Foto e descrizione dei sintomi, metodi di trattamento per la trombosi venosa profonda degli arti inferiori

La trombosi venosa profonda degli arti inferiori è una malattia acuta che colpisce le vene localizzate sotto i muscoli. Coaguli di sangue si formano nelle vene, restringendo il lume del vaso fino al suo completo blocco. L'occlusione vascolare si osserva nel 15% dei casi. A volte la trombosi venosa si sviluppa rapidamente, può portare alla disabilità e persino alla morte.

I vasi profondi della parte inferiore della gamba sono più suscettibili alla trombosi. I grumi risultanti sono attaccati alle pareti dei vasi sanguigni. Durante i primi 3-4 giorni i trombi sono trattenuti debolmente, possono staccarsi e migrare con il flusso sanguigno.

A poco a poco, il coagulo di sangue si indurisce e aderisce saldamente al muro della vena, causando tromboflebiti delle vene profonde degli arti inferiori - infiammazione della parete venosa nel trombo. L'infiammazione porta alla formazione di nuovi coaguli di sangue che si depositano sopra il coagulo primario. La transizione da trombosi a tromboflebite si verifica approssimativamente entro una settimana.

Cause di patologia

Le cause principali della malattia sono l'aumento della coagulazione del sangue, il rallentamento del flusso sanguigno venoso e il danneggiamento delle pareti dei vasi sanguigni (triade Virchow). La trombosi può essere causata da:

  • Malformazioni congenite delle vene;
  • Malattie oncologiche;
  • Disturbi endocrini;
  • la gravidanza;
  • infezione;
  • Lesioni e chirurgia;
  • Paralisi degli arti;
  • Ricevere farmaci che aumentano la coagulazione del sangue;
  • Riposo a letto lungo;
  • l'obesità;
  • Vene varicose

Altri fattori di rischio includono il fumo, un forte sforzo fisico, una seduta prolungata o in piedi, associati alle caratteristiche dell'attività professionale, un'età superiore ai quaranta anni.

Segni e sintomi

La trombosi venosa profonda nei primi stadi può essere asintomatica e la sua prima manifestazione è la trombosi polmonare (embolia polmonare, embolia polmonare). Una progressione tipica della malattia si verifica in circa ogni secondo paziente.

I sintomi classici della trombosi venosa profonda sono:

  • Aumento della temperatura locale nella zona interessata.
  • Aumentare la temperatura generale a 39 gradi o più.
  • Dolore arcuato lungo la vena colpita.
  • Pesantezza nelle gambe.
  • Edema sotto l'area di attacco del coagulo.
  • Pelle lucida o bluastra.
  • Parte del volume di sangue dalla vena trombizzata viene inviato ai vasi superficiali, che diventano chiaramente visibili.

Durante i primi due giorni dopo la formazione di una trombosi venosa profonda della coscia o della coscia, i sintomi sono lievi. Di regola, non è forte dolore al muscolo gastrocnemio, aggravato durante il movimento e durante la palpazione. C'è un leggero gonfiore nel terzo inferiore della gamba.

Se si sospetta la trombosi, vengono testati Lovenberg e Homans. Al paziente viene chiesto di piegare il piede verso l'alto. La diagnosi è confermata dal dolore nella parte inferiore della gamba. Quando la gamba interessata viene compressa con un tonometro, la pressione sanguigna è 80/100 mm Hg. Art. c'è dolore Dolore quando si spremere un arto sano si sente a un BP di 150/180 mm Hg. Art.

La gravità e la localizzazione dei sintomi dipendono dalla posizione dell'area trombizzata. Più alta è l'area interessata, più cianosi, gonfiore e dolore sono più pronunciati. Ciò aumenta il rischio di separazione di un coagulo di sangue e lo sviluppo di embolia polmonare.

Quando la trombosi dell'edema venoso femorale è localizzata nella coscia, la trombosi a livello della vena iliaca e femorale (trombosi ileofemorale) è accompagnata da gonfiore dell'intero arto, a partire dalla piega inguinale. La pelle dell'arto colpito assume un colore bianco latte o bluastro.

Lo sviluppo della malattia dipende dalla posizione del trombo. La trombosi Ileofemorale si sviluppa rapidamente, compare il dolore, poi la gamba si gonfia, i cambiamenti di colore della pelle.

La trombosi dei vasi nella parte inferiore della parte inferiore della gamba si manifesta con leggero dolore. L'intensità del dolore durante il movimento e l'esercizio aumenta. La gamba interessata si gonfia sotto il sito di un coagulo di sangue, la pelle diventa pallida, diventa lucida e in seguito diventa una tonalità cianotica pronunciata. Entro alcuni giorni dopo la formazione di un trombo appaiono le vene superficiali.

Per una maggiore comprensione di ciò che attende il paziente ignorando i sintomi e i segni di trombosi venosa profonda degli arti inferiori e la mancanza di trattamento, dai un'occhiata alla foto:

Quando vedere un dottore

La trombosi venosa è una malattia insidiosa e mortale. Il motivo più serio per la visita di un flebologo è l'aumento della coagulazione del sangue indipendentemente da lesioni, interventi chirurgici, ferite, ecc.

Non è necessario posticipare una visita dal medico anche con la comparsa di dolore caratteristico nelle gambe sullo sfondo di uno o più fattori di rischio per lo sviluppo della trombosi venosa profonda degli arti inferiori. Le guardie dovrebbero e i cambiamenti di colore della pelle caratteristici della trombosi venosa.

diagnostica

I principali metodi per la diagnosi delle lesioni vascolari sono la scansione duplex e l'analisi del sangue per il D-dimero. Se il medico ha dubbi sui risultati di un esame duplex o un trombo si trova sopra la piega inguinale, viene utilizzato il metodo della flebografia a contrasto ai raggi X.

Una preparazione radiopaca viene iniettata nel letto venoso e viene effettuata una normale fotografia a raggi X. Questo metodo fornisce dati più affidabili rispetto agli ultrasuoni e consente di determinare con precisione la posizione di un coagulo di sangue.

Il quadro clinico della malattia assomiglia allo sviluppo di altre patologie, comprese quelle non correlate alle lesioni vascolari. La diagnosi differenziale viene effettuata con la malattia di Buerger, cisti di Baker, embolia acuta delle arterie ileo-femorali.

La causa del dolore nei muscoli del polpaccio può essere la neurite del nervo sciatico di varie eziologie. I dolori di origine neurologica sono permanenti e sono spesso accompagnati da ridotta sensibilità, reazioni motorie o trofismo dei tessuti.

Un quadro clinico che assomiglia alle lesioni delle vene profonde degli arti inferiori può svilupparsi con linfostasi, artrite, mialgia, miosite, lesioni, compressione delle vene dall'esterno (compresi i processi tumorali), patologie superficiali della vena, insufficienza arteriosa o venosa e una serie di altre malattie.

trattamento

Quando viene rilevata una malattia, il trattamento viene avviato immediatamente. A seconda delle caratteristiche di un particolare caso clinico, della gravità delle condizioni del paziente e dello stadio di sviluppo della malattia, il trattamento viene effettuato in regime ambulatoriale o nel reparto infermieristico del reparto chirurgico, sia conservativamente che chirurgicamente.

Terapia conservativa

Con il rilevamento iniziale della trombosi, il trattamento dura fino a 6 mesi, con ricadute - fino a un anno o più. Nel periodo acuto della malattia del paziente viene posto in ospedale e prescritto 10 giorni di riposo a letto. Il letto ai piedi del letto è sollevato di circa 20 gradi per migliorare il flusso di sangue dalle estremità distali.

