpo umano);

    - Insalate di verdure fresche, che sono riempite con olio vegetale. Il loro uso frequente non solo porterà al rafforzamento dei vasi sanguigni, ma contribuirà anche a rendere i vasi più elastici;

    - fegato di manzo, che è un prodotto indispensabile nel trattamento e nella prevenzione delle vene varicose, nonché nel superare l'inadeguatezza della nutrizione;

    Prodotti che impediscono la formazione di coaguli di sangue:

    - olio d'oliva, aglio, cipolla, limone, ribes rosso, ciliegia, - prodotti che riducono la coagulazione del sangue e, di conseguenza, impediscono la comparsa di coaguli di sangue;

    Prodotti che prevengono la stitichezza: prugne, albicocche secche, fichi, prugne, barbabietole, carote, mele, pane nero, pane nero, yogurt, kefir di un giorno, ecc.

    Anche per le vene c'è una varietà di cereali. Il grano saraceno contenente ferro è necessario per la formazione delle cellule del sangue. La manka, familiare fin dall'infanzia, influenza i processi metabolici. Il riso è il miglior aiuto per rimuovere i sali dal corpo. Un posto d'onore speciale è il porridge di segale, la cui utilità aumenta in modo significativo se si aggiunge del miele naturale. Il porridge di segale è un prodotto che i medici raccomandano di usare 4-5 volte a settimana dopo l'intervento chirurgico sulle vene.

    Questa malattia richiede anche la conformità con un certo regime di bere. Dovrebbe essere trattato responsabilmente, soprattutto in estate. Il fatto è che la mancanza di liquidi porta ad un ispessimento del sangue, in relazione al quale inizia a muoversi molto più lentamente attraverso le vene e le arterie.

    Una quantità ancora maggiore di liquido viene persa dal corpo quando si trova in stanze con un condizionatore funzionante: questo dispositivo asciuga troppo l'aria.

    Queste circostanze richiedono un maggiore uso di liquidi durante il lavoro d'ufficio, in aereo o in autobus. La preferenza dovrebbe essere data a una varietà di succo di frutta e acqua minerale non gassata.

    Tuttavia, si raccomanda di abbandonare completamente l'uso di bevande alcoliche durante la stagione calda. L'alcol espande significativamente i vasi sanguigni, il che significa che il sangue inizia a fluire più lentamente.

    Porta anche alla disidratazione del caffè, quindi il suo uso diventa indesiderabile.

    Dieta per le vene varicose

    Gli arti inferiori sono forse i più sensibili alle vene varicose. Fondamentalmente, questo può essere spiegato da un aumento del carico sulle gambe: una persona cammina molto al giorno, si alza, si siede sulle gambe, ecc. Allo stesso tempo, le navi subiscono molta pressione. Ciò è particolarmente evidente se vi è un eccesso di peso o un'eredità sfavorevole (uno dei parenti soffre di vene varicose croniche).

    Se le tue vene varicose sono associate a una predisposizione genetica, allora dovresti fare tutti gli sforzi per mantenere la normale permeabilità e il tono vascolare: non sovraccaricare gli arti inferiori, indossare biancheria intima e calze speciali, mangiare bene e condurre uno stile di vita sano, bere abbastanza acqua. Bene, se la tua attività lavorativa non sarà associata a carichi prolungati sulle gambe.

    Se sei in sovrappeso, il primo compito è di ridurlo, preferibilmente non digiunando, ma osservando una corretta alimentazione, con una quantità sufficiente di cibi proteici e la restrizione degli zuccheri semplici.

    Non negarti frutti di mare: pesce di mare, gamberetti, alghe, calamari sono ricchi di minerali, di cui le nostre navi hanno davvero bisogno. Grazie ai doni del mare, le navi diventano elastiche, la loro fragilità e permeabilità diminuiscono.

    Inoltre, il cibo dovrebbe essere sufficiente per fornire all'organismo sostanze vitaminiche. Particolarmente utile per la rutina del sistema vascolare (vitamina P) e l'acido ascorbico.

    In grandi quantità, tali vitamine si trovano nella preparazione del tè, nelle bacche di rosa selvatica, negli agrumi, nelle ceneri di montagna, ecc. A proposito, per una persona sana, la frequenza giornaliera di routine è 25-50 mg e per le malattie vascolari questa quantità aumenta a 150 mg al giorno.

    Le vitamine C e P hanno la capacità di stimolare la produzione di collagene, che è considerato uno dei componenti principali della pelle e delle pareti vascolari. Se non c'è carenza delle vitamine elencate, le pareti dei capillari sono solitamente forti, elastiche, resistenti e lasciano scorrere bene il sangue. I vasi normalmente funzionanti sono l'assenza di problemi di pressione, edema e vene varicose.

    I cambiamenti nell'alimentazione, tenendo conto dell'arricchimento della dieta con le vitamine P e C, dovrebbero essere avviati con i seguenti sintomi:

    • stanchezza a sviluppo rapido nelle gambe;
    • l'apparizione di lividi irragionevoli e vene di ragno;
    • dolore delle articolazioni degli arti inferiori.

    Dieta per le vene varicose e tromboflebite

    Con la tromboflebite, come in nessun'altra malattia, sono rilevanti le misure di fluidificante del sangue. Anche la nutrizione è importante: il cibo consumato deve contenere tutte le sostanze necessarie per prevenire l'intasamento delle vene con i coaguli di sangue e lo sviluppo del processo infiammatorio.

    Dieta per la tromboflebite comporta l'uso predominante di alimenti vegetali. Particolarmente graditi piatti con ananas, angurie, meloni, zenzero, cipolle di tutti i tipi e cannella. Non è raccomandato mangiare grandi quantità di banane, legumi, prodotti a base di carne, soia.

    È importante ridurre nella dieta quotidiana la proporzione di alimenti con un alto contenuto di vitamina K, che migliora il processo di coagulazione - coagulazione del sangue. Questa vitamina è presente in tutti i prodotti vegetali verdi - insalate a foglia verde, prezzemolo e coriandolo, qualsiasi tipo di cavolo. Inoltre c'è molta vitamina in noci, uova, latte intero, carne, fegato, pesce. Se ti piace bere tè alle erbe, dovresti escludere dalle tasse quelle piante come l'ortica, le foglie di lampone, il tiglio e la rosa selvatica.

    Inoltre, è necessario limitare il consumo di cibi grassi. Il fatto è che il grasso contribuisce a un migliore assorbimento della vitamina K, in quanto è liposolubile.

    Che tipo di cibo assumere con le vene varicose e le tromboflebiti? Preferisci verdure a colori, frutta, bacche, latticini, cereali. Puoi cuocere casseruole, stufare, bollire per una coppia, ecc. Inoltre, non mangiare troppo e prendere bevande alcoliche.

    Dieta per le vene varicose del bacino

    Le vene varicose pelviche sono una malattia che si verifica principalmente nelle donne. È collegato, nella maggior parte dei casi, a gravidanza e parto, con uno stile di vita sedentario, con assunzione di contraccezione interna. Soprattutto la malattia colpisce coloro che hanno già le vene varicose degli arti e delle emorroidi.

    Oltre alle cure mediche, una dieta aiuterà ad alleviare i sintomi delle vene pelviche. È una transizione verso una dieta sana con un alto contenuto di alimenti vegetali con fibre. La fibra è necessaria, prima di tutto, per la prevenzione della stitichezza, che aggravano la malattia varicosa, aumentando il carico sul sistema vascolare della cavità addominale.

    Inoltre, il corpo ha bisogno e cibo proteico, che aiuta la rigenerazione delle pareti vascolari.

    Quello che dovrebbe essere abbandonato prima di tutto è l'alcol, il fumo, i cibi grassi e carboidrati.

    Quali raccomandazioni possono essere fornite in merito alla dieta in caso di varicosi pelvica:

    • Se possibile, mangia un paio di pezzi di ananas ogni giorno;
    • preparare un tale medicinale: tritare 200 g di aglio purificato, mescolare con 300 ml di miele. Insistere per tutta la settimana. La miscela finita per prendere 1 cucchiaio. cucchiaio prima di ogni pasto;
    • il cavolo di mare è considerato un ottimo rimedio per le vene varicose. Dovrebbe essere consumato più volte al giorno ogni giorno per 3 mesi;
    • Si raccomanda di mangiare una manciata di pinoli ogni giorno;
    • È utile aggiungere un po 'di polvere di noce moscata al cibo, così come la cannella e lo zenzero.