Ai pazienti viene prescritta una terapia con eparina, farmaci antiinfiammatori trombolitici e non steroidei. I trombolitici sono prescritti nelle prime fasi dello sviluppo della patologia, mentre non vi è alcun rischio di frammentazione del coagulo. Il trattamento comprende farmaci prostaglandinici, glucocorticoidi, anticoagulanti. Se necessario, la gamba interessata può essere immobilizzata, in alcuni casi i pazienti vengono assegnati a indossare calze a compressione.

Trattamento chirurgico

Casi di trombosi fluttuante, cioè quelli in cui vi è un'alta probabilità di un coagulo di sangue e un blocco completo del lume dei vasi sanguigni, sono soggetti a un trattamento tempestivo.

Nella pratica del trattamento chirurgico delle vene trombizzate vengono utilizzati:

  • Filtro Cava È installato nella vena cava inferiore per intrappolare i coaguli di sangue rotti o i loro frammenti e serve come prevenzione dell'occlusione vascolare.
  • Plicatura della vena cava inferiore. La parete della nave colpita è cucita con fermagli metallici.
  • Catetere di Fogarty. È usato per rimuovere i coaguli sciolti durante i primi cinque giorni dopo la formazione del coagulo.
  • Trombectomia. Chirurgia per rimuovere i coaguli di sangue nelle prime fasi di sviluppo. Quando una trombosi entra in una tromboflebite, la trombectomia è controindicata.

Scopri di più sul trattamento delle vene profonde per la trombosi in una pubblicazione separata.

previsioni

Con un trattamento tempestivo adeguato, la prognosi del decorso della malattia è favorevole. Se non trattati, circa il 20% dei casi porta a embolia polmonare e il 10-20% dei casi di embolia polmonare è fatale. Tra le possibili complicanze della trombosi venosa non trattata vi sono la cancrena, l'ictus, l'infarto miocardico. La trombosi venosa non trattata porta allo sviluppo di embolia polmonare entro tre mesi in circa la metà dei pazienti.

Per ulteriori informazioni, guarda il video:

Trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda è una condizione in cui si formano coaguli di sangue (trombi) nelle vene che interferiscono con il normale flusso sanguigno. Nella pratica clinica, la trombosi venosa profonda degli arti inferiori è più comune della trombosi venosa di altri siti. I sintomi clinici della trombosi venosa profonda comprendono dolore arcuato, gonfiore, cianosi della pelle, ipertermia superficiale, dolorabilità alla palpazione della vena interessata, gonfiore delle vene superficiali. La diagnosi finale viene effettuata in base all'ecografia delle vene degli arti inferiori e alla scansione duplex; la reovasografia viene eseguita per valutare la microcircolazione. Il trattamento della trombosi venosa profonda viene effettuato con eparina sotto il controllo di un coagulogramma; se necessario, rimozione chirurgica del trombo risultante.

Trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda è una condizione in cui si formano coaguli di sangue (trombi) nelle vene che interferiscono con il normale flusso sanguigno. Nella pratica clinica, la trombosi venosa profonda degli arti inferiori è più comune della trombosi venosa di altri siti.

I coaguli di sangue possono formarsi non solo in profondità, ma anche nelle vene superficiali, ma la trombosi delle vene superficiali (tromboflebite superficiale) raramente diventa una fonte di gravi problemi. A differenza della tromboflebite, la trombosi venosa profonda richiede cure mediche di emergenza a causa del rischio di sviluppare complicanze potenzialmente letali per il paziente.

Cause di trombosi venosa profonda

Per lo sviluppo della malattia richiede una combinazione di diversi fattori:

  • danno al rivestimento interno della parete venosa a seguito di esposizione a un agente meccanico, chimico, allergico o infettivo;
  • violazione del sistema di coagulazione del sangue;
  • rallentando il flusso sanguigno.

In alcune circostanze, la viscosità del sangue aumenta. Se le pareti della vena sono ostruite dal normale flusso sanguigno, aumenta il rischio di coaguli di sangue. Un piccolo coagulo di sangue che si forma sulla parete venosa provoca infiammazione e ulteriori danni alla parete venosa, causando la formazione di altri coaguli di sangue.

La congestione nelle vene degli arti inferiori contribuisce alla comparsa di trombosi venosa profonda. La causa della stagnazione diventa immobilità o immobilità di una persona per un lungo periodo.

Fattori di partenza per la trombosi venosa profonda:

  • infortunio, chirurgia, eccessivo stress fisico;
  • malattia infettiva;
  • immobilità prolungata in condizioni post-operatorie, malattie neurologiche e terapeutiche;
  • periodo postparto;
  • assumere contraccettivi ormonali orali;
  • tumori maligni (specialmente - cancro dello stomaco, polmoni e pancreas);
  • Sindrome DIC.

Il rischio di sviluppare la malattia aumenta con l'immobilità prolungata, con le gambe in giù. Così, in Occidente, ci sono termini "sindrome della classe economica" e "tromboflebite televisiva". Nel primo caso parliamo di persone che hanno sviluppato trombosi venosa profonda dopo un lungo volo. Nel secondo - su pazienti anziani in cui la malattia è apparso dopo una lunga seduta davanti alla TV. In entrambi i casi, il fattore di partenza era una lunga permanenza in una postura seduta con le gambe piegate, creando ostacoli al normale deflusso venoso.

Il ritorno del sangue attraverso le vene è in gran parte fornito dalla contrazione muscolare. Dopo operazioni e in alcune malattie croniche il paziente rimane quasi immobile per molto tempo. Di conseguenza, la congestione si sviluppa negli arti inferiori, portando a trombosi venosa profonda.

Quando si assumono contraccettivi orali, malattie del sangue, tumori maligni, la trombosi è in gran parte dovuta a ipercoagulazione (aumento della coagulazione del sangue). In alcuni casi, il flusso sanguigno alterato nelle vene profonde può indicare la malattia di Buerger (tromboangioite obliterante di origine allergica).

Di regola, la trombosi venosa profonda si sviluppa negli arti inferiori. Tuttavia, a volte si osserva una trombosi venosa profonda nelle mani, che si verifica quando esposto ai seguenti fattori scatenanti:

  • cateterizzazione delle vene degli arti superiori. Un catetere che è stato in una vena per lungo tempo causa irritazione della parete venosa e porta alla formazione di un coagulo di sangue;
  • cardiofibrillatore impiantato o pacemaker;
  • neoplasma maligno nell'area della vena;
  • carico eccessivo sugli arti superiori negli atleti (giocatori di baseball, nuotatori, sollevatori di pesi). La malattia si sviluppa a causa della compressione delle vene profonde degli arti superiori da parte dei muscoli allenati del cingolo scapolare.

Sintomi di trombosi venosa profonda

I sintomi dipendono dalla posizione di un coagulo di sangue. In circa la metà dei casi, il sangue scorre attraverso il sistema delle vene comunicanti nelle vene sottocutanee, il flusso sanguigno viene parzialmente ripristinato e la trombosi venosa profonda è asintomatica. Nei restanti pazienti, si osservano uno o più dei seguenti sintomi in varie combinazioni:

  • - dolore arcuato nell'arto colpito;
  • - dolore con palpazione, crescente lungo la vena, in cui si è formato un coagulo di sangue;
  • - gonfiore;
  • - ipertermia locale;
  • - blueness della pelle dell'arto colpito;
  • - gonfiore delle vene superficiali.

I collaterali vascolari sviluppati nell'addome inferiore, nella zona delle articolazioni dell'anca, delle cosce e della tibia possono indicare trombosi.

Complicazioni di trombosi venosa profonda

L'esito della trombosi venosa profonda può essere l'insufficienza venosa cronica, a seguito della quale si sviluppano edema degli arti inferiori e disturbi del trofismo (lipodermatosclerosi, eczema, ulcere trofiche).