    Tutte le altre raccomandazioni sono conformi alle regole generali di alimentazione per le vene varicose.

    Dieta per le vene varicose dell'esofago

    Le vene varicose dell'esofago sono una malattia piuttosto insidiosa, in quanto il paziente potrebbe non essere a conoscenza della sua esistenza per lungo tempo. E solo in uno stato trascurato la malattia si fa sentire.

    L'espansione delle vene dell'esofago richiede una dieta abbastanza rigorosa, riducendo il carico sull'apparato digerente e facilitando il passaggio del cibo.

    1. Il numero di pasti dovrebbe essere suddiviso per 5-6 volte e le porzioni dovrebbero essere piccole.
    2. Il cibo deve essere schiacciato e masticato bene, e ancora meglio - preparare i piatti in uno stato semi-liquido, in modo da non danneggiare le pareti del tubo esofageo.
    3. L'ultimo pasto giornaliero dovrebbe essere di circa 4 ore prima di andare a dormire.
    4. Non è consigliabile dormire su un cuscino basso per evitare di gettare il contenuto dello stomaco nella cavità dell'esofago.
    5. È necessario limitare fortemente (o meglio escludere) l'uso di cibi grassi, fritti, affumicati, cibi in scatola, nonché piatti con spezie piccanti e grandi quantità di sale.
    6. I giorni di digiuno hanno un buon effetto: cocomero, scarichi di melone e anche giorni con succhi di frutta o verdura appena spremuti.

    È desiderabile limitare la dieta nella carne - è sostituita da gamberetti, pesce magro, calamaro. Dovresti anche "dimenticare" il riempitivo, il cibo in scatola (sia di pesce che di carne), l'alcol e i ricchi brodi. Anche l'uso del caffè nero è limitato.

    Tutti i piatti sono al vapore, al forno, bolliti o bolliti. Gli esperti consigliano di prestare maggiore attenzione ai prodotti lattiero-caseari e ai cereali fermentati.

    Menù dietetico per le vene varicose

    Per non riflettere su cosa cucinare da soli durante la giornata, senza disturbare la dieta, si consiglia di fare un menu esemplare in anticipo. In futuro, usando la dieta già compilata, sarà possibile cambiarla, semplicemente sostituendo alcuni prodotti con altri simili.

    • Farina d'avena colazione con uvetta.
    • Come seconda colazione, puoi preparare kiwi e frullati all'arancia con miele.
    • Per pranzo - zuppa di grano saraceno e insalata di verdure con pane Borodino.
    • Snack: yogurt alla frutta.
    • Abbiamo una cena con un pezzo di pesce bollito e una porzione di insalata di cavolo di mare.
    • Per colazione, preparare una porzione di ricotta a basso contenuto di grassi con frutta e miele.
    • Per la seconda colazione, faranno gelatina di frutta o mousse.
    • Mangia porridge di zucca e melanzane al forno con pomodori.
    • Come spuntino - un'insalata di carote e mele con yogurt.
    • Cena: una porzione di purè di patate con insalata di barbabietole.
    • Per colazione: budino di riso con prugne secche.
    • Per la seconda colazione prepareremo una pera con miele e noci.
    • È possibile cenare zuppa di cipolle e casseruola di verdure.
    • Per uno spuntino - un bicchiere di succo di pomodoro.
    • Per cena - polpette di pollo al vapore con verdure.
    • Facciamo colazione con cheesecake al vapore con frutta.
    • Alla seconda colazione: un cocktail di yogurt e frutta.
    • Mangiate zuppa di pomodoro e tortino di carote con panna acida.
    • Snack una tazza di insalata di verdure.
    • Per cena, puoi far bollire il petto di pollo con salsa alla menta.
    • Per colazione: pane integrale con burro d'arachidi.
    • Per la seconda colazione, faranno kefir con bacche.
    • Ceniamo con hash e pomodori ripieni.
    • Spuntino: succo di mela fresco.
    • Ceniamo con salmone al vapore con salsa al limone.
    • Facciamo colazione con pancake di grano saraceno con salsa di mele.
    • Per una seconda colazione - una manciata di pinoli o frutta secca.
    • Pranziamo con zuppa di riso e un pezzo di pesce in casseruola.
    • Snack - una mela con ricotta.
    • Ceniamo con una porzione di vegetariano plov.