La complicazione più pericolosa della trombosi venosa profonda è l'embolia polmonare. I pezzi staccati di coaguli di sangue, insieme al flusso sanguigno, si spostano nei polmoni, entrano nell'arteria polmonare e causano la sua embolia (occlusione). La rottura del flusso sanguigno nell'arteria polmonare porta allo sviluppo di insufficienza respiratoria acuta e cardiaca e può causare la morte del paziente. Nel caso in cui un piccolo ramo dell'arteria polmonare viene bloccato con un pezzo di un coagulo di sangue, si sviluppa un infarto polmonare.

Diagnosi di trombosi venosa profonda

La moderna flebologia ha una buona base tecnica per valutare il flusso di sangue venoso e diagnosticare la trombosi venosa profonda. Di regola, la diagnosi è stabilita da un flebologo. Conduce una prova di imbracatura (bendaggio elastico delle gambe con una tecnica speciale), compresa una prova di marcia, in cui una benda elastica viene applicata al piede del paziente da un dito all'altro. Quindi il paziente cammina per un po '. Dolori doloranti e vene safeniche che non collassano dopo il test indicano trombosi.

Per valutare il flusso sanguigno nelle vene profonde, vengono utilizzate flebografia, scansione fronte-retro e USDG delle vene degli arti inferiori e scansione dei radionuclidi. La valutazione dello stato del microcircolo viene effettuata in base alla reovasografia degli arti inferiori.

Trattamento della trombosi venosa profonda

A causa del rischio di sviluppare pericolose complicanze, i pazienti con trombosi venosa profonda devono essere ospedalizzati. Assegnato a rigoroso riposo a letto. L'arto colpito è esaltato. Per prevenire la formazione di nuovi coaguli di sangue, al paziente viene prescritta l'eparina (di solito entro una settimana). Quindi il paziente viene trasferito in anticoagulanti "morbidi" (warfarin). Il corso del trattamento con warfarin dura 6 mesi. Per monitorare lo stato del sistema di coagulazione del sangue, viene periodicamente prelevato un coagulogramma dal paziente.

I farmaci trombolitici sono efficaci solo nelle prime fasi della formazione di trombi. Nei periodi successivi, la terapia trombolitica è pericolosa a causa della possibile frammentazione di un coagulo di sangue e dello sviluppo di embolia polmonare. Con disturbi circolatori pronunciati nell'arto, viene indicata la trombectomia.

Prevenzione della trombosi venosa profonda

Le misure volte a prevenire la trombosi venosa profonda consistono nell'eliminazione dei fattori di rischio, nell'uso di calze elastiche, nell'attività fisica precoce dei pazienti nel periodo postoperatorio. In alcuni casi, dopo l'operazione, vengono prescritte piccole dosi di acido acetilsalicilico ed eparina, che riducono la coagulazione del sangue.

Trombosi venosa profonda

La trombosi venosa profonda è una malattia caratterizzata dalla formazione di coaguli di sangue (cioè coaguli di sangue), che creano ostacoli al normale flusso sanguigno.

Secondo le osservazioni dei medici, la trombosi delle vene profonde degli arti inferiori è una patologia più comune della trombosi venosa, che è localizzata in altri luoghi. La comparsa di coaguli di sangue è possibile nelle vene profonde e superficiali. Ma la tromboflebite superficiale è un disturbo meno grave. Allo stesso tempo, la trombosi venosa profonda deve essere trattata urgentemente, poiché le complicazioni provocate da questo disturbo possono essere molto pericolose per una persona.

Cause di trombosi venosa profonda

La trombosi delle vene profonde degli arti inferiori si sviluppa in una persona sotto l'influenza di una combinazione di determinati fattori. Prima di tutto, è la presenza di danni al rivestimento interno della parete venosa, che è sorto come conseguenza di un'azione chimica, meccanica, allergica o infettiva. Inoltre, il processo di sviluppo della trombosi venosa profonda dipende direttamente dalla violazione del sistema di coagulazione del sangue e dalla lentezza del flusso sanguigno.

Sotto l'influenza di determinate circostanze, può verificarsi un aumento della viscosità del sangue. Se ci sono determinati ostacoli sulle pareti del flusso sanguigno di vena, come conseguenza di cui la possibilità di coaguli di sangue aumenta drammaticamente. Dopo che un piccolo trombo appare sulla parete della vena, si sviluppa un processo infiammatorio, il muro della vena è ulteriormente danneggiato e, di conseguenza, ci sono i presupposti per la comparsa di altri coaguli di sangue.

Il prerequisito diretto per la manifestazione della trombosi venosa profonda è la presenza di congestione nelle vene delle gambe. Tale stagnazione sorge a causa della bassa mobilità o addirittura dell'immobilità di una persona per un lungo periodo di tempo.

Pertanto, i fattori che sono in grado di "avviare" lo sviluppo di questa malattia sono le malattie infettive, la presenza di lesioni e operazioni, troppo stress fisico. La trombosi venosa profonda si verifica spesso in pazienti che sono rimasti immobili per lungo tempo dopo l'intervento chirurgico, in alcune malattie neurologiche e terapeutiche, nelle giovani madri nel periodo postpartum. Malattie maligne e l'uso di contraccettivi ormonali orali sono spesso fattori provocatori, a seguito dei quali c'è un aumento della coagulazione del sangue, chiamato ipercoagulazione.

Se una persona è un periodo di tempo troppo lungo mantiene le gambe in una posizione fissa, la probabilità di sviluppare la malattia aumenta bruscamente. Oggi, nei paesi occidentali, definiscono addirittura i termini "tromboflebiti televisivi" (il risultato di una lunga seduta di fronte alla TV) e "sindrome della classe economica" (conseguenza di voli frequenti e lunghi). In entrambi i casi, il fattore principale nello sviluppo della malattia diventa la prolungata permanenza di una persona in una posizione con le gambe piegate.

In alcuni casi, il flusso sanguigno nelle vene profonde è disturbato dalla manifestazione della malattia di Buerger.

Nella maggior parte dei casi, la trombosi colpisce gli arti inferiori. Tuttavia, accade che la trombosi si sviluppi nelle vene profonde delle mani. In questo caso, le ragioni di questa condizione sono la presenza di un lungo periodo nella vena del catetere, la presenza di un cardiofibrillatore o pacemaker impiantato, la comparsa di un tumore maligno nella vena, troppa pressione sulle mani (manifestata principalmente negli atleti).

Esistono altri importanti fattori di rischio che predispongono alla trombosi venosa profonda. Tra questi, va segnalata l'anestesia. Esistono studi che dimostrano che l'uso dell'anestesia generale con miorilassanti è molto più probabile che provochi una trombosi venosa profonda degli arti inferiori rispetto ai metodi regionali di anestesia.

Un altro fattore importante è l'obesità. Le persone che hanno un eccesso di peso hanno molte più probabilità di soffrire delle manifestazioni della trombosi postoperatoria.

Anche in questo caso il fattore età gioca uno dei ruoli principali. Dopotutto, più una persona diventa anziana, più la sua mobilità generale diminuisce e, di conseguenza, il flusso sanguigno viene disturbato, i vasi diventano meno elastici.

Se un paziente ha una storia di trombosi, allora la possibilità della sua ri-manifestazione aumenta più volte.

Sintomi di trombosi venosa profonda

I sintomi della trombosi venosa profonda sono manifestati da un complesso di segni che indicano una violazione bruscamente innalzata del deflusso venoso, mentre il flusso di sangue arterioso rimane.

Indipendentemente da dove si trova esattamente la trombosi, il paziente può sperimentare cianosi ed edema dell'arto interessato, una manifestazione di dolore inarcato, un aumento della temperatura cutanea, che si manifesta localmente. Una persona può sentire che le vene safene sono sovraffollate e il dolore può verificarsi anche lungo il corso del fascio vascolare.

I sintomi della trombosi venosa profonda non sono caratterizzati da rigidità delle articolazioni e un cambiamento di sensibilità. Nella maggior parte dei pazienti con trombosi ci sono segni di peripliesi e flebiti asettici.

Con la sconfitta delle vene profonde della gamba, la diagnosi è solitamente la più difficile da stabilire, poiché le manifestazioni cliniche di questa malattia sono particolarmente scarse. In generale, la malattia non può causare preoccupazione per il paziente e talvolta per il medico. Molto spesso, come sintomo della trombosi venosa profonda, compare solo un debole dolore ai muscoli del polpaccio, che può diventare più intenso durante la deambulazione o quando la gamba viene spostata in posizione eretta. In presenza di edema degli arti distali, la diagnosi della malattia è facilitata. Di regola, l'edema appare nell'area della caviglia. La trombosi di tutte le vene profonde della gamba causa una forte violazione del deflusso venoso, pertanto i sintomi appaiono più pronunciati.

I sintomi che si verificano durante la trombosi della vena femorale dipendono dal restringimento del lume del vaso e dei coaguli di sangue. In generale, con questa forma di malattia compaiono i sintomi più luminosi. In un paziente, il volume della coscia e della tibia aumenta, la cianosi della pelle appare e le vene safene si sviluppano nella tibia e nella parte distale della coscia. I linfonodi inguinali possono aumentare, l'ipertermia si sviluppa a 38 gradi.

La trombosi acuta della vena profonda è caratterizzata dalla prevalenza e dalla durata del processo patologico. In questo stato, la localizzazione dei coaguli di sangue si osserva non solo quando la parete del vaso è danneggiata, ma anche nel lume della nave. In questo caso, il deflusso di sangue è bloccato.

Abbastanza spesso, in circa il 50% dei casi, con lo sviluppo della trombosi venosa profonda, il sangue scorre attraverso le vene comunicanti nelle vene safene, quindi si osserva un decorso asintomatico della trombosi. Il fatto che una persona abbia sofferto di trombosi a volte è indicato dalla presenza di evidenti collaterali venosi nell'addome inferiore, nella parte inferiore della gamba, nella coscia, nelle articolazioni dell'anca.

Complicazioni di trombosi venosa profonda

Come complicazione della trombosi venosa profonda, il paziente può eventualmente manifestare insufficienza venosa cronica, a causa della quale si verifica lo sviluppo di edema delle gambe, il trofismo è disturbato. A sua volta, questo porta all'eczema, alla lipodermatosclerosi, alla comparsa di ulcere trofiche.

L'embolia polmonare è considerata la più pericolosa complicazione della trombosi venosa profonda negli esseri umani. Con lo sviluppo di questa malattia, i pezzi di un coagulo di sangue si staccano, che si spostano nei polmoni con il flusso sanguigno e, penetrando nell'arteria polmonare, provocano la sua embolia. A causa di alterazioni del flusso sanguigno nell'arteria polmonare, si sviluppa respirazione acuta e insufficienza cardiaca. È fatale Se c'è un blocco del piccolo ramo dell'arteria polmonare, allora il paziente ha un infarto polmonare.

Diagnosi di trombosi venosa profonda

La diagnosi di trombosi venosa profonda viene eseguita da un flebologo. Inizialmente, dopo aver condotto un sondaggio ed esaminato un paziente, viene eseguito uno speciale test del fascio usando una benda elastica. Al fine di valutare adeguatamente le caratteristiche del flusso sanguigno nelle vene profonde, viene utilizzato il metodo di venografia, scansione duplex e diagnosi ecografica delle vene delle gambe. Per ottenere informazioni sullo stato della microcircolazione, viene utilizzata la reovasografia degli arti inferiori.

Trattamento della trombosi venosa profonda

Nel trattamento della trombosi venosa profonda, è necessario tenere conto della sua posizione, della prevalenza, della durata della malattia e della gravità della malattia.

L'obiettivo della terapia trombotica è diversi momenti decisivi. Prima di tutto, un compito importante in questo caso è la necessità di fermare l'ulteriore diffusione della trombosi. È estremamente importante con questa diagnosi prevenire lo sviluppo del tromboembolismo delle arterie polmonari, arrestare lo sviluppo di edema, prevenendo così la probabile cancrena e, in futuro, la perdita dell'arto. Non meno importante punto dovrebbe essere considerato il ripristino della pervietà delle vene al fine di evitare la comparsa della malattia post-tromboflebite. È anche importante prevenire il ripetersi della trombosi, che ha un impatto negativo sulla prognosi della malattia.

Per il trattamento conservativo della trombosi venosa profonda del paziente, è opportuno collocarlo in un reparto specializzato dell'ospedale. Prima di eseguire un esame completo, deve rigorosamente aderire al riposo a letto. In conformità con il riposo a letto, un arto interessato da trombosi dovrebbe sempre essere tenuto in una posizione elevata. Se non vi è la possibilità di un esame completo e completo del paziente, gli vengono prescritti anticoagulanti e si utilizza l'ipotermia locale lungo la proiezione del fascio vascolare.

In alcuni casi, è consigliabile utilizzare bende elastiche, tuttavia, solo il medico curante dovrebbe decidere il loro uso.

Il trattamento della trombosi venosa profonda con mezzi medici comporta la nomina dei tre principali gruppi di farmaci. In primo luogo, sono anticoagulanti, in secondo luogo, fibrinolitici e trombolitici, e in terzo luogo, disaggregati.

Per prevenire la manifestazione di nuovi coaguli di sangue, al paziente viene solitamente somministrata eparina, dopo di che viene prescritto di assumere anticoagulanti "morbidi" (warfarin) per circa sei mesi. Al fine di monitorare lo stato di coagulabilità del sangue, il paziente deve condurre regolarmente un coagulogramma.

Il trattamento della trombosi venosa profonda con l'uso di warfarin può essere influenzato dal trattamento di diverse malattie concomitanti con altri farmaci. Non utilizzare farmaci antinfiammatori e antidolorifici che possono influire sulla coagulazione del sangue senza l'approvazione del medico. È anche importante coordinarsi con il medico che assume antibiotici, agenti antidiabetici orali.

È importante tenere conto del fatto che l'assunzione di farmaci trombolitici ha il giusto effetto esclusivamente sulle prime fasi della trombosi. Nelle fasi successive dell'uso di questo tipo di farmaco, c'è un certo pericolo dovuto alla probabile frammentazione di un coagulo di sangue e successiva embolia polmonare.

Se il disturbo nell'arto colpito è molto marcato, il paziente è programmato per la trombectomia. Questo metodo comporta la rimozione chirurgica di un coagulo di sangue da una vena. Tale operazione viene eseguita solo quando vi sono complicazioni potenzialmente letali della trombosi venosa profonda.

Prevenzione della trombosi venosa profonda

Affinché la malattia non progredisca, alcune misure di prevenzione dovrebbero essere note alle persone che hanno già una trombosi.

Mangiare un paziente con trombosi venosa profonda comporta l'introduzione nella dieta di una grande quantità di frutta cruda e verdure contenenti fibre. È dalla fibra che vengono sintetizzate fibre fibrose che rafforzano le pareti venose. Non dovresti mangiare cibi piccanti e salati, che possono contribuire alla ritenzione di liquidi, che a sua volta aumenterà il volume del sangue. Inoltre non è consigliabile vendere quei prodotti in cui vi è un alto livello di contenuto di vitamina K, in quanto contrastano il trattamento che viene effettuato. In questo caso, stiamo parlando di fegato, caffè, tè verde, insalata verde, spinaci, cavoli.