    Il settimo giorno sta facendo la scarica.

    Prima di andare a dormire, mezza tazza di yogurt magro o yogurt senza additivi.

    Ricette dietetiche per le vene varicose

    • Frullati di kiwi e arancia - Un'utile bevanda agrodolce, che viene preparata abbastanza semplicemente. Ci vorrà solo un frullatore e prodotti: arancia sbucciata, kiwi (se lo si desidera, si può anche mandarino o altri frutti), un cucchiaino. miele. In estate si consiglia di aggiungere anche diversi cubetti di ghiaccio commestibile - per la freschezza. Tutti i prodotti vengono macinati in un frullatore e versati in bicchieri o bicchieri.
    • Melanzane al forno con pomodori - piatto dietetico sano Ingredienti: due melanzane medie, 4 pomodori, 2 o 3 spicchi d'aglio, olio vegetale, panna acida, spezie. Procediamo alla cottura: tagliare le melanzane, tagliarle a fette (circa 5 mm), fare lo stesso con i pomodori. L'aglio viene sbucciato e spremuto attraverso una pressa o semplicemente tritato. Cospargere con spezie alcuni cerchi di melanzane e adagiarli su un lenzuolo, unti con olio vegetale. Cuocere in forno fino alla crosta marrone, una volta girata dall'altra parte. Metti le melanzane finite su un piatto, metti 0,5-1 cucchiaino su ciascun cerchio. panna acida mescolata con aglio, e in cima alla salsa mettere una fetta di pomodoro. Già in questa forma il piatto può essere servito. Se lo si desidera, cospargere con formaggio grattugiato o sesamo.
    • Budino di riso con prugne - Un buon sostituto per il normale porridge di muschio. Ingredienti necessari: 100 g di riso tondo, 600 ml di latte, zucchero, 2 uova, scorza di limone, cannella. Cottura: aggiungere lo zucchero al latte (circa 60 g, a piacere), la scorza di limone. Mettere sul fuoco, portare ad ebollizione e aggiungere il riso. Cuocere per 10 minuti, mescolando continuamente. Quindi aggiungere la frutta secca affettata e lavata e inviare il riso al forno a + 120 ° C per circa 40 minuti. Mescolare il riso più volte durante la cottura. Prendiamo il riso finito e andiamo a raffreddare. Nel frattempo, separa i tuorli dalle proteine. Aggiungere i tuorli al riso, mescolare accuratamente. Aggiungere alle proteine ​​alcune gocce di succo di limone e battere in una schiuma densa, quindi mescolare delicatamente il resto della massa. Inviato nel forno per circa 15 minuti, può essere fatto direttamente nella padella o distribuito in appositi stampi. Nello stesso piatto e servire. Al momento di servire, cospargere di cannella. Puoi anche versare miele o salsa di frutta.
    • Salsa alla menta - Una gustosa aggiunta al petto di pollo. Ingredienti: aceto di vino rosso 75 ml, zucchero 25 g, foglie fresche di menta (circa 10 g), una cipolla piccola (preferibilmente Yalta). Mescola aceto, zucchero e sale sulla punta di un coltello. Macinare le foglie di menta e le cipolle, aggiungere all'aceto e inviare al frigorifero per diverse ore (almeno 2-3 ore). Servire a carne
    • Burro di arachidi può essere usato per una colazione veloce e salutare, o per fare varie salse e piatti principali. Avremo bisogno di: 200 g di arachidi tostate e pelate (senza sale e pepe), ½ cucchiaino. sale, 40 ml di olio vegetale, 5 g di miele. Mettere i dadi in un frullatore, aggiungere il sale con il miele e macinare alla massima velocità per circa 1-2 minuti. Aggiungere il burro, mescolare e accendere il frullatore per 2 minuti. La pasta è pronta, può essere conservata in frigorifero per 1,5-2 mesi.
    • Pancake di grano saraceno - Sottile, adatto a qualsiasi ripieno, o solo con panna acida. Ingredienti: farina di grano saraceno 1 tazza, kefir 1 tazza, a piacere sale e zucchero, acqua 1 tazza, 2 uova, olio vegetale. Sbattere le uova, aggiungere kefir, un po 'di sale e zucchero. Tutto mescolato Aggiungere gradualmente la farina di grano saraceno, continuando a mescolare. Dopo di ciò, versare un po 'd'acqua, impastando e controllando la consistenza dell'impasto. Friggiamo dei pancake sottili in una piccola padella unta con olio vegetale.