L'opinione sbagliata è che i pazienti con trombosi venosa profonda dovrebbero trascorrere costantemente del tempo a letto. In effetti, il riposo a letto è prescritto solo ad alto rischio di embolia polmonare. In altri casi, la somministrazione di deambulazione, al contrario, riduce la probabilità di un ulteriore sviluppo della trombosi e della sua recidiva.

Allo stesso tempo, i pazienti con trombosi non dovrebbero visitare la sauna, il bagno, eseguire procedure termali, massaggi. Tutte queste azioni provocano l'attivazione del flusso sanguigno, quindi, il riempimento del sistema venoso con aumenti del sangue. Anche il bagno non è il benvenuto: trombosi malata è meglio fare la doccia. Allo stato acuto, non si dovrebbe anche essere alla luce solare diretta, utilizzare cera calda per l'epilazione.

Per prevenire la manifestazione di trombosi venosa profonda, le persone sane dovrebbero cercare di eliminare tutti i possibili fattori di rischio: cattiva alimentazione, basso livello di attività. Altrettanto importante è la lotta contro l'obesità, il fumo. Questo è particolarmente vero per le persone che sono inclini a tromboflebiti. A volte è consigliabile per queste persone indossare biancheria intima elastica speciale. I pazienti nel periodo postoperatorio dovrebbero prestare particolare attenzione a garantire l'attività motoria precoce. A volte dopo interventi chirurgici gravi, prescrivendo piccole dosi di aspirina ed eparina, che aiutano a ridurre la coagulazione del sangue.

Molto importante in materia di prevenzione della trombosi è l'esercizio fisico regolare e lo sport. Questo momento è estremamente importante per considerare le persone che conducono per lo più uno stile di vita inattivo. Tuttavia, le persone inclini alla trombosi venosa non hanno bisogno di soffermarsi sugli sport legati al carico sui piedi.

Trombosi venosa profonda degli arti inferiori: sintomi, trattamento, prevenzione

La trombosi venosa è caratterizzata dalla comparsa di un coagulo di sangue (trombo) nel lume venoso. Un coagulo di sangue causa alterazioni della circolazione sanguigna, modifica la struttura e le dimensioni delle vene. La trombosi può manifestarsi senza lamentele, nel 20% dei casi compaiono dolore e restrizione del movimento nell'arto del paziente.

Pericolo di trombosi

Nota: le complicanze della trombosi possono essere pericolose per la vita.

Circa il 25% della popolazione soffre di una varietà di trombosi. Più patologia delle vene è comune nelle donne (5-6 volte più spesso che negli uomini). Farmaci incontrollati, sovrappeso, fattori ambientali contribuiscono allo sviluppo della malattia.

Molto spesso, la trombosi colpisce le vene delle gambe. La rete venosa degli arti inferiori consiste di due parti: superficiale e profonda. I processi che si verificano con le vene superficiali, possiamo vedere visivamente. Ma la patologia delle vene degli arti inferiori spesso non viene riconosciuta, a causa della sua inaccessibilità esterna.

La maggior parte della trombosi delle vene degli arti inferiori si verifica nella sezione profonda. Un coagulo di sangue si forma in pochi giorni ed è attaccato vagamente alla parete venosa. È in questo momento che può strappare e muoversi lungo il letto vascolare del corpo, causando il blocco di quasi tutte le parti del sistema circolatorio.

Cause della trombosi venosa degli arti inferiori

Le cause più comuni di trombosi sono:

  • malattie vascolari ereditarie e congenite - debolezza della parete delle vene, insufficiente funzionalità delle valvole venose, vene varicose (vene varicose), fistole (shunt tra le arterie e le vene, che portano all'iniezione di sangue arterioso nelle vene);
  • processi tumorali - causando un aumento della coagulazione del sangue, ispessimento e formazione di coaguli;
  • fattore ormonale - disfunzione delle ghiandole esogene ed endogene, insufficienza ormonale durante la gravidanza, terapia ormonale. Gli ormoni sessuali femminili (progesterone ed estrogeno) contribuiscono alla formazione di coaguli di sangue;
  • corpo sovrappeso - con l'obesità nel corpo in grandi quantità, si forma un analogo degli ormoni sessuali femminili - leptina, che causa una maggiore adesione (aderenza) delle piastrine, che colpisce la coagulazione del sangue e contribuisce alla formazione di trombi;
  • lesioni con sanguinamento, fratture e interventi chirurgici - portare a una maggiore formazione di tromboplastina tissutale, che causa coaguli di sangue e prontezza trombotica;
  • paresi e paralisi delle gambe - l'innervazione fisiologica compromessa e l'immobilità muscolare con atrofia causano un rallentamento e un rallentamento del flusso sanguigno nelle vene, che porta alla formazione di coaguli di sangue;
  • gravi processi infettivi - condizioni settiche (infezione del sangue generale), processi purulenti alla rinfusa, ustioni di un'ampia superficie del corpo, marcata infiammazione dei polmoni. I microrganismi rilasciano tossine che contribuiscono alla formazione di masse trombotiche;

I fattori che contribuiscono si uniscono alle cause dei coaguli di sangue:

  • età avanzata;
  • stile di vita sedentario e lavoro (impiegati);
  • carichi super pesanti;
  • l'obesità;
  • abuso di alcool e fumo.

Come fa un coagulo di sangue (meccanismo di sviluppo)

La teoria più comune della trombosi è la triade di Virchow.

Consiste di tre meccanismi principali per lo sviluppo del processo trombotico:

  1. Danni (alterazione) della parete venosa. La rottura traumatica dell'endotelio (strato interno) della vena, compressione meccanica o stiramento crea le condizioni per la formazione di un coagulo di sangue.
  2. Aumento della coagulazione del sangue. L'isolamento della tromboplastina tissutale, della trombina e di altri fattori della coagulazione nel flusso sanguigno porta alla coesione delle cellule del sangue e alla formazione aggiuntiva di sostanze che contribuiscono a questo processo.
  3. Violazione dei processi dinamici del flusso sanguigno. Riposo a letto lungo, immobilità forzata, formazioni di colesterolo (placche) nelle navi contribuiscono alla rottura del normale flusso di sangue attraverso la nave. Il conseguente flusso di vortici favorisce anche le condizioni per la formazione di trombi.

Sintomi di trombosi venosa profonda delle estremità

Nella formazione di un grumo di sangue, i pazienti annotano:

  • aumentando di sera il peso nelle gambe,
  • inarcando, premendo, dolorando e strattonando i dolori entro la fine della giornata;
  • parestesia della parte inferiore della gamba (sensazione di intorpidimento e "pelle d'oca");
  • edema grave e aumento del volume degli arti inferiori;
  • pallore e cianosi della pelle, assottigliamento della pelle;
  • infiammazione delle vene (flebite) aumento della temperatura locale e generale.

All'esame, il medico determina:

  • tono lucido della pelle;
  • gonfiore e alterata sensibilità allo shin;
  • disegno migliorato e riempimento del sangue delle vene superficiali della parte inferiore della gamba (a causa del deflusso del sangue attraverso collaterali dalle vene profonde);
  • temperatura più bassa della gamba malata, rispetto alla salute.

Diagnostica e test

Per confermare la diagnosi di trombosi venosa profonda delle estremità, viene eseguito un esame a raggi di contrasto dei vasi venosi, flebografia.