    Se si hanno sintomi di una malattia così spiacevole come le vene varicose, un'alimentazione corretta e una dieta per le vene varicose saranno in grado di prevenire un ulteriore peggioramento della malattia. Inoltre, se la varicosità ha appena iniziato il suo sviluppo, un cambiamento nella dieta aiuterà ad evitare complicazioni e conseguenze negative della patologia.

    Cause di insufficienza venosa

    La circolazione del sangue è compromessa a causa di vari fattori. Valvole e pareti non sopportano il flusso del fluido. Il fenomeno del reflusso si verifica - ri-getti sangue.

    Insufficienza venosa degli arti inferiori (vene varicose), caratterizzata da espansione patologica del volume dei vasi sanguigni - vene

    Provocato l'aspetto della malattia:

    • inattività fisica. Se passi tutto il tuo tempo in posizione seduta, non cammini e non ti alleni, la probabilità di malfunzionamento delle valvole venose è alta;
    • l'obesità. Se sei in sovrappeso, si verifica un'enorme pressione sugli organi e sulle gambe pelvici. A causa della posizione verticale di una persona, il carico su queste parti del corpo è già aumentato. Ma se sono presenti depositi di grasso, allora è più probabile che le vene falliscano;
    • cambiamenti di età degenerativi naturali. A causa della diminuzione della produzione di elastina e collagene, le pareti delle vene e delle valvole non riescono a far fronte al loro lavoro;
    • la gravidanza e il parto, il fascino dei contraccettivi ormonali, il sistema endocrino alterato, l'alto carico sugli organi pelvici, un forte aumento del peso corporeo - tutto ciò porta a pesantezza agli arti inferiori, alla comparsa di vene varicose e ad altri sintomi di insufficienza venosa cronica;
    • l'adolescenza. L'aumento della concentrazione di ormoni sessuali causa un'alta densità del sangue. Se aggiungiamo anche la formazione incompleta del sistema muscolare delle vene, otteniamo una violazione della circolazione sanguigna. Il trattamento con la dieta corregge la situazione.

    Principi di nutrizione per la malattia

    Cosa non può mangiare con le vene varicose? La dieta per l'insufficienza venosa degli arti inferiori è costruita secondo le raccomandazioni dei nutrizionisti e dei chirurghi vascolari:

    • l'assunzione di cibo dovrebbe essere frazionaria. Durante il giorno hai bisogno di 4-5 approcci. Questa modalità migliora il metabolismo, previene l'eccesso di cibo e l'aumento di peso;
    • È importante monitorare il bilancio idrico. Bere al giorno almeno 2-2,5 litri di liquido. La misura è forzata. L'acqua diluisce il sangue, ne impedisce la viscosità, la sedimentazione, la formazione di coaguli di sangue. Con la deficienza di liquidi cronica, si verificano gravi disturbi del metabolismo, la sintesi ormonale è disturbata, il tessuto connettivo e le fibre muscolari perdono elasticità e forza. Per risolvere il problema, evitare l'insufficienza venosa, osservare il bilancio idrico. Se è difficile ricordare la quantità di acqua, quindi installare un'applicazione speciale sul proprio smartphone. Inoltre, al fine di evitare la comparsa di edema sul viso al mattino, non bere liquidi 2 ore prima di coricarsi;
    La dieta per le vene varicose è mirata a rafforzare le vene, prevenendo e trattando le malattie concomitanti e provocanti.
    • nell'insufficienza venosa cronica è vietato mangiare e allo stesso tempo leggere o guardare la televisione. Ciò contribuirà a evitare l'eccesso di cibo, l'aumento di peso e altre complicazioni del sistema digestivo;
    • ascolta il tuo corpo. Anche i prodotti più utili in proporzioni ottimali sono dannosi se hai un'intolleranza individuale nei loro confronti. Ai primi segnali di un problema di digestione, cambia la dieta;
    • Se non hai abbastanza immaginazione o conoscenza per trovare un menu diverso per la correzione della patologia circolatoria, allora guarda le opzioni su Internet su forum medici o siti web specializzati. Quindi assicurati che mangiare sano e in salute sia saporito e vario. Vale la pena sedersi su una tale dieta medica per un paio di mesi, e un risultato piacevole ti piacerà sicuramente.

    Su quali componenti dovrebbe concentrarsi

    Nell'insufficienza venosa cronica sono necessari:

    • acido ascorbico. La vitamina C è un potente antiossidante. Esegue una serie di importanti funzioni. Particolarmente importante è che l'acido ascorbico è responsabile della stabilità del collagene nel tessuto connettivo delle vene. Senza vitamina, la rigenerazione delle strutture danneggiate si arresta completamente;
    • retinolo. La vitamina A innesca il meccanismo della divisione cellulare. Se il bisogno di una sostanza è pienamente soddisfatto, anche le vecchie ulcere trofiche guariscono rapidamente. Con una carenza di peeling al retinolo, un'eruzione cutanea e una sensazione di pelle tesa portano un sacco di disagio ai pazienti con patologia vascolare;
    Hai bisogno di mangiare un sacco di cibi che contengono vitamina E
    • tocoferolo. La vitamina E viene utilizzata per proteggere l'endotelio degli arti inferiori dagli effetti di radicali liberi, batteri e virus, mantenendo l'immunità locale ad un livello elevato;
    • zinco. Senza di esso, la conduzione degli impulsi nervosi lungo l'endotelio è disturbata. A causa di problemi con l'innervazione delle valvole, le vene non trattengono correttamente il sangue nella direzione opposta, appare il reflusso;
    • ferro. La base dell'emoglobina. Nei pazienti con insufficienza venosa, spesso dichiarano anemia. Preparati e prodotti ad alto contenuto di ferro risolvono prontamente il problema;
    • selenio. Attiva l'immunità cellulare e umorale. Pertanto, l'infiammazione, la desquamazione e altri problemi dermatologici non iniziano sulla superficie della pelle della zona interessata;
    • Omega-6. Il complesso degli acidi grassi insaturi rafforza le valvole e le membrane delle vene in qualsiasi parte del corpo. Inoltre prevengono la crescita delle placche di colesterolo, la formazione di coaguli di sangue e altre complicanze dell'insufficienza venosa. È possibile reintegrare la carenza di sostanze dal cibo o speciali integratori minerali e vitaminici.

    Cosa dovrà rinunciare e cosa amare in caso di disturbi circolatori

    La dieta per l'insufficienza venosa degli arti inferiori contiene restrizioni su prodotti e piatti:

    • contorni fritti. Gli amanti delle patatine fritte salate avranno un momento difficile. Il piatto contiene molto grasso e amido, che influenzano negativamente la densità del sangue, il tasso di circolazione del fluido nei vasi;
    • alcool. L'alcol etilico contribuisce alla formazione di coaguli di sangue, indebolisce la struttura muscolare dell'endotelio, causa debolezza dell'apparato valvolare. Se oltre a un bicchiere di alcol è una sigaretta, la situazione peggiora. Se vuoi avere gambe sane, muoverti liberamente e senza dolore, dovrai rinunciare alla cattiva abitudine. Coloro che ignorano questa raccomandazione di chirurghi e cardiologi sviluppano rapidamente trombosi, ulcere trofiche e altre patologie;
    Non puoi mangiare cibo che provoca l'accumulo di liquidi nei tessuti del corpo: salato, affumicato e in salamoia
    • le frattaglie. Particolarmente pericolosi sono i reni, il fegato e il cervello a causa dell'alto contenuto di grasso nei tessuti;
    • salsicce, salsicce, salsicce, torte di carne pronte, prodotti in scatola. Contengono un sacco di grassi, spezie, sale e altri conservanti. Le sostanze hanno un impatto negativo sulla salute, in particolare sul sistema cardiovascolare.
    • Salse acquistate, maionese, marinate, sottaceti. Tutti questi prodotti aumentano la formazione di liquido interstiziale, aumentano la probabilità di edema e disturbi di innervazione. Pertanto, devono essere completamente abbandonati. Tra un paio di mesi, tu stesso sentirai tutti i benefici di una tale soluzione;
    • ridurre il consumo di caffè e tè forti. Sostituire con succhi, composte e decotti di frutta secca.