Il flebogramma identifica chiaramente i segni di trombosi venosa:

  • "Vena tritata" - rottura del flusso di contrasto nella zona interessata;
  • marcata diminuzione del lume venoso;
  • La superficie interna "ruvida" della nave a seguito della formazione di placche di colesterolo;
  • formazioni incolori impiombati con le pareti delle vene (trombi).

Ecografia Doppler - consente di valutare le proprietà del movimento del sangue attraverso le vene, a causa del riflesso delle onde ultrasoniche prodotte dalle cellule del sangue. Metodo diagnostico atraumatico con precisione del 90%. La dopplerografia misura la velocità del flusso sanguigno, il volume del flusso sanguigno, la differenza di questi indicatori sugli arti simmetrici.

I segni specifici dei test funzionali hanno un significato informativo:

  • Il sintomo di Homan - posizione del paziente sulla schiena con le gambe piegate alle ginocchia. Il medico tiene una flessione passiva del piede. In caso di dolore e disagio nel muscolo gastrocnemio, si può concludere che vi è un coagulo di sangue;
  • Test di Mosè - viene effettuato in due fasi: - quando si schiaccia la tibia nella direzione dalla parte anteriore a quella posteriore. Il secondo stadio: spremere la gamba in direzione laterale. Se c'è una trombosi venosa profonda, il dolore si manifesta solo nel primo caso;
  • Test di Lovenberg - l'imposizione di un bracciale dello sfigmomanometro nella parte centrale della tibia e un aumento della pressione in esso a 150 mm Hg. Art. provoca dolore al di sotto della cuffia nei muscoli della gamba, indicando trombosi;
  • Segno di Lisker - quando si colpisce la superficie della cresta della tibia di fronte si ha dolore all'osso. Questo è a favore della trombosi;
  • segno di louvel - aspetto o aumento del dolore nella parte inferiore delle gambe in caso di tosse o starnuti;
  • prova di marcia - dalle dita dei piedi all'inguine del paziente, viene applicata una benda elastica a colpi continui. Al paziente viene chiesto di camminare per alcuni minuti. Quindi la benda viene rimossa. In caso di dolore e vene safene visibili dilatate, si conclude che c'è una trombosi;
  • Il test di Pratt - 1 - sdraiato, viene misurata la circonferenza della tibia, quindi la gamba viene sollevata e il corpo esaminatore svuota le vene superficiali con i movimenti massaggianti delle mani. La benda elastica viene applicata sulla gamba (dalle dita verso l'alto). Dopo diversi minuti di camminare il paziente, la benda viene rimossa. Con l'apparenza di dolore e disagio, così come un aumento del volume della gamba, c'è il sospetto di trombosi;
  • processo di Mayo-Pratt - in posizione prona su una superficie piana, un cuscino è posto sotto i piedi del paziente. Lo specialista svuota le vene superficiali con un massaggio e applica un laccio emostatico nella parte superiore della coscia. Con il tourniquet posato, il paziente viene offerto di camminare per circa mezz'ora. Con la comparsa di forti dolori nella parte inferiore delle gambe e una sensazione di pienezza, puoi parlare di trombosi.

Lo studio è completato con sphygmography, termometria della pelle, flebotonometria e tecniche di radioisotopi.

Trattamento della trombosi venosa profonda delle estremità

Nei casi lievi, è consentito il trattamento ambulatoriale. Ma in ogni caso con il riposo a letto per un massimo di 2 settimane.

Trattamento conservativo

Si basa su diversi gruppi specifici di farmaci:

  • anticoagulanti ad azione diretta - L'eparina è più comunemente usata. Il meccanismo di trattamento si basa sulla "diluizione" del sangue riducendo il funzionamento della trombina e migliorando la produzione di antitrombina. Le dosi di Eparina sono scelte singolarmente dal dottore. È introdotto nella forma di iniezione. Sono usate forme moderne, prolungate (con azione estesa) - Clexane, Fraxiparin;
  • anticoagulanti indiretti - Warfarin, Coumadin. Questi farmaci prevengono la formazione di trombina, sopprimendo la sua forma precedente - la protrombina. Questi farmaci sono prescritti sotto la stretta supervisione del personale medico per evitare possibili complicazioni sotto forma di sanguinamento;
  • sostanze enzimatiche con proprietà trombolitiche - Streptokinase, Urokenaz. Possedere la capacità di una buona dissoluzione dei coaguli di sangue formati e il contenimento di ulteriore coagulazione del sangue. Sono introdotti in condizioni stazionarie sotto forma di soluzioni di gocciolamento.
  • farmaci che migliorano le proprietà reologiche del sangue - Reosorbilakt, Reopoliglyukin, ecc.) Queste soluzioni terapeutiche migliorano la microcircolazione sanguigna, riducendone la viscosità e la capacità di coagularsi. Sono introdotti sotto forma di infusioni a goccia in quantità da 200 a 1000 ml, a volte più;
  • medicina anti-infiammatoria - Voltaren, indometacina, aspirina, ecc. avere la capacità di ridurre il dolore, assottigliare il sangue, alleviare i gonfiori e i processi infiammatori. Assegna come compresse e forme iniettabili.

La terapia farmacologica è completata dalla fasciatura dell'arto colpito con una benda elastica. È importante rispettare il metodo corretto: la benda viene applicata nella posizione prona, con le vene collassate, i colpi dalle dita dei piedi e sopra.

Fai attenzione: al posto delle bende, è possibile utilizzare uno speciale indumento a compressione (calze, calzini). La dimensione e il grado di compressione sono scelti dal medico. È necessario mettere la biancheria in un letto, prima di alzarsi e togliere quando c'è l'opportunità di sdraiarsi.

Trattamento chirurgico della trombosi

L'operazione è assegnata se:

  • con lo sviluppo di un'infiammazione pronunciata delle vene - tromboflebiti;
  • con la probabilità di un coagulo di sangue e il rischio di embolia polmonare (PE);
  • la diffusione del processo trombotico;
  • un coagulo di sangue non è fissato alla parete del vaso (flottazione).

L'operazione è controindicata in:

  • la presenza della fase acuta del processo;
  • in caso di malattie scompensate del cuore e dell'apparato respiratorio;
  • fasi acute di infezioni.

Metodi di trattamento chirurgico della trombosi

La medicina moderna conosce una grande varietà di metodi di copyright nel trattamento della trombosi venosa degli arti inferiori. Il nostro compito è fare conoscenza con i principali.

trombectomia

I metodi di operazione più comunemente usati, il cui compito è rimuovere il trombo esistente fresco (fino a 7 giorni), ripristinare la normale circolazione sanguigna attraverso la nave o attraverso i collaterali.

Operazione Troyanova - Trendelenburg

Attraverso un'incisione all'inguine, viene secreta una grande vena safena, che può essere suturata in vari modi, o fissata con speciali fermagli che permettono al sangue di passare attraverso ma fissare i coaguli di sangue recisi.

Installazione di filtri

Speciali filtri a forma di ombrello sono inseriti nella cavità della vena cava inferiore. Quindi, viene creato un ostacolo alla diffusione dei coaguli di sangue attraverso il flusso sanguigno e il loro ingresso in vasi importanti.

Metodi della medicina tradizionale nel trattamento della trombosi degli arti inferiori

Per alleviare la condizione e gli ostacoli allo sviluppo e alla diffusione di un coagulo di sangue, è raccomandato per il trattamento domiciliare:

  • succo di cipolla con miele (mescolare il succo con miele in proporzioni uguali, insistere 3 giorni e conservare per 10 giorni in frigorifero). Prendi un cucchiaio tre volte al giorno. L'effetto è dovuto alla presenza di anticoagulanti naturali;
  • tintura di acacia bianca - contiene glicosidi e oli che hanno la capacità di assottigliare il sangue. Tingere la pelle oltre la trombosi e prendere 5 gocce per via orale 3 volte al giorno. Il corso del trattamento è di un mese;
  • decotto di coni di luppolo. Prendi mezza tazza 4 volte al giorno per un mese.