    Menu di prodotti disponibili. Cardiologi e chirurghi vascolari raccomandano:

    • pesce e frutti di mare, gamberi, alghe;
    • latticini;
    • carne magra, pollame, coniglio;
    • noci, semi, olio di oliva naturale e semi di lino;
    • verdure e frutta stagionate fresche e cotte in varie combinazioni.

    Misure preventive nell'alimentazione e nello stile di vita

    Piccola dieta corretta. Per combattere con successo la malattia, è necessario rivedere il cibo e le altre abitudini:

    • rinunciare alle spezie piccanti. Aumentano la pressione sanguigna. Fino a quando l'insufficienza venosa cronica degli arti inferiori è risolta, è meglio abbandonare il peperoncino rosso;
    La frutta e la verdura fresche dovrebbero essere consumate in quantità illimitate, sostituendo il cibo spazzatura
    • Assicurati di includere la fibra nel menu giornaliero. Non solo risolve una sedia, ma protegge anche contro l'edema. La fibra non ha valore energetico, viene digerita a lungo nell'intestino. Durante questo periodo, accumula un eccesso di sali, metalli pesanti, tossine e liquidi. Frutta e verdura fresca o al vapore, al vapore, al forno - la fonte di fibre più accessibile. Un sacco di cellulosa, antiossidanti e minerali in verdi speziati. Per le violazioni della circolazione sanguigna di qualsiasi tipo sul tuo tavolo dovrebbe sempre essere il prezzemolo, il coriandolo, il sedano, il basilico;
    • amare gli agrumi Limoni, arance, mandarini, pompelmi, lime contengono acido ascorbico in una forma accessibile. Gli oli essenziali hanno proprietà antisettiche, aumentano la resistenza del corpo (compresa la pelle, l'endotelio) a virus e batteri. Ma se hai un'alta acidità, il frutto viene consumato solo dopo il trattamento termico e in combinazione con prodotti caseari. Ricotta, formaggi o yogurt naturale sono l'ideale;
    • noci. Cedro, noce, brasiliano, anacardio. Tutti riempiranno il corpo di minerali e grassi preziosi, rafforzeranno le pareti delle vene. Ma il superamento della dose giornaliera causa un aumento di peso. Pertanto, il fabbisogno di frutta a guscio sarà calcolato da un nutrizionista per ciascun paziente individualmente.

    Digiuno medico e insufficienza venosa

    Alcuni esperti propongono di correggere la patologia della circolazione sanguigna rifiutando il cibo. Completamente affamato per settimane con insufficienza venosa cronica degli arti inferiori non è necessario. Il più possibile senza cibo il paziente rimane 2 giorni.

    Durante questo periodo, beve almeno 3 litri di acqua, succo naturale o decotto a base di erbe con miele. Questa modalità rimuove prontamente le tossine, regola il metabolismo dei grassi e attiva le difese locali delle vene. Il digiuno viene effettuato 1 volta in 10 giorni. Dopo sei mesi di questo regime, ci sono cambiamenti positivi. Ciò è confermato dalle recensioni positive dei pazienti. Ma il digiuno non è adatto a tutti per risolvere problemi di circolazione sanguigna. Controindicazioni categoriali:

    • allattamento
    • secondo e terzo trimestre di gravidanza;
    • tubercolosi o polmonite;
    • oncologia;
    • paralisi e paresi;
    • disturbi psicologici, epilessia;
    • processi purulento-infiammatori.

    Articoli Su Varici