Nutrizione e dieta

Con il peso in eccesso devi liberartene. Nella dieta dovrebbe essere abbastanza cibo fortificato. La preferenza dovrebbe essere data a frutta e verdura che contribuiscono al rafforzamento delle pareti dei vasi sanguigni - rosa canina, cavoli, aneto, aglio, anguria, acetosa.

Prodotti utili contenenti rame - frutti di mare. Il rame è una fonte di materiale per l'elastina, che fa parte del muro delle vene.

È importante: limite - alcol, grasso in eccesso, cioccolato e caffè, maionese.

Prevenzione della trombosi degli arti inferiori

Come misura preventiva, regime motorio, jogging e lunghe passeggiate sono modi naturali per prevenire le malattie venose.

Il versamento regolare e il bagno in acqua fredda della durata di diversi minuti riducono significativamente il rischio di sviluppare malattie vascolari. Smettere di fumare e bere alcolici è anche benefico per la salute delle vene.

Se vi sono segni di vene varicose, una visita tempestiva a un medico e l'attuazione di tutte le raccomandazioni ostacoleranno il progresso della malattia e l'insorgenza di complicanze.

13,186 visualizzazioni totali, 5 visualizzazioni oggi

Trombosi venosa dei vasi della gamba: dai primi segni e prevenzione alla lotta contro la malattia

La trombosi venosa profonda degli arti inferiori è una malattia molto grave ed è spesso asintomatica. Ma se i sintomi della malattia non vengono riconosciuti in tempo e non viene effettuato alcun trattamento, le conseguenze sono molto gravi, non escludendo la morte.

Quando la trombosi delle vene degli arti inferiori forma coaguli di sangue o coaguli di sangue nelle loro cavità, che interferiscono con il normale movimento del sangue. Dopo un po ', possono intasare il lume venoso e persino staccarsi. Se c'è una violazione del movimento del sangue, dove la sua alimentazione è disturbata, i tessuti possono morire.

Se un coagulo di sangue si è staccato dalla nave, potrebbe finire nel cuore, nei polmoni e in altri organi. Di conseguenza, è pericoloso in quanto possono verificarsi ictus, tromboembolismo o infarto e queste malattie portano a morte improvvisa o paralisi.

Sintomi e segni di malattia vascolare

Sfortunatamente, è spesso impossibile determinare in tempo i sintomi iniziali della trombosi dei vasi delle gambe, tuttavia, se la pelle cambia colore e dove si trova il coagulo di sangue, si verificano gonfiori - questi sono segni di una malattia vascolare. Molte persone non sanno che questo tipo di trombosi è quasi asintomatico e quindi molto pericoloso.

In una persona sana, il sangue venoso si muove dal basso verso l'alto: dalle gambe agli organi situati sopra: i polmoni, il cuore, ecc. Se un coagulo di sangue blocca il lume delle vene, il sangue scorrerà a fatica dagli arti inferiori e si gonfieranno. Poiché un coagulo di sangue può essere localizzato in luoghi diversi, si verifica gonfiore alla parte inferiore della gamba, alla caviglia e alla coscia. A volte l'intera gamba si gonfia.

Foto: trombosi e trombi in caso di embolia

Pochissime persone rivolgono la loro attenzione a tali segni di trombosi come rari dolori, rigidità, sensazione di pesantezza e lacrimazione nei muscoli delle gambe e cercano assistenza medica nel tempo. Un atteggiamento così frivolo nei confronti della propria salute porta a conseguenze negative. A volte c'è trombosi acuta. Una persona che si è trasferita normalmente oggi, domani a causa dell'enorme edema, potrebbe non alzarsi dal letto. È estremamente grave se, a causa della forma latente del decorso della trombosi, un paziente ha un'improvvisa embolia polmonare (PE). Si verifica perché un trombo si stacca e migra dai vasi interessati delle gambe all'arteria dei polmoni, dove viene bloccato. Di conseguenza, il paziente sviluppa insufficienza cardiaca acuta o attività polmonare.

Per persuasività, storia di vita, nota all'autore:

La suocera di una collega, una donna per sua natura molto sana e mai malata, morì entro una settimana dal tromboembolismo.

Ed è stato così:

Sulla strada di casa dal negozio, la donna incespicò e cadde. Le fu diagnosticata una frattura, introdotta in un cerotto e inviata a casa per il trattamento. Per 5 giorni è andato tutto bene, i suoi parenti hanno detto che sua suocera suonava la chitarra e cantava il giorno della sua morte... Una morte improvvisa ha causato rabbrividire tutte le persone che la conoscevano e, soprattutto, i suoi figli e nipoti. Un'autopsia rivelò che la causa di tutto era un coagulo di sangue rotto che bloccava l'arteria polmonare. Era solo che una donna aveva una flebotrombosi delle gambe molto tempo fa, il che non le causava un grande disagio e perciò non era stata trattata. Con mio grande dispiacere. Altrimenti, la suocera dell'impiegato farebbe comunque piacere ai nipoti con le sue canzoni e facendo a pezzi le corde della chitarra.

foto: sintomi di trombosi acuta degli arti

Quando la trombosi degli arti inferiori progredisce, i suoi segni appaiono più forti. C'è un forte dolore e maggiore pesantezza alle gambe. Questi sintomi sono innescati dal fatto che la congestione venosa si verifica al di sotto del sito di trombosi.

Come risultato della completa chiusura del lume della vena, il gonfiore aumenta, il metabolismo nei tessuti molli è disturbato. Questo può portare alla cancrena.

Gonfiore e dolore alle gambe possono essere non solo segni di insufficienza vascolare, ma anche molte altre malattie. Pertanto, è imperativo visitare un medico.

Trombosi Ileofemorale

Questo tipo di malattie vascolari occupa una nicchia separata perché il suo corso è molto difficile e ad alto rischio di sviluppare embolia polmonare. I coaguli di sangue si verificano a livello delle vene iliache e femorali.

I segni e le cause di questo tipo di malattia sono della stessa natura degli altri tipi di trombosi.

La trombosi Ileofemorale ha un rapido sviluppo. Tutte le gambe si gonfiano Il paziente può avere febbre e dolore ricorrente.

Piede per trombosi

Il colore della gamba trombizzata può variare da bluastro a pallido (con spasmo di arteriole). Molto più spesso la gamba acquisisce una tinta bluastra dovuta al fatto che le vene si espandono ei capillari si riempiono di sangue dai vasi. Se il deflusso dalle vene è almeno parzialmente preservato, i segni progrediscono gradualmente. Nel caso opposto si può sviluppare la cancrena. Una diagnosi così formidabile aiuta a confermare l'ecografia dei vasi delle gambe.

Questo tipo di trombosi viene trattato allo stesso modo degli altri.

Cosa contribuisce alla comparsa di malattie vascolari?

Forse l'alta coagulazione del sangue è la ragione principale. È anche importante danneggiare il muro delle vene e rallentare il movimento del sangue. Questi 3 fattori avversi sono chiamati "Triade della Vergine".

Inoltre, il rischio di gravi problemi è esacerbato da:

  • Fumo.
  • Il trauma contribuisce allo sviluppo della trombosi acuta. Porta al fatto che la parete vascolare è interessata e viene attivato il processo di emostasi. Di conseguenza, si forma un coagulo di sangue.
  • Sovrappeso.
  • La gravidanza contribuisce alla compressione delle vene iliache e, talvolta, alla vena cava inferiore. Ciò porta ad un aumento della pressione vascolare nelle vene, che si trovano sotto.
  • Durante il parto, un feto che si muove attraverso il canale del parto ha molte possibilità di spremere le vene iliache.
  • Molto alto rischio di blocco delle vene dopo un taglio cesareo.
  • L'infezione causa il blocco dei vasi sanguigni negli uomini. Ciò è dovuto all'attivazione di fattori di coagulazione in risposta al fatto che le pareti dei vasi sanguigni sono interessate. Le infezioni provocano forme croniche della malattia (tromboflebite).
  • Lunghi viaggi e voli.
  • Vecchiaia
  • Assunzione di farmaci che aumentano la coagulazione del sangue.
  • Operazioni sulle articolazioni, chirurgia addominale. L'elevata prevalenza della trombosi venosa è dovuta al fatto che il numero di interventi con l'uso dell'anestesia generale aumenta ogni anno, così come l'aumento del numero di anziani operati con gravi malattie concomitanti.
  • Fratture ossee complicate
  • L'insorgenza di trombosi dei vasi sanguigni contribuisce al riposo a letto (per lungo tempo). La ragione - la mancanza di contrazione muscolare, rallentamento del flusso sanguigno e congestione venosa.
  • Anche le persone sane si ammalano se si siedono a lungo o stanno in piedi (viaggiando in auto, lavorando al computer).

Video: specialisti di trombosi

Quali test vengono eseguiti per sospetta trombosi?

Per prescrivere il trattamento corretto della trombosi, è necessario conoscere la diagnosi esatta. Attualmente, questo può essere fatto usando questi metodi:

  1. La scansione duplex consente di visualizzare la struttura vascolare e di valutare il flusso sanguigno.
  2. Se c'è qualche dubbio sui risultati di una scansione per trombosi delle vene degli arti inferiori, così come sulla posizione di un coagulo di sangue sopra l'inguine, i medici prescrivono una flebografia radiopaca. In questo caso, un agente di contrasto viene somministrato al paziente in una nave e osserva le sue condizioni.
  3. L'angiografia RM e RM è indicata anche in caso di dubbio.
  4. Se vi è il sospetto di tromboembolia polmonare, viene prescritta una radiografia dei polmoni, in particolare la scintigrafia con marker radioattivo. La diagnosi di "occlusione venosa profonda" è confermata durante questa procedura e l'USDG.
  5. Pletismografia ad impedenza. Allentare il bracciale, che con forza schiaccia lo stinco per l'occlusione temporanea delle vene e determinare il cambiamento nel volume di riempimento con sangue. Questo test con una precisione fino al 90% rivela trombosi venosa profonda sopra il livello del ginocchio.
  6. Se si sospetta un'infezione, viene eseguita una emocoltura.

Prevenzione del blocco venoso

  • Per la prevenzione della trombosi vascolare, non si dovrebbe lasciare le gambe ferme a lungo (stare a lungo o sedersi in una posizione).
  • Nel calore, è consigliabile bere più liquidi in modo che il sangue non si ispessisca.
  • I pazienti postoperatori e mentitori hanno bisogno di procedure specifiche per prevenire la trombosi.
  • Se un paziente ha vene varicose sulle gambe - è necessario effettuare immediatamente un intervento chirurgico.

Quando si manifestano trombosi (edema, dolore muscolare acuto), è necessario consultare rapidamente un medico-flebologo. Il fattore tempo gioca un ruolo importante. Più velocemente inizia il processo di trattamento, maggiore è il successo dei suoi risultati.

Trattamento della malattia

Il trattamento dipende dalla gravità della malattia e dallo stadio della trombosi. Innanzitutto, è necessario fare una diagnosi accurata: identificazione della posizione del coagulo di sangue, chiarificazione delle sue dimensioni e grado di trombosi. È importante stabilire con quanta fermezza sia un trombo e se esiste una possibilità di separazione.

Esistono diversi metodi per il trattamento della trombosi delle gambe. Questa è un'operazione, trombolisi, trattamento con farmaci e l'installazione di un filtro cava.

dosaggio:

  1. Iniezioni di eparina.
  2. Capsule anticoagulanti (coumadina, warfarin) durante il monitoraggio di un'analisi del sangue.
  3. Se non ci sono miglioramenti, è necessario il ricovero per escludere l'oncologia. Dopo tutto, c'è una triste statistica: il 50% dei pazienti con cancro muore per le vene ostruite.

trombolisi

La trombolisi è una procedura che aiuta i coaguli di sangue a dissolversi. È fatto da un chirurgo. Un catetere viene inserito nella nave. Una sostanza che dissolve un coagulo di sangue, viene gradualmente introdotta in esso. La trombolisi viene raramente prescritta, quindi contribuisce al sanguinamento. Tuttavia, vi è un indiscutibile vantaggio della trombolisi: scioglie i coaguli di sangue di grandi dimensioni.

Intervento operativo

Condotto con complicate forme di blocco delle vene (con l'esistenza della probabilità di morte dei tessuti). Il decorso della chirurgia dipende dalla posizione del coagulo di sangue. Nel trattamento della trombosi venosa profonda, vengono eseguite vene, shunt artero-venoso e altri interventi. In alcune operazioni, l'obiettivo è rimuovere la massa trombotica. Prima di un intervento chirurgico, il paziente deve essere in uno stato calmo in modo che non si formi un coagulo di sangue.

Installazione del filtro Cava (IVC) per trombosi

Installazione del filtro kava

Un filtro cava è un dispositivo metallico a forma di ombrello per intrappolare i coaguli di sangue che arrivano con il sangue. È impiantato nel lume della vena cava inferiore usando tecniche endovascolari (attraverso il vaso venoso). Pertanto, non è necessario un intervento chirurgico aperto.

Dieta trombotica

Quando la trombosi venosa è prescritta una dieta con un'eccezione temporanea dalla dieta di alimenti che contengono grandi quantità di vitamine K, C e assunzione moderata di liquidi.

È utile usare prodotti che fluidificano il sangue nella trombosi. Questo pepe, aglio, carciofo.

"Rafano e ravanello, cipolle e cavoli - dicono tra la gente - non permetteranno loro di correre".

Alcol e cibi irritanti non sono raccomandati. Questa è l'intera dieta per la trombosi.

Video: come curare la trombosi?

Rimedi popolari

Dopo aver consultato un flebologo, puoi integrare il trattamento della trombosi con i rimedi popolari:

Olio di pesce

Gli acidi grassi che costituiscono l'olio di pesce distruggono la fibrina, che è coinvolta nella formazione di coaguli di sangue. L'olio di pesce aiuta a prevenire la trombosi assottigliando il sangue. Si raccomanda di prenderlo per la prevenzione della trombosi, ma è particolarmente necessario nel periodo postoperatorio. All'inizio è consumato in 1 cucchiaio. cucchiaio tre volte al giorno, poi 1 cucchiaio. cucchiaio due volte al giorno e (per sostenere il corpo) 1,5 cucchiai. cucchiai al giorno.

Pediluvi dall'infusione di palude palustre

150 g di erba devono essere versati acqua bollente (10 l) e insistono per 60 minuti. Prima di coricarti fai il bagno per mezz'ora.

Ricotta o impacchi di argilla

Applicare argilla o fiocchi di latte in luoghi dolorosi. Ogni giorno, massaggiare i talloni dei piedi doloranti.

Soluzione di aceto di sidro di mele

Per tutta la lunghezza lubrificare le gambe per un mese. Bere una soluzione di aceto di mele (2 cucchiaini per tazza d'acqua) prima di ogni uso di cibo. Non dimenticare di mangiare sano.

Articoli Su Varici